[IMPRESSIONI] The 7th Continent

Discussioni generali sui giochi da tavolo, di carte (non collezionabili/LCG) o altri tipi di gioco che non hanno un Forum dedicato. Indicate sempre il gioco di cui parlate nel titolo dei vostri post e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum, come la guida per l'uso dei TAG nelle discussioni.

Moderatori: IGiullari, Agzaroth, romendil, rporrini, Jehuty, UltordaFlorentia, Hadaran

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda redbairon » 2 set 2017, 15:13

Leles ha scritto:
redbairon ha scritto:Pandemia ha 4 azioni basilari eh.... muovo o tolgo cubo..... eppure male male non è! Concordo con il rischio alpha player, essendo un gioco ad informazione aperta uguale per tutti i giocatori il rischio c'è come in pandemia (ancora!), andor, ghost stories, robinson crusoe e via discorrendo. In the 7th continent più che un esploratore gestisci un team di esploratori (che spesso per avere maggior successo fanno l'azione quasi sempre insieme... ecco un difetto a mio parere).
Sui gusti non si discute (ed infatti la media del 9 con 1000 voti su bgg non ci sta proprio a mio parere) ma è un gioco a suo modo unico o comunque raro, che trasuda la passione degli autori, costoso, che alterna illustrazioni molto belle ad altre meno riuscite, che ha un regolamento non sempre chiaro (1000 e passa carte, vuoi che non ci sia qualche punto ? ogni tanto che necessita di faq) e che ha delle errata (per ora circa una 20 ina di carte scarse alcune critiche). È un libro game gigante, l'ambientazione e la curiositá la fanno da padrone più delle meccaniche di gioco che per quanto semplici non sono banali.
Ripeto impressioni.


Paragoni tutti giochi molto diversi tra loro, ad ogni modo le "decisioni da prendere" che tu elenchi non fanno certo parte delle meccaniche: è ovvio che devo decidere da che parte andare e quando andarci e che oggetto usare...
Parliamo piuttosto del fattore alea altissimo. Tutte queste decisioni per un gioco che affida tutti i suoi aspetti alla pesca casuale delle carte (luoghi, oggetti, stelle del successo, condizioni del personaggio) non saranno un po' troppe?
per meccanica basilare intendo esattamente questo: non si sono sforzati minimamente a renderla più articolata (per esempio dei dadi al posto delle stelline sulle carte? tanto per dirne una...): si muove, si esplora e si gira carta...Inoltre le decisioni di cui parli per il 90% sono obbligate dalla situazione.
Continuo ad essere convinto che sia un libro game...niente di più. Il gusto alla fine non sta nell'aver risolto la missione ma nell'aver letto una storia interessante...se poi lo giocate con chi non conosce la lingua ci si perde l'unico aspetto interessante di tutte queste carte. :asd: :asd:


L'alea è presente, assolutamente, però non capisco perchè se gioco ad un qualunque gioco (da Twilight imperium ad Eclipse, o qualunque dungeon crawler) dove per colpire devo ottenere 6 (esempio eh) col lancio di un un dado ma il valore può essere raggiunto più facilmente con oggetti, skill, abilitá ed eventi è una figata pazzesca, addirittura Epico, mentre in questo (ma ricordo anche la discussione su Arkham horror lcg) invece l'alea è altissima, addirittura incontrollabile..... quando il meccanismo è lo stesso.
L'inglese utilizzato per quanto abbastanza scolastice è tanto quindi è necessario che qualcuno al tavolo sia in grado di comprenderlo.
Ultima modifica di redbairon il 2 set 2017, 20:32, modificato 1 volta in totale.
Offline redbairon
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 837
Iscritto il: 24 maggio 2010
Goblons: 0.00
Località: Torino
Utente Bgg: redbairon
Mercatino: redbairon

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda kadaj » 2 set 2017, 16:05

Leles ha scritto:Ti suggerisco di aspettare la localizzazione.


Grazie mille. Dici questo perchè stata annunciata la localizzazione?
Offline kadaj
Goblin Scriptor
Goblin Scriptor

Avatar utente
 
Messaggi: 27585
Iscritto il: 21 agosto 2009
Goblons: 14.00
Località: Aosta
Mercatino: kadaj
Io faccio il Venerdi GdT! Sono di bocca buona

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda Leles » 2 set 2017, 19:26

No, non ne so nulla...ma penso che un prodotto del genere faccia gola a molti. Ad ogni modo così, secondo me, sarebbero soldi buttati.
Non sono le nostre capacità che ci dicono chi siamo veramente, sono le nostre scelte!
Offline Leles
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
Top Uploader
 
Messaggi: 3024
Iscritto il: 14 gennaio 2008
Goblons: 1,050.00
Località: Roma
Utente Bgg: Leles
Mercatino: Leles
Sei iscritto da 5 anni.

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda gen0 » 4 set 2017, 11:27

Leles ha scritto: Ho giocato con 2 persone che sapevano male l'inglese e per non perdersi il gusto del gioco volevano leggersi da soli le carte...col vocabolario! è stato un massacro.


Strano non l'avrei mai detto perchè come idea sembra molto sensata e valida

:rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:
Immagine
Offline gen0
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Editor
 
Messaggi: 3639
Iscritto il: 14 luglio 2014
Goblons: 400.00
Località: Roma
Utente Bgg: gen0
Mercatino: gen0
Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Podcast Maker I love American

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda kadaj » 4 set 2017, 14:01

gen0 ha scritto:
Leles ha scritto: Ho giocato con 2 persone che sapevano male l'inglese e per non perdersi il gusto del gioco volevano leggersi da soli le carte...col vocabolario! è stato un massacro.


Strano non l'avrei mai detto perchè come idea sembra molto sensata e valida

:rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:


Sì, anche loro dei fenomeni
Offline kadaj
Goblin Scriptor
Goblin Scriptor

Avatar utente
 
Messaggi: 27585
Iscritto il: 21 agosto 2009
Goblons: 14.00
Località: Aosta
Mercatino: kadaj
Io faccio il Venerdi GdT! Sono di bocca buona

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda linx » 5 set 2017, 11:37

Un librogame ben fatto è in effetti un ottimo gioco. Se perlopiù può essere giocato in gruppo e propone delle scelte interessanti, non solo dettate dall' espressione "proviamo così" o "facciamo così che abbiamo già visto l'ultima volta che è giusto" come succede in TIME Stories... allora è quello che sto aspettando di giocare da quando l'hanno annunciato.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 7212
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 1,320.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda gen0 » 5 set 2017, 11:51

linx ha scritto:Un librogame ben fatto è in effetti un ottimo gioco. Se perlopiù può essere giocato in gruppo e propone delle scelte interessanti, non solo dettate dall' espressione "proviamo così" o "facciamo così che abbiamo già visto l'ultima volta che è giusto" come succede in TIME Stories... allora è quello che sto aspettando di giocare da quando l'hanno annunciato.


sono meccanismi totalmente diversi. L'errore che fai alla base è paragonare time stories ad un libro game. Non è così. E' un paragone di comodo che fai per smontare TS di cui chiaramente non hai compreso i fini, ma non è attinente.

E' come se dicessi che è meglio spendere 900€ per il millennium falcon della lego rispetto ad acquistare un cavallo, paragonandoli perchè entrambi si montano, ma almeno il set lego non richiede altre spese per mantenerlo.
Immagine
Offline gen0
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Editor
 
Messaggi: 3639
Iscritto il: 14 luglio 2014
Goblons: 400.00
Località: Roma
Utente Bgg: gen0
Mercatino: gen0
Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Podcast Maker I love American

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda Ale Friend » 5 set 2017, 12:04

?

Sono entrambi giochi di esplorazione vera, dove parti.cieco e devi piano piano farti strada. Anche io sono MOLTO più attratto da 7c che da Time Stories proprio perché mi sembra incarnare meglio lo.spirito di esplorazione pura non finalizzata a un binario rigido che sa sempre un po' di videogame o.dungeon crawling vecchio stampo.
TimeSt tra avventura soggettiva e run nel tempo ha potenzialmente le carte per creare un pathos memorabile, e così mi piacerebbe fosse, colpi di scena, storie, laddove sento tristemente che i plot si stiracchiano e i giocatori si divertono ma non hanno più (o mai) quel brivido che sognavano.

Concordo con la lettura di Linx e soprattutto chiedo in che senso sono un falcon e un cavallo messi a confronto...

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Le Parti e il Tutto - Uno sguardo attento tra i giochi e gli uomini

https://lepartiltutto.wordpress.com/
Offline Ale Friend
Maestro
Maestro

 
Messaggi: 863
Iscritto il: 03 aprile 2015
Goblons: 20.00
Mercatino: Ale Friend

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda gen0 » 5 set 2017, 12:26

Ale Friend ha scritto:?

Sono entrambi giochi di esplorazione vera, dove parti.cieco e devi piano piano farti strada. Anche io sono MOLTO più attratto da 7c che da Time Stories proprio perché mi sembra incarnare meglio lo.spirito di esplorazione pura non finalizzata a un binario rigido che sa sempre un po' di videogame o.dungeon crawling vecchio stampo.
TimeSt tra avventura soggettiva e run nel tempo ha potenzialmente le carte per creare un pathos memorabile, e così mi piacerebbe fosse, colpi di scena, storie, laddove sento tristemente che i plot si stiracchiano e i giocatori si divertono ma non hanno più (o mai) quel brivido che sognavano.

Concordo con la lettura di Linx e soprattutto chiedo in che senso sono un falcon e un cavallo messi a confronto...

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk


uhm forse sono stato troppo...criptico...diciamo...

"sono entrambi giochi di esplorazione" è una banalizzazione. Come tutte le banalizzazioni è superficiale e scopre il fianco. Un po' come dire che
lei

Immagine

e lei

Immagine

"sono solo due donne".


Time Stories non si basa sul creare vari binari nella storia in base alle scelte fatte, perchè se quello fosse il suo vero scopo avrebbero fatto quello che han fatto tutti finora, cioè appunto dare una storia da percorrere con 1 o più punti diversi di arrivo e percorribile in tanti vari modi, che è quello che fanno i libri game.
No, l'obiettivo di time stories, il fulcro concettuale "ludico" su cui si basa, è quello di avere un tempo limitato di azione ma di poter rivivere diverse volte la stessa giornata.
E' fondamentalmente un Groundhog Day / Ricomincio da capo in salsa ludica. Bill Murray aveva solo una giornata da vivere che però gli si resettava ogni volta, lasciandogli conoscenza di tutto quello che aveva vissuto.

Il tipo di avventura che offre time stories non è: "fai la tua scelta ma attento che questa creerà un bivio nella tua storia e andrà a modificare l'andamento della stessa in una decina di modi diversi".
Il tipo di avventura che offre TS è: "Hai una missione. Hai X ore per portarla a termine ma puoi ritornare indietro nel tempo 2-3 volte. Se non ci riesci alla prima ricordati quello che hai fatto perchè potrai porvi rimedio dopo, e quando fai una scelta attento, perchè potrebbe portarti lontano dalla tua missione e farti solo perdere tempo, se te ne rendi conto ricordatelo e la volta dopo non ripetere questo errore. Quindi gioca, vivi la tua avventura e trova il modo migliore per portarla a termine". Che è diverso da: "vivi la tua avventura e vedi come si dipanerà la trama seguendo le tue scelte"

E' una differenza abissale (se non si banalizza generalizzando). Perchè da una parte hai una sequenza di scelte da fare con conseguenze che ti porteranno al tuo finale con la tua storia. Dall'altra hai un obiettivo da raggiungere nel migliore dei modi, una sorta di puzzle di eventi da mettere insieme nel migliore dei modi sfruttando l'esperienza acquisita dagli errori passati.
Che è appunto quello che faceva Murray in Ricomincio da capo.
Lui sapeva che alle 9 doveva trovarsi in quella via per salvare il tizio dalla caduta, che alle 10 poteva evitare alla signora di far cadere il cesto di mele ecc. Ed ogni giorno riesce a fare tutto in meno tempo. Ed infatti a forza di rivivere quella giornata trova il modo per far tornare tutto fino al punto di capire quale è la sua vera missione e perchè si è trovato in questo loop.
Immagine
Offline gen0
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Editor
 
Messaggi: 3639
Iscritto il: 14 luglio 2014
Goblons: 400.00
Località: Roma
Utente Bgg: gen0
Mercatino: gen0
Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Podcast Maker I love American

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda linx » 5 set 2017, 13:25

Le due donne là sopra mi paiono perfettamente paragonabili, avendo molto in comune fra loro. Posso giudicare infatti le varie componenti della loro faccia e circostanziare il perché una mi piaccia più dell'altra (che non vuol dire necessariamente che la seconda è migliore della prima, visto che la prima è molto più caratterizzante e utile per certe cose).

Ritengo che il punto di attrazione (non la meccanica di base) di entrambi i giochi sia il "vediamo cosa succede se faccio così", con maggiori o minori elementi o motivi per rendere la scelta motivata (cosa che mi piace di più) o istintiva (mi piace meno). In tal senso li trovo paragonabili. O ritengo comunque che abbia senso porre TIME Stories come termine di riferimento magari conosciuto da chi sta conversando qua per far capire cosa per me è intrigante e cosa no. Io come voi sto qua a capire se 7C può essere veramente ciò che aspetto.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 7212
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 1,320.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda gen0 » 5 set 2017, 13:46

linx ha scritto:Le due donne là sopra mi paiono perfettamente paragonabili, avendo molto in comune fra loro. Posso giudicare infatti le varie componenti della loro faccia e circostanziare il perché una mi piaccia più dell'altra (che non vuol dire necessariamente che la seconda è migliore della prima, visto che la prima è molto più caratterizzante e utile per certe cose).


il fulcro dell'esempio di quelle due è che definirle entrambe "delle donne" è una banalizzazione. Vera. Ma una banalizzazione.


Ritengo che il punto di attrazione (non la meccanica di base) di entrambi i giochi sia il "vediamo cosa succede se faccio così", con maggiori o minori elementi o motivi per rendere la scelta motivata (cosa che mi piace di più) o istintiva (mi piace meno). In tal senso li trovo paragonabili. O ritengo comunque che abbia senso porre TIME Stories come termine di riferimento magari conosciuto da chi sta conversando qua per far capire cosa per me è intrigante e cosa no. Io come voi sto qua a capire se 7C può essere veramente ciò che aspetto.


Non si possono paragonare le scelte dei vari titoli perchè variano. TS ha scelte da fare istintive e ha scelte da fare a seguito di informazioni pregresse. E lo stesso vale per i libri game. "La donna ti offre di accompagnarti con la sua carrozza. Se accetti il passaggio vai a 320 altrimenti vai a 20". Spessissimo si sceglie per istinto anche nei libri game. Mi fido di questa donna nel bosco con una carrozza? Anche perchè poi pure nella realtà non è che ci siano sempre ottime motivazioni per fare le continue scelte che ci troviamo ad affrontare.

La differenza è che in TS, per il suo meccanismo base, ci sono volutamente più "vicoli ciechi" atti a farti perder tempo e basta, mentre un libro game, dovendoti far andare avanti comunque (il tempo non scade come in TS), ti continua a trascinare verso il finale pur penalizzandoti in diversi modi (fino alla morte).

Considerato che 7C non ha un meccanismo di "il tempo scade ricomincia", immagino avrà più un metodo simile al libro game
Immagine
Offline gen0
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Editor
 
Messaggi: 3639
Iscritto il: 14 luglio 2014
Goblons: 400.00
Località: Roma
Utente Bgg: gen0
Mercatino: gen0
Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Podcast Maker I love American

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda redbairon » 5 set 2017, 14:50

The 7th continent è un gioco di esplorazione e sopravvivenza. C'è una storia, ma direi che è più da contorno.
Il continente è grande, l'impressione è che non si ha il tempo (energia) per esplorarlo tutto ma devi dedicare le energie (il mazzo di carte) al raggiungimento dello scopo dello scenario; ad esempio sto giocando il primo scenario, e ho trovato l'ingresso di un tempio tra la vegetazione ma ho poca energia e non voglio sprecarla per esplorarlo poichè non lo ritengo utile al mio scopo attuale. Probabilmente ogni scenario si focalizza su parte del continente (sensazioni).
Anche qui come in time stories man mano che si gioca è importante memorizzare la mappa e i vari punti chiave per proseguire con la trama così da spendere il minor quantitativo di energia possibile nel caso si ricominciasse l'avventura (so che mi serve quell'oggetto e che devo andare a nord e non a sud); sul sito è possibile scaricare fogli appunti per disegnare la mappa e prendere note man mano che si scoprono nuove porzioni di territorio.
In the 7th quando ricominci la partita hai la possibilità di avere eventi diversi che portano alla stessa risoluzione; ad esempio ricordo che in quel punto preciso della mappa ho trovato una chiave nascosta in un cespuglio con spine ( grazie al fuoco ho bruciato il cespuglio e preso la chiave), quando ripeto la partita la chiave è sempre li' nello stesso punto ma nella pancia di una bestia da combattere (tutto inventato, no spoiler). Non so dire quante possibilità sono preveiste per qeusti tipi di eventi poichè ho ricominciato la partita solo una volta ed è ancora in corso.
Quindi anche in the 7th continent come in TS c'è un percorso definito (in teoria puoi andare dove vuoi nel continente e fare le azioni che desideri ma non ce la faresti con l'energia), percorso che impari con l'esperienza delle partite precedenti ma che può avere avuto uno svolgimento differente in alcune parti visto il numero di oggetti, azioni ed eventi diversi pur raggiungendo gli stessi risultati.
Inoltre la possibilità di avere condizioni di salute sfavorevoli dovute al fallimento di alcune azioni (stanchezza, freddo, paranoia ....) e la possibilità di procurarsi cibo e livellare (acquisire azioni e oggetti più potenti tra una vasta scelta disponibili casualmente) aggiunge ulteriore varietà al gioco.
La mappa è grande, ogni carta del gioco è un quadrato di 8cm e pare che la mappa del continente quando totalmente esplorato sia un quadrato di 2m (circa 25carte per lato, vi assicuro che è grande).
Pare che la prima maledizione sia la più lunga come tempi di gioco (tra le 20/30 ore) perchè il continente è totalmente inesplorato, le altre decisamente più brevi (ho letto anche 3/5 ore).
Non è un gioco per tutti, il flusso è lento, bisogna sempre prendere / posizionare / leggere le carte man mano che si esplora (più di 1000 carte) e come già avevo sottolineato è un gioco che si presta al "giocatore alpha" poichè quando si goca insieme bisogna pensare che si gestisce un gruppo di esploratori.
Per ora mi sto divertendo molto, lo sto giocando in solo con 2 esploratori e la curiosità di sapere cos'altro troverò nel continente è forte, come ho già detto è unico nel suo genere (senza dare un giudizio definitivo per ora).
Offline redbairon
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 837
Iscritto il: 24 maggio 2010
Goblons: 0.00
Località: Torino
Utente Bgg: redbairon
Mercatino: redbairon

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda Ale Friend » 5 set 2017, 15:37

Rielaboro. Premesso che parlo.Di.impressioni A PELLE ore prova. Ho parlato e detto del Pathos. Il ripetere la giornata di time stories alla seconda e ancora più alla terza ammazza questa esplorazione, perché vuoi sbrigarti a rifare tutto il percorso per arrivare a finire. Idea potenzialmente meravigliosa (infatti curioso di Tragedy Looper)ma che se resa così può diventare un sonoro calo.Di tensione nel flusso di gioco, per poi portare a una trama che potrebbe non ripagare. Questa lettura emerge da diversi feedback ricevuti da chi ha giocato o commentato. Voglio provarlo uguale, ma considerando che appunto poteva essere di più.

Il discorso sulle donne sinceramente mi pare dialettica, si parla di pathos e intensità dell'esperienza nel.complesso. I due giochi di concetto nemmeno sono troppo distanti, ma si potrebbe fare un discorso affine anche fuor di genere

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Le Parti e il Tutto - Uno sguardo attento tra i giochi e gli uomini

https://lepartiltutto.wordpress.com/
Offline Ale Friend
Maestro
Maestro

 
Messaggi: 863
Iscritto il: 03 aprile 2015
Goblons: 20.00
Mercatino: Ale Friend

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda gen0 » 5 set 2017, 15:54

Ale Friend ha scritto:Rielaboro. Premesso che parlo.Di.impressioni A PELLE ore prova. Ho parlato e detto del Pathos. Il ripetere la giornata di time stories alla seconda e ancora più alla terza ammazza questa esplorazione, perché vuoi sbrigarti a rifare tutto il percorso per arrivare a finire. Idea potenzialmente meravigliosa (infatti curioso di Tragedy Looper)ma che se resa così può diventare un sonoro calo.Di tensione nel flusso di gioco, per poi portare a una trama che potrebbe non ripagare. Questa lettura emerge da diversi feedback ricevuti da chi ha giocato o commentato. Voglio provarlo uguale, ma considerando che appunto poteva essere di più.


poteva essere di più ma non l'hai provato XD quindi quel "poteva essere di più" rispetto alle opinioni di altri mi sembra alquanto pretestuoso, non puoi saperlo come dici giustamente anche tu.

il calo di pathos quando sai già tutto è comunque vero, ma sapere già tutto significa aver finito il tempo ad un passo dal finale avendo collezionato tutto il necessario, cosa che a me, su base+exp1+exp2+exp3 non è mai successo. Non capita a meno di non aver giocato molto male, perchè di solito alla prima partita vedi ben poco, alla seconda arrivi a 3/4, alla terza lo finisci. Ed il tempo che impieghi a rifare determinate parti che già conosci è sempre inferiore ovviamente.
Non è che impieghi 1 ora a rifare un pezzo che già conosci perchè sì, in quel caso franerebbe qualcosa.

E proprio per evitarlo in alcune missioni, senza fare spoiler, è possibile ripartire da uno stato più avanzato rispetto a quello iniziale, consci del fatto che ci sarebbe voluta una vita a rifare tutta la parte prima.

E torno a ripetere che accade la STESSA identica cosa nei libri game. Quando capitava di morire a metà storia o alla fine spesso rifacevi le stesse identiche cose, saltavi i paragrafi perchè già li avevi letti, scorrevi subito alla scelta capitolo ecc.
Immagine
Offline gen0
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Editor
 
Messaggi: 3639
Iscritto il: 14 luglio 2014
Goblons: 400.00
Località: Roma
Utente Bgg: gen0
Mercatino: gen0
Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Podcast Maker I love American

Re: [IMPRESSIONI] The 7th Continent

Messaggioda gen0 » 5 set 2017, 15:55

redbairon ha scritto:The 7th continent è un gioco di esplorazione e sopravvivenza. C'è una storia, ma direi che è più da contorno.
Il continente è grande, l'impressione è che non si ha il tempo (energia) per esplorarlo tutto ma devi dedicare le energie (il mazzo di carte) al raggiungimento dello scopo dello scenario; ad esempio sto giocando il primo scenario, e ho trovato l'ingresso di un tempio tra la vegetazione ma ho poca energia e non voglio sprecarla per esplorarlo poichè non lo ritengo utile al mio scopo attuale. Probabilmente ogni scenario si focalizza su parte del continente (sensazioni).
Anche qui come in time stories man mano che si gioca è importante memorizzare la mappa e i vari punti chiave per proseguire con la trama così da spendere il minor quantitativo di energia possibile nel caso si ricominciasse l'avventura (so che mi serve quell'oggetto e che devo andare a nord e non a sud); sul sito è possibile scaricare fogli appunti per disegnare la mappa e prendere note man mano che si scoprono nuove porzioni di territorio.
In the 7th quando ricominci la partita hai la possibilità di avere eventi diversi che portano alla stessa risoluzione; ad esempio ricordo che in quel punto preciso della mappa ho trovato una chiave nascosta in un cespuglio con spine ( grazie al fuoco ho bruciato il cespuglio e preso la chiave), quando ripeto la partita la chiave è sempre li' nello stesso punto ma nella pancia di una bestia da combattere (tutto inventato, no spoiler). Non so dire quante possibilità sono preveiste per qeusti tipi di eventi poichè ho ricominciato la partita solo una volta ed è ancora in corso.
Quindi anche in the 7th continent come in TS c'è un percorso definito (in teoria puoi andare dove vuoi nel continente e fare le azioni che desideri ma non ce la faresti con l'energia), percorso che impari con l'esperienza delle partite precedenti ma che può avere avuto uno svolgimento differente in alcune parti visto il numero di oggetti, azioni ed eventi diversi pur raggiungendo gli stessi risultati.
Inoltre la possibilità di avere condizioni di salute sfavorevoli dovute al fallimento di alcune azioni (stanchezza, freddo, paranoia ....) e la possibilità di procurarsi cibo e livellare (acquisire azioni e oggetti più potenti tra una vasta scelta disponibili casualmente) aggiunge ulteriore varietà al gioco.
La mappa è grande, ogni carta del gioco è un quadrato di 8cm e pare che la mappa del continente quando totalmente esplorato sia un quadrato di 2m (circa 25carte per lato, vi assicuro che è grande).
Pare che la prima maledizione sia la più lunga come tempi di gioco (tra le 20/30 ore) perchè il continente è totalmente inesplorato, le altre decisamente più brevi (ho letto anche 3/5 ore).
Non è un gioco per tutti, il flusso è lento, bisogna sempre prendere / posizionare / leggere le carte man mano che si esplora (più di 1000 carte) e come già avevo sottolineato è un gioco che si presta al "giocatore alpha" poichè quando si goca insieme bisogna pensare che si gestisce un gruppo di esploratori.
Per ora mi sto divertendo molto, lo sto giocando in solo con 2 esploratori e la curiosità di sapere cos'altro troverò nel continente è forte, come ho già detto è unico nel suo genere (senza dare un giudizio definitivo per ora).


Molto interessante.

quindi il gioco prevede il reiterare la partita più volte?

come fai ad aumentare il tempo a disposizione? Perchè se la mappa è così grande immagino che per farla da parte a parte serva aumentare il tempo o no?
Immagine
Offline gen0
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Editor
 
Messaggi: 3639
Iscritto il: 14 luglio 2014
Goblons: 400.00
Località: Roma
Utente Bgg: gen0
Mercatino: gen0
Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Podcast Maker I love American

PrecedenteProssimo

Torna a [GdT] Giochi da Tavolo, di Carte e altri Giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti