Goblin Parade: Two is megl che one, three e pure four

Radio Goblin
Tana dei Goblin

Nuovo appuntamento con le classifiche di Radio Goblin. Oggi parliamo di giochi che scalano (molto) bene in due.

Articoli
Giochi

Nuova puntata per la Goblin Parade, il format di Radio Goblin ideato, condotto, montato e cullato da Christian "Shadows_Son".

In questa puntata si parla di giochi che scalano bene in due giocatori, ma che non sono esclusivamente da giocarsi in tale configurazione - vale a dire quelli che compriamo con mille aspettative sognando tavolate eroiche di amici e birra e che tiriamo fuori solo per l'infinità bontà delle nostri dolci metà.

Ospiti di Christian nientepopodimeno che due membri della redazione della Tana dei Goblin: il sottoscritto, campione mondiale di sconfitte contro la consorte, e Lorenzo "Rosengald", apprezzatissimo autore di recensioni per quanto sempre più oscurato dai pareri di Mrs. Rosengald.

Tra colpi di scena e conferme abbastanza prevedibili, state pronti come al solito a sentirci discutere a proposito dei giochi che occupano le dieci posizioni della classifica votata dai goblin - e a proposito: votate per la prossima puntata, incentrata sui migliori giochi che si trovano a meno di venti euro.

Fateci sapere nei commenti se la classifica vi torna o se, invece, notate delle mancanze abbastanza importanti.

Ora però basta blaterare: eccovi finalmente il podcast.

Buon ascolto.
 

Commenti

La rubrica è tua e puoi fare le regole che vuoi ma eliminare Azul dalla classifica perchè altrimenti "vince tutto" è un filo infantile. Ma ancora peggio è sentirti dire che "lo hanno giocato tutti e quindi le sue valutazioni sono gonfiate"....Ma sei serio?? Lo hanno giocato tutti ed è piaciuto a quasi tutti, per questo vince premi e viene votato dalla maggioranza. Di giochi di quella complessità e belli visivamente ce ne sono un fracco (qualcuno ha detto sagrada??) eppure non vincono premi, non sono alti in classifica su BGG, non vengono votati in questi sondaggi della tana. Ora continua pure ad escluderlo ma almeno poniti qualche domanda. A tornare sulle proprie decisioni, specie se sono quantomeno molto ma molto opinabili, si fà sempre in tempo. 

Azul è un gioco fantastico, in grado di sfondare tanto con gamer come con neofiti, in grado di restituire un piacere di giocare già solo dal tatto e dall'ordine che si va a creare in plancia.

Il titolo scala benissimo, ha un costo decente, è profondo, è rapido da giocare: insomma un capolavoro.

Non lo nego, anzi, all'interno della ludoteca della mia Tana è l'unico gioco che ha l'onore di essere presente in 3 copie, perché agli eventi non basta mai.

Detto ciò la mia difficoltà è più nel raccontarne sempre qualcosa di diverso, a mio parere una parte importante del podcast è portare all'orecchio dell'ascoltatore qualcosa di nuovo, qualcosa da scoprire; mentre parlare per la decima volta di quanto è bello Azul, quando tutti gli aneddoti son stati raccontati, non so cosa possa portare in più all'ascoltatore.

Detto ciò la mia idea di escludere Azul dalle classifiche, vorrebbe essere una esclusione per manifesta superiorità, non certo dispregiativa. Inoltre non è che io sia convintissimo, sto cercando di capire se sia il caso o no di farla questa esclusione.

Grazie mille del feedback e della riflessione.

 

Ps: indipendentemente dalla mia decisione gli ascoltatori potranno sempre votare per Azul nel campo libero delle risposte e farlo entrare in classifica.

Il modo in cui la gente gioca mostra qualcosa del loro carattere. Il modo in cui perde lo mostra per intero. (Harvey B. Mackay)

son d'accordo con eomer, anche se in maniera meno "aggressive"..

detto questo ha ragione shadow son quando dice che non si può parlare di azul in tutte le puntate.

magari si potrebbe non escluderlo, ma quando arriva il suo turno dire agli ascoltatori una roba del tipo: ok alla posizione xxx ci sta azul che tutti conosciamo. e poi chiedere semplicemente agli ospiti se a loro è piaciuto

personalmente credo che rebellion sia molto sopravvalutato, perché non lo ritengo così divertente (pur essendo più o meno fan di SW): tra le altre cose (oltre al combattimento), se giochi con impero e fai pochissime missioni concentrandoti solo a rastrellare è (oltre che noioso) difficile perdere.

Mi rendo conto di essere una mosca bianca ma io la vedo così.

Su quanto detto dal Sig. Darcy, per cui ci vogliono 5/6 ore a partita, mi pare francamente un tempo abnorme: le mie partite (salvo la prima che la fai col regolamento sempre in mano per capire bene) non sono mai durate più di 2 ore e mezza (massimo massimo 3 ore scarse)

No, no, aspetta: ho premesso che è stata una partita anomala. L'anno scorso abbiamo finito in circa tre ore, se ricordo bene.

Detto questo: a parte che Christian ha fatto benissimo a escludere Azul (anche basta, dai: ne hanno parlato tipo in cinque puntate), davvero tutto quello che vi vien da commentare è questo?

Comunque Vlaada sarà un successo.

si, altrimenti non avrei commentato: un'esclusione d'ufficio è una cosa che rimane impressa, almeno a me.

poi mi è venuto in mente rebellion

Non stiamo parlando di un premio, eh: è la classifica di un podcast in cui cerchiamo di parlare di più giochi possibile.

Comunque Vlaada sarà un successo.

si certo, per carità.. infatti più sopra avevo detto che non si può parlare del suo funzionamento ogni puntata! :D

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare