The Goblin Show: #32 - Mauro Faina

The Goblin Show: Mauro Faina

Nuova puntata del Goblin Show per parlare di giochi, wargame, cultura del gioco e anche attualità

Approfondimenti
Giochi

Seguiteci anche su Telegram: https://t.me/latanadeigoblinchat

Ospite di oggi è Mauro Faina, presidente di Casus Belli e conduttore del podcast Il Giannizzero Nero.
Con lui torniamo a parlare di wargame ma non solo: cosa definisce un wargame, come ci si approccia ad essi, se serve conoscere la storia dietro e se, col percorso inverso, i wargame possono far conoscere meglio la storia, alla luce anche delle ultime vicende di attualità. Conoscere, contestualizzare, capire.

Commenti

Grazie Agzaroth per queste interviste che partendo dai giochi arrivano a temi profondi e non nbanali. Fa veramente venire voglia di iniziare l'hobby dei wargame. Causa mancanza di tempo e gruppo, non sarà facile, ma con un po' di pazienza mio figlio crescerà! (E' nato a dicembre '18)

Ruggero F

 

Quello che ne esce, dopo aver sentito masini e farina, è che no ah senso cercare di creare una classificazine definitoria war game / non wargame. Diciamo perlomeno che masini cercava di piú, nelal sua intervista, una rigorosità, dimostrando di conoscere bene la storia definitoria, tra wargame e giochi conflict simulation, eccetera. Certo è che le categorie hanno senso se qualcuno le condivide, e pare che questa codivisione non ci sia, ergo, chi se ne frega di cosa è un wargame. Diciamo, in sintesi, che sappiamo bene che ASL è un wargame, e che Agricola non è un wargame. Sappiamo che tutte e due sono Board game. E che si possono giocare entrambi e amare entrambi. Se invece Gandhi, Twilight Struggle, Watergate, Undounted normandy, Root, Dominant Especies, Churchill ecc.. siano wargames, direi chi se ne frega a sto punto. Ti piacciono li giochi, non ti piacciono non li giochi. O effettivametne i questi casi si potrebbe utilizzare la definizione di simulazione di conflitto (militare o politico) e allora entrerebbero.  Insomma, i piu confusi sono proprio i wargamer. Combattuti tra aprire e non contaminarsi troppo.

FabioZ69 scrive:

Insomma, i piu confusi sono proprio i wargamer. Combattuti tra aprire e non contaminarsi troppo.

Ma secondo me è giusto che non vi vogliate "contaminare" troppo, l'importante è che non vi passi la voglia di coinvolgere giocatori di boardgames.

Cercate di vedere voi stessi nei vostri avversari. Vi porteranno a capire il Gioco. Ad accettare il fatto che il Gioco riguarda la gestione della paura. D.F. Wallace, Infinite Jest

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare