Ieri ho giocato a... wargames!

Per gli appassionati di esagoni ma non solo!

Moderatori: stec74, manstein, Umb67

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 13 feb 2018, 21:00

cosarara ha scritto:Non sarebbe meglio aprire un thread ad hoc per raccontare la partita?
Anche se è' pur vero che in questo thread semidefunto i tuoi post movimentano un po' le cose.

Ciao Cosarara, mi rimetto a quanto decideranno i moderatori.
La mia modesta opinione è di continuare su questo thread, che è dedicato proprio alle partite fatte, anche se nel mio caso su più giorni.
Ultima modifica di Naftalino il 13 feb 2018, 21:22, modificato 1 volta in totale.
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 13 feb 2018, 21:03

Faustoxx ha scritto:Bel report Naftalino, lo seguo con interesse

Ciao Faustoxx, grazie mille! Spero di riuscire anche questa volta interessante come nel precedente che avevo postato a pagina 10 e non noioso
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 13 feb 2018, 21:07

Ciao a tutti!
Quarto giorno di guerra, turno 4, inverno 1915
Il lancio del dado determina per entrambi un attacco obbligatorio: francese per Nadia, austroungarico per me.
Nadia è in guerra limitata, quindi potrebbe avere già in mano l’evento dell’entrata in guerra dell’Italia. Se ricordate, nel turno precedente mi sono cautelato posizionando un’armata austriaca in Trieste. Ma non è sufficiente, così come primo round gioco una carta rinforzi, entra in campo la dodicesima armata tedesca che posiziono a Essen in moda da farla calare il più velocemente possibile verso Trento.
Immagine
Vediamo cosa gioca Nadia... l’evento MEF! Gli inglesi sbarcano in Medio Oriente...
Immagine
c’è da preoccuparsi, visto che nella precedente partita la mia disfatta era stata provocata principalmente dal crollo dell’impero ottomano. Nadia sceglie come luogo di sbarco la spiaggia vicino ad Adana (a nord dell’attuale Libano) che per fortuna è presidiata da un corpo turco.
Nel mentre sposto la dodicesima armata tedesca verso sud come sopra determinato, Nadia gioca un altro evento, Salonicco!
Immagine
Così Nadia fa sbarcare due corpi inglesi e uno francese nella città ellenica, le truppe greche sono posizionate sulla mappa ancorché ancora neutrali e soprattutto Nadia potrà far rientrare in campo le armate serbe nella fase rimpiazzi... il fronte balcanico è tornato a scottare. Tanto.
L’inesperienza si paga: se avessi avuto più lungimiranza, avrei tenuto in zona un’armata austroungarica per attaccare subito, invece sono sguarnito di truppe... occorre rimediare! Faccio entrare in guerra la Bulgaria!
Immagine
Perlomeno, è creata una linea di contenimento a nord della Grecia, anche se è aperta la strada per la penetrazione nemica in Serbia via Monastir.
Nadia vorrebbe giocare l’entra in guerra dell’Italia, ha in mano anche questa carta! Ma purtroppo per lei e per mia fortuna, si può giocare una carta entrata in guerra una sola volta per turno. La discesa in campo della Bulgaria mi ha doppiamente salvato. Nadia poi utilizzerà la carta Italia come punti operazioni e quindi la metterà nel mazzo degli scarti, per un po’ non la vedremo.
Nadia occupa Kavalla, accanto a Salonicco, con i due corpi inglesi. Che voglia puntare su Costantinopoli magari con una mossa a tenaglia con l’armata MEF ferma sulle spiagge della Cilicia? E poi attacca con le armate francesi di Verdun e Nancy la fortezza di Metz.
Immagine
L’attacco obbligatorio è soddisfatto, ma la battaglia si rivela fallimentare per i poilus...
Immagine
Che batosta! Un’armata tedesca viene girata sul lato ridotto per le perdite, ma resta sulla mappa, mentre Nadia perde un’armata francese che è sostituita da un corpo per di più ridotto. Bella vittoria difensiva, generale Von Naftalinen!
Segue una fase di spostamenti. Io sposto i due corpi bulgari in Sofia a Monastir, così la strada serba è bloccata. Nadia avvicina la seconda armata inglese da Londra verso il fronte francese.
Ritocca a me, e gioco l’evento Guerra in Africa.
Immagine
Nadia tra rimuovere un corpo inglese dalla mappa o perdere un punto vittoria, sceglie la seconda opzione. Salgo a 13 punti vittoria!
Nell’ultimo round, sul fronte orientale attacco ancora una volta da Czernowitz contro il corpo russo in Kamenets Podolski, spazzandolo via. Ed ancora una volta preferisco non avanzare, potrei spostare solo l’armata austroungarica che si ritroverebbe esposta al rischio di attacco di ben due armate russe (trincerate per lo più, e quindi difficilmente attaccabili dalle deboli armate AH).
Nadia conclude il turno concentrando due armate inglesi ed una francese in Sedan, lasciando sguarnita Bruxelles... interessante, è da studiare bene
Immagine
Il turno è finito, e grazie all’evento Blocco Nadia recupera un punto vittoria
Immagine
così ritorno a quota 12...
Immagine
Situazione sui vari fronti.
Occidentale
Immagine
Italiano con Trento e Trieste saldamente in mano CP (almeno di questi tempi cent’anni fa)
Immagine
Balcanico dove con la fase rimpiazzi la seconda armata serba ancorché ridotta è stata ricostituita a Salonicco
Immagine
Russo
Immagine
Mediorientale
Immagine
Che dire? Il gioco si sta aprendo, e c’è molta carne al fuoco. Sul fronte balcanico, pago non aver tenuto di riserva un’armata. Potrei giocare una carta come riposizionamento strategico per spostare velocemente un’armata, ma non so quale... speriamo di essere fortunati e che mi capiti in mano una carta rinforzo. E’ anche vero che Nadia ha scartato l’evento relativo all’entrata in guerra dell’Italia, quindi potrei togliere un’armata dal fronte alpino. Mah!
Devo stare attento al medioriente, ora c’è in agguato l’armata MEF.
In Russia, c’è un varco a Kamenets Podolski, ma non penso di avere forze sufficienti per un aggiramento... sembra più interessante il fronte occidentale. Bruxelles è sguarnita e appare un’esca appetibile per un aggiramento, ma anche qui non penso di avere al momento forze sufficienti per contrastare una reazione francese che potrebbe essere devastante mettendo unità tedesche incautamente avanzate fuori rifornimento ed eliminandole. Nella fortezza di Belfort ci sono tre corpi, ma trincerati. Sarà sufficiente l’armata di Metz per toglierli di mezzo? “Le località fortificate sono un danno per me; mi sottraggono uomini. Non voglio avervi nulla a che fare” (Generale de Castelnau, 1913)
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda oracolodidelfi » 13 feb 2018, 22:56

Altro che Trono di Spade o Lost!
Questa è la mia serie preferita! :rotfl:
Un applauso a Naftalino e (belligerante) consorte per il piacevole report. :approva:
Offline oracolodidelfi
Iniziato
Iniziato

 
Messaggi: 335
Iscritto il: 01 dicembre 2017
Goblons: 0.00
Località: Lago Trasimeno
Mercatino: oracolodidelfi

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 14 feb 2018, 21:09

Ciao a tutti! Oggi racconto una mega sessione di gioco, ben cinque turni!
Quinto giorno di guerra, turno 5, primavera 1915
Nessun attacco obbligatorio per entrambi.
Non avendo giocato rinforzi nel turno precedente, è la prima cosa che faccio per non dimenticarmene e non trovarmi poi in diffcoltà. Nadia risponde con l’evento Lusitania, sottraendomi un punto vittoria.
Immagine
Scendo così a 11.
Si mette in moto il fronte greco! Nadia prima trincera le forze in Salonicco sfruttando la presenza dell’armata serba, e poi attacca Strumitsa da Kavalla con due corpi inglesi contro uno bulgaro,
Immagine
ma lo scontro si conclude alla pari. Il corpo bulgaro è però ridotto, per cui decido come mossa successiva di effettuare un riposizionamento strategico da 4 punti: un’armata austriaca viene spostata da Czernowitz (lasciando un corpo ridotto) a Strumitsa per fare pressione.
Immagine
Naturalmente Nadia approfitta subito della debolezza del corpo AH in Czernowitz attaccandolo in massa da Dubno e Kamenets Podolsky con le forze russe.
Immagine
Il corpo austriaco è spazzato via e Czernowitz occupata, un punto vittoria per Nadia e siamo tornati in assoluta parità, dieci a testa!
Intanto dopo aver spostato un corpo turco in Adana, attacco con i due corpi concentrati l’armata MEF con la speranza di ributtarla in mare e distruggere la testa di ponte
Immagine
A tal fine utilizzo la carta combattimento Liman Von Sanders, contro la quale Nadia gioca a propria volta Ritirata.
Immagine
La battaglia si conclude con un nulla di fatto, un corpo turco è girato sul lato ridotto e l’armata MEF resta lì, senza perdite. E’ inutile, anche attaccando con corpi che hanno un fattore combattimento complessivo superiore a quello dell’armata avversaria, si è penalizzati dalla tabella di combattimento meno favorevole. Per ora conviene tenerli fermi lì, in fondo sono in una zona di montagna e quindi abbastanza protetti.
Fine turno, dieci punti a testa
Immagine
Fronte occidentale, alla fine non è successo nulla, i buoni propositi non sono stati proprio iniziati
Immagine
Fronte italiano, le mie forze sono sempre di presidio, peccato lasciarle inoperose ma prima o poi quella carta italiana salterà di nuovo fuori
Immagine
Fronte greco, l’armata austriaca a Strumitsa è una spada sulla testa degli alleati, che però sono trincerati a forza due in Salonicco e quindi difficilmente sloggiabili
Immagine
Fronte russo, l’armata russa in Czernowitz è minacciosa, ma per fortuna ho ricreato la terza armata austriaca in Budapest pronta ad entrare in azione!
Immagine
Fronte mediorientale, i turchi si sono piazzati davanti ad Erivan e in Sinai
Immagine
Memore di come era maturata la sconfitta nella partita precedente, stavolta ho posto più attenzione al fronte mediorientale, spostando verso le linee del fronte i corpi turchi in precedenza pericolosamente sparsi sulla mappa. In Francia nulla si è mosso dal turno precedente, quindi le possibilità d’azione sono rimaste intatte. E all’attacco inglese da Kavalla in Grecia ho replicato con il riposizionamento strategico dell’armata AH, ribaltando la situazione... ora sono gli alleati a dover stare attenti!

Turno 6, estate 1915
Attacco obbligatorio turco per me, nessuno per Nadia.
Inizio con una carta rinforzi, l’undicesima armata tedesca che posiziono a Breslau per minacciare Varsavia.
Immagine
Nadia risponde con rinforzi francesi, posizionati come d’obbligo a Parigi.
Immagine
Altre due carte evento: per Naftalino CP Oberost che innalza lo status di guerra di uno, Nadia CP altro rinforzo sotto forma di un’armata inglese a Londra e + 1 per lo stato di guerra.
Immagine
Basta eventi, è l’ora di mettersi in moto! Spostiamo l’undicesima armata tedesca da Breslau
Immagine
fino a Varsavia mettendola sotto assedio.
Immagine
E poi attacchiamo con due corpi ottomani quello russo in Erivan, per soddisfare l’attacco obbligatorio
Immagine
e vedere se riusciamo a farlo retrocedere. Ma si rivela un insuccesso, i russi non subiscono perdite, un mio corpo viene invece girato sul lato ridotto.
Nadia reagisce spostando le armate francesi da Parigi verso il fronte, tappando il buco di Bruxelles, poi spostando il corpo britannico in Persia da Basra a Tabrim per fare pressione sul corpo turco ridotto, infine attaccando proprio quest’ultimo con il corpo russo di Erivan approfittando della sua debolezza.
Immagine
Cerco di salvarlo giocando la carta combattimento Determinazione turca
Immagine
e ci riesco! Comunque nel turno successivo lo farò retrocedere per sottrarlo a distruzione sicura.
Immagine
Nadia fa entrare in campo la Romania!
Immagine
Dunque si affaccia un nuovo nemico, che si situa come un cuneo tra le forze austriache in Galizia e la Bulgaria, che ora si trova stretta tra il nuovo avversario e gli alleati trincerati a Salonicco.
Per riprendere l’iniziativa, ordino un attacco da Strumitsa contro i due corpi inglesi in Kavalla, a fianco di Salonicco.
Immagine
Grazie all’armata AH, il colpo riesce e seppur con perdite, Kavalla è occupata da un corpo bulgaro, mentre un corpo inglese è costretto a retrocedere a Salonicco.
Nadia risponde mettendo subito in azione i rumeni, che con un attacco a tenaglia mi costringono a sgomberare la bulgara Plevna.
Immagine
Il turno finisce con l’undicesima armata che conquista Varsavia facendomi guadagnare un punto vittoria. Torno così a quota 11.
Turno tranquillo sui fronti principali ma movimentato su quelli periferici. Alla mia contromossa del riposizionamento dell’armata austriaca a nord di Salonicco, Naida ha risposto alla grande con l’entrata in campo dei rumeni. Ma fino a quando la guerra si limiterà ai fronti secondari? Mi sono dimenticato di fare le solite foto di fine turno :-(

Turno 7, autunno 1915
Attacco obbligatorio inglese per Nadia, nessuno per me.
Il fronte turco è sempre protagonista: con l’evento Yudenich Nadia fa entrare in campo l’armata caucasica russa che insieme a all’armata inglese MEF costituiscono due minacce terribili contro i poveri corpi turchi!
Immagine
Intanto con l’evento Tregua del Reichstag mi prendo un altro punto vittoria...
Immagine
...e salgo a quota 12.
Nadia fa strani movimenti in Russia, facendo retrocedere l’armata russa da Czernowitz e avanzare invece quella dislocata nel punto di rifornimento in Caucaso. Quali saranno le sue intenzioni?
Immagine
Non pensiamoci per ora e vediamo di rinforzarci! Scende in campo la decima armata tedesca in Essen, nelle retrovie del fronte occidentale, e la decima austroungarica in Budapest,
Immagine
Immagine
a cui Nadia risponde con un rinforzo di ben due armate russe! L’aria si fa pesante sul fronte orientale...
Immagine
...ma anche su quello ottomano, con l’armata russa del Caucaso all’attacco del corpo turco in Eleskirt e spalleggiata dall’avanzata del corpo inglese fino a Dilman partendo dalle proprie basi in Persia.
Immagine
Giocando la carta combattimento Kemal,
Immagine
salvo il corpo turco dalla distruzione e pur ridotto, tiene ancora la propria posizione. Ma devo inventarmi qualcosa, la pressione alleata è troppo forte! Allora via con i movimenti sui fronti occidentali e balcanico...
Immagine
...per portare l’armata tedesca in Liegi, il corpo in Coblenza, e la decima armata austriaca in Targu Jiu,
Immagine
t poi attaccare con quest’ultima i due corpi rumeni in Caracal facendoli sloggiare.
Infine, attacco delle tre armate tedesche in Liegi contro quella francese in Bruxelles, con schiacciante vittoria nonostante il trinceramento nemico, e conseguente occupazione della capitale belga e nuovo punto vittoria!
Immagine
Alla fine del turno mi ritrovo a quota 14 non avendo Nadia effettuato l’attacco obbligatorio britannico
Immagine
Fronte occidentale
Immagine
Fronte italiano, sempre fermo
Immagine
Fronte balcanico
Immagine
Fronte russo
Immagine
Fronte ottomano
Immagine
Turno molto combattuto! I rinforzi giocati mi hanno permesso di cominciare a premere sul fronte balcanico e occidentale, dove con un bell’attacco ho conquistato Bruxelles. Ma il fronte ottomano è fonte di molti pensieri per la presenza delle due armate inglese e russa, contro le quali posso schierare solo deboli corpi. In campo aperto le truppe turche non hanno speranza. Per quanto potranno resistere?

Turno 8, inverno 1916
Nessun attacco obbligatorio per entrambi.
Mentre Nadia inizia le grandi manovre per riconquistare Bruxelles spostando armate da Parigi e giocando rinforzi,
Immagine
Immagine
io muovo un corpo tedesco da Coblenza a Ostenda guadagnando un altro punto vittoria (e sono 15),
Immagine
poi inizio una manovra a tenaglia In Romania facendo avanzare l’armata ed il corpo AH rispettivamente a Carte de Arges e Caracal mentre contemporaneamente i corpi bulgari da sud attaccano i rumeni concentrati in Plevna.
Immagine
Ma l’attacco non ha successo, ancorché i rumeni siano molto indeboliti.
Continuo l’azione sui due fronti, in Francia da Liegi martello Sedan dove c’è la potente armata inglese BEF e usando una carta combattimento - sprecata, visto che comunque faccio 6 con il dado -
Immagine
Immagine
e nei Balcani i bulgari insistono su Plevna e l’armata austriaca su Ploesti, entrambi con successo!
Immagine
I rumeni si rifugiano in Bucarest, mentre Ploesti cade regalandomi il 16° punto vittoria!
Immagine
Torno sul fronte occidentale, e martello ancora Sedan con un’altra carta combattimento, di nuovo sprecata perché il dado dà 6 ma distruggo un’armata francese
Immagine
Nadia però passa al contrattacco. Mentre io attaccavo, lei spostava armate sul fronte occidentale, e ora sferra un duplice attacco. Russi e rumeni contro l’armata austriaca in Ploesti, ma senza successo,
Immagine
e poi in Francia, un’armata inglese da Calais contro il corpo tedesco in Ostenda, distruggendolo e riconquistando la città e un punto vittoria.
Immagine
Immagine
E sullo slancio, nel turno successivo, attaccando da Cambrai e Sedan, infligge un durissimo colpo all’armata tedesca in Bruxelles, costringendola a ritirarsi fino a Coblenza ridotta a un corpo. Bruxelles torna in mano alleata, un altro punto perso...
Immagine
Il turno è finito, per effetto dell’evento blocco essendo un turno invernale perdo un altro punto e torno a quota 13
Immagine
Fronte occidentale
Immagine
Fronte italiano, sempre fermo
Immagine
Fronte balcanico
Immagine
Fronte russo
Immagine
Fronte mediorientale
Immagine
Dicevo che la guerra era confinata su fronti periferici? Eccomi accontentato! Colpi di maglio in Francia da una parte all’altra, Bruxelles e Sedan solo oramai solo rovine. E se il fronte russo è sempre fermo, i Balcani continuano a regalare emozioni: dopo una fase di crisi, le mie truppe sono al contrattacco e Bucarest è alla nostra portata.

Turno 9, primavera 1916
Attacco obbligatorio inglese per Nadia, nessuno per me.
Meglio non trascurare il fronte mediorientale... comincio a spostare i corpi turchi dalla zona di Costantinopoli verso il Caucaso,
Immagine
e poi occupo occupo Bucarest con l’armata austriaca, conquistando un punto, ma Nadia reagisce con un attacco combinato russo-rumeno costringendomi a sloggiare fino a Caracal, ma non occupa Bucarest, per timore di qualche colpo di mano che metta in crisi le sue linee di rifornimento, così il punto resta nelle mie mani.
Immagine
Il fronte occidentale resta caldissimo: in Francia continuano le mie martellate su Sedan partendo da Liegi con ben tre armate a piena forza.
Immagine
La prima martellata fa retrocedere un’armata britannica a Ostenda e riduce la BEF ad un corpo. Purtroppo anche un’armata tedesca è ridotta.
Nadia rioccupa Sedan con i rinforzi giunti da Londra
Immagine
Nuovo colpo di maglio di Naftalino CP su Sedan,
Immagine
ma stavolta cade a vuoto, perdo sia l’armata ridotta che il corpo che l’ha rimpiazzato e Nadia ne approfitta per tentare un trinceramento ma senza successo.
Immagine
E così, mentre in Turchia aggiro da sud il corpo britannico in Dillman,
Immagine
riattacco di nuovo Sedan con due armate full, stavolta...
Immagine
...con maggiore successo, visto che un’armata inglese è distrutta e l’altra costretta a ritirarsi a Bruxelles. Un’armata tedesca è comunque girata sul lato ridotto, ma Sedan è di nuovo sgombra di forze alleate.
Immagine
Colpo di coda finale di Nadia: le forze in Salonicco attaccano e liberano Kavalla in Grecia.
Immagine
Situazione a fine turno, l’occupazione di Bucarest mi ha portato a 14 punti vittoria,
Immagine
ed il corpo inglese in Dillman è out of supply ed eliminato
Immagine
Fronte occidentale
Immagine
Fronte italiano, sempre fermo
Immagine
Fronte balcanico
Immagine
Fronte russo
Immagine
Fronte mediorientale
Immagine
Continua lo scontro intorno all’asse Bruxelles e Liegi. Di fatto sto adottando una tattica di logoramento delle forze franco-inglesi, costringendole a dissanguarsi per tenere la linea. Spero che alla lunga si apra una breccia per un aggiramento strategico o che Nadia sia costretta a togliere qualche armata dal fronte Verdun-Belfort. Sul fronte turco, lo spostamento di truppe, insieme al fattore montagna, mi dovrebbe fare guadagnare abbastanza tempo fino al momento che scenderanno in campo le armate turche: allora cercherò di togliere subito di mezzo la MEF e poi i russi. Altro obiettivo è conquistare Salonicco e togliermi quella spina dal fianco. Ma temo che una sola armata AH non sia sufficiente. La pratica rumena per ora sembra regolata, resta da vedere cosa faranno i russi per aiutarli. E c’è sempre l’incognita Italia, ma non importa, due armate sono di presidio pronte a colpire immediatamente. Insomma dovunque sono al pezzo senza arretrare! “Qualunque cosa è migliore della ritirata” (Maresciallo Foch)
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 16 feb 2018, 0:28

Ciao a tutti!
Sesto giorno di guerra, turno 10, estate 1916
Attacco obbligatorio austriaco per me, francese per Nadia.
Alla fine del turno precedente, nelle considerazioni finali avevo scritto: “Sul fronte turco, lo spostamento di truppe, insieme al fattore montagna, mi dovrebbe fare guadagnare abbastanza tempo fino al momento che scenderanno in campo le armate turche: allora cercherò di togliere subito di mezzo la MEF e poi i russi”.
La fortuna mi arride, ho in mano una carta rinforzo turco che gioco subito, e posiziono così l’armata AoL a Costantinopoli. Nadia risponde con l’armata araba, cioè con Lawrence d’Arabia che poi armata non è ma solo un corpo con sua grande delusione...
Immagine
Immagine
Due spostamenti CP: l’armata austriaca da Budapest a Belgrado per portarla poi a Strumitsa per attaccare Salonicco (come avevo preannunciato nel turno precedente), e l’armata tedesca (messa di rimpiazzo nel turno precedente) da Essen a Liegi: così il totale torna a tre armate tedesche e posso nel round successivo dare un nuovo colpo di maglio a Bruxelles.
Immagine
A questo scopo mi gioco una carta combattimento che mi regala un +1 di dado.
Immagine
Come le altre volte, mossa inutile visto che faccio 6. Peccato che anche Nadia faccia 6 e lo scontro si concluda con 7 perdite a testa ed un nulla di fatto...
Nel frattempo sul fronte ottomano non sono stato con le mani in mano. Tolto un corpo da Adana per fare posto all’armata AoL, posso attaccare con maggiori chance di successo la testa di ponte MEF (l’armata tira su una tabella di combattimento più forte rispetto a quella dei corpi)...
Immagine
...e difatti la spazza via senza perdite! MEF eliminata dal gioco, ora mi posso concentrare sui russi e sull’armata CAU...
Immagine
...che difatti cerca di riprendere in mano l’iniziativa alleata su quel fronte, attaccando i tre corpi ottomani in Erzerum, sconfiggendoli ma senza riuscire a distruggerli, anche se si devono ritirare a Erzingan e Diyarbakir.
Immagine
Sul fronte russo, Nadia si trincera a Lamza e attacca con due armate russe e un corpo da Lutsk contro l’armata austriaca in Lemberg.
Immagine
Vittoria russa che riduce l’armata AH ad un corpo costringendolo a ritirarsi presso l’armata AH di stanza a Przemysl, ma anche i russi hanno accusato il colpo con un’armata ed un corpo girati sul lato ridotto.
Immagine
Fine turno, nessuno dei due ha conquistato punti vittoria né effettuato gli attacchi obbligatori previsti, ma essendo Nadia in guerra totale e non essendo ancora entrata in guerra l’Italia, guadagno un punto vittoria salendo così a quota 15.
Immagine
Fronte occidentale
Immagine
Fronte italiano
Immagine
Fronte balcanico
Immagine
Fronte russo
Immagine
Fronte mediorientale
Immagine
10 turni giocati...
Immagine
...esattamente metà partita. Lo stato maggiore del generale Von Naftalinen si riunisce per fare il punto della situazione.
Immagine
Rispetto alla partita precedente, questa guerra ha un andamento completamente diverso. Allora il fronte russo era il fulcro dell’azione CP, finché il crollo del fronte mediorientale colpevolmente trascurato aveva segnato la mia sconfitta. Questa volta il fronte russo è fermo, invece il fronte ottomano è in fermento: la discesa in campo della armate russa del Caucaso e inglese MEF è stata la scampanellata alla porta che mi ha dato la scossa: agendo per linee interne ho concentrato i corpi turchi sparpagliati tappando le posizioni chiave e guadagnato tempo finché l’uscita della carta Armata dell’Islam mi ha permesso di riprendere l’iniziativa e spazzare via gli inglesi. Prossima tappa, spostare l’armata sul fronte caucasico e far sloggiare i russi! Il fronte occidentale, che nella partita precedente era rimasto abbastanza statico, ha visto stavolta una serie impressionante di miei colpi di maglio sull’asse Bruxelles-Liegi-Sedan... ma questa è la prima guerra mondiale, non la seconda, niente blitzkrieg ma trincee e misere avanzate con grandi perdite... e difatti non ho combinato granché, il nemico è sempre lì. Insomma grande delusione, peraltro Nadia continua a trincerarsi dove possibile (e dove le riesce), lo spazio di manovra diminuisce sempre più.
L’Italia non è ancora in guerra, meglio così perché finché dura prendo un punto vittoria. Il fronte balcanico ha la spina nel fianco di Salonicco che vorrei eliminare per recuperare le armate austriache di guardia. Per questo ho spostato un’altra armata a Strumitsa, il prossimo turno proverò ad attaccare in forze.
15 punti... 5 dalla vittoria. Ma non faccio previsioni, prima finiamo l’opera sui fronti secondari... “Il mezzo più sicuro per perdere ogni guerra è impegnarsi su due fronti” (Carl von Clausewitz)
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 16 feb 2018, 20:12

Ciao a tutti!
Settimo giorno di guerra, turno 11, autunno 1916
Attacco obbligatorio austriaco per me, inglese per Nadia.
Nelle considerazioni del turno precedente, avevo detto che dovevo eliminare la spina nel fianco di Salonicco per recuperare le armate austriache di guardia. Bene, si inizia attaccando Salonicco...
Immagine
...con risultati deludenti.
Immagine
Salonicco è troppo ben difesa, la trincea di livello due la rende inespugnabile se non attraverso una tattica di logoramento o facendo intervenire le armate tedesche. Impossibile. Altra delusione dopo il fronte francese, lascerò le forze lì per impedire che AP tenti qualche colpo verso Sofia, Belgrado e Costantinopoli.
Peraltro Nadia gioca il rinforzo dell’armata orientale francese da piazzarsi proprio a Salonicco, chiudendo qualsiasi illusione per colpi di mano, anzi il rischio è che sia lei ad aprirsi la strada attraverso Monastir ora difeso solo da un corpo bulgaro.
Immagine
Quindi effettuo un riposizionamento strategico portando due corpi bulgari dal Reserve Box proprio a Monastir
Immagine
E poi faccio scendere in campo l’altra armata turca per rinforzare ancora le forze ottomane,
Immagine
giusto in tempo perché Nadia attacca con l’armata del Caucaso i corpi turchi in Rize e contemporaneamente con la forza mista russo rumena in Constantia i corpi bulgari a Varna
Immagine
Successo pieno di Nadia: i bulgari sono annientati, i turchi costretti a ritirarsi a Giresun a ranghi ridotti
Immagine
Ma nel turno successivo, di fronte all’avanzata delle due armate turche arrivate in soccorso, preferisce abbandonare Rize per tornare in Batum
Immagine
E così finisce il turno! Nadia non ha fatto l’attacco obbligatorio, l’Italia non è ancora in guerra, quindi prendo due punti vittoria e salgo a quota 17.
Immagine
Fronte francese dove non è successo nulla: le trincee e la forza delle armate in campo scoraggia qualsiasi tentativo di attacco, fronte di fatto congelato
Immagine
Fronte italiano, le mie armate sono sempre lì di guardia ad un nemico che non si manifesta
Immagine
Fronte balcanico, le mie forze sono inchiodate a controllare il campo trincerato alleato di Salonicco, forza multinazionale franco serba inglese
Immagine
Fronte orientale, piuttosto statico
Immagine
Fronte mediorientale, dove un’armata turca è finalmente giunta a Erzerum per combattere nel Caucaso
Immagine
3 punti alla vittoria, ma dove prenderli? La strada dello sfondamento sui fronti francese e greco è oramai impercorribile. Occhio all’Italia, prima o poi la carta uscirà... Le due armate turche sembrano suggerire la possibilità di sfondare nel Caucaso per conquistare Baku. Oppure è meglio concentrarsi sul fronte orientale dove gli ampi spazi permettono ancora una certa libertà di manovra? Io sono il comandante supremo, io devo decidere. “Nella guerra gli uomini non contano nulla; uno solo, il Capo, è tutto” (Napoleone I)
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 18 feb 2018, 2:04

Ciao a tutti! Oggi racconto due turni di guerra.
Ottavo giorno di guerra, turno 12, inverno 1917
Attacco obbligatorio francese per Nadia, austriaco per me.
Il dado è tratto! Alla fine del turno precedente ero ancora indeciso dove andare a cercare la vittoria. Ora non ho dubbi. Fronte orientale! Gioco in sequenza due carte rinforzo, una tedesca che mi regala le armate 17° e 18° che piazzo a Breslau creando così una forza di tre armate, e la undicesima austriaca a Budapest, dove ci sono ora due armate.
Immagine
Immagine
Ma Nadia prosegue nei suoi attacchi in Medioriente, sempre l’armata russa del Caucaso che attacca le forze turche in Erzerum. Ma stavolta c’è un’armata turca, quindi posso tirare sulla tabella delle armate, più potente, e pur essendo complessivamente più debole, dei russi, reggo il colpo: le mie forze turche sono tutte girate al lato ridotto, ma nessuna è eliminata ma né abbandonano la posizione!
Immagine
Immagine
Ed i russi hanno l’armata ridotta, quindi per questo turno non costituiranno più una minaccia
Intanto Nadia sul fronte orientale aveva concentrato tre armate russe in Lublino e poi attaccato da lì gli austriaci in Przemysl, distruggendo un corpo e riducendo un’armata al lato ridotto. Ma anche i russi avevano subito la perdita di un’armata rimesso un’armata sostituita da un corpo.
Tocca a me prendere finalmente l’iniziativa sul fronte orientale! Comincio a spostare le armate tedesche da Breslau a Tannenberg e Varsavia per minacciare le armate russe in Lomza e Ivangorod, così si guarderanno bene dall’attaccare gli austroungarici. E le due armate AH da Budapest a Przemysl per evitare la distruzione dell’armata austriaca ivi ridotta.
Immagine
Immagine
Nadia continua ad insistere in Medioriente, gettando nella mischia un’altra armata, quella inglese di Allenby che viene posizionata in Alessandria. Ecco che la minaccia ora arriva anche da sud, dove mi accorgo di aver colpevolmente trascurato la presenza di Lawrence d’Arabia in Arabia.
Immagine
E io rispondo occupando Batum nel Caucaso e minacciando il fianco dell’armata russa del Caucaso
Immagine
Ma è sul fronte orientale che si svolge l’azione principale: da Tanneberg con due armate tedesche attacco Lomza
Immagine
che conquisto con tale impeto da distruggere subito la fortezza ed occupandola con un’armata, mentre l’altra resta di presidio a Tannenberg per sorvegliare le linee di rifornimento.
Immagine
Nadia risponde attaccando da Ivangorod l’armata austriaca in Tarnow:
Immagine
mossa probabilmente fatta per alleggerire la pressione sul fronte russo, ma rischiosa tenuto conto che Ivangorod è minacciata a nord da ben tre armate tedesche. E difatti lo scontro si rivela fallimentare per i russi. Una armata è distrutta insieme al corpo che la rimpiazza, mentre l’armata AH è sostituita da un corpo ma tiene la posizione.
Immagine
Nadia insiste attaccando da Bialystock la appena conquistata dai tedeschi Lomza: stavolta le armi arridono ai russi, i tedeschi sono costretti al ritiro anche se con perdite minime.
Nel turno successivo poi ritira le armate russe da Lublino portandole a Bialystock. Io occupo Lublino con un’armata AH.
Immagine
Fine turno con evento Blocco in azione, perdo un punto vittoria,
Immagine
ma neanche questo turno l’Italia è in guerra, quindi recupero il punto. Nessuno di noi due ha fatto l’attacco l’obbligatorio, il punteggio resta fermo a 17
Immagine
Fronte francese, congelato!
Immagine
Fronte italiano, beati i miei soldati imboscati sulle Alpi!
Immagine
Fronte greco, anch’esso si è congelato
Immagine
Fronte russo, finalmente in movimento: i più attenti noteranno una cosa che noi non abbiamo notato, e cioè le armate russe in Ivangorod sono completamente circondate ed out of supply...
Immagine
Fronte mediorientale, sempre caldo (non solo per la temperatura) per il generale Von Naftalinen
Immagine

Turno 13, primavera 1917
Nessun attacco obbligatorio per entrambi.
Nel turno precedente, avevo occupato Lublino e circondato le armate russe. Dovevano così essere eliminate alla fine del turno precedente. Ma non me ne ero accorto. Ora, come prima mossa attacco proprio le forze russe in Ivangorod usando come ausilio la carta Von Hutier che annulla la trincea avversaria
Immagine
ed ottenendo una vittoria strepitosa eliminando ben due armate!
Immagine
Ma di fatto perdendo una mossa e due carte per una vittoria che era già mia!
Nadia getta in campo i greci per rompere lo stallo nei Balcani
Immagine
Io rispondo attaccando con i bulgari da Monastir il corpo greco in Florina, distruggendolo. Nadia replica attaccando l’appena conquistata Florina
Immagine
e spazzando via i bulgari
Immagine
Altre mie mosse: da Budapest comincio ad avviare verso Florina un’armata AH per tappare il buco. In Medioriente concentro tre corpi turchi in Aleppo per fronteggiare la probabile avanzata dell’armata inglese di Allenby ferma ad Alessandria ed occupo Kars di fronte all’armata del Caucaso: Ho dunque messo piede in territorio russo anche nell’estremo sud.... In Russia, le armate tedesche rioccupano Lomza riprendendo contatto con il nemico e gli austriaci si concentrano a Munkacs per poter attaccare Czernowitz.
Situazione a fine turno, nessun punto conquistato, l’Italia non è in guerra, salgo a quota 18
Immagine
Fronte francese, non succede più nulla
Immagine
Fronte italiano, sono sempre di guardia, notate sulla destra l’armata AH a Sarajevo in rotta per la Grecia
Immagine
Fronte greco, i greci in Florina hanno un varco via Valona - Tirana
Immagine
Fronte russo
Immagine
Fronte turco
Immagine
-2 alla vittoria! Certo che se la carta Italia non continua ad uscire per Nadia è proprio un problema, visto che il fronte francese è bloccato, il fronte greco lo sarà a breve ed il fronte russo è traballante. Forse dovrebbe essere più aggressiva sul fronte occidentale per distogliere la mia attenzione dal fronte russo. Già, il fronte russo... l’eliminazione di ben due armate è stato un colpo durissimo per Nadia, ed ha rotto l’equilibrio che per tanto tempo aveva regnato. Nadia ha delle riserve nei centri di rifornimento, ma faranno in tempo ad arrivare in soccorso della linea del fronte? Le mie forze sono pronte a scattare vero est per il rush finale... “La volontà di conquista non conosce ostacoli” (Maresciallo Foch)
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 18 feb 2018, 20:37

Ciao a tutti! Anche oggi racconto due turni di guerra.
Nono giorno di guerra, turno 14, estate 1917
Attacco obbligatorio austriaco per me, nessuno per Nadia.
Come deciso alla fine del turno precedente, all’attacco sul fronte russo!
Immagine
I tedeschi contro Bialystok, gli austriaci contro Czernowitz. Il primo attacco si conclude con un nulla di fatto, il secondo ha successo e Czernowitz torna austriaca facendomi guadagnare un punto vittoria. 19!
Nadia cerca di guadagnare tempo attaccando in Medioriente con l’armata russa del Caucaso i turchi che occupano Kars. Scontro che si conclude con leggere perdite da entrambe le parti e nessun spostamento.
Immagine
Ma è sul fronte russo che accadono gli eventi più interessanti... altro tentativo contro Bialystock fallito, ma le armate austriache più a sud assediano Dubno (il segnalino è girato sul lato sbagliato) e Lutsk.
Immagine
Nadia dopo aver fatto affluire le riserve russe in Zitomir, attacca le forze austriache che assediano Dubno costringendole al ritiro, poi da Bialysotck le armate tedesche in Lomza. Ma quest’ultimo scontro si rivela fallimentare e altamente logorante per le forze russe...
Immagine
...tanto che al turno successivo, quando riattacco Bialystok, i russi cedono di schianto e sullo slancio distruggo anche la fortezza!
Immagine
E contemporaneamente sposto i due corpi tedeschi concentrati a Bucarest per avvolgere da due lati Odessa: da ovest occupando Ismail, da nord puntando via Vinnitza verso Uman. E altre forze tedesche arrivano a Rovno faccia a faccia con le forze russe di Zitomir.
Nadia deve riprendere l’iniziativa per non soccombere, così attiva finalmente l’armata di Allenby ed i corpi inglesi in Egitto oltre che l’armata di Lawrence d’Arabia.
Immagine
L’armata inglese assedia Beersheba, i corpi giungono fino ad Amman, occupando dunque Gerusalemme, mentre Lawrence d’Arabia porta i suoi beduini nella sguarnita Medina: così Nadia ha conquistato ben due punti vittoria! Il segnalino scende a 17...
Non mi resta che concludere il turno spostando i tre corpi ottomani in Aleppo a Damasco e Nablus per tappare la falla che si è aperta.
Situazione a fine turno, l’Italia non è ancora in guerra e conquisto così un altro punto vittoria, risalgo a quota 18 avendo fatto l’attacco obbligatorio
Immagine
Fronte francese, di fatto secondario
Immagine
Fronte italiano, le mie truppe stanno di vedetta stile deserto dei tartari
Immagine
Fronte balcanico, l’armata austriaca è arrivata a Tirana congelando anche qui le linee
Immagine
Fronte orientale, l’assedio di Lutsk si è concluso positivamente
Immagine
Fronte ottomano, Beersheba non ha resistito all’assedio di Allenby
Immagine
Situazione perdite, Nadia ha due armate russe non recuperate nonostante la fase rimpiazzi, a cui vanno aggiunte – ricordate? – le due armate definitivamente eliminate,
Immagine
mentre Naftalino... zero!
Immagine
L’assenza di perdite inglesi e francesi ben illustra la stasi del fronte occidentale.
Sempre quota 18, sempre -2 al traguardo, ma ora il fronte russo si è rotto a nord, la strada verso le città di Vilna e Minsk con i loro punti vittoria è aperta! Certo, il fronte turco è minacciato dall’azione d Allenby ma i corpi ottomani a Damasco e Nablus dovrebbero farmi guadagnare abbastanza tempo per concludere a nord. E poi c’è il corpo turco a Tabriz che potrebbe spostarsi a sud ed occupare Ahwaz in Persia conquistando un altro punto, ma riservo questa mossa come colpo di grazia finale... “In guerra non ci sono sostituti della vittoria” (Generale Douglas Mac Arthur)

Turno 15, autunno 1917
Nessun attacco obbligatorio per entrambi
Non c’è un minuto da perdere, subito all’attacco! Nel nord della Russia le truppe tedesche in Grodno attaccano Kovno, mentre a sud sempre i tedeschi, a Rovno, attaccano Zitomir.
Immagine
Entrambe le battaglie sono un pieno successo! A nord Kovno è assediata, le forze russe disfatte e ridotte ad un solo corpo si ritirano a Minsk. A sud, Zitomir è occupata, i russi devono ritirarsi al punto di rifornimento di Karkov! Un corpo tedesco occupa Uman, bloccando quindi le forze in Odessa e nel punto di rifornimento del Caucaso.
Immagine
Nel turno successivo, occupo Vilna e Kiev, portando il mio bottino a quota 20, sono ad un passo dal successo! Inoltre ben tre armate austriache sostituiscono il corpo tedesco ad Uman, che raggiunge l’altro in Ismail. Così Odessa è completamente bloccata.
Nadia tenta il tutto per tutto attaccando in massa in Medioriente, con l’armata del Caucaso, quella di Allenby e soprattutto i corpi britannici in Gerusalemme verso il punto vittoria di Damasco.
Immagine
Cerco di resistere giocando la carta combattimento Kemal, che mi permette di tirare sulla tabella delle armate pur usando i corpi.
Immagine
Ma la fortuna non mi arride, così le forze turche in Gaza, Kars e soprattutto Damasco cedono, Nadia conquista un punto vittoria ed il contatore torna a 19...
Immagine
...ma come avevo preannunciato, come ultima mossa il corpo turco a Tabriz si spinge fino ad occupare Ahwaz in Persia, conquistando nuovamente il ventesimo punto!
Per Nadia non ci sono possibilità di recuperare un punto vittoria, così chiude mestamente con l’entrata in guerra, finalmente!, dell’Italia per evitare di perderne un altro.
Immagine
E’ finita... alla fine del turno sono a quota 20, vittoria!!!
Immagine
Fronte occidentale
Immagine
Fronte italiano
Immagine
Fronte greco
Immagine
Fronte mediorientale
Immagine
Fronte russo
Immagine
Perdite di Nadia...
Immagine
...e mie
Immagine
Visione d’insieme
Immagine
Immagine
L’esperienza paga... nella partita precedente, l’aver trascurato il fronte mediorientale per dedicarmi solo a quello russo, aveva decretato la mia sconfitta. Questa volta, appena sono uscite le carte, ho fatto subito entrare in campo le due armate turche, e opportunamente concentrato le forze ottomane sparpagliate sacrificando il punto vittoria di Medina ma assicurandomi la resistenza del fronte mediorientale a lungo termine.
Dopo la solita opera iniziale di pulizia dei Balcani per avere le spalle coperte, a differenza della partita precedente ho provato ad aprirmi la strada sul fronte occidentale, ma senza successo. Probabilmente avrei dovuto organizzare meglio il tentativo con più corpi in appoggio, in modo da garantirmi maggiore mobilità se si fosse aperto un varco per mettere le truppe nemiche out of supply.
La vittoria è arrivata sul fronte orientale: nella partita precedente avevo conquistato lì una marea di punti, ma il crollo dell’oriente aveva di fatto azzerato tutto quanto guadagnato. Stavolta invece, la resistenza turca ha permesso ai tedeschi di aprirsi metodicamente la strada verso le retrovie russe ed i punti vittoria ivi ubicati. Tenete conto che Odessa era completamente circondata e che un corpo tedesco aveva raggiunto Gomel, ad un passo da Minsk (altro punto vittoria) e con la possibilità di creare molti problemi alle linee di rifornimento russe.
Ho avuto molte meno perdite come testimoniato dal non aver mai avuto eccessivi problemi con i rimpiazzi, comunque a parte il finale di gioco, anche Nadia non ha avuto eccessivi problemi.
A proposito di Nadia, proviamo ad analizzare il suo gioco. Occorre premettere che purtroppo ci siamo dimenticati, all’inizio della partita, della regola che se AP è in guerra totale, perde ad ogni turno un punto se l’Italia non è in guerra. E sì che avevo pure creato un segnalino apposito per rammentarcelo! Se ricordate, Nadia non aveva potuto calare l’evento dell’entrata in guerra dell’Italia perché nello stesso turno l’avevo anticipata con l’evento Bulgaria. Se Nadia avesse tenuto conto della regola del -1 per turno, forse non avrebbe giocato l’Italia come punti operazione ma l’avrebbe tenuta di riserva per giocarla nel turno successivo. In tal modo non avrebbe perso dei punti, ma certo avrebbe corso un grave rischio e probabilmente la partita si sarebbe svolta in maniera diversa: le armate italiane scendono in campo ridotte e non trincerate, e si sarebbero trovate subito addosso le armate tedesca e austriaca che avevo tenuto di presidio sulle Alpi, e che avrebbero potuto fare danni enormi. Inoltre avrei fatto affluire un’altra armata tedesca e dei corpi per dare il colpo di grazia. A questo punto Nadia per non perdere l’Italia ed i suoi 7 punti vittoria, avrebbe dovuto far affluire forze dal fronte occidentale via Grenoble – Torino, aprendo nuovamente il fronte francese ai miei colpi di maglio.
Altro possibilità non sfruttata da AP: le forze in Salonicco potevano attaccare il corpo austriaco a Kavalla. Se il colpo fosse stato duro, potevano distruggerlo ed avanzare di due spazi fino a Philippoli. La mia mossa obbligata sarebbe stata di usare le armate AH in Strummitsa per distruggerle. Se avessi fallito nell’attacco, avrebbero avuto la strada libera fino a Costantinopoli mettendo tutto il Medioriente out of supply e guadagnando con una sola mossa 7 punti vittoria! E forse aperto la strada verso nord. Comunque una mossa che avrebbe richiesto anche tanta fortuna...
In conclusione, penso di aver giocato meglio rispetto alla partita precedente, ma di aver appena scalfito le possibilità che il gioco offre. Dopo un pareggio ed una sconfitta, finalmente il sole della vittoria splende sul cielo delle Potenze Centrali, ma anche questa volta “la vittoria doveva essere conquistata a così caro prezzo da essere quasi indistinguibile dalla sconfitta” (Winston Churchill)
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Gaspatcho » 18 feb 2018, 22:14

Forse la svolta della partita sarebbe stata far entrare in guerra l'italia prima che tu attivassi la Bulgaria. Ti avrebbe costretto a sforzarti sulla trincee italiane e messo in difficoltà nei Balcani...

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Immagine
Offline Gaspatcho
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2647
Iscritto il: 13 settembre 2012
Goblons: 0.00
Località: Senigallia
Utente Bgg: gapsxever
Yucata: Gaspa
Facebook: Francesco Gasparetti
Mercatino: Gaspatcho
Io gioco col blu Io amo Feld Ventennale Goblin

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 19 feb 2018, 21:20

Gaspatcho ha scritto:Forse la svolta della partita sarebbe stata far entrare in guerra l'italia prima che tu attivassi la Bulgaria. Ti avrebbe costretto a sforzarti sulla trincee italiane e messo in difficoltà nei Balcani...

Indubbiamente! Nadia avrebbe dovuto giocare ad inizio turno l'evento Italia invece di MEF. E poi Salonicco. In questo modo non avrei potuto giocare nel turno la carta Bulgaria a causa dell'entrata in guerra dell'Italia e sarei stato esposto ad una doppia pressione, in Italia e nel sud dei Balcani. Non potendo contare sulla Bulgaria, avrei dovuto far calare truppe austriache per tamponare il fronte che si era aperto in Grecia. In Italia, non c'era ancora l'armata germanica a Trento e quindi le armate italiane avrebbero fatto in tempo a rafforzarsi prima della strafexpedition. E Nadia non avrebbe perso alcuni punti vittoria quando è entrata in guerra totale e la carta Italia non ne voleva sapere di uscire dal mazzo.
Sì, sarebbe stata un'altra partita...
Bravo Gas, ottima analisi! E mi hai suggerito per la prossima volta di inviare molto prima l'armata tedesca a Trento...
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda LordBalod » 24 feb 2018, 21:42

Grande Naftalino!
Io ho provato Paths of Glory oggi ma essendo entrambi al primo impatto ci siamo impantanati nel regolamento,senza un aiuto non so se riusciremo a giocarlo come si deve.
Esistono file in italiano delle regole?
Offline LordBalod
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2186
Iscritto il: 06 settembre 2013
Goblons: 0.00
Mercatino: LordBalod

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 25 feb 2018, 11:34

Ciao, grazie mille! :grin:
Ecco il link per le regole in italiano: https://www.goblins.net/download/paths-glory-regolamento-italiano
anche se non è l'ultima versione del regolamento. In tana trovi anche la traduzione delle carte.
Alla fine ho preferito leggere il regolamento non tradotto, sia per imparare l'ultima versione delle regole sia perché è scritto in un inglese semplice e scorrevole.
In verità, le regole base del gioco sono semplici, quello che dà fastidio è ricordarsi le eccezioni per la mappa del medioriente e per i casi particolari.
Se hai dei dubbi, postali in tana qui https://www.goblins.net/phpBB3/paths-of-glory-t93564.html
comunque su bgg trovi la risposta a quasi tutto nonché materiale utile, ad esempio un utente ha postato una versione del regolamento per i nuovi giocatori molto chiara
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda borgonero » 25 feb 2018, 11:37

Naftalino ha scritto:
Gaspatcho ha scritto:Forse la svolta della partita sarebbe stata far entrare in guerra l'italia prima che tu attivassi la Bulgaria. Ti avrebbe costretto a sforzarti sulla trincee italiane e messo in difficoltà nei Balcani...

Indubbiamente! Nadia avrebbe dovuto giocare ad inizio turno l'evento Italia invece di MEF. E poi Salonicco. In questo modo non avrei potuto giocare nel turno la carta Bulgaria a causa dell'entrata in guerra dell'Italia e sarei stato esposto ad una doppia pressione, in Italia e nel sud dei Balcani. Non potendo contare sulla Bulgaria, avrei dovuto far calare truppe austriache per tamponare il fronte che si era aperto in Grecia. In Italia, non c'era ancora l'armata germanica a Trento e quindi le armate italiane avrebbero fatto in tempo a rafforzarsi prima della strafexpedition. E Nadia non avrebbe perso alcuni punti vittoria quando è entrata in guerra totale e la carta Italia non ne voleva sapere di uscire dal mazzo.
Sì, sarebbe stata un'altra partita...
Bravo Gas, ottima analisi! E mi hai suggerito per la prossima volta di inviare molto prima l'armata tedesca a Trento...
Secondo me Nadia sta già elaborando la cosa per le future partite [WHITE SMILING FACE]

Tapatalked
"Giunse come il vento, come il vento tutto tocco' e come il vento scomparve." (Da Il Drago Rinato di Loial, figlio di Arent figlio di Halan, Epoca Quarta)

My Collection
Offline borgonero
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 715
Iscritto il: 08 gennaio 2011
Goblons: 30.00
Località: Montecchio (RE)
Utente Bgg: borgonero
Board Game Arena: borgonero
Mercatino: borgonero

Re: Ieri ho giocato a... wargames!

Messaggioda Naftalino » 25 feb 2018, 12:21

borgonero ha scritto:Secondo me Nadia sta già elaborando la cosa per le future partite

:grin: Penso proprio di sì... quando le ho raccontato i suggerimenti di Gaspatcho, mi ha detto di ringraziarlo e che la prossima volta (in programma una partita ogni tre mesi) non commetterà lo stesso errore! :snob:
Immagine
Offline Naftalino
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3838
Iscritto il: 21 agosto 2014
Goblons: 100.00
Località: Genova
Mercatino: Naftalino

PrecedenteProssimo

Torna a [WG] Wargames

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite