Sull' ambientazione...

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Messaggioda Cippacometa » 23 mar 2005, 21:45

Ok, direi allora che l'Ambientazione così come è presentata dal Gobbo è assai meno soggettiva.
A 'sto punto, però, occorrerebbe chiarire per bene e definitivamente che cosa si intende per ciascuno dei 5+2 fattori da votare...
Dubitare di tutto o credere a tutto, sono due soluzioni ugualmente comode che ci dispensano entrambe dal riflettere. (H. Poincaré)
Offline Cippacometa
Hàkarl Devourer
Hàkarl Devourer

Avatar utente
Tdg Super Moderator
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Translator
 
Messaggi: 4017
Iscritto il: 17 luglio 2003
Goblons: 1,490.00
Località: Marseille (France)
Mercatino: Cippacometa

Messaggioda Galdor » 24 mar 2005, 10:43

the_goblin ha scritto:Credo ci sia un malinteso che spero di chiarire. Il parametro di valutazione "Ambientazione" non intende votare se a me piace o meno l'ambientazione del gioco. Questo si tradurrebbe effettivamente in coinvolgimento, che di fatto è rappresentato da un altro fattore, extra-GoblinScore, che chiamiamo "Feeling".

Il significato che vorremmo dare a questo parametro, invece, è mirato a valutare quanto il gioco sia integrato con l'ambientazione che lo sorregge oppure quanto essa funga solo da contorno senza avere alcun riferimento nel gioco. La Guerra dell'Anello avrebbe un voto alto, perché le sue strategie e il sistema di gioco sono imprescindibili dall'ambientazione tolkieniana. Di contro, un Vampiri di Knizia (gioco di carte) ha un valore basso di Ambientazione, perché poteva anche essere Faraoni, Pellerossa o qualsiasi altra cosa e il gioco non cambiava.

Come presentata dal Gobbo?
MA non è quello che avevo GIA' detto io?!
:arrow:
Galdor ha scritto:e non è detto che sia un parametro soltanto soggettivo: il voto dato a questa voce infatti può rappresentare quanto bene è stata resa l'ambientazione! Un esempio? In "A Game of Thrones" l'ambientazione è quella della Saga di Martin, ma il gioco la rende non molto bene: un gioco del genere infatti poteva avere tranquillamente come ambientazione anche -che ne so- il mondo di Cerilia (di Birthright) o una lotta tra vari principi del Sacro Romano Impero o addirittura Dune"
Offline Galdor
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 4864
Iscritto il: 15 dicembre 2003
Goblons: 1,600.00
Località: Isengard (Pisa)
Mercatino: Galdor

Messaggioda Cippacometa » 24 mar 2005, 10:50

Galdor ha scritto:MA non è quello che avevo già scritto io?!

Sì, però né tu né io abbiamo detto che dell'Ambientazione va votata soltanto la suddetta "componente oggettiva" (ovvero se una data ambientazione è resa bene ed è funzionale al giuoco) e non va votato quanto l'Ambientazione di un tale gioco piaccia o meno al votatore.
Dubitare di tutto o credere a tutto, sono due soluzioni ugualmente comode che ci dispensano entrambe dal riflettere. (H. Poincaré)
Offline Cippacometa
Hàkarl Devourer
Hàkarl Devourer

Avatar utente
Tdg Super Moderator
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Translator
 
Messaggi: 4017
Iscritto il: 17 luglio 2003
Goblons: 1,490.00
Località: Marseille (France)
Mercatino: Cippacometa

Precedente

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite