Traumfabrik

Giochi collegati: 
Dream Factory
Voto recensore:
7,6
Questa recensione si riferisce alla prima versione tedesca, ambientata nella Hollywood precedente agli anni '60, e con immagini e nomi reali. Le successive edizioni presentano diverse collocazioni temporali, e quindi titoli e attori più moderni, ma con immagini caricaturate e nomi modificati (esempio Jim Scarry invece di Jim Carrey).

Il buon maestro Reiner Knizia continua nell'esplorazione del meraviglioso mondo delle aste, ma stavolta oltre ad ampliare le nostre conoscenze in merito, ci fa vivere anche l'atmosfera altrettanto(forse un tantino di più) meravigliosa del cinema d'autore.

Infatti dietro questa ambientazione roboante e ricca di fascino si cela un gioco relativamente semplice e incentrato sulla meccanica preferita dal matematico tedesco, una bella competizione a colpi di rilanci!

Lo scopo del gioco è quindi quello di riuscire a produrre i migliori film, ingaggiando attori, registi e tecnici, e sbaragliare la concorrenza degli altri studi cinematografici, raggiungendo la fama di migliori produttori di Hollywood.. niente male!

A tal fine dovremo fare attenzione alla qualità delle persone che ingaggeremo, ogni tessera produzione infatti è definita da un certo numero di stelline (da 0 a 4), e il valore finale di ogni nostro film sarà dato dalla somma delle stelline di tutti i componenti: sceneggiatura cast e troupe.

All'inizio del gioco, dopo aver scelto uno studio di produzione (anonimi purtroppo, nessun nome roboante in questo caso, solo Studio 1, Studio 2 ecc. ecc.) riceveremo 12 contratti (10 se si gioca in 5) e 3 sceneggiature iniziali da completare. Le prime 3 sceneggiature sono sempre le stesse per ogni studio, e riguardano un film d'avventura, un film drammatico e una commedia. Ognuna di esse ha bisogno di determinate componenti per essere completata, che variano da film a film. Solitamente servono sempre un regista e un attore, e poi, a seconda della tipologia di film, potranno essere necessarie le colonne sonore, gli effetti speciali una buona troupe o magari un secondo attore.
Da ricordare anche che esistono degli spazi riservati alle tessere speciali chiamate "Guest Stars", tali tessere rappresentano degli attori particolari (ad esempio Lauren Bacall, ma ce n'è una anche con..Reiner Knizia!) e possono essere usate solo per riempire questi spazi. Le Guest Stars sono anche le uniche tessere opzionali, quindi andranno eventualmente posizionate prima del riempimento degli altri spazi, perché in caso di completamento di questi ultimi il film verrà considerato completato.

Dopo queste semplici operazioni di preparazione avremo già chiari i nostri obbiettivi per completare i film e potremmo guardare il tabellone in cerca delle persone giuste da ingaggiare.

Ogni turno inizia infatti con la collocazione casuale delle tessere produzione (attori registi e tecnici) nelle 8 caselle del tabellone.

La prima casella (Hollywood)è sempre riempita da un solo regista, uno dei 4 registi da 4 stelline
(John Ford, Alfred Hitchcock, Michael Curtiz e George Cukor).

La seconda e la quinta casella (Studio MGM e Paramount) vengono riempite con 3 tessere produzione casuali, che possono essere attori, registi, colonna sonora, effetti speciali, troupe e agenzia (le tessere agenzia sono una sorta di Jolly, e possono sostituire qualunque altra tessera produzione).

La terza, sesta e settima casella (Walk of Fame, Mann's Chinese Theatre e Hollywood Roosevelt Hotel) vengono riempite con 2 tessere produzione casuali.

La quarta e ottava casella (Caselle Party) vengono riempite con un numero di tessere pari al numero dei giocatori. Queste caselle sono le uniche per le quali non si terrà nessuna asta, e nelle quali le tessere produzione vengono posizionate coperte all'inizio del turno, tali tessere saranno scoperte solo nel momento in cui si giungerà nella casella.

Dopo aver completato il piazzamento si parte con la prima casella, e si farà un'asta per aggiudicarsi il primo dei 4 registi. A partire dal primo giocatore (scelto nella maniera preferita) si ha la possibilità di rilanciare o passare, e se si passa non si potrà più partecipare all'asta in corso. Il miglior offerente si aggiudica la tessera produzione, la piazza nello spazio regista di una delle sue 3 sceneggiature e paga il numero di contratti offerti, dividendoli fra gli altri giocatori. Ad esempio se giocando in 4 un giocatore offre 6 contratti, dovrà darne 2 ad ogni altro giocatore, mentre in caso di offerte non divisibili per il numero dei giocatori, l'eventuale eccedenza verrà pagata comunque ma lasciata accanto al tabellone, per essere considerata e distribuita nella prossima asta.

Si continua così per tutte le altre caselle delle località famose, facendo attenzione a posizionare le tessere nelle zone corrispondenti, in modo da ottenere il maggior numero di stelline per il proprio film, aggiudicandosi le tessere produzione migliori.

Nelle due caselle Party le tessere produzione non saranno accaparrate da un solo giocatore, ma saranno distribuite una ad ogni giocatore. Il primo a scegliere sarà colui che in quel momento ha più attori nei cast dei suoi film, andando in ordine seguendo tale scala di valore.

Nel momento in cui un film viene completato, si sommano le stelline di tutte le tessere produzione e della sceneggiatura e si riceve un gettone del valore corrispondente. Tale gettone rimane sulla sceneggiatura e indica la qualità del film. Dopodiché si pesca una nuova sceneggiatura da quelle non assegnate all'inizio della partita (se sono esaurite non si pesca niente).

Alla fine di ogni turno il miglior film completato riceve un oscar come miglior film della stagione, mentre alla fine della partita si assegnano gli oscar come miglior film in ogni categoria, come peggior film ( Quindi anche cercare di fare un film con le tessere peggiori potrebbe pagare) e come miglior regia (in questo caso vince chi ha più stelline contando solo le tessere regia di tutti i suoi film completati). Inoltre ci sono altri 3 premi da assegnare al primo film completato in ognuna delle 3 categorie.

Dopo 4 turni e tale assegnazione finale degli Oscar si procede al conteggio, sommando il valore di tutti i film, di tutti i premi oscar ricevuti e dei contratti rimasti. Chi avrà il totale maggiore vincerà la partita.

Come dicevo in apertura, la cosa sorprendente di questo gioco è trovare i volti e i nomi di veri attori e registi, una chicca non da poco per un gioco di stampo "tedesco"..tale evenienza si deve sicuramente alla bella "anima" americana che fa da supporto, l'anima della tentacolare Hasbro, che forte della sua opulenza si è permessa di fare un gioco da tavolo con questo popò di ambientazione..

Inoltre rispetto ad altri giochi di aste più "classici" dove ognuno gestisce i suoi averi indipendentemente da quelli degli altri, il particolare equilibrio garantito dalla ripartizione delle offerte pagate, è un elemento in più che i giocatori devono considerare.

Per coloro che credono che il bel cinema non sia solo quello del passato, consiglio di andare a "scartabellare" sulla rete.. si trovano dei simpatici lavori con le tessere in grafica originale ma con i nomi e i volti di attori e registi moderni, oltre alle locandine dei film.. per chi non è così in là con gli anni il gioco sicuramente diventerà anche più gradevole, visto che, cosa strana, per la prima volta in un gioco di Knizia conta più l'ambientazione della meccanica!
Pro:
Semplice e veloce (per alcuni è un pregio)
Ambientazione ricca di fascino
Buoni materiali e fantastici i tasselli con le foto di attori e registi, nonché le sceneggiature con i titoli originali di film storici come Casablanca, Ben Hur e i Dieci Comandamenti.. per gli amanti del genere (e non solo) uno spettacolo!
Contro:
Per i giovani il fascino del cinema di 50 anni fa potrebbe essere limitato..
In fondo è un gioco di aste, se non le amate e non siete nemmeno patiti di cinema, lasciate perdere.
Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale