Pacchetti completi o giochi aperti ?

Discussioni generali su tutti i giochi di miniature e tridimensionali (compresi i giochi Games Workshop). Indicate sempre il gioco di cui parlate nel titolo dei vostri post e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.

Moderatori: groblnjar, Normanno

Pacchetti completi o giochi aperti ?

Messaggioda Gabbi » 6 mag 2018, 11:22

Dal titolo immagino non si capirà molto, ma se avete un'idea migliore fatevi pure avanti :asd:

Quel che vorrei discutere sono pro e contro dei giochi di miniature "chiusi" con army list fatte e finite e una linea di modelli associati (Warhammer, Warmachine, Malifaux, ecc), e i cosiddetti "regolamenti generici" che permettono di crearsi da se i profili dei modelli e di conseguenza di usare miniature provenienti da linee e produttori differenti. Anche quando in alcuni casi hanno una linea di modelli "ufficiale" non è assolutamente obbligatorio usarli (Song of Blades, Frostgrave, Rogue Stars, ecc).

Pro e contro del primo gruppo:
Le army list già fatte sono comode e spesso hanno un playstyle ben definito. Di solito si può fare affidamento su una certa attenzione al playtest e al bilanciamento. Se interesse, il background spesso e più sviluppato e i modelli hanno una buona caratterizzazione, con spesso mini-racconti loro dedicati fra le pagine dei manuali. Ogni entry nell'army list ha un suo preciso modello a catalogo, lo si compra e si è a posto. Spesso è più facile trovare avversari.

Per contro si è legati alla linea di modelli prodotta da chi sviluppa il gioco (salvo il raro caso di WH40K che ha una moltitudine di produttori di modelli alternativi), se piace il gioco ma non i modelli l'aspetto modellistico può essere una sofferenza (io ad esempio detesto montare i modelli di Warmachine). Una ditta che pubblica un gioco con questa formula ha bisogno di entrate continue, il che significa un flusso continuo di nuove uscite. Mantenere tutto bilanciato diventa sicuramente un problema. Ci si trova spesso con un problema di power creep. Altro pericolo è che per far uscire nuovi modelli tutte le fazioni arrivino ad avere tutte le opzioni possibili, perdendo un po' dell'individualità che avevano in origine. Ci si può sentire "obbligati" ad acquistare un modello che esteticamente non piace perché forte, o sinergico ad altre cose che si vogliono schierare, o per qualche altro motivo sentito come "necessario", anche in partite "for fun" (i.e. l'orribile portatore di lecca-lecca di Khorne per AoS).

Pro e contro del secondo gruppo:
La libertà creare una banda/armata scegliendo le caratteristiche dei modelli di cui sarà composta, equipaggiarli e guidarli in battaglia. Questo raggiunge l'apice con i giochi "a campagna". Il minore costo: spesso con un manuale e qualche accessorio si è a posto per sempre. Se si gioca da un po' di anni è possibile che non si debba comprare nessun modello nuovo perché si possiede già roba a sufficienza (poi, che non lo si voglia fare comunque è tutto un altro paio di maniche :asd: ). Molti di questi regolamenti sono adattabili a più variazioni di setting, o anche setting completamente diversi: chiamo gli archi laspistol, le magie poteri psi, gli zombie diventano parassiti alieni e ta-dah Frostgrave in space! Altro vantaggio, già accennato, posso riciclare modelli per più giochi. Ma soprattutto: compro, dipingo e schiero i modelli che ca**o mi pare!

Per contro, spesso i regolamenti sono fin troppo generici e a volte blandi (tant'è vero che posso cambiar nome alle cose per ri-ambientarli), richiedono del lavoro in più (che è anche un vantaggio, ma per alcuni potrebbe non esserlo). Minore differenziazione fra le squadre/armate (tutti hanno accesso a tutto, è difficile che qualcuno si auto-limiti volontariamente) e mancano quei pezzi "unici" con una regola/abilità caratteristica che hanno solo loro in tutto il gioco. Sono più difficili da bilanciare (qualsiasi sitema di costruzione dei modelli che sia anche usabile senza l'ausilio di un computer è facile da "rompere" per il giocatore waac). Inoltre sembra impossibile, ma è più difficile trovare giocatori. Le persone sembrano morbosamente attaccate al cocetto di "ufficiale" e di cosa le faq dicono (comprensibile per Warmahordes, demenziale per AoS, dove lo stesso GH ti dice quasi in ogni pagina di giocare un po' come ca**o ti pare). Anche quando, sono comunque giochi che proprio per la fase preparatoria necessaria vedono una fruizione ideale in un gruppo finito di giocatori che si accorda sui dettagli. Sono "giochi da club".

Più passano gli anni, e più vivo con una certa insofferenza le restrizioni imposte dai giochi chiusi. Per contro però, la generale piattezza dei regolamenti aperti mi lascia spesso insoddisfatto. Vanno bene per mettere sul tavolo quei 10 modelli sparsi che ho comprato e dipinto perché mi piacevano, farci due partite, ma poi mi stancano presto. Lo stesso SBH, che ha al suo centro un'idea davvero valida che regge tutto l'impianto e lo rende strategico e meritevole, lo gioco cmq due-tre volte l'anno. Il grosso delle mie partite è con giochi chiusi.
Offline Gabbi
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
Top Reviewer
 
Messaggi: 1746
Iscritto il: 26 novembre 2006
Goblons: 720.00
Località: Zena
Mercatino: Gabbi

Re: Pacchetti completi o giochi aperti ?

Messaggioda Aby24 » 7 mag 2018, 11:24

Dipende molto dalla compagnia con cui ci giochi.
Come hai già detto anche tu i giochi aperti, pur dando maggiore libertà, faticano a fare presa sui giocatori medi.
I giochi chiusi sono più adatti ai neofiti perchè hanno una sorta di entry-level costituito da starter set anche per 2 giocatori.
Ad esempio comprando la scatola base di infinity, non solo hai due squadre pronte ma anche degli elementi scenici in cartoncino che non saranno il massimo ma sul tavolo fanno la loro porca figura.
I giochi liberi invece spesso non ti consigliano neanche che miniature utilizzare.
Qualche anno fa volevo partire da zero per mettere su un gioco ambientato nell'Africa nera sfruttando il bellissimo range della wargamefoundry.
Dopo svariate ricerche su forum e blog sono riuscito a trovare un regolamento che mi soddisfacesse.
Ho comprato le miniature senza accorgermi che la wargamefoundry le vendeva senza basette. Nuovo giro di consultazioni del web per trovare le basette adatte al mio scopo. Poi ho cercato un sito per i colori e pennelli, poi uno per misurini e segnalini vari, poi gli elementi scenici.
Riassumendo ho impiegato sei mesi per raccogliere tutto il materiale per poter giocare........
Ora che di materiale ne ho intavolare un gioco libero mi è abbastanza facile usando gli elementi scenici accumulati e le miniature collezionate, ma mi ci sono voluti anni per mettere insieme la mia collezione. Sicuramente una persona con meno voglia di me si sarebbe subito dirottata su mamma gw che ti mette a disposizione praticamente tutto quello che serve sia dal punto di vista delle regole che dal punto di vista modellistico.

Ultima cosa ma non meno importante, ad oggi non ho ad oggi trovato un gioco libero che mi appaghi dal punto di vista strategico e tattico come invece fanno Malifaux e soprattutto Warmachine. Ma questo è una mia opinione personale.......
Offline Aby24
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 160
Iscritto il: 13 giugno 2013
Goblons: 0.00
Località: Torino
Mercatino: Aby24

Re: Pacchetti completi o giochi aperti ?

Messaggioda Saul_Dagenham » 7 mag 2018, 18:45

Avete fondamentalmente detto tutto voi.

Aggiungo un paio di postille/cavilli/puntigli tanto per chiudere il cerchio: i regolamenti chiusi hanno più presa in generale perchè hanno più supporto di materiale riguardante il background e le espansioni, e il background delle espansioni, e le campagne narrative, e il background delle campagne narrative... eccetera. :asd:
Hanno anche più supporto per quanto riguarda tornei organizzati o eventi competitivi, attirando ogni genere di giocatori, compresi i famigerati WAAC.

I regolamenti aperti, per loro natura richiedono - almeno nelle fasi di inizio per il cliente finale - un gruppo di amici o conoscenti, che sbozzano il grezzo per adattarlo ai loro gusti, aggiungono e tolgono alla bisogna, adattano al tema che hanno in mente. Ambiente in cui i supercompetitivi si trovano in ipossia pesante, vuoi perchè il loro contributo all'aspetto narrativo è tendente allo zero (le army list dei WAAC sono quanto di meno lore-friendly abbia mai visto), vuoi perchè dopo un paio di partite con loro, fra gabole regolistiche e frigne assortite, non è che ci si gioca granchè.

Sull'aspetto della profondità strategica connaturata a regolamenti chiusi vs aperti non mi pronuncio, un po' perchè non ho abbastanza varietà su cui basare il confronto, un po' perché mi rendo conto di essere una bestia strana, io ho trovato blando e poco ispirato più di un regolamento brandizzato... :-P
I suffer from a diagnosed medical condition: I'm allergic to bullshit.

When life gives you lemons, make lemonade for a profit. Then buy an assault rifle. Next time, life is in for a nasty surprise.
Offline Saul_Dagenham
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 554
Iscritto il: 12 settembre 2013
Goblons: 0.00
Località: Vorga t:1339
Mercatino: Saul_Dagenham


Torna a [GM3D] Giochi di Miniature vari

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron