Pagina 6 di 24

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 14:58
da gen0
phalanx ha scritto:Personalmente la vedo quasi in modo opposto. Se il gruppo è buono, verrà spontaneo organizzarsi non appena possibile.
Il calendario a tappe forzate lo fa sembrare più un lavoro che un divertimento.


amen

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:01
da donhaldo
gen0 ha scritto:
donhaldo ha scritto:
gen0 ha scritto:queste tecnologie non portano i giocatori a stare chiusi ognuno davanti ad uno schermo con la bava alla bocca :D


Per ora... :frusta:


e per ora non ho neanche visto Terminator in giro, ma quelli si nascondono bene :sisi:


Sarò io che vivo in un altro mondo, ma vado in giro e vedo la maggior parte delle persone che invece di guardare
dove mette i piedi ha la faccia appiccicata allo schermo del proprio smartphone: sarà un caso...

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:04
da gen0
donhaldo ha scritto:
gen0 ha scritto:
donhaldo ha scritto:Per ora... :frusta:


e per ora non ho neanche visto Terminator in giro, ma quelli si nascondono bene :sisi:


Sarò io che vivo in un altro mondo, ma vado in giro e vedo la maggior parte delle persone che invece di guardare
dove mette i piedi ha la faccia appiccicata allo schermo del proprio smartphone: sarà un caso...


eh si divertiranno così, fatti loro

da me quando accendono il telefono per più di 10 sec mentre si gioca li cazzio, non c'è problema.

e non vedo collegamento tra il gioco con elementi digitali e la fissazione per i telefonini.

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:10
da LordDrachen
phalanx ha scritto:Personalmente la vedo quasi in modo opposto. Se il gruppo è buono, verrà spontaneo organizzarsi non appena possibile.
Il calendario a tappe forzate lo fa sembrare più un lavoro che un divertimento.

se un gioco dura 3-4 serate (e sto parlando di un gioco medio), e "ci si trova quando ci siamo tutti", pensi di poter finire la partita?
ti spiego come funziona: no. quel tavolo lo spiazzi.
e lo so perché sono anni che gestisco tavoli.
poi è vero dopo un po' la serata fissa è stressante.
non discuto.
ma l'hobby te lo sei scelto tu.

io ci sono solo mercoledi, io solo giovedi, io arrivo alle 21, io alle 22, io a mezzanotte devo scappare, io la prox volta
ho la morosa, io per il prossimo mese ho dei problemi al lavoro, io ho la figlia che fa il saggio, ecc ecc ecc.
ah, e non decidiamo il gioco magari: così perdi n'altra mezzora a decidere. :D

vai pure senza serata fissa.
ti ci vedo proprio bene.

l'alternativa è giocare quando capita, cioè diventare tutti casual e fare giochi che in due ore max riesci a fare.
ed è la volta buona che gioco da solo in casa (anche se c'è pure la ragione che sfrutto i ritagli di tempo senza
rendere conto di una serata impegnata). e poi venitemi a dire "come mai giochi da solo che è triste".
:sisi:

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:23
da gen0
LordDrachen ha scritto:
phalanx ha scritto:Personalmente la vedo quasi in modo opposto. Se il gruppo è buono, verrà spontaneo organizzarsi non appena possibile.
Il calendario a tappe forzate lo fa sembrare più un lavoro che un divertimento.

se un gioco dura 3-4 serate (e sto parlando di un gioco medio), e "ci si trova quando ci siamo tutti", pensi di poter finire la partita?
ti spiego come funziona: no. quel tavolo lo spiazzi.
e lo so perché sono anni che gestisco tavoli.
poi è vero dopo un po' la serata fissa è stressante.
non discuto.
ma l'hobby te lo sei scelto tu.

io ci sono solo mercoledi, io solo giovedi, io arrivo alle 21, io alle 22, io a mezzanotte devo scappare, io la prox volta
ho la morosa, io per il prossimo mese ho dei problemi al lavoro, io ho la figlia che fa il saggio, ecc ecc ecc.
ah, e non decidiamo il gioco magari: così perdi n'altra mezzora a decidere. :D

vai pure senza serata fissa.
ti ci vedo proprio bene.

l'alternativa è giocare quando capita, cioè diventare tutti casual e fare giochi che in due ore max riesci a fare.
ed è la volta buona che gioco da solo in casa (anche se c'è pure la ragione che sfrutto i ritagli di tempo senza
rendere conto di una serata impegnata). e poi venitemi a dire "come mai giochi da solo che è triste".
:sisi:


che un gioco da 3-4 serate per te sia uno medio significa, scusa se te lo dico, che sei settato sul TUO personale modo di vedere le cose e ritieni essere lo standard.

perchè un gioco da 3-4 serate non è un gioco medio, è un gioco lungo (che ce ne possano essere di ancora più lunghi è verissimo).

Per il resto concordo pienamente con te che se una persona s'infila in un gioco simile e poi non rispetta gli appuntamenti fissi allora merita di essere disdegnato XD Non ci sono dubbi.


Il "problema", se così si può dire, è che sei tarato su degli standard che, permettimi di dirtelo senza offesa, sono assolutamente fuori parametro. Cioè un gioco da 2 ore tu lo tratti come il 90% dei giocatori trattano un gioco da 10 minuti...

ci credo pure, a fronte di questo (ma ripeto, non c'è nulla di male) che sei costretto a giocare da solo. Ma forse dovresti provare ad essere meno chiuso e risettarti su standard più normali.
Comprendere che un gioco medio non è un gioco da 4 sedute. Anche perchè così ti avveleni ancora di più l'esistenza :D Cioè ci credo che ti arrabbi se per come la vedi tu non è possibile manco giocare ad un titolo "medio". Invece ti devi arrabbiare perchè non riesci a giocare ad un titolo veramente molto lungo.

Cioè volendo fare un paragone spicciolo sei come una donna che si lamenta perchè gli uomini che trova lei non riescono a durare NEMMENO quelle 6 ore che vorrebbe lei. Al che uno le dovrebbe dire: "figlia mia magari il tizio che regge 6 ore raramente lo riesci pure a trovare, ma forse dovresti capire che la media non sono 6 ore ed hai pretese eccessive"

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:29
da donhaldo
gen0 ha scritto:eh si divertiranno così, fatti loro

da me quando accendono il telefono per più di 10 sec mentre si gioca li cazzio, non c'è problema.

e non vedo collegamento tra il gioco con elementi digitali e la fissazione per i telefonini.


Io sì, perché se si è assuefatti (e dipendenti!) all'uso del "dispositivo" (e ormai, purtroppo, molta gente lo è...)
non si troverà nulla di strano a doverci stare incollati anche mentre si gioca ad un gdt.

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:35
da donhaldo
[offtopic]
LordDrachen ha scritto:se un gioco dura 3-4 serate (e sto parlando di un gioco medio), e "ci si trova quando ci siamo tutti", pensi di poter finire la partita?


:pippotto:

Anche per un gioco german di alto calibro la durata può stare tranquillamente entro le due ore e il tutto anche in funzione del numero dei giocatori: e parlo di titoli che di sicuro non puoi proporre al "casual gamer", ma forse non diamo lo stesso significato a tale definizione.
Estremizzo: si possono fare partite a scacchi "lampo" da 4 minuti. Prova a giocare così senza essere un ottimo conoscitore del gioco...
Sei un "casual gamer" solo perché le tue partite durano poco? La durata della presenza al tavolo non può essere l'unico elemento per definire la "profondità" dell'esperienza ludica. In alcuni ambiti di gioco, forse, ma non in tutti!
Non è che tutto ciò che dura meno di 20 ore di gioco è un filler, su![/offtopic]

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:40
da gen0
donhaldo ha scritto:
gen0 ha scritto:eh si divertiranno così, fatti loro

da me quando accendono il telefono per più di 10 sec mentre si gioca li cazzio, non c'è problema.

e non vedo collegamento tra il gioco con elementi digitali e la fissazione per i telefonini.


Io sì, perché se si è assuefatti (e dipendenti!) all'uso del "dispositivo" (e ormai, purtroppo, molta gente lo è...)
non si troverà nulla di strano a doverci stare incollati anche mentre si gioca ad un gdt.


continui ad esagerare con quel "starci incollati". Ad ora non esistono gdt che facciano stare le persone incollate ai cellulari. Questo proprio perchè sono meri strumenti da utilizzare ogni tanto.

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:55
da donhaldo
gen0 ha scritto:
donhaldo ha scritto:
gen0 ha scritto:eh si divertiranno così, fatti loro

da me quando accendono il telefono per più di 10 sec mentre si gioca li cazzio, non c'è problema.

e non vedo collegamento tra il gioco con elementi digitali e la fissazione per i telefonini.


Io sì, perché se si è assuefatti (e dipendenti!) all'uso del "dispositivo" (e ormai, purtroppo, molta gente lo è...)
non si troverà nulla di strano a doverci stare incollati anche mentre si gioca ad un gdt.


continui ad esagerare con quel "starci incollati". Ad ora non esistono gdt che facciano stare le persone incollate ai cellulari. Questo proprio perchè sono meri strumenti da utilizzare ogni tanto.


Parlavo in prospettiva, ovviamente: se siamo disposti a tollerare una così prevaricante presenza di questi dispositivi nella nostra vita di tutti i giorni, oggi possiamo accettare una certa quantità X di incidenza del dispositivo sul tempo di gioco, domani verrà un titolo che ne introdurrà X+delta e così via, piano piano, il gdt si trasformerà in qualcosa sempre più somigliante ad un videogame... ma non c'é problema: possiamo ritrovarci a parlarne fra qualche anno e sarò ben contento se potrò constatare di aver "cannato" le mie previsioni!;)
Nel frattempo, io gioco con carta, cartone e puzzilli di legno intorno ad un tavolo con gente in carne ed ossa. :asd:

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 15:59
da gen0
donhaldo ha scritto:
Parlavo in prospettiva, ovviamente: se siamo disposti a tollerare una così prevaricante presenza di questi dispositivi nella nostra vita di tutti i giorni, oggi possiamo accettare una certa quantità X di incidenza del dispositivo sul tempo di gioco, domani verrà un titolo che ne introdurrà X+delta e così via, piano piano, il gdt si trasformerà in qualcosa sempre più somigliante ad un videogame... ma non c'é problema: possiamo ritrovarci a parlarne fra qualche anno e sarò ben contento se potrò constatare di aver "cannato" le mie previsioni!;)
Nel frattempo, io gioco con carta, cartone e puzzilli di legno intorno ad un tavolo con gente in carne ed ossa. :asd:


ci gioco anche nel frattempo, ma in più alcuni hanno anche l'app :sisi:

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 16:36
da LordDrachen
[offtopic]
gen0 ha scritto:che un gioco da 3-4 serate per te sia uno medio significa, scusa se te lo dico, che sei settato sul TUO personale modo di vedere le cose e ritieni essere lo standard.

considerando che ci sono giochi che durano mesi, è un gioco medio. io poi non gioco più di due ore effettive alla sera, proprio per i motivi sudetti. quindi diciamo un gioco che con la spiegazione (c'è anche quella) ti prende 6 ore.
non è niente di trascendentale.
Through the Ages prende minimo minimo quel tempo. Ma minimo.
Il "problema", se così si può dire, è che sei tarato su degli standard che, permettimi di dirtelo senza offesa, sono assolutamente fuori parametro. Cioè un gioco da 2 ore tu lo tratti come il 90% dei giocatori trattano un gioco da 10 minuti...

1- Fammi un esempio di un gioco da due ore.
2- Niente di male a voler giocare solo giochi da due ore, non si capisce perché poi uno debba avere una sede associativa se
non hai bisogno di tenere piazzato un tavolo. basta avere una casa.
ci credo pure, a fronte di questo (ma ripeto, non c'è nulla di male) che sei costretto a giocare da solo. Ma forse dovresti provare ad essere meno chiuso e risettarti su standard più normali.

Cioè io devo adattarmi a giocare a qualcosa che magari mi piace meno o semplicemente incavolarmi meno?
ma soprattutto: perché dovrei giocare con gente del genere quando il gioco da due ore lo faccio con i miei
amici casual gamers?
Comprendere che un gioco medio non è un gioco da 4 sedute. Anche perchè così ti avveleni ancora di più l'esistenza :D Cioè ci credo che ti arrabbi se per come la vedi tu non è possibile manco giocare ad un titolo "medio". Invece ti devi arrabbiare perchè non riesci a giocare ad un titolo veramente molto lungo.

per me un titolo lungo è Here I Stand. un titolo medio puà essere Through the Ages. uno normale per i tuoi standard è il Trono di Spade. uno corto è Coloni Imperiali o 7 Wonders.
Io gioco a tutto. Però se mi venire a chiedere un consiglio sui titoli poi vi dico : no guarda, passa ad altro, ti richiederebbe troppo impegno. ^^

Lasciamo perdere il paragone finale. E' una ca***ta.[/offtopic]

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 16:40
da LordDrachen
[offtopic]
donhaldo ha scritto:Sei un "casual gamer" solo perché le tue partite durano poco? La durata della presenza al tavolo non può essere l'unico elemento per definire la "profondità" dell'esperienza ludica. In alcuni ambiti di gioco, forse, ma non in tutti!
Non è che tutto ciò che dura meno di 20 ore di gioco è un filler, su!

Ma chi ha parlato di profondità?
Non è che Arkham Horror sia profondo, ma se dura 3 sere perché è un super ameritrash io voglio finire la partita.
E' un gioco per all fucking people. ^^
Terra Mystica in una serata non lo finisci a meno di non avere 3 ore filate con regolamento già memorizzato
bene da tutti. Se una sera hai due ore ti servono cmq due serate.
E' tutto qui il discorso. Non c'entra niente la profondità, c'entra la tua costanza nel giocare se vuoi finire
una partita a qualcosa che non sia un filler.[/offtopic]

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 16:41
da Galandil
Drachen, ti spiace QUANTOMENO usare il tag offtopic?

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 16:53
da riccardo favalli
[offtopic]Pur essendo dalla parte di Tabletopia e non disdegnando la tecnologia nei giochi da tavolo devo dare in parte ragione a LordDrachen, noi siamo partiti in 6 a giocare, mettevamo in tavola Twilight imperium III, Axis & allies global, Trono di spade, Warcraft, Descent, Pathfinder, Signore degli anelli (campagna), star wars lcg e cosi via, di recente tre dei giocatori hanno deciso di essere "saltuari" ogni tanto ci sono ogni tanto no, senza avvisare.
Il problema che nasce è il seguente:
Qualsiasi Axis non si gioca piu' se non in tre, perchè difficilmente si finisce in giornata e quindi? Lo metti via registri tutto ma magari lo ritiri fuori fra 3 mesi e chi si ricorda piu' le strategie e altro!
Descent non si gioca piu', si è partiti con una campagna, ma se non siamo i 5 che hanno iniziato la campagna non possiamo andare avanti, perchè la partita risulterebbe falsata.
Non giochiamo piu a Twilight imperium perchè quelle volte che siamo 4 cè di meglio, quando siamo 5 uno deve tornare a casa dopo 3 ore e cosi via
Non giochiamo piu' a trono di spade, perchè non siamo mai 6 e non siamo mai 5 e quando siamo 4 cè di meglio.
Non giochiamo piu' a star wars perchè...hey ma io non ho il mazzo aggiornato, aspettate 4 ore che i faccio il mazzo con le 5 nuove espansioni.
Insomma abbiamo dovuto vendere e rifare completamente la nostra biblioteca giochi solo perchè mancano tre amici.
Non voglio neanche immaginare il casino di avere un associazione dove la gente si presenta senza un pò di "periodicità".
Essendo il gioco da tavolo un gioco di gruppo, la periodicità non è schiavismo, ma rispetto verso gli altri, se non mi dai periodicità io mi organizzo con chi invece me la da e se arrivi e siamo al completo mi spiace e ciao[/offtopic].

Ma tornando a Tabletopia io penso che l'unione tra tecnologia e gioco da tavolo se non esagerato possa solo portare a novità interessanti, il problema nasce nel momento in cui la tecnologia prende il sopravvento, xcom, space alert sono esempi secondo me riuscitissimi di unione tra giochi da tavolo e tecnologia, perchè segare le gambe a priori? Lasciamo che la cosa si sviluppi e decidiamo dopo se è un bene o un male.
Questo sistema può distruggere i giochi da tavolo? Io sinceramente non credo.
Questo sistema può danneggiare i giochi da tavolo? Può essere ma penso sia presto per dirlo
Questo sistema può avvicinare nuovi giocatori ai giochi da tavolo? Forse si, forse qualcuno che non sa cosa sia un twilight imperium può scoprire che gli piace e magari informarsi e attraverso le informazioni andare a guardare foto, trovare gruppi di gioco e altro, se anche fosse uno su cento perchè no?

Re: Tabletopia: il futuro dei giochi da tavolo?

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 16:53
da LordDrachen
[offtopic]
Galandil ha scritto:Drachen, ti spiace QUANTOMENO usare il tag offtopic?

L'avatar ti si addice.[/offtopic]