Terminologia geek applicata

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Terminologia geek applicata

Messaggioda Anatra » 17 giu 2011, 22:32

Non so se capita anche in altri gruppi di gioco, ma nel nostro ci sono dei termini specifici per definire o sottolineare particolari situazioni di gioco o giocatori.

Kiòkkiò: forma onomatopeica che descrive compiutamente il rumore di un fucile requiem. Termine adottato in seguito per ogni scontro a fuoco o simile, da Magic a Heroscape

Giochessa: combo particolarmente ben riuscita. Da utilizzare quando si è sicuri al 100%. Il termine in questione va enunciato PRIMA di qualsiasi azione.

Sgrò: termine generico atto ad indicare qualcosa di particolarmente grosso, cui fa seguito la risposta dell'avversario "Ci serve una barca più grossa" ad indicarne l'effettiva pericolosità e peso.

Fava Lessa: titolo acquisito sul campo da un particolare giocatore quando giocando a Battlestar Galactica pur essendo umano fa finta di essere Cylone.
Offline Anatra
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1413
Iscritto il: 19 settembre 2006
Goblons: 20.00
Località: Interzona
Mercatino: Anatra

Messaggioda 1bez » 17 giu 2011, 23:45

Qualche termine particolarmente ricorrente nel mondo dei giochi di carte ma non solo:

Sgravato: indica un setting, una combinazione, un'unità particolarmente potenti (al limite dell'accettabile da tanto rischia di pregiudicare l'equilibrio della partita).

Topdeccare: italianizzazione di top-dec: pescare dalla cima del mazzo.

Lamer: con accezione dispregiativa, solitamente rivolta all'avverasario in conseguenza dell'inettitudine dimostrata in una o più circostanze.

Niubbo (o gnubbo): principiante. Italianizzazione di un neologismo inglese (noob, che a sua volta sta per newbie: novizio, novellino)

GiGi: acronimo di good game. Utilizzato quando si compie una mossa particolarmente riuscita che porta o può portare alla vittoria.

Babbano: individuo che non gioca o comunque esterno al mondo del gioco. Trattasi di neologismo derivante dalla saga di Harry Potter e originariamente riferito ai comuni mortali privi di poteri magici (esterni quindi al mondo della magia), applicato - per estensione - al mondo del gioco.

Morchia: elemento del gioco di valore particolarmente scarso o negativo, con contributo pressochè nullo se non addirittura pregiudizievole alla riuscita strategica o tattica del giocatore.

Ce ne sarebbero molti altri ma attualmente non mi vengono in mente...
L'uomo gioca soltanto quando è uomo nel significato più pieno del termine, ed egli è interamente uomo soltanto quando gioca.

[Friedrich Schiller, "Dell'educazione estetica dell'uomo"]
Offline 1bez
Maestro
Maestro

Avatar utente
TdG Organization
 
Messaggi: 949
Iscritto il: 07 agosto 2007
Goblons: 412.00
Località: Venezia (VE)
Mercatino: 1bez
Membro della giuria Goblin Magnifico Sono stato alla Gobcon 2016


Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: s83m e 2 ospiti