Classifica personale di Elijah

Titolo Voto giocoordinamento crescente Commento Data commento
Roads & Boats 9,0

Roads & Boats è un gran bel gioco lungo (4+ ore) e impegnativo (il rischio di mal di testa c'è) di civilizzazione (senza l'aspetto bellico), logistica e gestione risorse. Nonostante non ci sia la guerra e si possa - volendo - giocare per conto proprio senza darsi fastidio, l'interazione è molto alta - e il gioco diventa cattivo - se i vari giocatori piazzano le loro case di partenza vicine.
Ottimo per i giocatori che amano giocare in 2 a giochi in stile tedesco molto impegnativi.

26/01/2013
Raj 9,0

La mia più bella vacanza d'infanzia è legato a questo gioco. 2 settimane in Portogallo con i miei nonni, mio zio e mia sorella. Vacanze fantastiche, al mare, in piscina, a fare gite e alla sera a giocare tutti assieme a Hol's der Geier. Per le emozioni che mi ha dato, i momenti indimenticabili che mi ha trasmesso, non posso che dargli un bel 9. Un filler di tutto rispetto. Lo gioco volentieri ancora oggi, dopo 20 anni.

13/07/2012
Fiasco 9,0

Uno dei migliori giochi di ruolo one shot, senza master, focalizzato sulla narrazione. Bisogna comunque giocarlo con persone a cui piace raccontare storie intense, movimentate, violente, forti. È come far parte di uno dei film dei fratelli Coen (le cose iniziano male e finiscono peggio), da protagonisti.

09/06/2013
Orient Express 9,0

Nel suo genere sicuramente uno dei migliori giochi in circolazione (anche se ormai introvabile). La longevità può essere considerata una pecca, ma se rendere il gioco più longevo significa tramutarlo in "Mystery Express" (gioco ambientato anch'esso sull'Orient Express ma non limitato a 10 partite), beh, preferisco tenermi questo. Il bello di un gioco del genere è che non lo si smette di giocare perché stufi e stanchi delle solite partite, ma semplicemente perché si sono giocati i 10 entusiasmanti casi.

18/07/2011
Tichu 8,0

Per chi ama i giochi di carte tradizionali, Tichu rappresenta in un certo senso l'apice.

14/06/2011
The Great Zimbabwe 8,0

Il gioco è semplice da giocare, ma difficile da gestire al meglio. Alla fin fine durante il proprio turno bisogna fare un'unica azione tra 3 possibili (costruire un nuovo monumento, piazzare un artigiano o aumentare l'altezza dei propri monumenti). Si potrebbe quasi parlare di un Go evoluto, per via della fondamentale importanza di dove si decide di piazzare i monumenti e gli artigiani. Le divinità e gli specialisti danno un interessante pizzico di varietà al gioco.

09/12/2012
Rummikub 7,0

Consiglio la versione Super Rummy, con un colore in più rispetto al Rummikub classico, quindi 5 e non solo 4, perché se no non vale effettivamente la pena comprarlo (basta prendere un mazzo di carte francesi e giocare al Macchiavelli).
Un gioco simpatico e adatto alle famiglie, o a giocatori occasionali, o ad eventi come il natale.

14/06/2011
Black Stories 7,0

Il gioco è reperibile ormai da un po' di tempo anche in italiano (Storie Nere). Ci sono poi parecchie espansioni, una decina, tutte trovabili in italiano. La longevità è dunque un problema relativo.
Per far sì che anche il master possa partecipare alla fase creativa, consiglio - dopo che si è letto ad alta voce la carta sulla parte di fronte, ma prima che il master abbia letto per conto suo la parte posteriore - di far raccontare a tutti (master compreso) la propria versione dei fatti, come se tutti sapessero cosa è successo, anche se ovviamente non è così. Dopodiché il master legge per conto suo la carta nella parte posteriore e dice chi si è avvicinato di più alla storia "vera". Una volta finita questa fase, si può passare alle domande più precise, da rispondere con un "sì" o un "no" da parte del master.
Pregi di questa (mia) variante: il master può anche lui nella fase iniziale provare a indovinare la storia e partecipare alla fase creativa (e non solo rispondere alle domande), dando magari il buon esempio iniziando lui a raccontare la sua versione dei fatti nei minimi dettagli con enfasi e stile. Non ci si limita poi a un semplice botta e risposta, ma si racconta una vera storia.
In definitiva: un buon filler. Degna di nota è l'edizione sui crimini veramente accaduti, come anche non male sono le edizioni dedicate a un tema in particolare, come ad esempio il natale o le vacanze.

19/07/2012
Rory's Story Cubes 7,0

Story Cubes è un gioco di dadi utilizzabile in svariati modi.
Si possono inventare storie di tutti i tipi, non solo legate al passato (come viene suggerito). Ideale per famiglie con bambini.
I più piccoli si possono allenare tramite questo gioco a raccontare storie con un inizio e una fine, con un certo filo logico, a usare la fantasia e a parlare correttamente la propria lingua madre. I genitori possono raccontare storie ai loro figli (una volta senza leggere un libro).
Chi sta imparando una lingua straniera può utilizzare questi dadi per raccontare una storia e sostenere poi una discussione su di essa - è un buon modo per allenarsi.
Ci si può far raccontare com'è andata una vacanza, la serata del giorno prima, un incontro di qualsiasi genere, il proprio futuro o quello degli altri, cercando di allacciare tali eventi con le facce dei dadi usciti. Il tutto può essere reale come anche inverosimile.
Può essere utilizzato con successo in colonie estive per ragazzi come anche per anziani, nel primo caso per rompere il ghiaccio, far parlare i ragazzi tra di loro, creare atmosfera e un certo senso di gruppo, nel secondo caso per uscire da certi schemi prestabiliti, far lavorare la fantasia, stimolare l'anziano a pensare nuove cose.
Ci si può veramente ingegnare in svariati modi.
Il successo o meno di tale gioco dipende spesso proprio dalla propria capacità di essere creativi.

17/07/2012
Enchanted Forest 5,0

Mi dispiace dover dare un'insufficienza a Alex Randolph, ma questo gioco non mi piaceva nemmeno quando ero bambino. Corto e banale.

18/07/2011