Salto generazionale?

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Salto generazionale?

Messaggioda tukmat » 27 set 2006, 16:47

Volevo confrontarmi su una senzazione che riscontro alle varie occasioni di ritrovo, ultima la modcon 2006.
Sbaglio o non ci sono adolescenti o teenagers?
Mi pare infatti che il giocatore medio che si incontra è all'all'incirca dai 25 ai 35 anni e di li a crescere. Mi sembrano addirittura più numerosi i bambini (giocatori 2.0) accompagnati da genitori appassionati che ragazzi tra i 15 e i 20 anni.
Voi avete la stessa senzazione?
Offline tukmat
Maestro
Maestro

Avatar utente
TdG Organization
 
Messaggi: 872
Iscritto il: 02 marzo 2005
Goblons: 60.00
Località: Lucca
Mercatino: tukmat

Messaggioda randallmcmurphy » 27 set 2006, 17:08

Ovvio..quelli da 25 a 35 sono coloro che erano bambini nel momento d'oro dei giochi da tavolo in Italia..e quindi scoperto il nuovo mondo non hano avuto problemi a riappassionarsi.

I bambini adesso seguono questo rinascimento ludico italiano e cominciano ad appassionarsi, guidati anche dai genitori.

il limbo dei 15enni è rappresentato da quelli cresciuti a Magic e Tekken che dei veri giochi da tavolo non hanno praticamente avuto menzione, e nemmeno di quelli vecchi (che comunque hanno fatto da traino per noi da piccoli) che ormai per loro erano obsoleti e bistrattati.

A grandi linee questa potrebbe essere una motivazione..
« Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. »
(Isaac Asimov)

Immagine
Offline randallmcmurphy
Goblin Showman
Goblin Showman

Avatar utente
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 2946
Iscritto il: 24 giugno 2005
Goblons: 1,730.00
Località: Rimini
Utente Bgg: mcmurphy
Mercatino: randallmcmurphy
10 anni con i Goblins Sei nella chat dei Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico

Messaggioda liga » 27 set 2006, 17:25

Il gioco da tavolo alla tedesca non è interessante per gli adolescenti che cercano molto il tema e poco la meccanica. Piace all'adulto e al bambino (a cui basta un navetta di legno per vederci un galeone, o l'omone di carcassonne per giocare alla Maestra e all'asilo!)

Dai 16 ai 25 anni io giocavo a Dungeons & Dragons, Battletech, Bloch Mania, Macchiavelli, Civilization, Talisman, Dungeon Quest, BloodBowl ... tutt'altro carisma rispetto a Puerto Rico, Caylus o Ticket to Ride.

Tra i giochi nuovi quelli che possono interessare anche i ragazini sono quelli tipo Dungeon Twister, che traspongono in un gioco da tavolo dalle meccaniche alla tedesca la forza di una ambientazione interessante ed invasiva. Insomma, secondo me case editrici come Nexus possono sofrnare materiale che acattura anche un pubblico adolescente (e magari fargli conoscere il mondo dei giochi da tavolo al di la elle miniature e dei GCC) ma i giochi più alla Tedesca secondo me hanno poca presa ... diverso è quel che succede in Germania ed Olanda dove il gioco da tavolo entra come attività nelle scuole e dove i genitori da anni giocano coi figli ai "family games" ... ed allora, giocandolo, anche i ragazzi arrivano ad apprezzare il gusto per la strategia e la meccanica.

Li capisco io gli adolescenti ... tutt'ora ogni tanto mi prendono delle irrefrenabili voglie di giochi tematici (e la mia attuale passione per Dungeon Twister direi che ne è l aprova!)

Di ragazzini a ModCon ne sono entrati tantissimi (molti più degli altri anni) ma sono andati in altri padiglioni.

buon gioco a tutti
Liga

*** www.facebook.com/ludologo Ludologo su Facebook www.ludologo.com Il mio sito personale www.facebook.com/ClubTreEmme Club TreEmme

Offline liga
Goblin Spy
Goblin Spy

Avatar utente
TdG Moderator
Top Author 2 Star
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 2020
Iscritto il: 17 giugno 2003
Goblons: 9,320.00
Località: Modena (Italy)
Mercatino: liga

Re: Salto generazionale?

Messaggioda Necros » 27 set 2006, 19:25

tukmat ha scritto:Mi pare infatti che il giocatore medio che si incontra è all'all'incirca dai 25 ai 35 anni e di li a crescere. Mi sembrano addirittura più numerosi i bambini (giocatori 2.0) accompagnati da genitori appassionati che ragazzi tra i 15 e i 20 anni.

i giocatori di queste età ci sono in giro, anche se in minor numero rispetto ai 35enni, il probelma è che stannu tutti tutto il giorno a studiare!
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00
Mercatino: Necros

Messaggioda Aiyvann » 27 set 2006, 19:31

Sensazione? Direi che è la realtà...
Da fresco ventenne, da quel che vedo, rappresento probabilmente l'ultimissima generazione di ragazzi giocatori. Da adolescente ignoravo l'esistenza di boardgame "seri", ma nonostante ciò continuavo a giocare con un ristretto gruppo di amici (chi più chi meno ludicamente erudito) a quel che io credevo essere "il" gioco di società... ovvero i vari Hotel, Atlantide, Crack, Monopoli, Dinoland, Il tesoro del tempio, l'Isola di fuoco ecc... (mi permetto di salvare Heroquest, gran gioco anche ai giorni nostri).
Chiaramente solo adesso capisco che quelli non erano boardgame decenti, se paragonati ai titoli che la tdg mi ha permesso di conoscere. É proprio il caso di dire "ero cieco e ho visto la luce :grin: ". Ma lo stesso discorso non vale per il mio gruppo di amici...
La mia generazione è stata quella dell'avvento della playstation sui 12 anni circa... gran turismo, tekken, medievil sono stati i primi giochi di cui mi ricordo. Inutile dire che con l'arrivo della play, se già prima il gioco da tavolo era poco diffuso, questa è stata la sua morte nei giovani.


Volete un riassunto in un'unica parola: DISAGIO!
Disagio anche all'interno della tana... a parte l'area warhammer (quella in cui maggiormente posto) popolata da adolescenti, mi sento sempre fuori luogo a parlare di altro con la rimanente parte di voi goblinoidi. Finchè discutiamo di giochi, il discorso fila senza problemi, ma se proviamo ad enrare un attimo nel sociale, nel modo in cui scherzate, negli argomenti di normale conversazione, 10 anni di media si fanno sentire... e parecchio.
Non è assolutamente colpa vostra!!! Ma è la realtà... La maggiorparte di voi sono persone magnifiche, e con alcune avevo pure bellissimi rapporti... mi ricordo le sedute psicologiche con Mork e Racca, ricche di consigli... davvero un toccasana. Mi ricordo della gentilezza di MadeR nel prestarsi da ritira/maglia visto che Lucca è la mia unica esperienza di mettere piede in una manifestazione ludica... Ci sono tanti altri episodi, ma bisogna guardare la realtà: non potrò mai avere il feeling che due persone a caso, chessò, SimoneC e Favar possono raggiungere conoscendosi.
La conferma e la concretizzazione di ciò si è visto a Lucca05. Nell'area giochi mi sentivo un pò un fantasma: guardavi attorno e vedevi che concretamente l'età media della gente nei chioschi a vendere, a presentare o a giocare era nettamente maggiore della mia. Altri ragazzi c'erano, è vero, ma solo di passaggio (e una ventina attaccati al videogioco del Prince Of Persia, i due troni se non ricordo male).

É una dura realtà, un pò triste, un pò paranoica forse giudicherà chi legge queste righe, ma mi rendo conto che una tale situazione per voi sia comunque difficile da concepire. Beata adolescenza :roll:
L'esperienza è l'insegnante più difficile: prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione!
Offline Aiyvann
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3650
Iscritto il: 24 luglio 2004
Goblons: 330.00
Località: Ferrara
Mercatino: Aiyvann

Messaggioda CapitanBarbossa » 27 set 2006, 22:23

Bè il capitano ha 20 anni.... :grin:
Offline CapitanBarbossa
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
Top Reviewer
 
Messaggi: 3461
Iscritto il: 20 settembre 2006
Goblons: 1,050.00
Località: Lodi
Mercatino: CapitanBarbossa

Re: Salto generazionale?

Messaggioda mork » 28 set 2006, 0:11

tukmat ha scritto:Volevo confrontarmi su una senzazione che riscontro alle varie occasioni di ritrovo, ultima la modcon 2006.
Sbaglio o non ci sono adolescenti o teenagers?
Mi pare infatti che il giocatore medio che si incontra è all'all'incirca dai 25 ai 35 anni e di li a crescere. Mi sembrano addirittura più numerosi i bambini (giocatori 2.0) accompagnati da genitori appassionati che ragazzi tra i 15 e i 20 anni.
Voi avete la stessa senzazione?


L'avevo notato anch'io. I giovanissimi giocatori sono solo i figli di giocatori dai 30 anni in su.
I ragazzi tra i 15 ed i 20 anni si orientano su giochi diversi spesso videogames.
Con questo non voglio demonizzare i videogames con i quali tutti abbiamo giocato e giocheremmo ma la maggior parte dei giovanissimi non concepisce riunirsi intorno ad un tavolo. E qualora lo si facesse i giochi scelti sono quelli più semplici e con minimo sforzo mentale e magari con la grafica più accattivante.
MORK

A Roma, la serata ludica è:
THE GOLDEN RULE
Offline mork
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4595
Iscritto il: 31 marzo 2004
Goblons: 470.00
Località: Roma - De Sanctis Villa
Mercatino: mork

Messaggioda tukmat » 28 set 2006, 9:24

Quello che mi colpisce è il fatto che in realtà i ragazzi dai 15 in su, o forse quei pochi che conosco io, avrebbero spesso l'attitudine ai boardgame: elasticità mentale, curiosità, voglia di competere e perchè no una certa capacità di acquisto in denaro.
Ma forse ho una esperienza distorta visto che questa estate i figli di alcuni amici mi hanno tampinato per 15 giorni fin quando non ho fatto una partita a Axis & Allies con loro.
Apro un secondo fronte: in realtà mi pare che anche quando si pensa ad iniziative di propaganda dei giochi, quasi mai si cerchi di coinvolgerli. Anche qui sulla tana dove l'iniziativa di molti è piena di spunti e di volontà, non mi pare che si tenti di coinvolgere ad esempio le scuole. E questo forse per una remora mentale che suona più o meno così: "Ma come spendiamo continuamente tempo e forze per far passare l'idea che i boardgames non siano necessariamente passatempi per ragazzini e poi andiamo a cercare proprio quelli?"
Offline tukmat
Maestro
Maestro

Avatar utente
TdG Organization
 
Messaggi: 872
Iscritto il: 02 marzo 2005
Goblons: 60.00
Località: Lucca
Mercatino: tukmat

Re: Salto generazionale?

Messaggioda Falcon » 28 set 2006, 12:13

mork ha scritto: I ragazzi tra i 15 ed i 20 anni si orientano su giochi diversi spesso videogames.


E qui mi permetto una piccola nota. Molti di questa età, presa in causa giocano di ruolo, forse perché i Gdr godono di maggior visibilità. Ad esempio nella mia citta conosco molti ragazzi che giocano di ruolo, ma nessuno di questi a GdT (tranne me ed i miei amici ;) che proprio io ho portato verso questa "nuova" realtà ludica).
Non è solo questione di momento storico, in cui sicuramente i videogame la fanno da padroni, ma è proprio che non sanno possa esserci qualcosa oltre agli srtamaledettissimi Monopoli e Risiko, che magari giocano una volta all'anno divertendosi pure, senza immaginare cosa ci sarebbe oltre.

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

Offline Falcon
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 5488
Iscritto il: 09 gennaio 2005
Goblons: 3,384.00
Località: Senigallia (An)
Mercatino: Falcon
Sono stato alla Gobcon 2015 Ho partecipato alla Play di Modena Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col verde Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Ventennale Goblin

Messaggioda Inuyasha » 28 set 2006, 12:23

Io in certe fumetterie vedo spesso dei ragazzini giocare ai giochi di carte collezionabili, anche i giochi di ruolo hanno un gran numero di accoliti. Il gioco da tavolo di qualità è sempre stato difficile da andare a trovarlo, molto più facile giocare alla playstation.
La voglia di gioco c'è ma se molti della tua età giocano in quel modo è anche logico che altri si appassionino più facilmente, io pur appartenendo alla generazione del magic (quel gioco iniziò quando avevo 15-16 anni) non ne fu mai toccato e preferii i giochi da tavolo (di cui ero abituato fin da bambino con i soliti e vituperati risiko, crack etc).
In questo anch'io sono come Ayivann poichè l'età dei miei compagni di serate ludiche è sempre più alta della mia, ma non per questo non ci si diverte.
Sono un mezzo demone cacciatore di giochi
Offline Inuyasha
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1202
Iscritto il: 24 maggio 2004
Goblons: 0.00
Località: Palermo
Mercatino: Inuyasha

Messaggioda magobaol77 » 28 set 2006, 14:01

Concordo pienamente con l'analisi di Randall. I 15enni nn giocano boardgames soprattutto per un fattore culturale. Dei ragazzi a cui ho fatto conoscere i GdT tanti si sono appassionati e sono regolari giocatori di Coloni e Puerto Rico (alcuni abbandonando Magic)...
"Ebbene, si gioca per vincere ma giocando per vincere si impara a perdere. E io credo che questa sia la cosa importante, perchè se si è imparato a perdere si è imparato a vivere. E' tutto quello che volevo dire."
Alex Randolph
Offline magobaol77
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 712
Iscritto il: 19 febbraio 2005
Goblons: 490.00
Località: Fermo
Mercatino: magobaol77

Messaggioda matthewoods » 28 set 2006, 15:55

Ricado appieno nella categoria di "giocatori dai 25 in su"... anche io mi sono accorto di questo "salto"...

Oltre alle vostre analisi che condivido (videogames, GdR e GCC), vorrei puntualizzare su un aspetto... come già letto in un'altra discussione, giocare a GdT è OUT di brutto. Proporre ad un ragazzo di 16 anni di passare un sabato sera davanti ad un tavolo con un tabellone, 4 pezzi di legno e 3 cartoncini credo suoni come una minaccia... almeno è quello che ho notato dalle mie parti.
L'apoteosi del sabato sera è : mi faccio bello fino alle 23. Poi esco, vado a rincretinirmi da qualche parte fino al mattino. Domenica ho mal di testa, sonno e non sto bene... ma "quanto mi sono divertito"!!!

E tornando ai giochi tedeschi, se non c'è almeno un po' di sangue, qualche frattaglia e del nero dappertutto... che schifo! (sob)
Offline matthewoods
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 17 giugno 2005
Goblons: 50.00
Località: Impero di Romagna - Faenza (RA)
Mercatino: matthewoods

Messaggioda Falcon » 28 set 2006, 16:21

matthewoods ha scritto:giocare a GdT è OUT di brutto. Proporre ad un ragazzo di 16 anni di passare un sabato sera davanti ad un tavolo con un tabellone, 4 pezzi di legno e 3 cartoncini credo suoni come una minaccia... almeno è quello che ho notato dalle mie parti.
L'apoteosi del sabato sera è : mi faccio bello fino alle 23. Poi esco, vado a rincretinirmi da qualche parte fino al mattino. Domenica ho mal di testa, sonno e non sto bene... ma "quanto mi sono divertito"!!!


Quoto tutto!

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

Offline Falcon
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 5488
Iscritto il: 09 gennaio 2005
Goblons: 3,384.00
Località: Senigallia (An)
Mercatino: Falcon
Sono stato alla Gobcon 2015 Ho partecipato alla Play di Modena Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col verde Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Ventennale Goblin

Messaggioda Inuyasha » 28 set 2006, 17:40

matthewoods ha scritto:L'apoteosi del sabato sera è : mi faccio bello fino alle 23. Poi esco, vado a rincretinirmi da qualche parte fino al mattino. Domenica ho mal di testa, sonno e non sto bene... ma "quanto mi sono divertito"!!!


E' così ovunque, sarò strano io che mi diverto senza dovermi per forza rincretinire :lol:
Sono un mezzo demone cacciatore di giochi
Offline Inuyasha
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1202
Iscritto il: 24 maggio 2004
Goblons: 0.00
Località: Palermo
Mercatino: Inuyasha

Messaggioda liga » 28 set 2006, 17:51

matthewoods ha scritto:Oltre alle vostre analisi che condivido (videogames, GdR e GCC), vorrei puntualizzare su un aspetto... come già letto in un'altra discussione, giocare a GdT è OUT di brutto. Proporre ad un ragazzo di 16 anni di passare un sabato sera davanti ad un tavolo con un tabellone, 4 pezzi di legno e 3 cartoncini credo suoni come una minaccia... almeno è quello che ho notato dalle mie parti.
L'apoteosi del sabato sera è : mi faccio bello fino alle 23. Poi esco, vado a rincretinirmi da qualche parte fino al mattino. Domenica ho mal di testa, sonno e non sto bene... ma "quanto mi sono divertito"!!!

E tornando ai giochi tedeschi, se non c'è almeno un po' di sangue, qualche frattaglia e del nero dappertutto... che schifo! (sob)


in generale, personalmente, avverto una forte differenza tra gli adolescenti dei miei tempi e quelli di adesso: cosa che mi rende a volte difficile capire un ragazzo di 16-23 anni anche provando a pensare come eravamo noi.

io, tra le varie mattate da adolescente, ricordo anche i partitoni a dungeons & Dragons fino a notte fonda (addirittura un capodanno giocammo dalle 2, tornati dalla festa, fino all'alba), un Gammarauder a milano marittima mentre sorgeva il sole o i venerdi' al TreEmme fino alle 3-4 a fare i gioconi.

Sicuramente il gioco alla tedesca non attira, e capisco: ma se un adolescente di adesso non si diverte neanche con un gioco di ruolo, con un battletech, con uno zombies ... allora il divario è davvero grande.

Lo stesso problema l'abbiamo adesso anche noi al TreEmme ... da quando siamo nati (oltre 25 anni fa) siamo sempre stati in grado di resistere ai cambi generazionali con nuove dirigenze e direttivi che prendevano in mano la carretta ... ma la generazione 16-25 di ora ci manca quasi totalmente ... fin'ora abbiamo dato la colpa alla nostra incapacità di comunicare e ad alcuni episodi accaduti a Modena ... ma forse c'è qualcosa di più grosso dietro, come il cambiamento dei giochi (ed il loro fascino sui ragazzi) e/o il cambiamento dei ragazzi ... in effetti, quando sono entrato io al TreEmme, tutti giocavamo ai giochi di ruolo e anche ai boardgames ... adesso il GdR è ancora giocato ma non così universalmente ed i tavoli sono pieni di "vecchietti" come me che muovono pezzetti di legno senza anima e fascino!

Secondo voi, che siete gli interlocutori che a Modena faccio fatica a trovare e contattare, cosa dovremmo proporvi per attirare l'attenzione ?

buon gioco
Liga

*** www.facebook.com/ludologo Ludologo su Facebook www.ludologo.com Il mio sito personale www.facebook.com/ClubTreEmme Club TreEmme

Offline liga
Goblin Spy
Goblin Spy

Avatar utente
TdG Moderator
Top Author 2 Star
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 2020
Iscritto il: 17 giugno 2003
Goblons: 9,320.00
Località: Modena (Italy)
Mercatino: liga

Prossimo

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron