sulla dea bendata

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

sulla dea bendata

Messaggioda Gwaihir » 6 ott 2004, 17:07

Vorrei raccogliere in questo thread le opinioni dei Goblin in merito al fattore fortuna nei boardgames. Ho notato che spesso viene premiata l'assenza del suddetto fattore come una qualità assoluta, c'è invece chi ha espresso opinioni differenti nel thread "il gioco meno fortunoso". Vi invito ad esprimere qui le vostre opinioni nei riguardi di questo importante aspetto dei giochi.

La mia opinione è che la totale assenza di fortuna riduce molto l'attrattiva di un gioco che secondo me deve avere una certa dose di "avventura" e i giocatori devono essere bravi ad adattarsi ai cambiamenti imprevisti che possono sopraggiungere.
Altrimenti sarebbe troppo noioso il poter preventivare ogni cosa, un giocatore eleborerebbe la propria strategia "vincente" e porterebbe avanti quella a prescindere da tutto. Per non parlare della variabilità delle partite.
E poi spesso il fattore fortuna rende il gioco molto più divertente, perché ricordiamoci che giochiamo per divertirci prima di tutto. Se devo cercare l'assenza di fortuna vado a giocare a scacchi che è il gioco strategico per eccellenza, perché cercarla in un boardgame che secondo me deve avere anche altre caratteristiche oltre alla strategia pura?
Non credo esista una percentuale ottima del fattore fortuna all'interno di un gioco, dipende da quanto il gioco sa essere divertente nella sua imprevedibilità, certo non dovrebbe superare il 30-40%.
Dite la vostra...
Offline Gwaihir
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2926
Iscritto il: 24 marzo 2004
Goblons: 580.00
Località: Roma
Mercatino: Gwaihir

Re: sulla dea bendata

Messaggioda mork » 6 ott 2004, 17:56

Gwaihir ha scritto:Vorrei raccogliere in questo thread le opinioni dei Goblin in merito al fattore fortuna nei boardgames......


Personalmente devo dire che capisco abbastanza bene entrambi gli schieramenti se di schieramenti si può parlare.
Io nel mio piccolo cerco di prediligere giochi dove la fortuna circola meno e non perchè sono un freddo, cinico, calcolatore ma siccome sono spesso "sfigatissimo" con dadi, carte, etc, cerdo di minimizzare le possibilità di fare la figura del pollo.
Capisco quindi, che ai più, tolta una fetta di "puristi giocatoroni", capiti spesso di rosicare per una partita pregiudicata o persa per l'ennesima botta di sfortuna. Per difetto ovviamente c'è invece chi si fregia spesso di botte di c**o.

Ricordate: "se la fortuna è cieca, la sfiga ci vede BENISSIMO"
:twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted:
MORK

A Roma, la serata ludica è:
THE GOLDEN RULE
Offline mork
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4595
Iscritto il: 31 marzo 2004
Goblons: 470.00
Località: Roma - De Sanctis Villa
Mercatino: mork

Messaggioda rporrini » 6 ott 2004, 19:41

Mi riferisco al mio post nell'altro thread sullo stesso tema.

Abbiamo due limiti opposti: Il gioco "tutto fortuna" che tende a "chi tira il dado più alto" ed il gioco "tutto calcolo" che tende a scacchi.

Tra questi due estremi esistono varie miscele di fortuna e calcolo.

Secondo me sono validi tutti quei giochi in cui la fortuna incide tra il 10 ed il 49%.
Immagine
Calcolo fatto sul prezzo di 1500 lire a pacchetto.
Offline rporrini
Magister Antiquitatis
Magister Antiquitatis

Avatar utente
Tdg Super Moderator
Top Author
Top Uploader 1 Star
Tdg Supporter
 
Messaggi: 9595
Iscritto il: 20 febbraio 2004
Goblons: 780.00
Località: Roma - First Valley
Utente Bgg: rporrini
Board Game Arena: rporrini
Yucata: rporrini
Facebook: rporrini
Mercatino: rporrini
Puerto Rico Fan Tocca a te fan Terra Mystica Fan Alta Tensione Fan Alhambra Fan Sono stato alla Gobcon 2016

Re: sulla dea bendata

Messaggioda orsinidan » 7 ott 2004, 8:17

Gwaihir ha scritto:Non credo esista una percentuale ottima del fattore fortuna all'interno di un gioco, dipende da quanto il gioco sa essere divertente nella sua imprevedibilità, certo non dovrebbe superare il 30-40%. Dite la vostra...


Ciao,
in un mio giudizio circa un boardgame recensito, parlai di "aleatorio intelligente" come di quel fattore randomico necessario ad ogni gioco, purchè non determinante e foriero di particolari sbilanciamenti sull'esito della partita (citai i soliti El Grande, Power Grid, T&E, GOA, ecc.), nel corso della quale chiaramente sarebbe dovuta emergere come protagonista assoluta la strategia, la tattica, le capacità gestionali, ecc. dei vari contendenti!!!!
Ecco, secondo me un "aleatorio intelligente" è requisito imprescindibile per qualunque boardgame!!!

Saluti
orsinidan
Offline orsinidan
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 143
Iscritto il: 09 luglio 2004
Goblons: 60.00
Località: Roma (Quartiere: San Paolo)
Mercatino: orsinidan

Messaggioda Lobo » 7 ott 2004, 9:15

Concordo con G. La fortuna serve ed aiuta a rendere la partita più flessibile, ma deve essere una componenete, non il core.
Esempio:
Risiko è dominato dalla fortuna (i dadi e le carte decidono tutto a parità di livello) ed è insopportabile.
El Grande ha una componente fortuna nella pesca delle carte, ma il resto è strategico.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

Offline Lobo
Crazy Goblin
Crazy Goblin

Avatar utente
TdG Top Supporter
TdG Organization Plus
TdG Administrator
TdG Editor
Top Author 2 Star
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader 2 Star
TdG Top Supporter
 
Messaggi: 3727
Iscritto il: 09 giugno 2003
Goblons: 20,011,502.00
Località: Flaminius - TdG
Utente Bgg: Lobo
Board Game Arena: LGZ
Mercatino: Lobo
Puerto Rico Fan Twilight Struggle fan Sono un Goblin Terra Mystica Fan Membro della giuria Goblin Magnifico Star Wars: X-Wing Fan BoardGameArena Player Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col rosso Tifo Roma Gundam fan Goldrake fan Podcast Fan Ventennale Goblin

Messaggioda mork » 7 ott 2004, 9:17

Lobo ha scritto:Concordo con G. La fortuna serve ed aiuta a rendere la partita più flessibile, ma deve essere una componenete, non il core.
Esempio:
Risiko è dominato dalla fortuna (i dadi e le carte decidono tutto a parità di livello) ed è insopportabile.
El Grande ha una componente fortuna nella pesca delle carte, ma il resto è strategico.


Te lo appoggio incondizionatamente....
:twisted: :twisted: :twisted: :twisted:
MORK

A Roma, la serata ludica è:
THE GOLDEN RULE
Offline mork
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4595
Iscritto il: 31 marzo 2004
Goblons: 470.00
Località: Roma - De Sanctis Villa
Mercatino: mork

Messaggioda kane » 8 ott 2004, 11:08

Lobo ha scritto:La fortuna serve ed aiuta a rendere la partita più flessibile, ma deve essere una componenete, non il core.


anche io mi schiero su questo versante... La fortuna non deve divenire la parte preponderante del gioco!

Kane The Bastard Inside

Offline kane
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 1225
Iscritto il: 10 febbraio 2004
Goblons: 70.00
Località: Roma
Mercatino: kane

Messaggioda genma1 » 9 ott 2004, 13:09

Lobo ha scritto:Concordo con G. La fortuna serve ed aiuta a rendere la partita più flessibile, ma deve essere una componenete, non il core.
Esempio:
Risiko è dominato dalla fortuna (i dadi e le carte decidono tutto a parità di livello) ed è insopportabile.
El Grande ha una componente fortuna nella pesca delle carte, ma il resto è strategico.


Concordo pienamente, il gioco deve essere dominabile e gli eventi casuali devono solamente tenere sveglio il giocatore per rispondere alle diverse situazioni che si presentano...

Sul risiko in parte concordo, ma è strano che Puerto Rico dove il fattore random è davvero ridotto risulti meno controllabile di Risiko dove la fortuna impera...voglio dire: ho giocato molto ad entrambi i titoli ma
se gioco a Risiko con gente poco esperta quasi sicuramente vincerò (dadi permettendo!!! :-))
Se gioco a Puerto rico con tre giocatori poco esperti vincerò al 30%...strano no?
Offline genma1
Saggio
Saggio

Avatar utente
Top Reviewer 2 Star
 
Messaggi: 1955
Iscritto il: 06 luglio 2004
Goblons: 4,260.00
Località: Roma(RM) e Frosinone(FR)
Mercatino: genma1

Messaggioda genma1 » 12 ott 2004, 8:39

JesseCuster ha scritto:Evidentemente non sei una Cima a Porto rico. ;)


Questo è certo... :grin:
però vorrei conoscere qualcuno davvero forte per capire il meccanismo...tu lo conosci?
Offline genma1
Saggio
Saggio

Avatar utente
Top Reviewer 2 Star
 
Messaggi: 1955
Iscritto il: 06 luglio 2004
Goblons: 4,260.00
Località: Roma(RM) e Frosinone(FR)
Mercatino: genma1

Messaggioda ermes73 » 12 ott 2004, 10:46

...di solito...più è alto il fattore fortuna più è basso il peso strategico e quindi il gioco è meno intrigante...un gioco del tutto basato sulla fortuna ha un fattore di rigiocabilità molto basso a mia opinione...magari la prima partita ti può divertire, ma poi?...Quando ti accorgi che le tue scelte durante una partita non hanno influenza in maniera pesante per cambiarne la direzione, in qualche modo smetti di pensare...e questa è la morte del gioco.

Sono d'accordissimo con Lobo quando dice:

Lobo ha scritto:La fortuna serve ed aiuta a rendere la partita più flessibile, ma deve essere una componenete, non il core.


Il fattore fortuna è inversamente proporzionale al fattore strategico. Un buon gioco per me deve avere il giusto equilibro tra i due fattori. Io personalmente preferisco che prevalga il fattore strategico proprio perchè pensare mentre si gioca è fondamentale...!
(H)Ermes
Messagero degli dei e guida delle anime
La Terra-di-Mezzo©...per chi ama la letteratura Fantasy
Offline ermes73
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1990
Iscritto il: 22 dicembre 2003
Goblons: 40.00
Località: Roma (Italy)
Mercatino: ermes73

Messaggioda BestiaDisumanA » 13 ott 2004, 9:11

ermes73 ha scritto:...Il fattore fortuna è inversamente proporzionale al fattore strategico. Un buon gioco per me deve avere il giusto equilibro tra i due fattori. Io personalmente preferisco che prevalga il fattore strategico proprio perchè pensare mentre si gioca è fondamentale...!


La Bestia conviene, però ogni tanto un bel giochino per riposare i neuroni ci vuole, eppoi tirare una tonnellata di dadi ha il suo fascino... :twisted:
fallire la propria vita è un diritto inalienabile
Offline BestiaDisumanA
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 29 settembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Caserta
Mercatino: BestiaDisumanA

Messaggioda genma1 » 13 ott 2004, 9:51

Inoltre bonanza non sarà un gioco strategico....ma vogliamo dire che non sia troppo divertente?!!
Offline genma1
Saggio
Saggio

Avatar utente
Top Reviewer 2 Star
 
Messaggi: 1955
Iscritto il: 06 luglio 2004
Goblons: 4,260.00
Località: Roma(RM) e Frosinone(FR)
Mercatino: genma1

Messaggioda mork » 13 ott 2004, 9:56

BestiaDisumanA ha scritto:
La Bestia conviene, però ogni tanto un bel giochino per riposare i neuroni ci vuole, eppoi tirare una tonnellata di dadi ha il suo fascino... :twisted:


Sono d'accordo.
Giochi meno impegnativi non sono da disperezzare basta giorcarli nella giusta ottica per esempio in una pausa tra un gioca impegnativo e l'altro.
"Il secchiello di dadi" è un'immaggine cara anche a me!!!!!

:twisted: :twisted: :twisted: :twisted:
MORK

A Roma, la serata ludica è:
THE GOLDEN RULE
Offline mork
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4595
Iscritto il: 31 marzo 2004
Goblons: 470.00
Località: Roma - De Sanctis Villa
Mercatino: mork

Prossimo

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti