Ravensburger e pubblicità...

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Messaggioda randallmcmurphy » 13 mar 2006, 18:59

freeman74 ha scritto:vabbè sò tutte cose dette e stradette...


Come vedi anche le cose dette e stradette alla fine portano a qualcosa di nuovo...anzi rispolverare ogni tanto dei concetti importanti può essere utile eventualmente per coinvolgere anche nuovi utenti che non possono avere il panorama completo di tutto quello che è stato trattato sui forum..il tempo anche in questo caso è importante...

e poi come dicevo prima, io lo ripeterò fino alla nausea 'sto fatto della pubblicità.. :grin:

Come diceva Angiolillo, anche io mi ricordo caterve di pubblicità..e quindi i presupposti c'erano, e le pubblicità funzionavano alla grande (e non ditemi che allora c'era più cultura ludica), perchè TUTTI in Italia conoscono saltinmente, l'isola di fuoco e compagnia bella..e allora perchè non ci sono più?

Ecco la domanda...ed ecco il problema...

Per rispondere a chi predica la diffusione della cultura come un'attività da "piazzista" porta a porta, io ricordo sempre il fatto che la maggior parte di noi ha iniziato a giocare da piccolo, spesso con giochi pubblicizzati, e avendo la sicurezza di non essere emarginati in un mondo di nicchia...queste sono considerazioni psicologiche da non sottovalutare, perchè se si vogliono ricreare le condizioni per la diffusione bisogna partire dai piccoli, che quando saranno grandi (come noi) potranno fare opera di continuità nella diffusione e nel sostegno di tale mondo..e non c'è niente di meglio di una sana e accattivante pubblicità.. :grin:

O avete la presunzione di voler coinvolgere i piccoli con il "porta a porta"? E con quali argomenti? Se lo vedono in TV saranno loro stessi a chiedervi di giocare..

Se adesso mancano le nuove leve, e proprio perchè dalla metà degli anni '90 (più o meno) questo mondo sembra caduto nel dimenticatoio mediatico, a favore di quello dei videogames, ed ecco perchè ci sono dodicenni che vi possono elencare tutta la produzione della Ps2, (per non parlare di quelli che vi scriverebbero la Divina Commedia in 5 minuti con il T9, altra "malattia" mediatica e consumistica), e ci sono trentenni che pensano che i giochi siano ancora e solo saltinmente, l'isola di fuoco e compagnia bella, e allora se comunque dobbiamo essere invasi e sedotti da una certa schiera di prodotti, perchè non RI-mettere anche i GDT?
« Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. »
(Isaac Asimov)

Immagine
Offline randallmcmurphy
Goblin Showman
Goblin Showman

Avatar utente
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 2946
Iscritto il: 24 giugno 2005
Goblons: 1,730.00
Località: Rimini
Utente Bgg: mcmurphy
Mercatino: randallmcmurphy
10 anni con i Goblins Sei nella chat dei Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico

Messaggioda Galdor » 13 mar 2006, 19:50

randallmcmurphy ha scritto:Come diceva Angiolillo, anche io mi ricordo caterve di pubblicità..e quindi i presupposti c'erano, e le pubblicità funzionavano alla grande (e non ditemi che allora c'era più cultura ludica), perchè TUTTI in Italia conoscono saltinmente, l'isola di fuoco e compagnia bella..e allora perchè non ci sono più?

In realtà le pubblicità passate sono proprio un esempio di come la pubblicità serva a ben poco senza un'humus fertile creato dalla diffusa cultura ludica... Colpiscono, avvicinano magari qualcuno, ma poi non tengono nel medio o lungo periodo: questo è infatti accaduto! :-?
Chi compra oggi Twilight Imperium perchè ha visto uno spot in tv se lo porta a casa, lo apre, comincia a leggere il regolamento e realizza che si trova di fronte a qualcosa di impegnativo: se ha una cultura ludica di base può avere quell'impegno e quella grinta per dire "Vabbè, devo provarlo: ora trovo altri 3 e ci gioco qualche partita"; se non ha questa cultura ludica non arriva neppure a pagina 9 del regolamento. O magari riesce a giocarci una partita, ma poi pensa "ma chi me lo fa fare di perdere 3 ore dietro a queste astronavine di plastica quando ho altre fonti di svago (pc, playstation, calcetto, tv) molto meno impegnative?!? ;)

randallmcmurphy ha scritto:Per rispondere a chi predica la diffusione della cultura come un'attività da "piazzista" porta a porta, io ricordo sempre il fatto che la maggior parte di noi ha iniziato a giocare da piccolo, spesso con giochi pubblicizzati, e avendo la sicurezza di non essere emarginati in un mondo di nicchia...queste sono considerazioni psicologiche da non sottovalutare, perchè se si vogliono ricreare le condizioni per la diffusione bisogna partire dai piccoli, che quando saranno grandi (come noi) potranno fare opera di continuità nella diffusione e nel sostegno di tale mondo..e non c'è niente di meglio di una sana e accattivante pubblicità.. :grin:

O avete la presunzione di voler coinvolgere i piccoli con il "porta a porta"?

Non so cosa intendi esattamente con "attività da piazzista porta a porta", ma mi pare sia un concetto estraneo a quello che ho io per diffondere la cultura ludica.
Io ho iniziato a giocare da piccolo con giochi che non erano affatto pubblicizzati, perchè quel dato amico mi fece provare quel dato gioco e mi fece conoscere quei dati amici che ci giocavano, ecc.. (devo confessare che vivo in una città universitaria che possiede un indubbio substrato culturale ludico e il numero di goblin pisani sta lì a dimostrarlo 8) )!
La mia idea di diffusione di cultura ludica prevede un vero e proprio contatto con le Scuole (dalle elementari all'università), con le Istituzioni locali (magari creando un Circolo patrocinato dal Comune o dalla Provincia oppure ritagliandosi degli spazi offerti dagli Enti locali), con la gente in generale (organizzando Convegni, Incontri di Gioco, Manifestazioni in luoghi pubblici, ecc..).

Solo quando la cultura ludica sarà diffusa le pubblicità avranno un esito positivo anche nel medio e lungo periodo! :idea:

Ovviamente è un'operazione che richiede tempo e pazienza, ma che alla fine offre frutti longevi... :grin:
Offline Galdor
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 4864
Iscritto il: 15 dicembre 2003
Goblons: 1,600.00
Località: Isengard (Pisa)
Mercatino: Galdor

Messaggioda linx » 17 mar 2006, 21:20

Angiolillo ha scritto:Ai tempi del boom dei party game (Saltinmente...) se ne faceva parecchia, di pubblicità in TV a giochi da tavolo. Clementoni l'ha fatta assai: tutte le sue produzioni di punta e molte un po' meno di punta erano pubblicizzate in TV, qualche anno fa. Ora non so. Ma il mio (nostro, con C.UnS.A.) "Dinoland" ne ha avuta di pubblicità televisiva, ed era un gioco sia costoso che non semplicissimo...


Piccolo O.T.: Per caso era quel gioco dove buttavi giù i dinosauri con una lancia con la punta calamitata? Ho una vaga riminescenza di un gioco che aveva portato un'amica in vacanza in montagna.

Per Randall:
ma coooooomeeeee! :evil:
Siamo qui a parlare di portare la cultura l'unica in Italia e tu invece vai a giocare all'estero (San Marino :grin: )!
Vergogna ;)

Tornando in argomento: io mi stupisco sempre della quantità di scatole di Puzzle si trovino nei supermercati e quindi capisco il perchè pubblicizzino il puzzle 3D. Si rivolge a un pubblico di usufruitori che già esiste.
Concordo sul fatto che pubblicizzare un Puertorico viene ben difficile ma per i giochi per famiglie potrebbe essere utile, specie quelli con buona componentisca che fa scena.
Non era circolata una pubblicità di Lionheart?
Il fatto è che probabilmente non hanno ritorno economico adeguato. Non frega a nessuno pubblicizzare una cultura invece che un prodotto.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6616
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda Angiolillo » 17 mar 2006, 21:28

linx ha scritto:Piccolo O.T.: Per caso era quel gioco dove buttavi giù i dinosauri con una lancia con la punta calamitata?


No, andavi a salvare cuccioli, uova, fossili e dinosauri veri e propri su un'isola mentre il professor Darmin ti parlava dal tuo televisore (c'era una videocassetta, sulla scia di Atmosfear).

Niente di memorabile: un lavoro onesto, comunque. E per vari motivi funzionava meglio di Atmosfear stesso.


http://www.angiolino.info/default_ita.a ... lingua=ita

Quello che dici tu non lo conosco.

Ciao ciao!

A.
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5405
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,470.00
Località: Roma
Mercatino: Angiolillo

Messaggioda Rupert » 22 ago 2006, 16:32

Non vorrei ripotar su una discussione magari che non interessa più a nessuno, ma, occupandomi di marketing, se volete posso provare a dare una risposta ai vostri quesiti :)

Rupert
Offline Rupert
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 12 giugno 2005
Goblons: 0.00
Località: Milano
Mercatino: Rupert

Messaggioda Mikimush » 22 ago 2006, 16:54

randallmcmurphy ha scritto:qualcosa di bello, visibile e "di massa" come la pubblicità sarebbe terapeutico verso coloro che potrebbero avere problemi ad interessarsi a qualcosa che fino ad ora li potrebbe fare sentire "sfigati"...nessuno avrebbe più problemi e anzi alcuni potrebbero persino pavoneggiarsi, affermando di giocare a "quel gioco che fanno vedere in TV"...

*si spengono le luci nel cinema*
sullo schermo appare un ragazzino squallido che studia insieme alla bella della scuola a casa sua.
"facciamo un po' di pausa" dice lui, con fare da magnaccia.
"ma come? dobbiamo studiare" risponde lei sbacalita, lanciando i libri fuori dalla finestra.
"ma sì, ma sì, vieni qui dai" dice lui, occhieggiando come un pesce moribondo fuori dall'acqua "ti faccio fare un giochino".
"mmm, non so, che giochino?" tentenna lei, avvicinandosi al suino con fare da maliarda.
"ho final fantasy 153!" esclama lui estraendosi un dvd dalle mutande, convinto di far colpo sulla sua bella.
"UN VIDEOGIOCO???? Cioè, no, minchia, dico, fammi capire? Tu mi inviti qui e, cioè, minchia, vuoi farmi giocare ad un videogame? Cioè no, ma sai cosa ne penso? Cioè, io me ne vado da Marco, lui ha comprato I Coloni di Catan Adamantium Edition, con il brigante che gli escono gli artigli facendo Snikt!"
"Ma....ma..." biascica il polipone, sbalestrato.
"Cioè, ciao eh!" conclude lei spalancando la porta ed uscendo senza voltarsi indietro. Ma invece poi si volta indietro. "Ah, dimenticavo! Sei proprio uno sfigato!" e sbatte la porta, contro cui il viscido figuro si slancia spiattellando la faccia brufolosa.

SBAM! *effetto speciale stile timbro sulla faccia a frittella del merolone*
CHI NON GIOCA DA TAVOLO, E' UNO SFIGATO!
Offline Mikimush
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
Top Author 2 Star
 
Messaggi: 1455
Iscritto il: 09 novembre 2004
Goblons: 2,450.00
Località: Torino
Utente Bgg: mikimush
Board Game Arena: mikimush
Yucata: mikimush
Mercatino: Mikimush

potenza dei media

Messaggioda aledrugo1977 » 22 ago 2006, 17:41

....mmm leggevo e pensavo. Distrattamente ricordavo pure.

Se non mi sbaglio quando ero piccolo io c'era la pubblicità televisiva di:

- Leonardo (della EG)
- Heroquest (di grande effetto, fondali neri, il tavolo illuminato con i ragazzini attorno, macro dei pezzi di gioco e un vecchio mago simile a quello del pannello del DM)
- L'Isola Di Fuoco (tanta, ma tanta scena)
- Crack
- Pacifist
- Hotel
- Risiko! (rivista anche di recente: degli adolescenti attorno a un tavolo, il muro del vicino che si rompe...e il vicino appunto che si unisce alla partita)
- Atmosfear (o come diavolo si scrive)
- Brivido (epica!!)
- Battlemaster (altrimenti non l'avrei comprato...)

oltre a tutti i giochi tratti da programmi o serie TV.

Detto questo a mio avviso:
- la TV è l'oppio dei popoli. E' la pubblicità a creare i bisogni del consumatore. E' ovvio che ai vertici delle multinazionali non ci sono membri del CdA della Fantasy Flight :-(
- gioco da tavola fa sfigato alla grande. E quando dico alla grande intendo ALLA GRANDE. Mi tocca pure sentire gli sfottò (scherzosi ma sempre sfottò) pure da un mio amico GEEK dell'Informatica (di quelli che fanno benchmark anche sui tempi di reazione dei mouse cordless), il quale consapevole della sua condizione di emarginato sociale fa i salti di gioia ritenendomi un gradino SOTTO di lui nella Scala Sociale dei Fighi. Agghiacciante! 8-O

Personalmente non mi appaleso quale boardgamer così, come si parla del tempo. Non è un rinnegare, bensì una consapevolezza di nicchia. La PS2 fa cool, indossare una maglietta col suo logo fa tendenza. Andate in giro con il logo di Puerto Rico: vi internano.

Sappiamo chi siamo e chi sono gli altri, non giriamoci attorno. E il mio non è un discorso da vittima "oh come sono sfigati gli altri e quanto sono avanti io". Semplicemente ciascuno ha i suoi hobbies ma alcuni sono socialmente accettati, altri no.

Io che sono romagnolo, quando sono in Riviera se dico che a 28 anni mi drogo può anche andare bene. Ma se dico che gioco a Axis & Allies Revised con pezzi extra e classifica delle vittorie coi miei amici, sono le mamme in persona ad allotanare da me le procaci figlie neomaggiorenni.

Così è anche se non vi pare.... :twisted:
Offline aledrugo1977
Goblin sondaggisticus
Goblin sondaggisticus

Avatar utente
Top Author 2 Star
TdG Auctioneer Level 1
TdG Editor
 
Messaggi: 9219
Iscritto il: 12 gennaio 2006
Goblons: 3,440.00
Località: Pendolare senza fissa dimora. Ora Sarzana!
Mercatino: aledrugo1977
Starcraft Fan Sono stato alla Gobcon 2016 Il trono di spade Fan Sono un Sava follower

Messaggioda randallmcmurphy » 22 ago 2006, 22:05

Beh..ripeto che una volta non era così..il gioco da tavolo era molto più considerato sebbene fosse qualitativamente inferiore a quello di adesso..

Le pubblicità c'erano eccome...ed è anche grazie a loro che noi siamo qui adesso a parlare di Puerto Rico e compagnia bella..altro che niente cultura, se da noi ne esiste ancora un briciolo è proprio grazie a quegli "eroi" che sono nati con i Risiko e Hotel e che quando hanno visto che c'erano i Coloni e i Puerto Richi si sono rituffati nel mondo dei Gdt..

Adesso mi si dice che la pubblicità non si può fare, che costa troppo, che il mercato è piccolo (grazie..se nessuno investe chi lo deve far crescere? Noi per spirito di solidarietà?) e allora quale altra situazione ci vorrebbe? La DIFFUSIONE!

Se noi siamo qui adesso è perchè abbiamo avuto la fortuna (o sfortuna..dipende dai punti di vista.. :grin: ) di imbatterci in una bella ed accattivante pubblicità, o perchè vagando nei negozi abbiamo visto una bella scatola colorata che diceva "comprami, comprami!"...e certamente anche grazie ai nostri amici...ma i nostri amici, diciamo a 10 anni, come hanno fatto a coinvolgerci se non con giochi disponibili e visibili?°

Un ragazzo non sceglie in che negozio andare...sono i genitori che lo portano, e se nei grandi magazzini e nei negozi "normali" non c'è traccia di nulla che non sia ancora Risiko e Monopoli, allora è ovvio che tutto rimarrà solo per i dodicenni, con in più il fatto che adesso appaiono anche sfigati, e infatti anche io dopo quel limite, e senza sapere dell'esistenza di tutto quel popò di roba di cui ben sappiamo ora, ho praticamente abbandonato i Gdt..

Quindi le pubblicità di allora e la diffusione che c'era allora hanno fatto eccome! Poi il panorama è cambiato, e , cosa fondamentale, nessuno ha più saputo niente dei Gdt, soprattutto dei nuovi gdt, gli unici che avrebbero potuto dar seguito al lavoro fatto da quelle pubblicità, coinvolgendo anche quelli che erano diventati grandi...che a 20 anni se ne sarebbero comunque infischiati vedendo il solito Hotel pubblicizzato no?

Altri poi hanno ribattuto "eh, ma in Germania mica ci sono le pubblicità in tv"...ok ma in Germania TUTTI i giochi li trovi anche..in farmacia, quindi vuoi o non vuoi la possibilità di provare ce l'hai...noi no! Nessuno di noi ex dodicenni affascinati da Heroquest o Leonardo o checavolovoletevoi ha avuto la possibilità di entrare in un negozio e vedere che il mercato si evolveva, che c'erano giochi adatti anche a persone più grandi...in questo modo i cresciuti avrebbero comprato i nuovi giochi, e i piccoli avrebbero continuato a comprare giochi da tavolo senza considerarli da sfigati..

Quindi W Mikimush e da adesso lanciamo il concorso "inventa lo spot".. :grin:
« Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. »
(Isaac Asimov)

Immagine
Offline randallmcmurphy
Goblin Showman
Goblin Showman

Avatar utente
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 2946
Iscritto il: 24 giugno 2005
Goblons: 1,730.00
Località: Rimini
Utente Bgg: mcmurphy
Mercatino: randallmcmurphy
10 anni con i Goblins Sei nella chat dei Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico

Concordo in pieno

Messaggioda aledrugo1977 » 22 ago 2006, 22:12

randallmcmurphy:

concordo in pieno e ribadisco che la pubblicità genera il bisogno di consumo.

Negli anni '90 in Italia non c'è stata volontà di diffondere il mercato ludico avanzato. I motivi li ignoro. Però il fatto che ci siano ottimi autori di giochi italiani e best seller italici può essere l'Alba.

Nel dubbio però gioco lontano dalla luce del sole, come nella carboneria, con gli amici più fidati... :-(

Mai pensato perchè si chiama "Tana"? ;)
Offline aledrugo1977
Goblin sondaggisticus
Goblin sondaggisticus

Avatar utente
Top Author 2 Star
TdG Auctioneer Level 1
TdG Editor
 
Messaggi: 9219
Iscritto il: 12 gennaio 2006
Goblons: 3,440.00
Località: Pendolare senza fissa dimora. Ora Sarzana!
Mercatino: aledrugo1977
Starcraft Fan Sono stato alla Gobcon 2016 Il trono di spade Fan Sono un Sava follower

Messaggioda Rupert » 23 ago 2006, 10:21

randallmcmurphy ha scritto:Beh..ripeto che una volta non era così..il gioco da tavolo era molto più considerato sebbene fosse qualitativamente inferiore a quello di adesso..

Le pubblicità c'erano eccome...ed è anche grazie a loro che noi siamo qui adesso a parlare di Puerto Rico e compagnia bella..altro che niente cultura, se da noi ne esiste ancora un briciolo è proprio grazie a quegli "eroi" che sono nati con i Risiko e Hotel e che quando hanno visto che c'erano i Coloni e i Puerto Richi si sono rituffati nel mondo dei Gdt..


Bhè, parlare di eroi mi sembra un'esagerazione. Se siamo qui a giocare è solo ed esclusivamente perchè questa cosa ci piace, non certo perchè sentiamo di essere portatori di chissà quale cultura ludica...

Adesso mi si dice che la pubblicità non si può fare, che costa troppo, che il mercato è piccolo (grazie..se nessuno investe chi lo deve far crescere? Noi per spirito di solidarietà?) e allora quale altra situazione ci vorrebbe? La DIFFUSIONE!


La pubblicità costa ed è appannaggio solo delle multinazionali... portroppo è così ed il problema della diffusione è conseguenza inevitabile della pubblicità.

Se noi siamo qui adesso è perchè abbiamo avuto la fortuna (o sfortuna..dipende dai punti di vista.. :grin: ) di imbatterci in una bella ed accattivante pubblicità, o perchè vagando nei negozi abbiamo visto una bella scatola colorata che diceva "comprami, comprami!"...e certamente anche grazie ai nostri amici...ma i nostri amici, diciamo a 10 anni, come hanno fatto a coinvolgerci se non con giochi disponibili e visibili?°


Ok, il mercato negli ultimi 15 anni è cambiato profondamente, questo è un dato di fatto, ma non ricordo negozi che avevano aree espositive dove far provare giochi! I primi spazi dedicati ai giocatori li ho visti creare grazie ai giochi di carte collezionabili tipo Magic o Pokemon, ed anche in questo caso quello che ha spinto alla creazione di aree ludiche non è certo stata la voglia di creare una cultura del gioco, ma banalmente dare la possibilità ai ragazzi di giocare e acquistare carte, che in altri termini potremmo definire BUSINESS!

Un ragazzo non sceglie in che negozio andare...sono i genitori che lo portano, e se nei grandi magazzini e nei negozi "normali" non c'è traccia di nulla che non sia ancora Risiko e Monopoli, allora è ovvio che tutto rimarrà solo per i dodicenni, con in più il fatto che adesso appaiono anche sfigati, e infatti anche io dopo quel limite, e senza sapere dell'esistenza di tutto quel popò di roba di cui ben sappiamo ora, ho praticamente abbandonato i Gdt..


Ti sei chiesto perchè nei punti vendita trovi solo Risiko! e Monopoli?

Altri poi hanno ribattuto "eh, ma in Germania mica ci sono le pubblicità in tv"...ok ma in Germania TUTTI i giochi li trovi anche..in farmacia, quindi vuoi o non vuoi la possibilità di provare ce l'hai...noi no! Nessuno di noi ex dodicenni affascinati da Heroquest o Leonardo o checavolovoletevoi ha avuto la possibilità di entrare in un negozio e vedere che il mercato si evolveva, che c'erano giochi adatti anche a persone più grandi...in questo modo i cresciuti avrebbero comprato i nuovi giochi, e i piccoli avrebbero continuato a comprare giochi da tavolo senza considerarli da sfigati..


Il paragone con la germania purtroppo non regge, l'Italia è un paese profondamente diverso dalla germania sotto troppi aspetti, non ultimo il panorama e la cultura ludica e dubito che questa cosa si possa cambiare.

Quello che spesso molto giocatori da tavolo ignorano è che le aziende gdt, dalla Tilsit alla Hasbro, sono sul mercato per far soldi, chi con giochi di nicchia e chi con giochi da mass market... io non ci vedo niente di strano: c'è gente che inventa un gioco, convince i negozianti a comprarne qualche pezzo, il cliente acquista il gioco, ne parla bene/male con gli amici ed il cerchio si chiude... that's all falks!
Offline Rupert
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 12 giugno 2005
Goblons: 0.00
Località: Milano
Mercatino: Rupert

Re: Concordo in pieno

Messaggioda Rupert » 23 ago 2006, 10:25

aledrugo1977 ha scritto:randallmcmurphy:

concordo in pieno e ribadisco che la pubblicità genera il bisogno di consumo.


Non sono pienamente d'accordo che la pubblicità generi il bisogno del consumo... sicuramente lo incentiva molto. Diverso è il discorso sulla pubblicità rivolta ai bambini/ragazzi, in questo caso sono pienamente d'accordo con te.

Negli anni '90 in Italia non c'è stata volontà di diffondere il mercato ludico avanzato. I motivi li ignoro. Però il fatto che ci siano ottimi autori di giochi italiani e best seller italici può essere l'Alba.


I motivi sono semplici: probabilmente nessuna azienda negli anni 90 aveva interessa a spingere il mercato in una determinata direzione.
Sono fortemente convinto che l'Italia sia un paese eccezionale con delle "teste" eccezionali, ma probabilmente non siamo (ancora) all'altezza di creare business dai gdt.

Nel dubbio però gioco lontano dalla luce del sole, come nella carboneria, con gli amici più fidati... :-(
Mai pensato perchè si chiama "Tana"? ;)


Perchè ti interessa così tanto quello che pensano le altre persone dei gdt? :P
Offline Rupert
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 12 giugno 2005
Goblons: 0.00
Località: Milano
Mercatino: Rupert

Re: potenza dei media

Messaggioda linx » 28 ago 2006, 19:17

aledrugo1977 ha scritto:- gioco da tavola fa sfigato alla grande. E quando dico alla grande intendo ALLA GRANDE.
Personalmente non mi appaleso quale boardgamer così, come si parla del tempo. Non è un rinnegare, bensì una consapevolezza di nicchia. La PS2 fa cool, indossare una maglietta col suo logo fa tendenza. Andate in giro con il logo di Puerto Rico: vi internano.
Così è anche se non vi pare.... :twisted:


Allora! :evil:
Quando videogiocavo col C64 e l'Amiga ero uno sfigato.
E ora tutti videogiocano con la Play

Quando leggevo i primi manga ero infantile.
E ora la cultura giapponese ha un vero e proprio boom in occidente

Adesso sono sfigato perchè gioco ai boardgame.

La verità è che la gente denigra ciò che non capisce.
Se la tendenza dei boardgame è quella attuale (alleggerimento dei contenuti/regolamento per donne/famiglie e sovraccarico di espansioni/sfruttamento per i prodotti da giovani specialisti spendaccioni) finirà che il boardgame diventerà un prodotto di massa e mi dovrò cercare un altro hobby da sfigato perchè mi rovinano pure questo.

Comunque la tendenza delle masse nei divertimenti (che implica il concetto di fico/sfigato) lo fanno le donne e i calciatori (a tutti i livelli).
Se riuscite a convincere loro che il gioco da tavolo è fico avrete il vostro fenomeno di massa.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6616
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda Gurgugnao » 29 ago 2006, 11:39

Scusate nn ho letto tutta la discussione...
Cmq io ho visto una pubblicità di Magic in tv :grin:
Si tratta di uscite in edicola credo della hachette...
Beh magari magic si presta di più dei giochi da tavolo a queste uscite in edicola (...già me lo immagino prima uscita 5,90 gioco di carte tipo coloretto... seconda uscita 14,90 carcassonne...) però vi ricordate de "La storia Ancestrale"? Quello era un bellissimo e coraggioso esperimento...
Offline Gurgugnao
Su Goblin Sadru - Filologus
Su Goblin Sadru - Filologus

 
Messaggi: 1777
Iscritto il: 16 febbraio 2005
Goblons: 270.00
Località: Mantova
Mercatino: Gurgugnao

Re: potenza dei media

Messaggioda aledrugo1977 » 29 ago 2006, 13:00

linx ha scritto:
aledrugo1977 ha scritto:- gioco da tavola fa sfigato alla grande. E quando dico alla grande intendo ALLA GRANDE.
Personalmente non mi appaleso quale boardgamer così, come si parla del tempo. Non è un rinnegare, bensì una consapevolezza di nicchia. La PS2 fa cool, indossare una maglietta col suo logo fa tendenza. Andate in giro con il logo di Puerto Rico: vi internano.
Così è anche se non vi pare.... :twisted:


Allora! :evil:
Quando videogiocavo col C64 e l'Amiga ero uno sfigato.
E ora tutti videogiocano con la Play

Quando leggevo i primi manga ero infantile.
E ora la cultura giapponese ha un vero e proprio boom in occidente

Adesso sono sfigato perchè gioco ai boardgame.


Boh, per me sono degli sfigati i buzzurri da discoteca con gli alettoni nelle macchine, le lucine blu a intermittenza, la maglietta armani ecc ecc... quelli che se riescono ad articolare 2 suoni è già un trionfo.

Certo mi fa specie che certi nerd dell'informatica sfottano noialtri sfigati da boardgame... esperienza personale.

Concordo sulla definizione di attività "cool": se piace alle donne o lo fanno i calciatori è cool.

Qualcuno di voi sa mica se Vieri gioca ad Axis & Allies Revised?!
Offline aledrugo1977
Goblin sondaggisticus
Goblin sondaggisticus

Avatar utente
Top Author 2 Star
TdG Auctioneer Level 1
TdG Editor
 
Messaggi: 9219
Iscritto il: 12 gennaio 2006
Goblons: 3,440.00
Località: Pendolare senza fissa dimora. Ora Sarzana!
Mercatino: aledrugo1977
Starcraft Fan Sono stato alla Gobcon 2016 Il trono di spade Fan Sono un Sava follower

Re: potenza dei media

Messaggioda shiny » 29 ago 2006, 13:04

aledrugo1977 ha scritto:Qualcuno di voi sa mica se Vieri gioca ad Axis & Allies Revised?!


Si dicono che mangia le unità eliminate dal gioco invece di rimetterle nella scatola. :lol:
Offline shiny
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 294
Iscritto il: 29 dicembre 2005
Goblons: 90.00
Località: Santa Marinella (RM)
Mercatino: shiny

PrecedenteProssimo

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti