Guida Fantastica ai GdR per Boardgamer

Un viaggio introduttivo al mondo e alla storia dei GdR

Dopo i Wargames proviamo a esplorare un altro mondo ludico parallelo a quello dei giochi da tavolo, il mondo dei Giochi di Ruolo (GdR).

Anche questa una realtà spesso legata a doppio filo con il mondo dei GdT, ma che non tutti i boardgamers conoscono.

In questa prima puntata sui GdR proviamo a fare luce sulla storia di questa tipologia di giochi, sull'idea che sta alla base, sui meccanismi principale e sui regolamenti e ambientazioni più famose.

In studio ad aiutarci in questo percorso due ospiti, Andrea "Killa_Priest" e Marco "s83m".

Conducono Salvatore "sava73" e Marco "Agzaroth".

Regia Cristiano "Elianto"

Commenti

Io ho giocato di ruolo per una vita. Abbiamo sempre giocato con regole piuttosto "larghe", libere. Il limite era nella discrezione e capacità gestionale del master, ma il fine era sempre cercare di avere una storia coinvolgente (parametro che è cambiato con gli anni, chiaramente) e, soprattutto, una interpretazione di buon livello. Giocare entro i limiti di un tabellone, entro le regole di una scheda (specialmente con le combinazioni di abilità che subentrarono con la terza edizione) me lo ha sempre fatto sembrare una sorta di variazione sul tema di Magic, con i giocatori che anziché impegnarsi ad interpretare e trovare dei modi di rendere credibile il proprio personaggio, spendevano ore a cercare le combinazioni tra le diverse abilità messe a disposizione dal manuale. Il risultato erano schede complessissime, che incarnavano personaggi spesso vuoti ed interpretati da giocatori incapaci di mettere in fila due parole che avessero un minimo di senso o di enfasi. È solo la mia visione, chiaramente. Questo non significa che i manuali vadano buttati, ma dovrebbero essere una infrastruttura e poco più.

Mi trovi d'accordo. 
Anche con i miei pg di D&D (gioco che punta fortemente alla costruzione di build performanti) ho cercato sempre di dargli uno spessore narrativo; per dire non ho mai pensato (e rabbrividisco al sol pensiero) a pg con incastri di classi improponibili o classi di prestigio fuori luogo, del tipo guerriero 1/ladro 5/ mago 15 solo per poter ottenere un mago in armatura completa e possibilità di scampare alle trappole; praticamente Harry potter che va a fare il militare e dopo esser stato vittima di nonnismo si dedica alla vita di strada prima di ricevere la lettera di Hogwarts

"For Them, the only honorable death is one that leaves a crater"

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare