[IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Discussioni generali sui giochi da tavolo, di carte (non collezionabili/LCG) o altri tipi di gioco che non hanno un Forum dedicato. Indicate sempre il gioco di cui parlate nel titolo dei vostri post e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum, come la guida per l'uso dei TAG nelle discussioni.

Moderatori: IGiullari, Agzaroth, romendil, Jehuty, rporrini, Hadaran, UltordaFlorentia

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda Gaspatcho » 17 giu 2017, 15:47

Thegoodson ha scritto:boh, io mi ritrovo con quel commento molto più in su in cui si diceva che, data la vicinanza di punteggio con cui spesso termina la partita, le variabili aleatorie che nello svolgimento della partita sono piccole possono avere un peso relativamente rilevante alla fine della stessa (penso all'avere magari solo un paio di token favore in più). Di runewayleader non ne ho visto neppure io l'ombra.

Saremo stati particolarmente sfortunati allora... :pippotto:
Cmq domenica ho giocato a Luna e tra questo e Delphi, per me, c'è proprio un abisso come qualità di gameplay e profondità.
Immagine
Offline Gaspatcho
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2137
Iscritto il: 13 settembre 2012
Goblons: 0.00
Località: Senigallia
Utente Bgg: gapsxever
Yucata: Gaspa
Facebook: Francesco Gasparetti
Mercatino: Gaspatcho
Io gioco col blu Io amo Feld Ventennale Goblin

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda traico7 » 18 giu 2017, 3:38

Ho solamente 3 partite alle spalle quindi non è un campione significativo.. Ma mi baso anche su quelle dei miei amici..

Mi aggiungo a coloro che dicono che il gioco NON è aleatorio.
Runaway leader... Solamente in una partita fatta col setup predefinito del gioco.
In tutte le altre mai successo ed anzi, praticamente tutte partite finite allo spareggio o con 1 mossa di differenza.
È un gioco che può sembrare aleatorio ma non lo è alla fine xkè appunto è molto tattico.
È FONDAMENTALE saper leggere bene la mappa i primi turni per non perdersi in inutili spostamenti che ti faranno perdere azioni preziose..
Io, fossi in voi, gli darei assolutamente una seconda chance con setup casuale (non so sinceramente quale abbiate usato) e con un po' più di esperienza..
Concludo che cmq mi trovo d'accordo sul dire che NON è assolutamente tra i migliori Feld, tant'è vero che, da estimatore di questo autore, non ho cmq comprato il gioco..
Ma che sia il peggiore non sono d'accordo, secondo me ci sono suoi giochi meno riusciti...
L'importante è vincere o partecipare??? Nessuna delle due... L'importante è giocare con le regole giuste...
Offline traico7
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5563
Iscritto il: 07 maggio 2013
Goblons: 5,790.00
Località: Modena
Utente Bgg: traico7
Board Game Arena: traico7
Yucata: traico7
Mercatino: traico7
Puerto Rico Fan Recensioni Minute  Fan Sgananzium Fan Sei iscritto da 1 anno. Sono stato alla Gobcon 2015 Sei nella chat dei Goblins Sono un Goblin Sono un Cylon Ho partecipato alla Play di Modena Hai fatto l'upload di 10 file Le Havre Fan Lords of Waterdeep fan Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col giallo Birra fan Io odio Traico! :D Playstation fan Battlestar Galactica fan Io amo Feld Pizza fan Michelangelo fan Hai scritto 5 recensioni Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Io uso il mercatino della Tana dei Goblin Boba fan Pandemic Legacy Fan Telegram Fan Harry Potter Ventennale Goblin Ho comprato la spilla alla Play 2017 Concordia Fan I love German

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda Gaspatcho » 18 giu 2017, 9:48

traico7 ha scritto:Ho solamente 3 partite alle spalle quindi non è un campione significativo.. Ma mi baso anche su quelle dei miei amici..

Mi aggiungo a coloro che dicono che il gioco NON è aleatorio.
Runaway leader... Solamente in una partita fatta col setup predefinito del gioco.
In tutte le altre mai successo ed anzi, praticamente tutte partite finite allo spareggio o con 1 mossa di differenza.
È un gioco che può sembrare aleatorio ma non lo è alla fine xkè appunto è molto tattico.
È FONDAMENTALE saper leggere bene la mappa i primi turni per non perdersi in inutili spostamenti che ti faranno perdere azioni preziose..
Io, fossi in voi, gli darei assolutamente una seconda chance con setup casuale (non so sinceramente quale abbiate usato) e con un po' più di esperienza..
Concludo che cmq mi trovo d'accordo sul dire che NON è assolutamente tra i migliori Feld, tant'è vero che, da estimatore di questo autore, non ho cmq comprato il gioco..
Ma che sia il peggiore non sono d'accordo, secondo me ci sono suoi giochi meno riusciti...


Non sono d'accordo: il gioco è aleatorio, non ci sono santi che tengano.
Ci sono mille cose che dipendono dall'alea.
Io metto Delphi sullo stesso piano di Bruges, ovvero un gioco prettamente tattico ed aleatorio, ma dove Bruges è veloce e divertente, quasi un fillerone, questo ha un setup infinito e delle meccaniche che vorrebbero sembrare da gioco più profondo, ma non ci riesce affatto.
La meccanica degli avanzamenti degli dei coi tiri di dado degli altri fa francamente schifo, visto che non ha alcun senso e dipende solo dalla fortuna. Non sembra quasi fatta da Feld.
La meccanica delle carte ferita è altrettanto poco elegante ed estremamente aleatoria.
Il combattimento coi mostri si potrebbe definire push your luck, con poco push e molto luck.
I bonus dati dagli obbiettivi variano dal potentissimo (mostri), al molto potente (statue), allo scarso (cubetti), al penoso (montagna). E non è vero che alcuni obbiettivi sono più facili, perché le statue possono essere fatte anche con un solo turno...

Forse non sarà il più brutto in assoluto, ma a me non è piaciuto affatto.
Immagine
Offline Gaspatcho
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2137
Iscritto il: 13 settembre 2012
Goblons: 0.00
Località: Senigallia
Utente Bgg: gapsxever
Yucata: Gaspa
Facebook: Francesco Gasparetti
Mercatino: Gaspatcho
Io gioco col blu Io amo Feld Ventennale Goblin

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda Thegoodson » 18 giu 2017, 10:16

a'raga', sono sicuramente meno esperto di voi del titolo in questione e dell'opus feldiano. Però: se è vero che la maggior parte delle partite finiscono sul filo di lana (evitando però errori di tattica grossolani, come quelli che possono avvenire da prima partita), giocoforza l'alea (che c'è) è ben controllabile (e anzi il suo controllo è proprio un twist, o banalmente uno degli aspetti di divertimento, del gioco). Poi sì, il setup è una palla, l'astrazione stride con il tema del gioco (non più di altri titoli dell'autore però), non è un filler ma un gioco da 2 ore (ma ancora, la durata è molto uniforme e quindi non hai sorprese e lungaggini in tal senso) e, semplicemente, può non divertire (capita).
Offline Thegoodson
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 420
Iscritto il: 22 maggio 2013
Goblons: 0.00
Località: Brescia
Mercatino: Thegoodson

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda Gaspatcho » 18 giu 2017, 12:52

Mi spiegate, ad esempio, come fate a ben controllare la salita degli dei o le carte ferita?

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Immagine
Offline Gaspatcho
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2137
Iscritto il: 13 settembre 2012
Goblons: 0.00
Località: Senigallia
Utente Bgg: gapsxever
Yucata: Gaspa
Facebook: Francesco Gasparetti
Mercatino: Gaspatcho
Io gioco col blu Io amo Feld Ventennale Goblin

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda Poldeold » 18 giu 2017, 20:44

Come ho già scritto in alcuni post precedenti ritengo che L'oracolo sia un gioco piacevole da giocare. Condivido l'opinione di chi sostiene che non sia né il miglior né il peggior Feld (ma ne esiste uno? :grin: ).

Nelle partite giocate finora (2) sono successe due diverse situazioni:
- nella prima che ho giocato (in quattro) sono partito subito molto bene ed avevo acquisito un gran vantaggio. Da metà partita in poi (mi sarò rilassato) c'è stato un grande recupero di 2 dei 3 avversari. Risultato: colui che è arrivato secondo mi è arrivato a 1 obiettivo di distanza (ho veramente rischiato). L'ultimo, sebbene anch'esso abbia notevolmente recuperato, è stato fortemente penalizzato dalle carte ferita.
- nella seconda partita (in due giocatori): grande partita risolta allo spareggio tenendo conto che entrambi abbiamo completato tutti gli obiettivi.

Dopo questa piccola esperienza di gioco mi permetto di fare le seguenti osservazioni:
- fondamentale giocare con la mappa casuale;
- la fortuna è presente ma si può verosimilmente ridurre: @Gaspatcho chiedeva come gestire carte ferita o salita degli dei. Non saprei risponderti con precisione perché è un po' che non ci gioco e non ho sufficiente esperienza, ma a naso ti direi:
- per le carte ferita prima di tutto sarebbe meglio non trovarsi a rischio (eliminando carte ferita o investendo sulla scala dello scudo);
- per la salita degli dei vale la pena attivarne due o tre di colori in modo da aumentare la probabilità di far muovere i tuoi segnalini.
Non so però se sono soluzioni efficaci e che non facciano perdere troppe mosse perché ho solo due partite all'attivo.

https://www.giochintavola.ch - Associazione Ticinese Giochi da Tavolo

Offline Poldeold
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2310
Iscritto il: 26 novembre 2006
Goblons: 200.00
Località: Lugano (Svizzera)
Utente Bgg: poldeold
Mercatino: Poldeold

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda traico7 » 18 giu 2017, 21:18

Gaspatcho ha scritto:
traico7 ha scritto:Ho solamente 3 partite alle spalle quindi non è un campione significativo.. Ma mi baso anche su quelle dei miei amici..

Mi aggiungo a coloro che dicono che il gioco NON è aleatorio.
Runaway leader... Solamente in una partita fatta col setup predefinito del gioco.
In tutte le altre mai successo ed anzi, praticamente tutte partite finite allo spareggio o con 1 mossa di differenza.
È un gioco che può sembrare aleatorio ma non lo è alla fine xkè appunto è molto tattico.
È FONDAMENTALE saper leggere bene la mappa i primi turni per non perdersi in inutili spostamenti che ti faranno perdere azioni preziose..
Io, fossi in voi, gli darei assolutamente una seconda chance con setup casuale (non so sinceramente quale abbiate usato) e con un po' più di esperienza..
Concludo che cmq mi trovo d'accordo sul dire che NON è assolutamente tra i migliori Feld, tant'è vero che, da estimatore di questo autore, non ho cmq comprato il gioco..
Ma che sia il peggiore non sono d'accordo, secondo me ci sono suoi giochi meno riusciti...


Non sono d'accordo: il gioco è aleatorio, non ci sono santi che tengano.
Ci sono mille cose che dipendono dall'alea.
Io metto Delphi sullo stesso piano di Bruges, ovvero un gioco prettamente tattico ed aleatorio, ma dove Bruges è veloce e divertente, quasi un fillerone, questo ha un setup infinito e delle meccaniche che vorrebbero sembrare da gioco più profondo, ma non ci riesce affatto.
La meccanica degli avanzamenti degli dei coi tiri di dado degli altri fa francamente schifo, visto che non ha alcun senso e dipende solo dalla fortuna. Non sembra quasi fatta da Feld.
La meccanica delle carte ferita è altrettanto poco elegante ed estremamente aleatoria.
Il combattimento coi mostri si potrebbe definire push your luck, con poco push e molto luck.
I bonus dati dagli obbiettivi variano dal potentissimo (mostri), al molto potente (statue), allo scarso (cubetti), al penoso (montagna). E non è vero che alcuni obbiettivi sono più facili, perché le statue possono essere fatte anche con un solo turno...

Forse non sarà il più brutto in assoluto, ma a me non è piaciuto affatto.

Mi spiace.. Ma dire che e il gioco è aleatorio dopo 1 partita è un po' azzardato come giudizio..
Se vuoi che la vostra partita è stata aleatoria, non ci sono santi che tengano, come dici tu..
Ma dare un giudizio secco al gioco dopo una partita, cosa tra l'altro abbastanza diffusa in questo forum, mi sembra eccessivo..
Non ti è piaciuto.. Ci mancherebbe che mi metta a contraddire questa cosa..
Ma dare giudizi al gioco dopo una partita proprio no.. Soprattutto dopo che svariate persone che ci hanno giocato più di te affermano il contrario..
Se poi passiamo al lato piace / non piace, come ho già detto, nemmeno a me esalta come gioco..
Ma nonostante dadi, carte, ecc. il gioco risulta ben bilanciato come solo pochi sanno fare..
L'importante è vincere o partecipare??? Nessuna delle due... L'importante è giocare con le regole giuste...
Offline traico7
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5563
Iscritto il: 07 maggio 2013
Goblons: 5,790.00
Località: Modena
Utente Bgg: traico7
Board Game Arena: traico7
Yucata: traico7
Mercatino: traico7
Puerto Rico Fan Recensioni Minute  Fan Sgananzium Fan Sei iscritto da 1 anno. Sono stato alla Gobcon 2015 Sei nella chat dei Goblins Sono un Goblin Sono un Cylon Ho partecipato alla Play di Modena Hai fatto l'upload di 10 file Le Havre Fan Lords of Waterdeep fan Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col giallo Birra fan Io odio Traico! :D Playstation fan Battlestar Galactica fan Io amo Feld Pizza fan Michelangelo fan Hai scritto 5 recensioni Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Io uso il mercatino della Tana dei Goblin Boba fan Pandemic Legacy Fan Telegram Fan Harry Potter Ventennale Goblin Ho comprato la spilla alla Play 2017 Concordia Fan I love German

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda traico7 » 18 giu 2017, 21:19

Gaspatcho ha scritto:
traico7 ha scritto:Ho solamente 3 partite alle spalle quindi non è un campione significativo.. Ma mi baso anche su quelle dei miei amici..

Mi aggiungo a coloro che dicono che il gioco NON è aleatorio.
Runaway leader... Solamente in una partita fatta col setup predefinito del gioco.
In tutte le altre mai successo ed anzi, praticamente tutte partite finite allo spareggio o con 1 mossa di differenza.
È un gioco che può sembrare aleatorio ma non lo è alla fine xkè appunto è molto tattico.
È FONDAMENTALE saper leggere bene la mappa i primi turni per non perdersi in inutili spostamenti che ti faranno perdere azioni preziose..
Io, fossi in voi, gli darei assolutamente una seconda chance con setup casuale (non so sinceramente quale abbiate usato) e con un po' più di esperienza..
Concludo che cmq mi trovo d'accordo sul dire che NON è assolutamente tra i migliori Feld, tant'è vero che, da estimatore di questo autore, non ho cmq comprato il gioco..
Ma che sia il peggiore non sono d'accordo, secondo me ci sono suoi giochi meno riusciti...


Non sono d'accordo: il gioco è aleatorio, non ci sono santi che tengano.
Ci sono mille cose che dipendono dall'alea.
Io metto Delphi sullo stesso piano di Bruges, ovvero un gioco prettamente tattico ed aleatorio, ma dove Bruges è veloce e divertente, quasi un fillerone, questo ha un setup infinito e delle meccaniche che vorrebbero sembrare da gioco più profondo, ma non ci riesce affatto.
La meccanica degli avanzamenti degli dei coi tiri di dado degli altri fa francamente schifo, visto che non ha alcun senso e dipende solo dalla fortuna. Non sembra quasi fatta da Feld.
La meccanica delle carte ferita è altrettanto poco elegante ed estremamente aleatoria.
Il combattimento coi mostri si potrebbe definire push your luck, con poco push e molto luck.
I bonus dati dagli obbiettivi variano dal potentissimo (mostri), al molto potente (statue), allo scarso (cubetti), al penoso (montagna). E non è vero che alcuni obbiettivi sono più facili, perché le statue possono essere fatte anche con un solo turno...

Forse non sarà il più brutto in assoluto, ma a me non è piaciuto affatto.

Mi spiace.. Ma dire che e il gioco è aleatorio dopo 1 partita è un po' azzardato come giudizio..
Se vuoi che la vostra partita è stata aleatoria, non ci sono santi che tengano, come dici tu..
Ma dare un giudizio secco al gioco dopo una partita, cosa tra l'altro abbastanza diffusa in questo forum, mi sembra eccessivo..
Non ti è piaciuto.. Ci mancherebbe che mi metta a contraddire questa cosa..
Ma dare giudizi al gioco dopo una partita proprio no.. Soprattutto dopo che svariate persone che ci hanno giocato più di te affermano il contrario..
Se poi passiamo al lato piace / non piace, come ho già detto, nemmeno a me esalta come gioco..
Ma nonostante dadi, carte, ecc. il gioco risulta ben bilanciato come solo pochi sanno fare..
L'importante è vincere o partecipare??? Nessuna delle due... L'importante è giocare con le regole giuste...
Offline traico7
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5563
Iscritto il: 07 maggio 2013
Goblons: 5,790.00
Località: Modena
Utente Bgg: traico7
Board Game Arena: traico7
Yucata: traico7
Mercatino: traico7
Puerto Rico Fan Recensioni Minute  Fan Sgananzium Fan Sei iscritto da 1 anno. Sono stato alla Gobcon 2015 Sei nella chat dei Goblins Sono un Goblin Sono un Cylon Ho partecipato alla Play di Modena Hai fatto l'upload di 10 file Le Havre Fan Lords of Waterdeep fan Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col giallo Birra fan Io odio Traico! :D Playstation fan Battlestar Galactica fan Io amo Feld Pizza fan Michelangelo fan Hai scritto 5 recensioni Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Io uso il mercatino della Tana dei Goblin Boba fan Pandemic Legacy Fan Telegram Fan Harry Potter Ventennale Goblin Ho comprato la spilla alla Play 2017 Concordia Fan I love German

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda iugal » 18 giu 2017, 23:28

Gaspatcho ha scritto:Io metto Delphi sullo stesso piano di Bruges, ovvero un gioco prettamente tattico ed aleatorio, ma dove Bruges è veloce e divertente, quasi un fillerone, questo ha un setup infinito e delle meccaniche che vorrebbero sembrare da gioco più profondo, ma non ci riesce affatto.

Molto d'accordo sulla comparazione con Bruges, che io definisco un gioco "spudoratamente tattico". Perchè l'autore aveva l'opportunità di aumentare il controllo dei giocatori con basilari accorgimenti, ma ha evidentemente voluto tenere bassa la strategia per tenere altissima la tattica.
In Delphi secondo me l'approccio è stato simile, e il titolo rimane comunque un peso medio assai godibile a mio parere. Lo alza di qualche grado rispetto a Bruges una durata un po' più elevata e una componente leggermente più strategica nella lettura iniziale della mappa. Ma per il resto come esperienza di gioco siamo vicini, ecco perchè non concordo nella seconda parte del ragionamento.

Poldeold ha scritto:- per le carte ferita prima di tutto sarebbe meglio non trovarsi a rischio (eliminando carte ferita o investendo sulla scala dello scudo);
- per la salita degli dei vale la pena attivarne due o tre di colori in modo da aumentare la probabilità di far muovere i tuoi segnalini.
Non so però se sono soluzioni efficaci e che non facciano perdere troppe mosse perché ho solo due partite all'attivo.

Con 7-8 partite all'attivo posso confermare l'efficacia delle tue soluzioni.

traico7 ha scritto:Mi spiace.. Ma dire che e il gioco è aleatorio dopo 1 partita è un po' azzardato come giudizio..
Se vuoi che la vostra partita è stata aleatoria, non ci sono santi che tengano, come dici tu..
Ma dare un giudizio secco al gioco dopo una partita, cosa tra l'altro abbastanza diffusa in questo forum, mi sembra eccessivo..

E quoto triaco sull'azzardo di giudizi netti dopo 1 partita.
C'è del lavoro da parte di un autore e da parte di una casa editrice, che di certo non si sono fermati a una manciata di partite per arrivare a proporre il gioco che stiamo giocando... Pensiero che ha a che vedere con il rispetto del lavoro altrui, solo un mio personalissimo modo di vedere...
Offline iugal
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 332
Iscritto il: 26 maggio 2013
Goblons: 120.00
Località: Provincia di Treviso
Utente Bgg: iugal
Board Game Arena: iugal
Yucata: iugal
Mercatino: iugal

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda Gaspatcho » 19 giu 2017, 5:48

Realmente non capisco cosa c'entri il rispetto... Feld è un autore che adoro, ma se fa un gioco con meccaniche brutte, che si vedono già dopo una partita, non vedo perché non si possa criticare. Poi se vi piace, ok, ma certi commenti mi lasciano basito.

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Immagine
Offline Gaspatcho
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2137
Iscritto il: 13 settembre 2012
Goblons: 0.00
Località: Senigallia
Utente Bgg: gapsxever
Yucata: Gaspa
Facebook: Francesco Gasparetti
Mercatino: Gaspatcho
Io gioco col blu Io amo Feld Ventennale Goblin

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda odlos » 19 giu 2017, 6:20

Gaspatcho ha scritto:
Thegoodson ha scritto:boh, io mi ritrovo con quel commento molto più in su in cui si diceva che, data la vicinanza di punteggio con cui spesso termina la partita, le variabili aleatorie che nello svolgimento della partita sono piccole possono avere un peso relativamente rilevante alla fine della stessa (penso all'avere magari solo un paio di token favore in più). Di runewayleader non ne ho visto neppure io l'ombra.

Saremo stati particolarmente sfortunati allora... :pippotto:
Cmq domenica ho giocato a Luna e tra questo e Delphi, per me, c'è proprio un abisso come qualità di gameplay e profondità.


...eh beh, tra i due non c'è paragone, Luna è l'unico vero capolavoro di Feld. :sisi: :grin:
Comunque, mi sa che davvero è stata una partita particolare, di solito è più probabile che la decisione avvenga sul filo di lana, proprio per questo l'incidenza aleatoria un po' mi disturba. In particolare quella delle carte ferita, come scrivevo in precedenza, la doppia ferita dello stesso colore è odiosissima e pure imparabile.
Immagine

Immagine
Offline odlos
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 3069
Iscritto il: 04 luglio 2007
Goblons: 20.00
Località: Chiasso
Mercatino: odlos
Sei iscritto da 1 anno. Sei iscritto da 5 anni. Ho partecipato ad una lettura condivisa dei Goblins

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda iugal » 19 giu 2017, 8:20

Gaspatcho ha scritto:un gioco con meccaniche brutte, che si vedono già dopo una partita.

E come mai autore e editore, dopo playtest e sviluppo, hanno tenuto queste evidentissime brutte meccaniche?
Sono posizioni così nette e sicure, dopo una sola partita, che mi sembrano un po' irrispettose e azzardate.
Sarebbero più correttamente da collocare nell'ambito delle impressioni personali. Ma non vorrei polemizzare oltre. S'è capito che non t'è piaciuto, e magari la stima per l'autore, dopo un "Essen sabbatico", ha contribuito a appesantire la delusione :asd:
Offline iugal
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 332
Iscritto il: 26 maggio 2013
Goblons: 120.00
Località: Provincia di Treviso
Utente Bgg: iugal
Board Game Arena: iugal
Yucata: iugal
Mercatino: iugal

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda raoninja » 19 giu 2017, 8:47

Uno dei più bei giochi che abbiamo mai giocato. Stessa alea di tutti gli altri giochi della stessa categoria. Abbiamo fatto almeno una decina di partite e anche chi stava dietro è poi riuscito a recuperare, salvo errori grossolani. Il gioco scorre via ché é un piacere. Conoscendolo bene hai la possibilità di modificarlo a piacere sotto ogni aspetto. Hai mille scelte che se abbinare alla strategia giusta, veleggi con alto margine di vantaggio. Per esempio; ho obiettivi lontani perchè Ulisse é riuscito a togliermeli da sotto il naso! Subito evoco il dio blu e cerco di migliorare la mia nave su movimenti più ampi o con il salto delle secche. Così facendo posso muovermi sulla mappa con più facilità. Ho giocato a questo gioco con almeno sei persone diverse e lo hanno adorato. Bello da vedere, dinamico, scelte veloci e azzeccate. Divertente, meccanica originale. Niente punti. Bello il tema greco. Coloratissimo. Proprio un giocone. Ma si sa Feld o lo adori o lo odi. Io nessuno dei due, ma questo gioco lo adoro e più ci gioco ,più mi immergo nella sua acqua tiepida e cristallina.
Offline raoninja
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 606
Iscritto il: 10 settembre 2012
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: raoninja

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda Gaspatcho » 19 giu 2017, 9:55

iugal ha scritto:
Gaspatcho ha scritto:un gioco con meccaniche brutte, che si vedono già dopo una partita.


Sarebbero più correttamente da collocare nell'ambito delle impressioni personali. :


Le mie sono sempre impressioni personali... imho ci sono scelte talmente ineleganti che non sembrano neanche di Feld, il quale, di solito, si distingue proprio per le sue meccaniche.
Certo se poi mi dite che è un gioco in cui l'alea non pesa o è facilmente gestibile, qua usciamo dalla soggettività.
Poi tutto può piacere o meno, ma non è che ad ogni critica si debba passare per irrispettosi. Io almeno ci ho giocato prima di parlarne, quando vedo gente che giudica il bilanciamento di un gioco dalla preview e nessuno dice nulla...

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Immagine
Offline Gaspatcho
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2137
Iscritto il: 13 settembre 2012
Goblons: 0.00
Località: Senigallia
Utente Bgg: gapsxever
Yucata: Gaspa
Facebook: Francesco Gasparetti
Mercatino: Gaspatcho
Io gioco col blu Io amo Feld Ventennale Goblin

Re: [IMPRESSIONI] The Oracle of Delphi

Messaggioda Poldeold » 19 giu 2017, 10:18

Gaspatcho ha scritto:Certo se poi mi dite che è un gioco in cui l'alea non pesa o è facilmente gestibile, qua usciamo dalla soggettività.


Non ne sono poi così sicuro visto che la comunità goblin su questo punto è spaccata letteralmente in due.

Gaspatcho ha scritto: tutto può piacere o meno, ma non è che ad ogni critica si debba passare per irrispettosi. Io almeno ci ho giocato prima di parlarne, quando vedo gente che giudica il bilanciamento di un gioco dalla preview e nessuno dice nulla...


Con tutto il rispetto ( ;) scritto a mò di battuta) mi pare che né tu né io con all'attivo rispettivamente una e due partite, pur con un certo bagaglio di esperienza ludica, siamo in grado di spingerci oltre a delle mere impressioni sulle meccaniche di gioco (cosa peraltro che probabilmente vale per tutti coloro che hanno all'attivo poche partite).
Ora, non ti conosco personalmente (magari sei uno dei playtester e sviluppatori del gioco), le tue impressioni sono buone come quelle di altri in questa discussione. Chi vuole farsi un'idea del gioco leggerà le due campane.

Sono convinto che un gioco del genere debba essere giocato sufficienti partite per capire:
1. Come mitigare l'alea, che di primo acchito sembra effettivamente molto presente;
2. Come interpretare al meglio la mappa e i vari poteri per ottimizzare più efficacemente le mosse.

Io credo che il primo punto è possibile mitigarlo visto che l'ho fatto nelle prime due partite, però non so valutare quanto questi adattamenti possano far perdere turni (dadi) preziosi in vista della vittoria.
Il secondo punto dipende molto dalla conformazione della mappa (ed è questo uno degli aspetti belli del gioco) e quindi solo l'esperienza nella conoscenza delle varie quest permette di meglio ottimizzare il tutto. Tenendo conto cmq che il gioco resta fortemente tattico (altro aspetto bello a mio modo di vedere).

Detto ciò, ognuno la pensi come crede, per carità.

https://www.giochintavola.ch - Associazione Ticinese Giochi da Tavolo

Offline Poldeold
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2310
Iscritto il: 26 novembre 2006
Goblons: 200.00
Località: Lugano (Svizzera)
Utente Bgg: poldeold
Mercatino: Poldeold

PrecedenteProssimo

Torna a [GdT] Giochi da Tavolo, di Carte e altri Giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Noll e 0 ospiti