Siamo davvero dei giocatori?

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Siamo davvero dei giocatori?

Messaggioda HungryGhost » 11 lug 2012, 15:58

Ormai è un po' di tempo che questa domanda mi frulla in testa.

Da un paio d'anni sono nella mia quarta era ludica...

La prima risale alla mia infanzia, quando giocavo a Monopoli con i miei zii/cugini;
Dopo anni di buio è iniziata la mia seconda era con l'Heroquest di un mio amico e li di partite ne abbiam fatte un po' (ma non troppe).
Dopo pochi altri anni di buio è iniziata la terza era con il gruppo storico di Risiko. Questa è stata intensa, si giocava un paio di volte la settimana.
Poi ancora il nulla fino a due anni fa, quando sono entrato nella mia ultima era ludica, quella della conoscenza del vastissimo mondo dei gdt.

In questi due anni avrò acquistato e scambiato non so quanti titoli (pochi se paragonati ad altri della tana, troppi se paragonati al nulla cui ero abituato), non saprei quantificare quanti ne ho provati, ma con certezza posso dire il numero preciso di giochi che ho effettivamente giocato: "zero".

Non so cosa intendiate voi per giocare un gioco, per me "giocare" un gioco non significa farci 2 o 3 o anche 10 partite e poi metterlo da parte.
Per me un gioco si intende giocato quando per mesi non si è fatto altro che giocare quel titolo (magari anche non solo uno).

E invece per ogni partita fatta a uno dei miei giochi preferiti mi ritrovo ad averne fatte 20 o 30 ad altri giochi che magari non rigiocherò mai più.

Sono arrivato a rimpiangere i tempi delle sessioni di risiko (e direi che è grave).

Io una soluzione l'ho trovata... sto dando lentamente via tutto, anche a costo di dar via titoli che mi piacciono, fino a quando non rimarrò con 3 o 4 titoli grossi, qualche gioco di carte da un'oretta (per quando il tempo manca... cosa troppo frequente purtroppo) e i party game o i giochi entry level del cavolo che mi tocca tenere per non meglio precisate ragioni...


Ho scritto non solo come sfogo personale, ma anche per sapere se qualcuno condivide il mio punto di vista.
Qualcuno è arrivato alla fine di questo post?
Ultima modifica di HungryGhost il 11 lug 2012, 16:45, modificato 1 volta in totale.
https://www.ludoteca-itinerante.it/
-------------------------------------------------------------
Se ci sono i puzzilli non ci gioco!!
Offline HungryGhost
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 1678
Iscritto il: 18 gennaio 2011
Goblons: 0.00
Località: Imola
Mercatino: HungryGhost
Sono stato alla Gobcon 2016

Messaggioda AleK » 11 lug 2012, 16:06

Io sono arrivato alla conclusione di NON essere un appassionato di giochi.
Sono solo un tizio al quale i giochi piacciono.
Se gioco una volta alla settimana, difficilmente rigiocherò lo stesso gioco per più di due-tre settimane consecutive, poi basta, noia, lo riprenderò in mano da qua a diversi mesi.

L'unico gioco della mia collezione che non ho più rigiocato è Mamoonia, perché è orribile.

Tutti gli altri, prima o poi, li rigioco. Anche quelli che non mi erano piaciuti tanto, giusto per dargli un'altra possibilità.
Però non mi fossilizzo mai sullo stesso titolo e per questo la caratteristica "Poca Longevità" nelle schede, non mi interessa.

Sessioni continue allo stesso gioco le ho fatte solo da adolescente e con Heroquest, però occhio, era un gioco a scenari, non è la stessa cosa.
Ora stavo pensando di comprarmi un Earthreborn per vedere se riesco a ritrovare la magia di un tempo. :-)
Link utili relativi ai GdR? Cliccate QUA

A Noi Vivi
Offline AleK
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3947
Iscritto il: 01 dicembre 2003
Goblons: 40.00
Località: Un po' qua un po' là...
Utente Bgg: scagliacatena
Facebook: torri.ale
Mercatino: AleK
10 anni con i Goblins

Messaggioda linx » 11 lug 2012, 16:12

Condivido in pieno.
Da tempo sò che comprare un gioco vuol dire confinarne un'altro in fondo all'armadio e lo faccio con parsimonia. Sono pochi i giochi che ho giocato abbastanza da esserne sazio (e per la maggior parte di questi il merito è delle versioni online, a cui posso accedere più facilmente dall'ufficio).

Il peggio è che per alcuni giochi arriva una specie di "falsa sazietà" quando si è stufi di ripetere il primo approccio. Quello tentennante dove si fanno delle mosse per "vedere come va e giocare con più coscienza la prossima"... quando poi la prossima arriva a essere giocata a distanza di troppo tempo, rendendo inutile o quasi l'esperienza precedente.

Certo, a furia di cambiare sempre, l'esperienza aiuta anche a sfruttare e combattere fino dalla prima partita, ma sfruttarli a fondo è un'altra cosa.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6636
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda jackal » 11 lug 2012, 16:18

linx ha scritto:...Sono pochi i giochi che ho giocato abbastanza da esserne sazio (e per la maggior parte di questi il merito è delle versioni online, a cui posso accedere più facilmente dall'ufficio)...


... occhio che Monti è vigile!!! ;)

Offline jackal
Saggio
Saggio

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 2111
Iscritto il: 24 aprile 2005
Goblons: 15.00
Località: ROMA - Kings of Rome Circus
Utente Bgg: collezionista
Mercatino: jackal
Twilight Struggle fan

Messaggioda Mik » 11 lug 2012, 16:20

Sono arrivato alla fine :grin:

Anche io ho attraversato varie ere ludiche (bella definizione :grin: ): scacchi, rpg, magic, warhammer ed ora boardgame (fino alla quarta era insieme a videogiochi e mmorpg).

In questa mi sto divertendo molto, vuoi per i tanti titoli, vuoi per la compagnia dei miei più cari amici.

Una volta, quei pochi giochi che avevamo, vuoi per il molto tempo, vuoi per le scarse disponibilità economiche, li consumavamo a furia di giocarci.

Oggi passiamo molto velocemente da un titolo all'altro. Non perchè siamo già stufi del precedente, ma perchè ne ho acquistati un sacco (e altri arriveranno a breve) e siamo in piena frenesia del provare meccaniche nuove e nuove esperienze di gioco.
Finora devo dire che siamo stati fortunati, a parte una o due delusioni, ci sono piaciuti tutti i giochi provati e il nostro momento ludico è sempre atteso con grande entusiasmo.

Alterniamo settimane con giochi nuovi a settimane con giochi conosciuti, ma al momento sono talmente tanti ed il tempo talmente poco che difficilmente riusciamo a fare molte partite allo stesso gioco, finora. Ma è sempre a disposizione per essere giocato in base all'esperienza di gioco di cui abbiamo voglia di volta in volta.

Quindi, Per quanto mi riguarda, posso dire che sono tornato a giocare di nuovo veramente negli ultimi 2 anni e ne sono molto molto felice :grin:

Voglio solo più tempo per giocareeeee!!
Offline Mik
Super Goblin
Super Goblin

Avatar utente
TdG Top Supporter
 
Messaggi: 18854
Iscritto il: 16 luglio 2011
Goblons: 130.00
Località: Venezia
Mercatino: Mik

Messaggioda dmc977 » 11 lug 2012, 18:08

Secondo me l'ideale per ogni giocatore sarebbe quello di trovare il giusto equilibrio tra la voglia di nuovo, e il desiderio di approfondire e sfruttare i giochi che già si possiedono.
Comprare e provare nuovi giochi è sempre una cosa che mi attira, ma questo va a discapito del tempo da poter dedicare a quelli che già ho.
L'unico rimedio è fare acquisti molto mirati e ponderati, sperando che non ci sia la delusione dietro l'angolo.
La famosa coperta è però sempre troppo corta....
Vienici a trovare sul nostro gruppo Facebook "Boardgames della Terra di Mezzo" https://www.facebook.com/groups/bgterradimezzo/
e sulla pagina della nostra associazione ludica "Il Dado in Bilico"
https://www.facebook.com/ildadoinbilico/
Offline dmc977
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 4090
Iscritto il: 11 febbraio 2009
Goblons: 780.00
Località: Capua (CE)
Utente Bgg: dmc977
Facebook: Claudio Des
Mercatino: dmc977

Messaggioda dome1991 » 11 lug 2012, 18:44

Io giocherei sempre a tutti i miei giochi, non ne ho molti, una decina, ma sono tutti grandi titoli, ad esempio carcassonne + exps, coloni di catan, runewars, ora et labora, CItadels ed altri..
Il fatto è che il mil gruppo di gioco è vario, diciamo che uno dei pochi giochi che mette tutti d'accordo è CItadels! Quello piace a tutti!
Con questo voglio dire che secondo me è sbagliato prendere tanti giochi che ci attirano, ma valutarli insieme al proprio gruppo e vedere se i componenti dello stesso sono disposti a giocarci o no. Prendere un gioco che piace a noi soltanto finirà sicuramente nella mensola più alta e dimenticato. Io per fortuna riesco ad avere una buona rotazione, anche se a volte rischiamo di fossilizzarci su uno per dei giorni. Tutto sommato si deve comperare con parsimonia, io ho un budget di circa 40 euro ogni due mesi, a volte anche 60, da dedicare ai gdt, ma penso che dopo aver preso altri 6 o 7 che mi interessano mi fermerò là.
Immagine
Offline dome1991
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 25 luglio 2010
Goblons: 0.00
Località: Paola
Mercatino: dome1991

Messaggioda ZetaZeta » 11 lug 2012, 22:07

E' un problema che abbiamo in molti. Noi ne parliamo spesso proprio perché siamo in molti ad acquistare e ogni sera almeno su uno dei tavoli (in genere da 2 a 4) c'e' un gioco nuovo del quale si stanno spiegando le regole.

Anche quando si gioca ad un gioco classico, ad esempio Power Grid, spesso c'e' chi non conosce le regole.

Non è necessariamente un problema, nel senso che a molti piace così e anche a me stava bene nel primo periodo della mia attuale era ludica. :grin:

Attualmente anche io sto cercando di ridurre la collezione ai giochi che effettivamente propongo, ma comunque il mio obiettivo rimane una collezione di diverse decine di giochi e non di pochissimi titoli come proponi tu, che forse stai passando da un estremo all'altro.

La virtù sta nel mezzo, dicevano i saggi latini.
:grin:
Offline ZetaZeta
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Organization
 
Messaggi: 2888
Iscritto il: 30 settembre 2009
Goblons: 20.00
Località: Bologna
Mercatino: ZetaZeta

Messaggioda tika » 11 lug 2012, 22:39

Io, purtroppo, credo che quello che racconti tu sia il passaggio da essere bambini (o ragazzi) ad essere adulti.
Quando siamo giovani, si va a scuola, al limite all'università, ci sono periodi in cui si ha a disposizione TANTO tempo (punto fondamentale 1) e mente SGOMBRA (punto ancora più fondamentale 2).
Questo permette di calarsi in alcune realtà e di vivere alcune passioni con una forza e una costanza che arrivati ad un altro momento della vita è impossibile replicare.

Ritengo, ma qui posso sbagliarmi, che in realtà il problema vero sia principalmente nel tempo e nello stress, più che nell'età vera e propria (in una presunta maturità negativa). Purtroppo il mondo moderno lungi dal facilitare il lavoro degli uomini li sta fagocitando in un circolo vizioso di stanchezza e lavoro, che ormai sta diventando sempre più (o ri-diventando) un modo per sopravvivere e tirare avanti. In tutto questo, con la coscienza di un adulto, gli spazi che rimangono al gioco non possono essere che piccoli (e fondamentali) intervalli, ben lungi dalle scampagnate giovanili nel mondo dell'incoscienza.

Sono in un periodo in cui vedo il mondo negativo, si capisce?
Offline tika
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2265
Iscritto il: 29 agosto 2008
Goblons: 240.00
Località: Trento
Mercatino: tika

Messaggioda Raistlin » 12 lug 2012, 1:54

Credo che il mio pensiero si ponga a metà fra quello di HungryGhost e quello di AleK, nel senso che sono preso anche io dalla smania di collezionismo e molto spesso gli acquisti ludici sono in quantità tale da non permettere l'ammortizzamento in termini di tempo dedicato a ciascuno di essi.

Tuttavia esistono delle eccezioni. Alcuni giochi li gioco ancora oggi come li ho (stra)giocati in passato; Magic, Cosmic Encounter, Star Wars Epic Duels, questi tre non mi annoiano mai e mi sento sempre pronto ad una partita con essi. Inoltre li gioco ancora oggi con la stessa euforia di quando li acquistai.

Alla luce di tutto ciò non può quindi non sorgere la fatidica domanda: avrei potuto evitare di acquistare tutti gli altri giochi o comunque una cospicua buona parte di essi...? Inoltre, la varietà è così importante nel nostro hobby? E fino a che punto?
Personalmente e onestamente, ora come ora non saprei rispondere a queste domande (che spesso sono frutto di interessanti discussioni con gli amici).
Non Cogito, Ergo Digito.
Offline Raistlin
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 6039
Iscritto il: 04 dicembre 2003
Goblons: 100.00
Località: Torino, Città Magica...
Utente Bgg: RaistlinMajere
Mercatino: Raistlin

Messaggioda Raistlin » 12 lug 2012, 1:55

tika ha scritto:Ritengo, ma qui posso sbagliarmi, che in realtà il problema vero sia principalmente nel tempo e nello stress, più che nell'età vera e propria (in una presunta maturità negativa). Purtroppo il mondo moderno lungi dal facilitare il lavoro degli uomini li sta fagocitando in un circolo vizioso di stanchezza e lavoro, che ormai sta diventando sempre più (o ri-diventando) un modo per sopravvivere e tirare avanti. In tutto questo, con la coscienza di un adulto, gli spazi che rimangono al gioco non possono essere che piccoli (e fondamentali) intervalli, ben lungi dalle scampagnate giovanili nel mondo dell'incoscienza.

Sono in un periodo in cui vedo il mondo negativo, si capisce?


Tutto questo è assolutamente vero anche secondo me. Non avrei saputo descriverlo meglio; non è una visione negativa, solo fortemente realista. E bisogna essere molto onesti con se stessi per ammetterlo.
Non Cogito, Ergo Digito.
Offline Raistlin
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 6039
Iscritto il: 04 dicembre 2003
Goblons: 100.00
Località: Torino, Città Magica...
Utente Bgg: RaistlinMajere
Mercatino: Raistlin

Messaggioda randallmcmurphy » 12 lug 2012, 4:42

Io ultimamente sto avendo la sensazione opposta...

Mi piace giocare "le prime partite" ai giochi...riuscire a capire subito le strategie, e capirle prima e meglio degli altri...e infatti spesso vinco le prime partite..

E poi...

Si cambia gioco!

Probabilmente è l'altra faccia di una stessa medaglia...e cioè il fatto che veniamo a contatto con TROPPI titoli in troppo poco tempo..
« Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. »
(Isaac Asimov)

Immagine
Offline randallmcmurphy
Goblin Showman
Goblin Showman

Avatar utente
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 2946
Iscritto il: 24 giugno 2005
Goblons: 1,730.00
Località: Rimini
Utente Bgg: mcmurphy
Mercatino: randallmcmurphy
10 anni con i Goblins Sei nella chat dei Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico

Messaggioda linx » 12 lug 2012, 10:09

randallmcmurphy ha scritto:Mi piace giocare "le prime partite" ai giochi...riuscire a capire subito le strategie, e capirle prima e meglio degli altri...e infatti spesso vinco le prime partite..

Anche io vinco spesso le prime partite, perchè mi piace impegnarmi al massimo su nuove regole e tirarne fuori SUBITO il meglio.
Ma ciò vuol dire, spesso, non affrontare vere sfide, visto che i miei avversari sono sovente più stile diesel.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6636
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda nakedape » 12 lug 2012, 11:28

Io penso che dipenda molto anche dal gruppo di gioco.
Io sono fortemente convinto che esista un gioco per ogni occasione, e che il senso di una bella ludoteca si fondi sulla possibilità di estrarre il titolo adatto all' occasione. Il vero ludomane arriva, valuta i suoi compagni di tavolo, fa qualche domanda magari a quelli che non conosce...e solo DOPO propone uno o più titoli.
A me capita per esempio di avere sì un gruppo di gioco fisso, ma anche molte serate e situazioni ricchissime di variabili. Quindi se magari con "i soliti" cerchiamo di approfondirte il titolo-fotta del momento, è anche vero che nelle situazioni "vi spiego le regole" una grossa esperienza a quel titolo è più un difetto che un pregio.
L' eccessiva differenza di esperienza rende le partite moscie e prive di interesse. Come si fa a colmare un gap tra chi è alla prima partita e chi ne ha 50?
Ecco perchè a me non dispiace affatto turnare moltissimi titoli. In questo modo posso piazzare sul tavolo un gioco a cui ho fatto una partita due anni fa e godermi l' aspetto competitivo!
Impressioni di Gioco

Qualità al posto di quantità.

https://www.facebook.com/groups/702594666567184
Offline nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 12656
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Mercatino: nakedape
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Messaggioda Mik » 12 lug 2012, 11:38

nakedape ha scritto:Io penso che dipenda molto anche dal gruppo di gioco.
Io sono fortemente convinto che esista un gioco per ogni occasione, e che il senso di una bella ludoteca si fondi sulla possibilità di estrarre il titolo adatto all' occasione. Il vero ludomane arriva, valuta i suoi compagni di tavolo, fa qualche domanda magari a quelli che non conosce...e solo DOPO propone uno o più titoli.
A me capita per esempio di avere sì un gruppo di gioco fisso, ma anche molte serate e situazioni ricchissime di variabili. Quindi se magari con "i soliti" cerchiamo di approfondirte il titolo-fotta del momento, è anche vero che nelle situazioni "vi spiego le regole" una grossa esperienza a quel titolo è più un difetto che un pregio.
L' eccessiva differenza di esperienza rende le partite moscie e prive di interesse. Come si fa a colmare un gap tra chi è alla prima partita e chi ne ha 50?
Ecco perchè a me non dispiace affatto turnare moltissimi titoli. In questo modo posso piazzare sul tavolo un gioco a cui ho fatto una partita due anni fa e godermi l' aspetto competitivo!


Quoto in toto
Offline Mik
Super Goblin
Super Goblin

Avatar utente
TdG Top Supporter
 
Messaggi: 18854
Iscritto il: 16 luglio 2011
Goblons: 130.00
Località: Venezia
Mercatino: Mik

Prossimo

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: SnoWhole e 1 ospite