War Chest: astratto ambientato

War Chest

Un bag-building di battaglie medievali, che sfrutta l'astrattezza matematica unita alla caratterizzazione delle singole unità

Giochi collegati: 
War Chest
Voto recensore:
7,5

War Chest è un gioco per 2 o 4 giocatori, della durata di circa 30 minuti a partita, consigliato a giocatori esperti (14+), basato su bag-building, gestione mano, controllo territorio, poteri variabili.

Può anche essere giocato a squadre, due contro due, in quella che è forse la sua configurazione più divertente.

Come si gioca a War Chest

Ogni giocatore sceglie quattro unità draftate tra le otto casuali sorteggiate tra le sedici totali. Di tali unità prende i gettoni (quattro o cinque, dipende dall'unità) e ne mette due nel sacchetto, assieme al gettone “reale” della sua fazione. 

Il tabellone è diviso in esagoni e su due si piazzano subito i propri segnalini controllo. Lo scopo è piazzarne sei in tavola per primi, oppure eliminare tutte le pedine avversarie. 

In ogni round i due giocatori pescano tre gettoni dal propri sacchetto, poi ne giocano uno a testa fino ad esaurirli ed iniziano un nuovo round ripescandone tre. Se il sacchetto è vuoto o non ci sono abbastanza gettoni, lo si riempie con gli scarti.

Ogni gettone può essere usato in tre modi:

1) Sul campo.

  • Reclutamento: posizionato su un segnalino controllo. Ogni truppa può essere presente su una sola pila, in campo.
  • Rinforzo: sopra un segnalino identico, per alzarne la pila. Ogni gettone corrisponde a una ferita da infliggere per eliminare quella truppa. 

2) Scartato scoperto. 
In questo modo attiva la pila di gettoni corrispondenti. Un'attivazione dà diritto a una singola mossa tra:

  • muovere di un esagono;
  • attaccare un esagono adiacente (rimuovere un gettone nemico);
  • piazzare un segnalino controllo (solo sugli esagoni idonei, marcati con un simbolo), o sostituirne uno nemico;
  • attivare l'abilità speciale della truppa. Ogni unità ha infatti delle limitazioni e/o dei bonus permanenti e/o delle “tattiche” che si attivano appunto scartando il gettone identico. Ad esempio la cavallerie leggera muove di due spazi, gli arcieri colpiscono a due spazi di distanza, eccetera.

3) Scartato coperto.

  • Si arruola una nuova pedina tra quelle rimaste in riserva. Viene messa tra gli scarti e finisce nel sacchetto quando questo si svuota.
  • Si prenota la priorità per il round successivo, ovvero si giocherà per primi.

Un bag building intelligente

Al di là della scelta su come usare un gettone ogni turno (Rinforzare? Muovere? Arruolare?), la cosa bella di War Chest è proprio l'intelligenza con cui viene equilibrato il bag building rispetto alle forze in campo e le conseguenti decisioni pesanti che ne derivano.

Se rinforzo un'unità, rendendola più resistente, avrò meno gettoni per manovrarla. Se arruolo nuovi gettoni di una singola unità, muoverò tanto quella ma le altre rimarranno ferme. Se arruolo tanto in generale, rischierò di non avere mai in mano quello che mi serve al momento giusto.

Non è per nulla scontata l'equazione “più pedine nel sacchetto = esercito migliore”. Anzi, spesso conviene far girare più rapidamente solo due unità su quattro ed avere un gioco rapido, arruolando solo quando un'altra mossa sarebbe subottimale.

A coppie

Non sono molti gli astratti che funzionano bene in quattro. Mi viene in mente Element, di un paio di anni fa. In War Chest gli alleati si siedono da parti opposte del tavolo, prendono tre unità a testa e l'obiettivo è piazzare otto segnalini controllo, invece di sei, segnalini che sono naturalmente in comune. Ci si alterna con la squadra avversaria per le mosse e quando uno prende l'iniziativa, il giro del round successivo comincerà da lui.

La cosa bella è che con sei unità in campo, le combo sono più frequenti, il campo di battaglia più largo si presta a manovre più ampie, l'intesa  e le strategie di coppia vengono esaltate. Insomma: altamente consigliato in questa configurazione.

Le varie unità

Le unità in gioco possono essere idealmente divise in quattro categorie. Usando un gergo videoludico potremmo trovare:

  • quelle di supporto (boost), che consentono mosse aggiuntive spesso a favore di altre unità. Marshall, Ensign, Warrior Priest appartengono a questa categoria;
  • poi ci sono quelle da tiro (damage dealer, ranged): Archer, Crossbowman, con l'arciere più abile a distanza ma limitato a questa, il balestriere più versatile;
  • i tank: Royal Guard, Knight;
  • i damage dealer da mischia: Berserker, Pikeman, con il Berserker più offensivo, il Pikeman difensivo (con la classica abilità “retaliate”);
  • i damage dealer rapidi: Lancer, Cavalry;
  • e infine le unità molto mobili: Light Cavalry, Mercenary, Scout, Swordsman, Footman.

Si potrebbe pensare che la formazione migliore sia quella equilibrata, magari con un tank, un damage dealer, un supporto, ecc. In realtà, se vi capita di prendere unità veloci e supporti, è la cosa migliore che potete fare. Con una eccezione che vediamo subito...

La strategia dominante della Royal Guard

Giravagando per il web mi imbatto in questa strategia, peraltro scovata da un italiano. Così, prima di scrivere la recensione, la provo e la riprovo col mio sparring partner Spartan e poi anche da solo, facendo varie prove sia scegliendo le squadre col draft, come da regole, sia costruendole ad hoc per esaltare quella avversaria e dare unità scarse come compagni per la Royal Guard.

war_chest_partita.jpg

War Chest: partita
trova l'errore...
I principi della strategia sono semplici. Nel giro del primo sacchetto dovrete rimanere con solo tre pedine in mano: una della Royal Guard, la pedina reale e una di un'altra unità a scelta. Il resto delle vostre pedine sono sul tabellone, reclutate e rinforzate: non importa se rimarranno immobili.

Quindi, per tutta la partita, muoverete la Royal Guard ed un'altra unità, senza mai pescare dal sacchetto. La Royal Guard ha un movimento (con la pedina reale) e poi una “manovra” (muovere, attaccare, conquistare); in più è come se fosse una pila di ben quattro pedine, data la sua abilità speciale di poter scartare gettoni dalla riserva, quando attaccata.

In questo modo avrete un'unità estremamente mobile ed anche in grado di attaccare ogni turno, all'occorrenza.
Nota bene che la strategia non si gioca “da sola”, ma dovete comunque essere bravi ad attuarla, un po' come avveniva per l'Halifax Hammer di Pochi acri di neve o la Big Resources di Tzolk'in: il calendario maya

Dalle prove effettuate, è effettivamente devastante, specie contro setup casuali. Con il draft, se escono buone carte, si stempera un po', ma l'avversario deve essere molto bravo a scegliere le unità giuste e manovrarle al meglio. Io ad esempio ho vinto usando dream team tipo Light Cavalry + Ensign, oppure Berserker + Warrior Priest + Marshall, eccetera. 

Diciamo che per batterla si devono verificare tre condizioni:

  • nel draft dovete riuscire a prendere unità veloci e che fanno combo;
  • dovete avere ben chiara la sua strategia e giocare per contrastarla;
  • dovete comunque giocare la vostra partita molto bene.

Diversamente la sconfitta è quasi certa, contro una Royal Guard Strategy

war_chest_royal_guard.jpg

War Chest: contro la Royal Guard
War Chest: contro la Royal Guard
È una strategia estremamente veloce e performante, che ti dà la certezza di “pescare” sempre le stesse tre pedine (dovete fare un aggiustamento solo quando vi mangiano la pedina dell'unità in più). Per avere speranze di batterla dovrete essere altrettanto rapidi, mettendo tutti i rinforzi di una singola unità possibilmente veloce, più un paio massimo di un'altra, meglio se di supporto. Quindi sacchetto molto snello e rapido a ciclare: dovete contrastare la Royal Guard sul suo stesso terreno.

La Royal Guard, usata in questo modo, è sicuramente un'unità overpowered e la conseguente strategia diventa dominante non nel senso che vince sempre (altrimenti sarebbe un vero e proprio baco), me se non conosciuta e contrastata subito ha ampissimi margini di vittoria. E li mantiene ottimi anche se prendete le opportune contromisure. Not broken, but OP.

Da un certo punto di vista mi ha ricordato la Big Money di Dominion, anche se in questo caso ha meno il pilota automatico. Allo stesso modo, ti insegna comunque a giocare meglio.

Conclusione

Un bel gioco, belle idee, bella realizzazione, con l'eccezione del problema alla Royal Guard di cui sopra. Potete escluderla del tutto o togliergli una delle sue due abilità per risolvere la strategia dominante... oppure divertirvi a cercare di batterla, diventando sempre più bravi.

Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

bravo Agz per la recensione.

rimane uno dei miei giochi preferiti.

mi fa molto piacere tu abbia citato la strategia della royal guard che avevo postato su boardgamegeek.

in questo periodo sono in contatto con uno degli sviluppatori.vediamo cosa si riesce a fare per correggere il tiro.

p.s.

mi devi una sfida allora!!

Bella recensione.

Gioco che resta nel mio radar!

Visto che lo hai citato avremo prima o poi una recensione di Element? Mi pare non ci sia ancora ed è un astratto che mi incuriosice molto!

bravo Agz per la recensione.

rimane uno dei miei giochi preferiti.

mi fa molto piacere tu abbia citato la strategia della royal guard che avevo postato su boardgamegeek.

in questo periodo sono in contatto con uno degli sviluppatori.vediamo cosa si riesce a fare per correggere il tiro.

p.s.

mi devi una sfida allora!!

Accetto volentieri la sfida :)
Quando hai postato la strategia su BGG mi ci sono approcciato senza pregiudizi, come avevo fatto per l'Halifax Hammer a suo tempo. Tanti invece tendono a chiudersi a riccio senza nemmeno volerla provare. Purtroppo funziona, però in questo caso è facilmente rimediabile anche solo eliminando una delle due abilità della Royal Guard (ad esempio il movimento aggiuntivo, che è pure poco tematico per la Guardia Reale). 

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Bella recensione.

Gioco che resta nel mio radar!

Visto che lo hai citato avremo prima o poi una recensione di Element? Mi pare non ci sia ancora ed è un astratto che mi incuriosice molto!

Al tempo mi incuriosì, ma non sono un appassionato di astratti e alla fine non lo presi... magari rimedio.

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Bella review come sempre.
Speravo di trovarlo alla play ma niente. Mi affiderò al web!

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=gen0&numitems=6&header=1&text=title&images=medium-fixed&show=recentplays&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

Bella recensione. Un piccolo grande gioco che per me rappresenta l'essenza del bag building, nella sua semplicità fornisce la giusta profondità decisionale su come gestire il sacchetto in relazione alle forze in campo.

Mi hai fatto crescere la curiosità di provarlo in 4 

 

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=MichyLo&numitems=10&text=none&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

grande che hai evidenziato il problema della strategia dominante! 

per ELEMENT:

io l'ho preso avendo l'anteprima di Agzaroth per essen 17: piaciuto a chiunque lo abbia proposto. Gioco breve, componente fortuna non del tutto secondario: in fase avanzata della partita, pescare gli elementi giusti può fare la differenza nel chiudere il tuo obiettivo (e quindi vincere). Se comunque hai giocato male non ti puoi lamentare di avere avuto solo sfiga, il "problema" si può porre solo tra giocatori ugualmente abili e che abbiano giocato tutti bene.

In tre o quattro, avendo ogni giocatore un altro giocatore da incastrare (quello alla propria destra),  se uno è inesperto o gioca male chi lo deve incastrare ha vita più facile.

I componenti sono più che buoni, la scatola è compatta e piccola. Il tema, nonoostante l'astrattezza, si sente: ogni elemento, quando piazzato, ha una funzione che richiama il mondo reale.

Credo si trovi solo in inglese.

Mi sento di consigliarlo a tutti, potendo element svolgere sia il ruolo di entry level che di sfida tra esperti, il tutto in un tempo molto contenuto.

Bella review come sempre.
Speravo di trovarlo alla play ma niente. Mi affiderò al web!

tanti titoli speravo di trovarli alla Play e invece erano esauriti già la mattina di venerdì (wingspan) o la mattina di sabato (el dorado)..

Una scatola era disponibile al prestito dei Goblin 

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Agza hai poteri telepatici? Confessa!!

Da quando me l'hanno fatto provare a Play per dimostrarlo sabato me ne sono innamorato e lo sto cercando disperatamente. ( o meglio senza svenarmi troppo :D)

Della strategia dominante non sapevo, avendo fatto solo un paio di partite. Ma pazienza.
Molto curioso di provarlo in 4.


Ottima rece come sempre.
Alcuni me lo hanno comparato a Il Duca (The Duke) , ma devo dire che strategicamente sono parecchio diversi.

Uno dei giochi più belli degli ultimi 6 mesi a mio modesto parere.

Adoro come le 2 parti (il bagbuilding e l'uso della plancia) sono perfettamente intrecciate fra loro, e ognuna delle 2 è sia causa che effetto dell'altra. 

 

Non l'ho mai potuto provare in 4 per mancanza di persone, ma così a naso mi sembra solo un brodo allungato: un escamotage per poter scrivere "4 giocatori" sulla scatola e vendere di più

Da possessore di entrambi mi sento di poter dire che war Chest è un po' più difficile da padroneggiare anche se element lo trovo di una eleganza rara

Potrebbe essere peggio, potrebbe piovere.

Ho appena saputo che il mio socio Spartan lo aveva comprato, Element. Per cui lo giocherò e seguirà recensione anche di quello

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Mi avete fatto salire l'interesse per questo gioco...nonostante non sia un'amante dei giochi di guerra. La mia lista dei desideri si allunga paurosamente.

Aspetto la recensione di Element, mi aveva colpito tempo fa, ma poi l'avevo messo nel dimenticatoio. Vedo che e' esaurito da un mare di parti.

 

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare