[IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Discussioni generali sui giochi da tavolo, di carte (non collezionabili/LCG) o altri tipi di gioco che non hanno un Forum dedicato. Indicate sempre il gioco di cui parlate nel titolo dei vostri post e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum, come la guida per l'uso dei TAG nelle discussioni.

Moderatori: IGiullari, Agzaroth, romendil, rporrini, Jehuty, UltordaFlorentia, Hadaran

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda pan76 » 19 feb 2018, 16:15

Ho fatto le prime partite.
Bello, ma alcune cose mi lasciano perplesse.

Possibile che per iniziativa ci sia un semplice tiro di dadi completamente randomico?
Mi sembra abbia una influenza piuttosto importante chi inizia ogni round e si tira ogni round (!)

Anche la disposizione obbiettivi mi è sembrata così così. Ognuno ha messo quelli che poteva posizionare semplicemente il più lontano possibile dall'avversario.
Con i propri facilmente raggiungibili e quelli posizionati dall'avvesario molto difficilmente.
Offline pan76
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 29 febbraio 2012
Goblons: 0.00
Località: Ravenna
Mercatino: pan76

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda cosarara » 19 feb 2018, 18:39

Per l'iniziativa nulla da dire. E' random.

La sistemazione degli obiettivi è invece molto più profonda di come la descrivi tu.
Gli esagoni dove si piazzano gli obiettivi, toldi gli esa di piazzamento dei guerrieri e spazi bloccati, sono pochi e la regola della distanza di almeno due l'uno dall'altro fa sì che il posizionamento di un obiettivo condizioni pesantemente il posizionamento degli altri. Io (specie se vinco l'iniziativa) sono più propenso a piazzare il mio primo obiettivo nel campo avversario per limitare le sue opzioni piuttosto che metterlo nel mio campo. Ovviamente poi tutto dipende dal tipo di mazzo che gioca l'altro e da quello che giochi tu.

pan76 ha scritto:Ho fatto le prime partite.
Bello, ma alcune cose mi lasciano perplesse.

Possibile che per iniziativa ci sia un semplice tiro di dadi completamente randomico?
Mi sembra abbia una influenza piuttosto importante chi inizia ogni round e si tira ogni round (!)

Anche la disposizione obbiettivi mi è sembrata così così. Ognuno ha messo quelli che poteva posizionare semplicemente il più lontano possibile dall'avversario.
Con i propri facilmente raggiungibili e quelli posizionati dall'avvesario molto difficilmente.
Offline cosarara
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 213
Iscritto il: 09 agosto 2004
Goblons: 0.00
Località: San Bonifacio (VR)
Mercatino: cosarara

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda romendil » 19 feb 2018, 19:02

cosarara ha scritto:Io (specie se vinco l'iniziativa) sono più propenso a piazzare il mio primo obiettivo nel campo avversario per limitare le sue opzioni

vuoi dire che lo piazzi su uno dei 7 esagoni di partenza avversari? :Straeyes: Ma è lecito? e se l'altro ha gli scheletri poi può piazzare lo stesso?
Offline romendil
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 7720
Iscritto il: 25 ottobre 2004
Goblons: 1,635.00
Località: Roma
Utente Bgg: romendil
Board Game Arena: romendil
Yucata: romendil
Mercatino: romendil
Android Netrunner Fan Through the ages Fan Ho partecipato ad una lettura condivisa dei Goblins Tifo Roma Io faccio il Venerdi GdT! Jinteki user

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda Montecristo9 » 19 feb 2018, 19:21

romendil ha scritto:
cosarara ha scritto:Io (specie se vinco l'iniziativa) sono più propenso a piazzare il mio primo obiettivo nel campo avversario per limitare le sue opzioni

vuoi dire che lo piazzi su uno dei 7 esagoni di partenza avversari? :Straeyes: Ma è lecito? e se l'altro ha gli scheletri poi può piazzare lo stesso?


No, non si può piazzare un obiettivo su un esagono iniziale, ma lo si può piazzare nella parte di campo nemico.
Offline Montecristo9
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1644
Iscritto il: 18 luglio 2010
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Montecristo9

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda romendil » 19 feb 2018, 19:32

Montecristo9 ha scritto:No, non si può piazzare un obiettivo su un esagono iniziale, ma lo si può piazzare nella parte di campo nemico.

Ok. Ma non ne vedo l'utilità. Non è che se metti un obiettivo in campo nemico blocchi quella casella. Anzi potresti avvantaggiare l'avversario nell'ottenere punti gloria.

edit: forse ho capito cosa intendi. Mettendo un obiettivo in campo avverso imponi all'avversario di mettere altri obiettivi più a distanza, magari in posizione scomoda. Io comunque anche così credo di fargli un favore
Offline romendil
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 7720
Iscritto il: 25 ottobre 2004
Goblons: 1,635.00
Località: Roma
Utente Bgg: romendil
Board Game Arena: romendil
Yucata: romendil
Mercatino: romendil
Android Netrunner Fan Through the ages Fan Ho partecipato ad una lettura condivisa dei Goblins Tifo Roma Io faccio il Venerdi GdT! Jinteki user

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda Gabbi » 19 feb 2018, 20:35

Il problema con gli obiettivi non è tanto la loro posizione sul campo, quanto la posizione di specifici numeri (in funzione delle carte che si hanno in mano). Io sta cosa la patisco soprattutto coi Bloodreaver, che più di altri hanno bisogno di fare presto qualche punto gloria. Le mie carte per lo scopo sono gli obiettivi (vorrei sapere chi è il genio che ha deciso di chiamare obiettivi sia le carte dal dorso giallo che gli obiettivi numerati. Per dargli un coppino forte dietro la testa) e quella che da un punto se si effettuano 3 cariche nel turno. Se non mi escono (o mi escono obiettivi irraggiungibili) la partita è davvero in salita, anche perché a dispetto del background che li vorrebbe molto aggressivi, se non equipaggiati i bloodreaver non è che possano contare molto sui punti fatti uccidendo avversari, soprattutto contro bande resistenti come Orchi e Stormcast.
Offline Gabbi
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
Top Reviewer
 
Messaggi: 1768
Iscritto il: 26 novembre 2006
Goblons: 720.00
Località: Zena
Mercatino: Gabbi

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda darthMax » 19 feb 2018, 21:27

Gabbi ha scritto:Il problema con gli obiettivi non è tanto la loro posizione sul campo, quanto la posizione di specifici numeri (in funzione delle carte che si hanno in mano). Io sta cosa la patisco soprattutto coi Bloodreaver, che più di altri hanno bisogno di fare presto qualche punto gloria. Le mie carte per lo scopo sono gli obiettivi (vorrei sapere chi è il genio che ha deciso di chiamare obiettivi sia le carte dal dorso giallo che gli obiettivi numerati. Per dargli un coppino forte dietro la testa) e quella che da un punto se si effettuano 3 cariche nel turno. Se non mi escono (o mi escono obiettivi irraggiungibili) la partita è davvero in salita, anche perché a dispetto del background che li vorrebbe molto aggressivi, se non equipaggiati i bloodreaver non è che possano contare molto sui punti fatti uccidendo avversari, soprattutto contro bande resistenti come Orchi e Stormcast.

D'accordissimo..quello che è determinante è la posizione degli esagoni obiettivo numerati sulla plancia in relazione alla tua mano di carte ..
se hai in mano le carte obiettivo per gli esagoni 1, 3 e 5 ma nel tuo campo ci sono il 2 e il 4 sei nei guai e devi trovare strade alternative fare punti.
Potrebbe anche capitare che non hai in mano alcuna carta legata agli obiettivi esagonali.
In questo caso puoi usare le attivazioni per pescare altre carte, cercando nel frattempo di conseguire comunque altri obiettivi.

Infine potresti addirittura usare un mazzo senza le carte obiettivo legate agli esagoni. Strategia direi piu rischiosa ma forse meno scontata..
Offline darthMax
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 753
Iscritto il: 10 agosto 2007
Goblons: 0.00
Località: roma
Mercatino: darthMax

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda pan76 » 20 feb 2018, 2:41

Purtroppo mi avete confermato la mia impressione. Iniziativa random e obbiettivi che tendenzialmente si risolvono in speriamo siano vicini e aspetta che vado a mettermi su quella mattonella. Per carità non voglio banalizzare e penso possa piacere ma a me questi aspetti non sono piaciuti. Un conto è fare punti perché alla fine della fase occupi "il centro" o "sei riuscito a presidiare un punto nevtalgico", un conto è sperare che il 2 sia vicino e ci mandi uno sopra. Mi da l'idea di un gioco con buone idee e poi tirato un pochino via in tanti passaggi come spesso capita alla GW
Offline pan76
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 29 febbraio 2012
Goblons: 0.00
Località: Ravenna
Mercatino: pan76

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda Gabbi » 20 feb 2018, 10:59

Secondo me non è "tirato via". Secondo me l'alto tasso di aleatorietà è una scelta precisa e deliberata. Ci sono esempi come la ploy che "dispella" random (una ploy che cancella un'altra carta ma solo se tirando un dado ottieni certi risultati - 3 facce su 6, 50%), o Daylight Robbery (carta che personalmente detesto, ma probabilmente proverò ad usare) che di nuovo su di un tiro di dado al 50% (praticamente il lancio di una moneta) ti porta sopra di 2 punti rispetto l'avversario. Queste non sono cose "tirate via", queste sono frutto di una direzione scelta. Ci ho pensato molto da quando è uscito. Perché promuovere un gioco come "il gioco competitivo definitivo" e poi riempirlo di effetti casuali? Personalmente, un gioco indirizzato ai tornei lo vorrei il meno casuale possibile (per dire: a me nemmeno Summoner Wars sembrava un gioco adatto ai tornei). Invece GW fa un gioco specificatamente dedicato ai tornei e lo rende esageratamente casuale.
Perché? Ci ho pensato e ho un'ipotesi.
Per venderlo a tutti. E in effetti sono tutti (leggendo online, per lo meno) estremamente gasati dal gioco, che viene lodato da ogni parte.
Io mi ricordo quando avevo un negozio e organizzavo tornei di Star Wars Miniature (WotC), dopo un po' il numero di partecipanti ha cominciato a scendere fino a non raggiungere nemmeno il minimo per fare tre turni di svizzera. Quando ho chiesto, mi è stato risposto che "perché tanto vincono sempre gli stessi". Idem con Warmachine. Ho amici che erano stra-coinvolti, ma da qualche anno non partecipano più ai tornei perché "tanto vincono sempre gli stessi". Idem Krosmaster (gioco che peraltro a Shadespire da la biada sotto molti aspetti, non ultimo quello del premiare chi gioca meglio) scena torneistica morta soprattutto perché in Ankama son degli incompetenti, ma anche in quel caso il numero di partecipanti ai tornei si era ridotto drasticamente negli ultimi tempi. Tanto vincevano sempre i soliti. Ecco, secondo me può essere che GW (che non è l'ultima arrivata) abbia considerato proprio questo e abbia creato un gioco che si presenta profondo e strategico, ma in cui possano vincere tutti. E Shadespire è un gioco che possono vincere tutti. Con questo non voglio dire che l'abilità del giocatore (sia nella costruzione del mazzo che in partita) non conti nulla, ma la forte componente randomica agisce da grande livellatrice. Ne è riprova che l'unico torneino svolto da ste parti fin'ora l'ha vinto una persona che conosceva il gioco così bene da essersi presentata con copie multiple della stssa carta nel mazzo. Contro giocatori che giocavano tutte le settimane da quando il gioco è uscito. Io nemmeno ho partecipato quindi nulla di personale.
Ecco, questo è quanto ho ipotizzato. Perché secondo me la casualità in Shadespire non è casuale ( :asd: ) ma c'è per una decisione precisa.
Ultima modifica di Gabbi il 20 feb 2018, 14:46, modificato 1 volta in totale.
Offline Gabbi
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
Top Reviewer
 
Messaggi: 1768
Iscritto il: 26 novembre 2006
Goblons: 720.00
Località: Zena
Mercatino: Gabbi

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda Eithereven » 20 feb 2018, 11:20

Gabbi ha scritto:Perché secondo me la casualità in Shadespire non è casuale ( :asd: ) ma c'è per una decisione precisa.


Questa frase mi piace un sacco.
Vi leggo sempre con piacere e ho paura di provare questo gioco....se dovesse piacermi, mi dissanguerei
Offline Eithereven
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
Tdg Super Moderator
Tdg Supporter
 
Messaggi: 3462
Iscritto il: 01 settembre 2011
Goblons: 320.00
Località: Napoli
Utente Bgg: Eithereven
Board Game Arena: Eithereven
Mercatino: Eithereven
Sei iscritto da 5 anni. Sei nella chat dei Goblins Sono un cattivo Ho partecipato a una partita al Trono di Spade Online Ho partecipato alla Play di Modena Io gioco col rosso I viaggi di Marco Polo fan Podcast Maker Ventennale Goblin Ho comprato la spilla alla Play 2017 Sono stato alla Gobcon 2018 Ho comprato la spilla alla Play 2018 Jinteki user

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda cosarara » 20 feb 2018, 18:06

Hai provato a giocare con un posizionamento così? No.
Provaci, così capisci meglio cosa intendo. Anche solo simulare il posizionamento obiettivi può farti capire meglio.
Se vinci lo spareggio e piazzi le mappe per il lato lungo con 3 esa di contatto e il primo obiettivo lo piazzi tu nel campo avversario in modo tale da precludergli il grosso della plancia (e cmq a due esa dal bordo) il secondo obiettivo sarà piazzato necessariamente da lui vicino alla giuntura delle due mappe, gli altri 3 finiscono tutti nel tuo board.
In questo modo ottieni un doppio risulatato:
1) gli obiettivi nel board avversario sono più vicini al bordo mappa;
2) diventa impossibile per l'avversario arroccarsi in fondo alla mappa.

Se invece cominci a piazzare il primo nel tuo board il tuo avversario potrà agevolmente mettere il secondo e il quardo dove vuole nel proprio board.

Naturalmente non è che questa soluzione sia utile contro tutti, e alcune bande hanno bisogno di controllare in modo accurato il posizionamento degli esagoni obiettivo nel proprio board.
Però ti assicuro che contro un avversario che gioca controllo e che non se lo aspetta è totalmente disruptive.


romendil ha scritto:
Montecristo9 ha scritto:No, non si può piazzare un obiettivo su un esagono iniziale, ma lo si può piazzare nella parte di campo nemico.

Ok. Ma non ne vedo l'utilità. Non è che se metti un obiettivo in campo nemico blocchi quella casella. Anzi potresti avvantaggiare l'avversario nell'ottenere punti gloria.

edit: forse ho capito cosa intendi. Mettendo un obiettivo in campo avverso imponi all'avversario di mettere altri obiettivi più a distanza, magari in posizione scomoda. Io comunque anche così credo di fargli un favore
Offline cosarara
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 213
Iscritto il: 09 agosto 2004
Goblons: 0.00
Località: San Bonifacio (VR)
Mercatino: cosarara

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda cosarara » 20 feb 2018, 18:15

La tua impressione è completamente sbagliata.
Shadespire è un gioco posizionale, in cui prevale colui che riesce meglio a prevedere e mitigare gli elementi aleatori indubbiamente presenti.
I dadi saranno sempre la scusa del cattivo giocatore, di quello che non studia, che non fa deckbuilding, che non analizza scelta mappe e posizionamento delle stesse, che non capisce l'importanza del posizionamento degli esagoni obiettivo, che non riesce a gestirsi la mono di carte ploy e obiettivi.
Shadespire è un gioco molto profondo, ma fruibile in modo immediato anche dal neofita o dal giocatore occasionale, ti consiglio di provarlo dal vivo prima di dare giudizi così affrettati e completamente errati.
Comunque sì, è possibile che un neofita batta occasionalmente un giocatore esperto, questo secondo me è uno degli elementi che rendono il gioco fruibile in quanto si può provare a giocare veramente contro tutti sapendo che una piccola possibilità di vittoria ce l'abbiamo sempre.

Se ritieni che un mazzo controllo obiettivi sia troppo aleatorio si può approcciare il gioco con una banda dedicata all'offensiva, oppure un approccio misto. Oppure è possibile manipolare la posizione degli obiettivi o usare carte che ti permettano di raggiungerli più in fretta. Le opzioni sono molte.

Per un altro tipo di competizione ci sono gli scacchi.

pan76 ha scritto:Purtroppo mi avete confermato la mia impressione. Iniziativa random e obbiettivi che tendenzialmente si risolvono in speriamo siano vicini e aspetta che vado a mettermi su quella mattonella. Per carità non voglio banalizzare e penso possa piacere ma a me questi aspetti non sono piaciuti. Un conto è fare punti perché alla fine della fase occupi "il centro" o "sei riuscito a presidiare un punto nevtalgico", un conto è sperare che il 2 sia vicino e ci mandi uno sopra. Mi da l'idea di un gioco con buone idee e poi tirato un pochino via in tanti passaggi come spesso capita alla GW
Offline cosarara
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 213
Iscritto il: 09 agosto 2004
Goblons: 0.00
Località: San Bonifacio (VR)
Mercatino: cosarara

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda pan76 » 20 feb 2018, 20:05

cosarara ha scritto:La tua impressione è completamente sbagliata ...
Shadespire è un gioco molto profondo, ma fruibile in modo immediato anche dal neofita o dal giocatore occasionale, ti consiglio di provarlo dal vivo prima di dare giudizi così affrettati e completamente errati ...

Per un altro tipo di competizione ci sono gli scacchi.
Qualche post sopra ho scritto che ho giocato il gioco e la mia impressione nasce dalla prova sul campo. E rimane la mia impressione che in quanto tale ha pari valore di altre. Potevi portare il tuo giudizio sul gioco e sarebbe stato sufficiente. Per cui di errato c'è solo il tuo modo saccente di scrivere e di porti nel volere dare consigli su quello che uno dovrebbe scrivere. C'è un motivo se sulla Tana c'è sempre tanta difficoltà a coinvolgere persone nuove. Quanto al volere fare presente che si cerca altro ci sono gli scacchi è la chicca che esprime la povertà di pensiero. Lascio ogni commento ulteriore sul gioco a chi ha i galloni per farlo
Offline pan76
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 29 febbraio 2012
Goblons: 0.00
Località: Ravenna
Mercatino: pan76

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda pan76 » 20 feb 2018, 20:05

cosarara ha scritto:La tua impressione è completamente sbagliata ...
Shadespire è un gioco molto profondo, ma fruibile in modo immediato anche dal neofita o dal giocatore occasionale, ti consiglio di provarlo dal vivo prima di dare giudizi così affrettati e completamente errati ...

Per un altro tipo di competizione ci sono gli scacchi.
Qualche post sopra ho scritto che ho giocato il gioco e la mia impressione nasce dalla prova sul campo. E rimane la mia impressione che in quanto tale ha pari valore di altre. Potevi portare il tuo giudizio sul gioco e sarebbe stato sufficiente. Per cui di errato c'è solo il tuo modo saccente di scrivere e di porti nel volere dare consigli su quello che uno dovrebbe scrivere. C'è un motivo se sulla Tana c'è sempre tanta difficoltà a coinvolgere persone nuove. Quanto al volere fare presente che si cerca altro ci sono gli scacchi è la chicca che esprime la povertà di pensiero. Lascio ogni commento ulteriore sul gioco a chi ha i galloni per farlo
Offline pan76
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 29 febbraio 2012
Goblons: 0.00
Località: Ravenna
Mercatino: pan76

Re: [IMPRESSIONI] Warhammer Underworlds: Shadespire

Messaggioda lordkreoss » 20 feb 2018, 20:17

L'unica è provarlo e poi decidere se è il gioco che fa per te, a me piace molto e con l'uscita delle 2 nuove warband ci sono state dei bei cambiamenti nella composizione dei deck :approva:.

Shadespire non è un gioco di "rissa" ma di tattica, cercare di far più punti vittoria e tirare meno dadi possibili e non con tutte le warband è possibile fare questo gioco :rotfl:
Offline lordkreoss
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5636
Iscritto il: 27 luglio 2006
Goblons: 170.00
Località: San Miniato (PI)
Utente Bgg: Pask
Mercatino: lordkreoss

PrecedenteProssimo

Torna a [GdT] Giochi da Tavolo, di Carte e altri Giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: cometarossa e 1 ospite