Siamo davvero dei giocatori?

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, Rage, pacobillo

Messaggioda linx » 12 lug 2012, 11:43

nakedape ha scritto:L' eccessiva differenza di esperienza rende le partite moscie e prive di interesse. Come si fa a colmare un gap tra chi è alla prima partita e chi ne ha 50?
Ecco perchè a me non dispiace affatto turnare moltissimi titoli. In questo modo posso piazzare sul tavolo un gioco a cui ho fatto una partita due anni fa e godermi l' aspetto competitivo!


Vero. Ma avendo più esperienza di "prime partite" stravinci lo stesso. Il fatto di avere molti titoli fra cui ruotare ti allena in quello.
Se invece a quelle persone fai giocare il SOLITO gioco probabilmente ottieni una competizione migliore.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6393
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda nakedape » 12 lug 2012, 13:27

linx ha scritto:Vero. Ma avendo più esperienza di "prime partite" stravinci lo stesso.


Invece no...! Intanto perchè non è necessariamente detto che i giocatori siano tutti newbie totali, anzi! Capita spesso di presentare nuovi titoli ad un altro gruppo di hard core gamers (eh sì qui a Bologna abbiamo un bel giro). E comunque se posso lascio sempre qualche suggerimento strategico alla fine della spiegazione.
Inoltre:
A) Passo molto tempo della partita a rispondere a domande e/o a controllare le mosse degli altri per vedere se sono in regola, anzichè concentrarmi sulla mia mossa.
B) Se c'è un giocatore a cui gli altri mettono, giustamente, i bastoni tra le ruote è quello che si pensi abbia la maggiore esperienza.

E infatti, pur avendo qualche vantaggio in alcune situazioni le partite non sono mai piatte o decise fin dall' inizio come potrebbero esserlo se spiegassi Agricola ad un gruppo di novizi (che infatti guarda caso è il mio gioco che sta prendendo più polvere).
Esistono persone che, con la scusa dell'elitarismo, vorrebbero livellare tutto verso il basso.
E tu innalzati, invece.
Offline nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 12568
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Mercatino: nakedape
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Messaggioda pepita » 12 lug 2012, 13:48

IO QUOTO TUTTI
AVETE DETTO UN INFINITA DI COSE CHE NEI VARI PERIODI DELLA MIA VITA CONDIVIDEVO E CONDIVIDO.
Ma questo è un argomento profondo e di cui avrei da tempo voluto essere il portavoce.
Mi ripropongo di pensarci per bene e poi tornare a riferire.
ciao
homo ludicus
Offline pepita
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5034
Iscritto il: 31 gennaio 2007
Goblons: 60.00
Località: cinisello balsamo MI
Utente Bgg: nugget
Mercatino: pepita
Sono un Goblin Caylus Fan Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Il Signore Degli Anelli fan Thunder Alley fan

Messaggioda HungryGhost » 16 lug 2012, 23:12

Faccio una premessa... ho letto con vivo interesse tutti i vostri commenti.
Sono contento della piega che ha preso il post, mi ha dato spunti molto interessanti.

Faccio qualche piccolo appunto su alcune (quasi tutte :D ) le vostre risposte.

AleK ha scritto:Sessioni continue allo stesso gioco le ho fatte solo da adolescente e con Heroquest, però occhio, era un gioco a scenari, non è la stessa cosa.
Ora stavo pensando di comprarmi un Earthreborn per vedere se riesco a ritrovare la magia di un tempo. :-)


Nonostante tutto però... senti anche tu la mancanza della "magia di un tempo"... :grin: :grin:

linx ha scritto:Il peggio è che per alcuni giochi arriva una specie di "falsa sazietà" quando si è stufi di ripetere il primo approccio. Quello tentennante dove si fanno delle mosse per "vedere come va e giocare con più coscienza la prossima"... quando poi la prossima arriva a essere giocata a distanza di troppo tempo, rendendo inutile o quasi l'esperienza precedente.


Mamma mia... l'annoso problema della prima volta che si ripete... Questo è un appunto grandioso che condivido al 110%.

Mik ha scritto:Una volta, quei pochi giochi che avevamo, vuoi per il molto tempo, vuoi per le scarse disponibilità economiche, li consumavamo a furia di giocarci.

Oggi passiamo molto velocemente da un titolo all'altro. Non perchè siamo già stufi del precedente, ma perchè ne ho acquistati un sacco (e altri arriveranno a breve) e siamo in piena frenesia del provare meccaniche nuove e nuove esperienze di gioco.


Ci stà... e il tuo punto di vista è quello della maggior parte dei goblin... però io non ce la faccio, se un gioco mi piace tanto, voglio giocarlo...

Un po' ti/vi invidio...

dmc977 ha scritto:Comprare e provare nuovi giochi è sempre una cosa che mi attira, ma questo va a discapito del tempo da poter dedicare a quelli che già ho.
L'unico rimedio è fare acquisti molto mirati e ponderati, sperando che non ci sia la delusione dietro l'angolo.
La famosa coperta è però sempre troppo corta....


Dal mio punto di vista quello della delusione non è un grosso problema... cioè alla fine basta rivendere...

Il vero problema è la coperta troppo corta... più si acquista e più la coperta si accorcia...

dome1991 ha scritto:Con questo voglio dire che secondo me è sbagliato prendere tanti giochi che ci attirano, ma valutarli insieme al proprio gruppo e vedere se i componenti dello stesso sono disposti a giocarci o no. Prendere un gioco che piace a noi soltanto finirà sicuramente nella mensola più alta e dimenticato.


Eccola qua... tanto semplice quanto accurata . Il "problema" capita spesso che sia il gruppo di gioco. Nulla da aggiungere. Preciso e condivido in pieno!

ZetaZeta ha scritto:Attualmente anche io sto cercando di ridurre la collezione ai giochi che effettivamente propongo, ma comunque il mio obiettivo rimane una collezione di diverse decine di giochi e non di pochissimi titoli come proponi tu, che forse stai passando da un estremo all'altro.

La virtù sta nel mezzo, dicevano i saggi latini.
:grin:


Sempre avuto pessimi voti in latino :D :D

Il tuo punto di vista è assolutamente condivisibile anche se non è il mio :)

tika ha scritto:Sono in un periodo in cui vedo il mondo negativo, si capisce?


Quoto solo l'ultima frase perché mi ha fatto sorridere (spero non ti offenda).
Quanto dici è assolutamente sacrosanto. Però diciamo che è su un binario parallelo.
Diciamo che centri in pieno il bersaglio se ci soffermiamo sulla parte in cui parlo dell'era risiko, ma il discorso è meno ampio.
Semplicemente mi chiedo. Invece di fare 20 partite a 20 giochi diversi, non sarebbe meglio fare 20 partite a 2 soli giochi?

Raistlin ha scritto:Alla luce di tutto ciò non può quindi non sorgere la fatidica domanda: avrei potuto evitare di acquistare tutti gli altri giochi o comunque una cospicua buona parte di essi...? Inoltre, la varietà è così importante nel nostro hobby? E fino a che punto?
Personalmente e onestamente, ora come ora non saprei rispondere a queste domande (che spesso sono frutto di interessanti discussioni con gli amici).


Quelle sono esattamente le domande cui ho dato le risposte che si riassumono nel mio primo post.

nakedape ha scritto:Io penso che dipenda molto anche dal gruppo di gioco.
Io sono fortemente convinto che esista un gioco per ogni occasione, e che il senso di una bella ludoteca si fondi sulla possibilità di estrarre il titolo adatto all' occasione. Il vero ludomane arriva, valuta i suoi compagni di tavolo, fa qualche domanda magari a quelli che non conosce...e solo DOPO propone uno o più titoli.


Cavoli, però è più un discorso da responsabile di un'associazione che da giocatore... soprattutto però occorre avere gusti molto molto ampi... anche perché ci sarà un genere di giochi che non ti piace... se nel gruppo qualcuno apprezza esattamente quel genere di giochi che fai?
Ti adatti o adatti il gruppo?
https://www.ludoteca-itinerante.it/
-------------------------------------------------------------
Se ci sono i puzzilli non ci gioco!!
Offline HungryGhost
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 1677
Iscritto il: 18 gennaio 2011
Goblons: 0.00
Località: Imola
Mercatino: HungryGhost
Sono stato alla Gobcon 2016

Messaggioda AleK » 17 lug 2012, 3:43

Nonostante tutto però... senti anche tu la mancanza della "magia di un tempo"

Ci puoi scommettere! ;)
nvece di fare 20 partite a 20 giochi diversi, non sarebbe meglio fare 20 partite a 2 soli giochi?

Facciamo 20 partite a 4-5 giochi e siamo d'accordo! :grin:
Forse sono stato un po' frainteso nel mio primo intervento. Non dicevo di fare 3 partite e poi dimenticare il gioco, dicevo che raramente riesco a fare 3-4 sessioni consecutive allo stesso gioco, però questo non significa che poi lo abbandono per sempre (a parte quelli che non mi piacciono).
Ad esempio, è più di un anno che non gioco al Trono di Spade e ora ho una gran voglia di rigiocarlo! Ma so che non mi durerà per più di 2-3 sessioni consecutive (distinte). ;)
Link utili relativi ai GdR? Cliccate QUA

A Noi Vivi
Offline AleK
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3854
Iscritto il: 01 dicembre 2003
Goblons: 40.00
Località: Un po' qua un po' là...
Utente Bgg: scagliacatena
Facebook: torri.ale
Mercatino: AleK
10 anni con i Goblins

Messaggioda Lobo » 17 lug 2012, 8:37

Personalmente provo molti giochi, ma ce ne sono alcuni che ripeto volentieri. Ormai ho maturato la convinzione che si debba giocare un gioco più volte, specialmente se è "profondo".
Un "Le Havre" non lo puoi giocare una volta, né due perché ti sfuggono molte cose.

Il tempo è il grande tiranno

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

Offline Lobo
Crazy Goblin
Crazy Goblin

Avatar utente
TdG Top Supporter
TdG Organization Plus
TdG Administrator
TdG Editor
Top Author 2 Star
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader 2 Star
TdG Top Supporter
 
Messaggi: 3726
Iscritto il: 09 giugno 2003
Goblons: 20,011,502.00
Località: Flaminius - TdG
Utente Bgg: Lobo
Board Game Arena: LGZ
Mercatino: Lobo
Puerto Rico Fan Twilight Struggle fan Sono un Goblin Terra Mystica Fan Membro della giuria Goblin Magnifico Star Wars: X-Wing Fan BoardGameArena Player Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col rosso Tifo Roma Gundam fan Goldrake fan Podcast Fan Ventennale Goblin

Messaggioda nakedape » 17 lug 2012, 10:03

HungryGhost ha scritto:Cavoli, però è più un discorso da responsabile di un'associazione che da giocatore... soprattutto però occorre avere gusti molto molto ampi... anche perché ci sarà un genere di giochi che non ti piace... se nel gruppo qualcuno apprezza esattamente quel genere di giochi che fai?
Ti adatti o adatti il gruppo?


Dipende, se posso mi sfilo e cerco un altro tavolo, altrimenti cerco di trovare un compromesso...Penso che sia meglio trovare un punto medio per il divertimento di tutti.
Poi ci sono giochi che richiedono dedizione, come Starcraft o come LeHavre, altri che invece li puoi giocare senza grossi problemi anche le prime volte. L'ideale sarebbe avere un gruppo fisso per i giochi "fissa" che richiedono molte sessioni e poi una Tana dei Goblin dietro casa per il gioco meno continuativo.
E' poi interessante notare ci sono tutta una serie di sfumature dai giochi più immediati a quelli più "zavorra" (che se non ci fai almeno venti partite di fila poi non te li ricordi).
Esistono persone che, con la scusa dell'elitarismo, vorrebbero livellare tutto verso il basso.
E tu innalzati, invece.
Offline nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 12568
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Mercatino: nakedape
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Messaggioda sallie » 17 lug 2012, 10:10

Bellissima discussione, davvero interessante, anche io spesso mi trovo a fare le stesse riflessioni..........

Lobo ha scritto:Personalmente provo molti giochi, ma ce ne sono alcuni che ripeto volentieri. Ormai ho maturato la convinzione che si debba giocare un gioco più volte, specialmente se è "profondo".
Un "Le Havre" non lo puoi giocare una volta, né due perché ti sfuggono molte cose.

Il tempo è il grande tiranno



quoto in pieno......... noi giochiamo una o due volte tutti i giochi per provarli, il più delle volte non giocandoli di nuovo anche per mesi, specialmente se di genere più "soft", mentre alcuni (tipo battlestar galactica) li giochiamo con continuità (almeno due o tre volte al mese)...... quelli più profondi necessitano di svariate partite per essere compresi e apprezzati pienamente.

Ma qui, come dice Lobo, entra in campo il fattore tempo: poco tempo a disposizione per vedersi e giocare ed anche per studiare le regole...... la sera spesso sei stanco morto e proprio non ce la fai...... non siamo più ragazzini che una volta usciti da scuola non hanno altro da fare se non giocare.......

Oltretutto fino a un mesetto fa ho comprato giochi a ripetizione, in piena smania da ludoteca, difficilmente riusciamo a stare dietro ai nostri acquisti........ io e il mio ragazzo ne abbiamo minimo una decina comprati e mai provati....... e ce ne sono ancora molti altri nella wishlist.
So che, almeno per ora, continuerò a spendere, nonostante tutto.
Ho comprato anche giochi più leggeri nella speranza di riuscire a coinvolgere gente nuova, ancora intonsi.....

In linea di massima trovo giusto avere una bella collezione ben nutrita, sia per tirare fuori il gioco più adatto ad ogni gruppo e situazione, come diceva nakedape, sia per puro collezionismo, sia per cultura personale........ allo stesso tempo non per questo mi ritengo una Giocatrice con la G maiuscola, tutt'altro....... non dedico sufficiente tempo alla mia passione e non ne ho una conoscenza abbastanza profonda (almeno per ora)...... e un po' perchè ognitanto guardando lo scaffale mi sento in colpa facendo il rapporto giochi posseduti / giochi giocati (scusate la ripetizione).......... :roll:
Offline sallie
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 274
Iscritto il: 26 novembre 2008
Goblons: 0.00
Località: Genova
Mercatino: sallie

Messaggioda illupi » 17 lug 2012, 11:40

Se serve una definizione di "appassionato" io darei questa:
L'appassionato di GdT è quell'uomo/donna che si sa orientare in un negozio specializzato, sa cosa cercare e cosa no, senza esserci mai entrato prima, fa domande circostanziate, e conosce almeno i titoli più famosi non-commerciali...questa potrebbe essere la mia una definizione "empirica" di appassionato.

Se un mio amico si reputa appassionato perchè gioca spesso a giochi da tavolo, ma non sa cosa vogliano dire cose come "puerto rico" "maggioranze" "Essen" "FFG" etc etc...direi che gli manca qualcosa a dirsi appassionato, è un tranquillo giocatore abituale, ma non saprebbe spiegare granchè a un eventuale niubbio che gli chiedesse spiegazioni sul mondo dei GdT...Ma ciò non è mica un problema!...

Questo se volessi usare il termine "appasionato" come qualcosa di preciso...per far chiarezza all'occorrenza. Come se qualcuno si dicesse "sono uno scrittore" perchè ha tenuto un diario...nell'accezione comune "non" sarebbe uno scrittore, anche se in teoria beh, si, ha scritto qualcosa!

Giocarci o no non è così rilevante...secondo me vale più il desiderio e il fatto che comunque giriamo per negozi, frequentiamo cose come la Tana abitualmente, e in generale teniamo occhi e orecchi aperti per le novità.

Poi può capitare che non si abbia un gruppo di gioco, o che non si abbia il gioco giusto per il gruppo di gioco, o che ci piace variare molto (può darsi anche troppo) gocando 1-2-3 sole partite a un gioco prima di rivenderlo...ma questo non è una "colpa". A meno che l'acquisto ossessivo non comporti problemi economici (o di spazio in casa ) :lol: , ognuno ha diritto ha comprare-rivendere-scambiare quel che vuole e quanto vuole..

Semmai è sbagliato dirsi "appassionato di giochi da tavolo" se giochi sempre e solo a Risiko (ma anche a Puerto Rico) e non sai nient'altro dell'ambiente..

In breve potrei dire che sei un appassionato per il semplice fatto di essertelo chiesto ;)
Offline illupi
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1797
Iscritto il: 20 agosto 2009
Goblons: 20.00
Località: Livorno (LI), Casalecchio di Reno
Mercatino: illupi

Messaggioda sallie » 17 lug 2012, 12:31

illupi ha scritto:In breve potrei dire che sei un appassionato per il semplice fatto di essertelo chiesto ;)


:clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap:

bella osservazione!!!
Offline sallie
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 274
Iscritto il: 26 novembre 2008
Goblons: 0.00
Località: Genova
Mercatino: sallie

Messaggioda Raistlin » 17 lug 2012, 12:38

HungryGhost ha scritto:
Raistlin ha scritto:Alla luce di tutto ciò non può quindi non sorgere la fatidica domanda: avrei potuto evitare di acquistare tutti gli altri giochi o comunque una cospicua buona parte di essi...? Inoltre, la varietà è così importante nel nostro hobby? E fino a che punto?
Personalmente e onestamente, ora come ora non saprei rispondere a queste domande (che spesso sono frutto di interessanti discussioni con gli amici).


Quelle sono esattamente le domande cui ho dato le risposte che si riassumono nel mio primo post.


Heh, era un modo come un altro per dire che non saprei risponderti, ma che mi hai almeno fatto riflettere :)
Offline Raistlin
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 6032
Iscritto il: 04 dicembre 2003
Goblons: 100.00
Località: Torino, Città Magica...
Utente Bgg: RaistlinMajere
Mercatino: Raistlin

Messaggioda kadaj » 17 lug 2012, 18:26

Mi definisco idealmente "collezionista di giochi".

So che ne possiedo ben oltre la mia capacità di uso ma so anche che molti di questi sono pienamente soddisfatto di possedere pur non avendoli mai giocati...

Per me il gioco è come quando vado ad un ristorante rinomato e dove si mangia benissimo. Entro una volta, mangio, gusto, sono pienamente appagato ed incredibilmente felice della scelta del posto. Ma non ci tornerò... Perchè so che la seconda volta non sarà mai come la prima, poichè avrò perso un po' di quella fanciullesca emozione quando provo qualcosa per la prima volta...

Oh, il volo pindarico me lo faccio tutto da solo.. :grin:
Offline kadaj
Goblin Scriptor
Goblin Scriptor

Avatar utente
 
Messaggi: 26331
Iscritto il: 21 agosto 2009
Goblons: 14.00
Località: Aosta
Mercatino: kadaj
Io faccio il Venerdi GdT! Sono di bocca buona

Messaggioda linx » 17 lug 2012, 18:44

HungryGhost ha scritto:Semplicemente mi chiedo. Invece di fare 20 partite a 20 giochi diversi, non sarebbe meglio fare 20 partite a 2 soli giochi?


Mi accontenterei di giocarli a serie di 7 partite a titolo e poi cambiare, purchè quelle 7 siano di fila. In modo che dopo aver finito la prima posso tornare a casa pensando a cosa ho sbagliato e/o a che strategia applicare la settimana dopo.
In tal modo, oltre che la serata, mi godrei anche l'attesa per la partita successiva.

Purtroppo non tutti si ha gli stessi gusti e spesso qualcuno gioca ad un titolo che piace a te proprio perchè la settimana dopo tu giocherai con uno che piace a lui.
In questa triste trattativa l'unica cosa che si riesce talvolta ad ottenere sono 3 partite di fila ad un gioco nuovo di zecca prima di passare ad altro e ritornarci sopra magari dopo mesi.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6393
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda cardano » 26 lug 2012, 16:27

tika ha scritto:Io, purtroppo, credo che quello che racconti tu sia il passaggio da essere bambini (o ragazzi) ad essere adulti.
Quando siamo giovani, si va a scuola, al limite all'università, ci sono periodi in cui si ha a disposizione TANTO tempo (punto fondamentale 1) e mente SGOMBRA (punto ancora più fondamentale 2).
Questo permette di calarsi in alcune realtà e di vivere alcune passioni con una forza e una costanza che arrivati ad un altro momento della vita è impossibile replicare.


Questo è un pensiero molto profondo, Tika. Credo che tutti quelli che hanno giocato per qualche decennio sappiano che il passaggio che tu descrivi è il punto di svolta anche nella "vita ludica". Credo anche - in parte per esperienza personale - che quando si perde quella che tu chiami "forza e costanza" si cerca di sopperire con la qunatità. Nuovi giochi, nuovi manuali da leggere, nuove regole da spiegare. Il tutto, qualche volta, aiutati dal fatto che mediamente, a 30 anni, si hanno più soldi in tasca che a 16 o 17.

Ma qual è il risultato che si ottiene? Di rimanere in superficie, di non grattare la patina del nostro duore di giocatori. E allora, veramente, l'idea di fermarci un attimo, di fare un punto di quello che ci vogliamo davvero tenere e di quello del quale possiamo fare a meno, può essere una soluzione.
Non è che non ci piace morire. Semplicemente, non ci viene naturale.
Offline cardano
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 40
Iscritto il: 21 novembre 2009
Goblons: 0.00
Località: Lido di Camaiore
Mercatino: cardano

Messaggioda ZetaZeta » 26 lug 2012, 16:34

AleK ha scritto:
nvece di fare 20 partite a 20 giochi diversi, non sarebbe meglio fare 20 partite a 2 soli giochi?

Facciamo 20 partite a 4-5 giochi e siamo d'accordo! :grin:

Concordo. Sia 20 partite a 20 giochi che 20 partite a 2 giochi mi sembrano posizione estreme. Troppo dispersiva la prima, un poco noiosa la seconda.

Non possiamo fare 10 giorni da orsacchiotto ? (cit.)
:grin:
Offline ZetaZeta
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Organization
 
Messaggi: 2887
Iscritto il: 30 settembre 2009
Goblons: 20.00
Località: Bologna
Mercatino: ZetaZeta

Precedente

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite