Richiesta survival horror stile walking dead

Discussioni generali su tutti i tipi di Giochi di Ruolo (compresi D&D e derivati).Indicate sempre il gioco di cui parlate nel titolo dei vostri post e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.

Moderatori: Galdor, Arioch

Messaggioda Ithaqua » 11 dic 2013, 22:20

Butto lì pure io i miei 5 cent, con uno dei miei sistemi horror generici preferiti (permette di giocare tutti i principali sotto-generi horror; le regole per l'apocalisse zombi sono a pag. 98 ), un piccolo adorabile gioco di grande versatilità e stranamente poco considerato:

Immagine
"Men of broader intellect know that there is no sharp distinction betwixt the real and the unreal."
Offline Ithaqua
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 148
Iscritto il: 25 giugno 2013
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Ithaqua

Messaggioda Falcon » 12 dic 2013, 12:04

Cos'è cos'è? :grin: Dacci qualche dettaglio in più.

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

Offline Falcon
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 5488
Iscritto il: 09 gennaio 2005
Goblons: 3,384.00
Località: Senigallia (An)
Mercatino: Falcon
Sono stato alla Gobcon 2015 Ho partecipato alla Play di Modena Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col verde Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Ventennale Goblin

Messaggioda MindbendeR » 12 dic 2013, 12:32

La trilogia di Romero rimane il massimo.
Il primo film aveva una donna come protagonista, e un uomo di colore come protagonista secondario, il che per l'epoca di uscita era già rivoluzionario. Gli zombie sono passati da essere controllati dal voodoo a veri morti che camminano, per motivi sconosciuti, anzi, per motivi irrilevanti, mistici o virulenti che siano. Inoltre, l'uomo di colore viene accoppato alla fine, scambiato per uno di questi mostri (almeno nello storyboard originale).
Il secondo film, che trascina il mito degli zombie per come li conosciamo oggi, è stato sopravvalutato dalla critica. Non credo che il regista avesse tali velleità di critica al consumismo che gli sono state poi, a ragione, attribuite. Il fatto di ambientarlo in un luogo chiuso, il centro commerciale appunto, era la soluzione giusta per lavorare comodamente di notte con attori sconosciuti e troupe recuperata. Il problema di risolvere l'illuminazione dei grandi spazi e degli zombie che apparivano verdi blu cianotici in pellicola non l'avevano calcolato, ma a me sembrano ancora più realistici in quel modo, forse proprio perché così diversi. Complice la guerra fredda, il finale era devastante, tutti morti, tra azzannamenti e suicidi, anche della donna protagonista, decapitata dalle pale dell'elicottero (almeno nello storyboard originale). Grandi scene di azione, e un film in cui i fucili equipaggiati hanno un peso, vengono portati a tracolla, e sono ingombranti.
Il terzo film è il più impegnativo, in cui si nota la volontà netta di fare una critica alla società, alla burocrazia, e alla necessità umana di computare il tempo che inesorabilmente passa, e di ammucchiare annotazioni, cose (giochi, anyone?).
The Walking Dead, il film televisivo, è un reality show distorto incentrato nell'apocalisse. Essendo la trasposizione dello strabiliante fumetto omonimo (almeno fin quando non arrivano alla prigione, poi crolla) in un altro media, è di per sé un altra cosa. Una cosa, il film, molto mediocre.

Non so se il problema sia: cosa vuoi realizzare da un gdr con zombie. Non credo che nessuno giochi per fare critica alla società consumistica. Credo che si giochi per sopravvivere all'apocalisse zombie, qualunque cosa voglia dire. Il vero problema è di ricreare una trama che sia sostenibile. Il primo momento in genere è quello concitato (ahh! è uno zombie!), il secondo è quello pianificatore (come facciamo ad arrivare al..?), il terzo è rassegnazione, perché gli zombie cmq hanno già vinto (conviviamo con la situazione).
In genere, gli zombie sono solo il pretesto per far affiorare i comportamenti e gli atteggiamenti delle persone vive. Il nemico sono gli altri, anche noi stessi.
Senso di oppressione, rassegnazione, disillusione in un gdr? beh, non mi piacerebbe giocare così... meglio andare a tirare schioppettate agli zombie (il successo di zombicide ricade in questo).
Altro problema è che in genere c'è poco spazio per una campagna. Almeno io non ho mai sentito nessuno che ne abbia portato avanti una di lungo periodo. Il meglio in genere viene dato quando i giocatori non sanno che il tutto si ambienta allo scoppio dell'epidemia zombie. Prendi un gioco moderno, senza mostri o fronzoli, fai una o due prime sessioni normali e poi vai con gli zombie. L'effetto sorpresa e l'iniziativa dei giocatori fanno il resto.
Offline MindbendeR
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1007
Iscritto il: 20 settembre 2006
Goblons: 70.00
Località: Goblyn City
Utente Bgg: MindbendeR76
Mercatino: MindbendeR

Messaggioda Ithaqua » 12 dic 2013, 12:44

Falcon ha scritto:Cos'è cos'è? Dacci qualche dettaglio in più.


È un gioco semplice e snello, da one-shot, fatto per riprodurre atmosfere da film horror. La sua modalità di default è lo slasher, ma il manuale indica come "regolare" i parametri del gioco per riprodurre quasi tutti i sotto-generi possibili. I personaggi vengono perfino ricompensati se seguono i più biechi cliché dei film horror (scendere da soli in cantina, chiedere "chi c'è là?" anziché scappare a razzo, etc.), anche se è possibile eliminare questo aspetto per raggiungere un tipo di horror più "serio" e "psicologico".
Non sono molto bravo a descrivere le meccaniche di un gioco, quindi per quelle rimando a un paio di recensioni che ho trovato (che purtroppo si riferiscono alla prima edizione: la seconda non cambia sostanzialmente ma aggiusta parecchie cose qua e là).
http://www.flamesrising.com/dead-of-night-rpg-review/
http://www.rpg.net/reviews/archive/11/11841.phtml
Per quello che vale, il gioco ha l'endorsement (di cui si fregia sul retro) di Kenneth Hite e Ron Edwards. Certo, non posso escludere che il gioco in realtà non gli sia piaciuto e abbiano voluto solo fare un favore ad un amico... :lol: Però a me piace molto, e non lo dico per fare un piacere all'autore!

MindbendeR ha scritto:Il primo film aveva una donna come protagonista, e un uomo di colore come protagonista secondario, il che per l'epoca di uscita era già rivoluzionario.

Oddio, definire "protagonista" la tipa de La notte dei morti viventi mi sembra eccessivo, passa il 90% del film in stato catatonico! Non esattamente una Ellen Ripley... :grin:
"Men of broader intellect know that there is no sharp distinction betwixt the real and the unreal."
Offline Ithaqua
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 148
Iscritto il: 25 giugno 2013
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Ithaqua

Messaggioda MindbendeR » 12 dic 2013, 14:51

La Notte dei Morti Viventi di Romero è del 1968
La Notte dei Morti Viventi di Tom Savini è del 1990

Ho colto con piacere la citazione di Ithaqua, in quanto Tom Savini stesso disse di aver voluto una Barbara più energica (Alien è del 1979, Aliens è del 1986) ;)

Ecco una tabella comparativa molto apprezzabile:

Immagine
Offline MindbendeR
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1007
Iscritto il: 20 settembre 2006
Goblons: 70.00
Località: Goblyn City
Utente Bgg: MindbendeR76
Mercatino: MindbendeR

Messaggioda Arioch » 12 dic 2013, 15:46

Occhio però che in The Walking Dead (la serie tv) gli zombi sono sostanzialmente solo un contorno, il fulcro della serie è altro.
Infatti l'OP chiedeva:

- Maggior enfasi al roleplay (o un buon sistema che gestisca le interazioni tra i giocatori in maniera realistica).


e mi sembra si sia dichiarato abbastanza soddisfatto del suggerimento di AiPS.

Per cui, vi dico, ottima l'analisi sul genere zombi, interessanti gli ultimi giochi proposti, ma per TWD mi orienterei verso qualcosa di diverso.
Non giochi basati sulla componente orrorifica, quanto piuttosto giochi basati sulle relazioni fra i personaggi o difficili scelte morali
Offline Arioch
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
 
Messaggi: 1713
Iscritto il: 27 giugno 2006
Goblons: 90.00
Località: Trento
Mercatino: Arioch

Messaggioda MindbendeR » 12 dic 2013, 21:37

c'è ancora questo:

Dead Reign
Immagine
Offline MindbendeR
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1007
Iscritto il: 20 settembre 2006
Goblons: 70.00
Località: Goblyn City
Utente Bgg: MindbendeR76
Mercatino: MindbendeR

Messaggioda Arioch » 13 dic 2013, 12:32

[MOD]Ragazzi, per favore non limitatevi a postare le immagini di copertina dei giochi, dite anche perché suggerireste il gioco in questione per quello che domanda il thread opener.
[/MOD]
Offline Arioch
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
 
Messaggi: 1713
Iscritto il: 27 giugno 2006
Goblons: 90.00
Località: Trento
Mercatino: Arioch

Messaggioda MindbendeR » 13 dic 2013, 14:55

Chiedo scusa, ho spluciato i gdr a singolo tematica zombesca.
La domanda richiedeva un regolamento snello e enfasi al roleplay.
Allora l'unico che li ha entrambi è un qualsiasi gioco powered by the apocalypse.
Tutti gli altri citati presentano regolamenti old school, abbastanza ostici, vecchia maniera, basati su preparazione dell'avventura e non su interazioni sociali dei giocatori.
Offline MindbendeR
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1007
Iscritto il: 20 settembre 2006
Goblons: 70.00
Località: Goblyn City
Utente Bgg: MindbendeR76
Mercatino: MindbendeR

Messaggioda xarabas81 » 13 dic 2013, 14:58

effettivamente un mondo dell'apocalisse zombi non ci starebbe male, ci sarebbero delle classi non propriamente adatte, ma sarebbe fattibile.
Offline xarabas81
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1476
Iscritto il: 29 agosto 2008
Goblons: 0.00
Località: Prato (PO)
Mercatino: xarabas81

Messaggioda Ithaqua » 13 dic 2013, 15:39

Ho dato un'occhiata alla lista degli hack di Apocalypse World e, cosa che non mi ha sorpreso molto, qualcuno ci ha già pensato! Vi presento "On the Fraying Edge": https://docs.google.com/folderview?id=0B0a_iGRNRo6BVk5ZT0hoamtjcVE :grin:
"Men of broader intellect know that there is no sharp distinction betwixt the real and the unreal."
Offline Ithaqua
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 148
Iscritto il: 25 giugno 2013
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Ithaqua

Messaggioda MindbendeR » 13 dic 2013, 18:04

Ecco World Gone Mad (formerly Zombie World)
Con playbooks, mosse e quant'altro.
Offline MindbendeR
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1007
Iscritto il: 20 settembre 2006
Goblons: 70.00
Località: Goblyn City
Utente Bgg: MindbendeR76
Mercatino: MindbendeR

Messaggioda MindbendeR » 23 gen 2014, 0:03

Ho trovato lo Scenario Introduttivo di All Flesh Must Be Eaten tradotto dal buon Fabio Milito Pagliara.
Offline MindbendeR
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1007
Iscritto il: 20 settembre 2006
Goblons: 70.00
Località: Goblyn City
Utente Bgg: MindbendeR76
Mercatino: MindbendeR

Messaggioda Domon » 23 gen 2014, 7:14

Non so se il problema sia: cosa vuoi realizzare da un gdr con zombie. Non credo che nessuno giochi per fare critica alla società consumistica. Credo che si giochi per sopravvivere all'apocalisse zombie, qualunque cosa voglia dire.


qualcuno magari si. però una terza idea è giocare alla walking dead: gli zombie come scusa per "togliere il velo della società" a un gruppo di persone conflitturali costrette a convivere e cooperare.

Per quello che vale, il gioco ha l'endorsement (di cui si fregia sul retro) di Kenneth Hite e Ron Edwards. Certo, non posso escludere che il gioco in realtà non gli sia piaciuto e abbiano voluto solo fare un favore ad un amico...


conoscendo di persona ron, per quel che vale posso escluderlo io :)
Niccolò
Offline Domon
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4342
Iscritto il: 12 maggio 2005
Goblons: 0.00
Località: Milano
Mercatino: Domon

Messaggioda Moreno » 23 gen 2014, 19:39

Da quello che ha postato tempo fa (non posso mettere il link, ma basta che fate una ricerca su the forge) Ron è entusiasta di Dead of Night (almeno della prima edizione, ci ha giocato anni fa), ma come gioco "right to dream": in altre parole, per far proprio il film "alla romero" in cui probabilmente alla fine muoiono tutti. (e altri film horror). Il "punto forte" sarebbe che le meccaniche portano tensione e concitazione in gioco, ma la "storia" è in gran parte decisa dal GM. (Non vado più in dettaglio perchè non l'ho ma nè letto nèi giocato, sto ricordando thread letti anni fa, e potrei dire boiate, meglio se andate a cercarvi i thread originali)

Per lo stesso motivo (e per gli stessi scopi) forse potrebbe andar bene "Dread" di Epidiah Ravachol (quello che si gioca con la torre Jenga).

Ma entrambi sono per storie brevi dell'orrore, tipo un film, appunto, non per una serie con più stagioni....

/\/\oreno


(Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, dvd, etc, l'elenco lo trovate qui: https://www.gentechegioca.it/smf/index.p ... 739.0.html)

Offline Moreno
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 878
Iscritto il: 29 agosto 2010
Goblons: 0.00
Località: Forlì (FC)
Mercatino: Moreno

Precedente

Torna a [GdR] Giochi di Ruolo vari

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti