Classifica personale di erunion

Titolo Voto giocoordinamento crescente Commento Data commento
Through the Ages: A Story of Civilization 10,0

Gioco che sfiora la perfezione assoluta. Sicuramente impegnativo, ma che ripaga la dedizione con un'esperienza ludica appagante e completa. Oltre a questo, è la dimostrazione pratica che, per fare giochi intelligenti e coinvolgenti, non serve una componentistica da urlo per raggiungere l'eccellenza.

16/12/2016
Space Alert 9,0

Veloce, adrenalinico, con una fortissima ambientazione: il miglior collaborativo ed uno dei migliori giochi a cui abbia mai giocato. Consiglio: fate giocare le persone che, nel vostro gruppo, vi hanno triturato le serate con la loro paralisi da analisi. Il loro smarrimento e la loro confusione valgono da soli il prezzo d'acquisto.

14/12/2012
Twilight Struggle 9,0

Lo ritengo un vero gioiello, concordo con chi lo definisce il miglior gioco per due giocatori sul mercato. Regole non complesse per un "wargame" profondo e difficile da padroneggiare. Regolamento scritto benissimo, prezzo abbordabile. Serve altro? 

16/12/2016
Sherlock Holmes Consulting Detective 9,0

Uno dei pochi giochi in cui ti sembra veramente di "fare" qualcosa. Piace a tutti, anche se, di fatto, è più un racconto in cui il lettore ha una parte attiva nello svolgimento della trama. Regole semplicissime per casi complessi, una vera prova di deduzione ed intelligenza per tutto il gruppo di gioco

17/12/2016
A Few Acres of Snow 8,0

Un gran gioco, niente da dire. Deck building raffinato sullo sfondo della guerra Anglo - Francese per il possesso del nord America. Asimmetrico per due giocatori, offre molte possibilità strategiche per prevalere sull'avversario: si può tranquillamente affermare che, proprio per questo, non c'è una partita uguale all'altra.

23/12/2016
Takenoko 8,0

Veloce e divertente, semplice da spiegare, adatto a tutti, bella componentistica.
direi 8 pieno, nel mio gruppo ci giochiamo spesso e non ha mai stancato nessuno.

07/03/2013
Sator Arepo Tenet Opera Rotas 8,0

Gioco immeritatamente sottovalutato.
Profondo e strategico con ambientazione suggestiva.
Nonostante stimoli la pianificazione, non risente di problemi di downtime: anche i giocatori che, nel mio gruppo, soffrono di paralisi da analisi cronica e conclamata, riescono a giocare in tempi ragionevoli.
Scala benissimo da 2 a 4 e rimane incerto fino alla fine: ho visto giocatori recuperare terreno velocemente utilizzando una serie ben pianificata di mosse.

05/03/2013
Galaxy Trucker 8,0

Il gioco che mi ha fatto conoscere Vlaada Chvatil: in gruppo abbiamo giocato innumerevoli partite senza mai stancarci.
Oltremodo divertente, piace a tutti: neofiti e hard gamers.

05/03/2013
Dark Darker Darkest 8,0

Finalmente qualcosa di diverso. In barba a tutti i giochi dove il solito gruppo di avventurieri deve farsi strada attraverso la solita mandria di zombi utilizzando i soliti oggetti trovati a caso, qui abbiamo una missione specifica, varianti legate ad utilizzo di videocamere interne, lucchetti da aprire utilizzando particolari combinazioni, mostri che è necessario colpire in più punti per indebolirli e poi ucciderli, incendi che si propagano, abilità che si acquisiscono con l'esperienza, antidoto, zombificazione progressiva dei personaggi, una gestione originale della cooperazione, mostri finali, crollo della casa, ecc.

L' autore ha voluto creare un gioco le cui meccaniche si differenziassero da quelle appartenenti a giochi dello stesso genere: a parte gli ovvi difetti di un gioco corposo, complesso e difficile da risolvere, posso dire che l'obbiettivo è stato pienamente centrato.

20/12/2016
Dungeon Fighter 8,0

La soluzione definitiva per ogni serata che langue nella noia. Per chiunque abbia voglia di divertirsi completamente con adeguata leggerezza.
Metteteci pure vostra zia, vostra nonna, il cognato che non ama i giochi, cugini riottosi, fratelli introversi, amici spocchiosi: si divertiranno pure loro!
E poi, vedere vostra suocera che cerca di tirare il dado con il naso, mentre chiude gli occhi e con le spalle voltate...ma volete mettere!?!?!

16/12/2012
Android 8,0

Android non è solo un gioco, è anche e soprattutto una storia che deve essere raccontata e vissuta. L'ambientazione e l'immedesimazione sono fondamentali per poter apprezzare l'intero sistema.
Per questo motivo è adatto solamente a chi ha molto tempo a disposizione e non si accontenta dell'aspetto ludico, ma desidera vivere anche e soprattutto la componente narrativa.
solo a queste condizioni il gioco può essere apprezzato pienamente: l'evolversi della storia personale degli investigatori, l'individuazione del colpevole e del movente, i percorsi dei personaggi che si intrecciano e ne fanno una trama da romanzo rendono l'esperienza ludica diversa e innovativa.

16/12/2012
Fury of Dracula (second edition) 8,0

Ottimo semi-collaborativo dalla fortissima ambientazione. Inseguire il conte per tutta l'Europa si rivela un'esperienza ludica molto soddisfacente per tutti i giocatori. Abbastanza lungo da passarci tutta la serata ma, come nel caso di una cena ottima e abbondante, si lascia il tavolo sazi e soddisfatti.

14/12/2012
Letters from Whitechapel 8,0

Una variante elaborata di Scotland Yard che regala esattamente quello che promette. Grande ambientazione (e suggestione), regole semplici ma di rara finezza, pochi componenti (almeno rapportati ad altri giochi) ma di ottima qualità.
Gira bene anche senza regole aggiuntive, stimolante dal punto di vista mentale, si gioca sempre volentieri. Che dire di più?
Giudizio basato su circa 20 partite

15/12/2012
Ad Astra 7,0

Buon gioco che ricorda, come già detto, i coloni di Catan. Bassa longevità, dopo qualche partita si ha l'impressione di aver già visto tutto quello che c'era da vedere e provato tutto quello che c'era da provare.

17/04/2013
011 7,0

Ottima veste editoriale per un gioco che, pur macchinoso, offre un' ottima ambientazione.

20/12/2016
BATTALIA: The Creation 7,0

Principalmente sono due i difetti che non consentono a "Battalia" di raggiungere un voto alto:

  1. Tutte le fazioni hanno le stesse carte, non ci sono poteri particolari che distinguono una razza dall'altra, e questa simmetria ne appiattisce le strategie diminuendo la longevità
  2. E' fondamentalmente monostrategico, esiste di fatto una sola strategia che consente di vincere: trasformare le carte del proprio mazzo in un solo colore. Il primo che ci riesce vince.
02/02/2017
Zombicide 6,0

Mi rendo conto di essere uno dei pochi, ma il gioco non mi ha preso per niente. Un gruppo di eroi che affronta un percorso pieno di zombi con qualche oggetto utile per massacrare i non morti, tiri di dadi, bellissime miniature. Tutto qui.

16/12/2016
Elder Sign 6,0

Versione superlight di Arkham Horror. Bellissima la grafica e buona l'ambientazione. Tutto qui. In realtà è troppo facile: in 4 abbiamo sempre vinto anche a discapito di alcuni tiri sfortunati. E secondo me, come ogni collaborativo, una volta "risolto" il gioco ti passa la voglia di rigiocarci. La longevità limitata toglie anche quel punto in più che poteva guadagnare per l' ottima componentistica.

15/12/2012
Kepler-3042 6,0

Provato una volta ad Essen, gestionale feroce con un difetto che ne pregiudica la promozione: bassissima interazione tra giocatori. Conto di riprovarlo per verificare definitivamente il mio giudizio, ma di fatto è un solitario di gruppo.

28/12/2016
Panic Station 6,0

Bella l'idea, ma il gioco non decolla. Difficile dire perchè: l'ambientazione si sente, i materiali sono buoni (bella anche la scatola di metallo), le meccaniche reggono (ottima l'idea della scansione per determinare chi è infetto e chi no), ma non entusiasma nessuno di quelli a cui l'ho fatto provare.
Devo anche dire che, avendolo preso appena uscito, possiedo le regole prima edizione e, dopo aver scaricato quelle aggiornate, faccio abbastanza confusione.
Sarà anche per questo, ma, tra tutti, è l'unico gioco di cui non riesco a ricordare (e spiegare) con chiarezza il regolamento.

07/03/2013
Lord of the Rings 5,0

Il primo gioco collaborativo che ho comprato e, se non fosse per il fatto che solitamente concedo sempre una seconda possibilità, ha rischiato di essere anche l'ultimo.
Di fatto un gioco dell'oca un po' più elaborato. Reiner Knizia è riuscito nella difficile impresa di rendere impalpabile l'ambientazione de "Il Signore degli Anelli", e scusate se è poco.
Rivenduto con molta difficoltà ad un prezzo stracciato.

04/03/2013
Tash-Kalar: Arena of Legends 5,0

provato una volta.
Se l'avesse creato Peppino Scaccabarozzi non se lo sarebbe filato nessuno.

15/12/2013
Room 25 5,0

mi rendo conto di essere uno dei pochi, ma proprio non mi ha preso.
In teoria tutto dovrebbe funzionare: molteplicità di scenari, ambientazione accattivante, semplicità delle regole...eppure sono bastate un paio di partite per stancarmi.
I personaggi sono piatti e con caratteristiche identiche, le mosse sono sempre le solite e, dopo che hai provato un po' di varianti, rimane nell'armadio senza particolari rimpianti
Sopravvalutato.

28/06/2013
New York 1901 2,0

Ma che boiata. Gioco di piazzamento con meccaniche vecchie di trent'anni: attraente come una colonscopia, noia elevata a filosofia di gioco.

16/12/2016