La fiera di norimberga vista da

Manifestazioni

Domenico Di Giorgio [domenicodg], al ritorno da Norimberga ci omaggia di questo interessante report.

Alla fiera di Norimberga, il gioco da tavolo è solo uno degli ingredienti dello spettacolo: e purtroppo, non dei più importanti, dato il ben diverso fatturato che sviluppano trenini, macchinine, peluches e giocattoli d'ogni genere (come capita anche nella realtà, ahinoi). Ciò non di meno, noi ci siamo! Se negli stand delle major tedesche del nostro settore c'è sempre qualche giocattolo infiltrato (il misuratore di velocità dei tiri in porta dalla Kosmos, lo stupendo "gioco da tavolo" col tabellone di un paio di metri quadri con le navi che si cannoneggiano DAVVERO, da Ravensburger...), i numerosi italiani puntano invece decisi sul boardgame puro, e sull'aggregazione (come KDS+Raven+Stratelibri; e l'esordiente GiochiUniti – ovvero Nexus+Studiogiochi/Venice Connection+Stupormundi ex Tilsit Italia +daVinci... messa così sembra un'equazione, devo dire) che permetta di raggiungere una maggiore visibilità.

Domenico Di Giorgio [domenicodg], al ritorno da Norimberga ci omaggia di questo interessante report.

Alla fiera di Norimberga, il gioco da tavolo è solo uno degli ingredienti dello spettacolo: e purtroppo, non dei più importanti, dato il ben diverso fatturato che sviluppano trenini, macchinine, peluches e giocattoli d'ogni genere (come capita anche nella realtà, ahinoi). Ciò non di meno, noi ci siamo! Se negli stand delle major tedesche del nostro settore c'è sempre qualche giocattolo infiltrato (il misuratore di velocità dei tiri in porta dalla Kosmos, lo stupendo "gioco da tavolo" col tabellone di un paio di metri quadri con le navi che si cannoneggiano DAVVERO, da Ravensburger...), i numerosi italiani puntano invece decisi sul boardgame puro, e sull'aggregazione (come KDS+Raven+Stratelibri; e l'esordiente GiochiUniti – ovvero Nexus+Studiogiochi/Venice Connection+Stupormundi ex Tilsit Italia +daVinci... messa così sembra un'equazione, devo dire) che permetta di raggiungere una maggiore visibilità.
Tantissimi italiani, sia tra gli stand che in giro con giochi, progetti, contratti e altro tra le mani, in frenetica corsa tra un appuntamento e l'altro: con chi ha resistito fino a martedì (come Paolo "Scribabs" Vallerga, o Paoletta & TinuZ di GiocaTorino, o Roberto "Raven" Petrillo e Silvio "Stratelibri" Negri Clementi, Giacomo "Rose & Poison" Sottocasa) si è riusciti a chiacchierare con calma, con altri si è piacevolmente condiviso lo stand (Leo & Studiogiochi - che ha incorporato Cogito Studio, Roberto & Nexus - inclusi i siamesi MaggieNepitello, Giovanni "exTilsitItaliaoraStuporMundi" Capobianco, Piero Cioni e la Tenki) o qualche caffè di metà mattina (come Spartaco EG Albertarelli, che sfoggiava il suo S.P.Q.Risiko), altri li ho visti solo sfrecciare tra un meeting e l'altro (come Alessandro & Guido di What's Your Game, Mario Sacchi di Post Scriptum)... ma la pianto con l'elenco telefonico, che già mi sarò scordato molti che si saranno offesi! Sorry, anzi, mi scuso in anticipo!!! Fuori dalle nostre aree (i padiglioni 10, 11 e 12) abbiamo visto pochino, inchiodati allo stand... e poco desiderosi di affrontare, come negli anni scorsi, viaggi di ore verso il miraggio dei padiglioni 1 e 2 - che a occhio stanno al confine con la Svizzera, oltre la Vestfalia!

Per la daVinci segnalo l'esplosione di Leonardo da Vinci - che in Germania, per i noti casi, si chiamerà Maestro Leonardo - il bel giocone di Acchittocca che si avvia a essere il gioco dV con la più alta tiratura iniziale, grazie all'entusiasmo dei numerosi partner esteri (Mayfair, Abacus, Tilsit... ma anche altri che ci faranno raggiungere - per esempio - Grecia e Cechia!): ottima riuscita anche per Figaro di Reiner Knizia, che beneficia dei bellissimi disegni di Daniele Barletta, e per i progetti speciali in uscita (tra i quali un gioco "museale" di Andrea Angiolino, e una novità... mutante realizzata con Nexus). BANG! (presto in versione "regalo natalizio"... un po' come la bara di Tilsit Francia) e Lupus in Tabula (è in corso la 5^ ristampa!)invadono nuovi paesi, Oriente e BeetleZ si espandono, e siamo tutti felicissimi per i loro autori!

GiochiUniti si organizza per allargare il mercato - sfruttando anche ogni possibile sinergia con gli altri operatori (come KDS/Raven/Stratelibri) e gli appassionati: tanti titoli in catalogo, tante linee estere allo studio per una distribuzione nazionale... e l'acquisizione dei diritti di Coloni!!! Dopo la firma del contratto, per festeggiare, siamo andati tutti a farci un tiro... col misuratore di velocità dei tiri in porta dalla Kosmos, ovviamente! (Questa battuta è - credo - del Demiurgo Nexus: lungi da me l'idea di fregargliela!)

Lascio agli altri citati (o involontariamente dimenticati: sorry!) l'illustrazione delle loro novità: di mio, ho provato i 3 nuovi titoli Abacus (molto divertente Nottingham, per me il migliore del trio; un bel filler Jericho, in pieno stile tedesco; piacevole e "Schacht-iano" - ovviamente! - California), impressionanti a vedersi l'espansionona di WotR e il prossimo Marvels di Nexus, carini i due giochi d'azzardo di Tilsit (Caramba e Red Hot Silly Dragon - il genere però non è il mio favorito)... Tra le novità più attese per le prossime settimane c'è Mauer Bauer di Leo Colovini per HiG, e fa piacere anche vedere Coyote (ora PowWow) conquistare il mondo attraverso Ravensburger!

Tanti prototipi variamente interessanti (un bel party game francese da giocare al buio, tra gli altri, e un gioco italiano sul traffico in città), tanti editori/autori in cerca di importatore (belli i titoli classici "Uno-like" di Haim Shafir per Amigo), tanti pasti a base di pizza srilankese fatti per sfuggire al fritto che imperversa (l'età che avanza, signora mia...), tanti gradi sotto zero (oltre 10 nelle giornate peggiori)... e tanti, troppi giorni in Germania!!!

Ciao! D