Classifica personale di Archibald

Titolo Voto giocoordinamento crescente Commento Data commento
Alien Frontiers 8,0

Un gioco dadoso in cui la fortuna conta ma non troppo, grazie alle carte e ai vari modi di utilizzare i risultati si riesce sempre a fare qualcosa, al massimo rimandando l'azione desiderata di un paio di turni se proprio gira male. Mi ha ricordato per certi versi Kingsburg, che però risulta molto più spietato nell'intralciare le tattiche dei giocatori.
Semplice da spiegare, interazione non marcatissima ma interessante, possibilità di recuperare posizioni grazie alla classifica dinamica dei punti vittoria, ma soprattutto divertente! Lo rigioco sempre volentieri.

16/10/2012
Innovation 7,0

Un gioco di carte parecchio intrigante, non immediatissimo (alla prima partita ci si sente un po' spaesati, soprattutto nel decidere l'ordine delle carte da giocare e attivare) ma appassionante.
Esistono svariati modi di chiudere la partita, è possibile recuperare terreno nei confronti di chi è più avanti con le Dominazioni e scalare i mazzi è utile e dà soddisfazione. Alcune carte risultano forse un po' troppo potenti, al punto che talvolta più giocatori si coalizzano per neutralizzarle.
Non adatto ad essere giocato in 2, se uno prende il largo è difficilissimo da riacchiappare.
Davvero belle le carte, sia il fronte che il retro. Avrebbero potuto fare la scatola un attimo più grande, le carte imbustate ci stanno a malapena e solo facendo le contorsioniste.

13/09/2012
Ora et Labora 6,0

Interessante la meccanica della ruota per le risorse disponibili, originale e semplice da gestire. L'alto numero di edifici da tenere d'occhio, sia propri che degli avversari, rende davvero difficile pianificare una strategia e potrebbe scoraggiare i giocatori neofiti, creando confusione per buona parte delle prime partite.
Rispetto a Le Havre e Agricola, richiede un maggior numero di partite per avere una buona conoscenza degli edifici e delle azioni attivabili, con le relative combo. Personalmente ho avuto la sensazione che non ne valesse poi molto la pena e non mi ha lasciato la voglia di rigiocarci, preferisco di gran lunga i due titoli suddetti. Infine, i materiali avrebbero potuto essere più curati, in particolare il cartoncino delle plance è troppo sottile.

16/10/2012