Recensioni su Age of Conan: The Strategy Board Game Indice ↑

Articoli che parlano di Age of Conan: The Strategy Board Game Indice ↑

  • Articoli
    Durante l'edizione 2008 di Lucca Games ho avuto l'onore di fare da dimostratore per uno dei giochi più attesi dell'anno: Age of Conan. Pertanto, dopo essermi consultato sia con uno degli autori che con uno dei Grandi Goblin, ho pensato che...
    Autore:
    Normanno

Eventi riguardanti Age of Conan: The Strategy Board Game Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Age of Conan: The Strategy Board Game: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Video riguardanti Age of Conan: The Strategy Board Game Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Age of Conan: The Strategy Board Game: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
4425
Voti su BGG:
2484
Posizione in classifica BGG:
1734
Media voti su BGG:
6,66
Media bayesiana voti su BGG:
6,18

Voti e commenti per Age of Conan: The Strategy Board Game

7,6

Ottimo dudes on a map dal gusto ibrido, anche se maggiormente di stampo american.

L'idea assolutamente geniale di portare sul tavolo il mondo di Conan attraverso i regni hyboriani in lotta tra loro, sottolineando quindi l'aspetto strategico, ha relegato questo titolo  un'indifferenza che secondo me è immeritata.  L'asta per il controllo di Conan, ridotto al ruolo di supermuscolo schiavo dei "poteri forti" è molto azzeccata e originale, anche se spezza un po' il ritmo, già non eccezionale di suo.

Bellissimo costruire città templari nel deserto, lanciare magie per sconfiggere le armate nemiche in epici scontri campali, tirandosi sganassoni a suon di dadi scarlatti incisi di sangue nero.

L'ambientazione è imbastita con una cura fantastica, e ricicla le immagini del Conan dei fumetti più che quello del mitologico Frazetta.

I regni sono leggermente asimmetrici, ma la strada per la vittoria apre a tutti tante possibilità di scegliersi la propria strategia. Così in ogni partita ciascun regno hyboriano avrà una personalità diversa, a seconda dello stile e della strategia adottata dal suo giocatore, dando al gioco una coloritura quasi narrativa che è molto rara per un gioco di maggioranze territoriali.

Tra i difetti sicuramente una certa tortuosità delle regole, tra l'altro scritte e organizzate abbastanza male nel manuale. Una lunghezza eccessiva delle partite, che funzionano al meglio solo con giocatori esperti e motivati, e solo se in 4. Il finale, non sempre spettacolare (a volte la partita è chiusa prima della "resa dei conti") e a tratti l'insalatona di punti per la vittoria risulta indigesta e generica, e chiaramente per motivi tematici è sbilanciato a favore dei conflitti militari riguardo a quelli diplomatici.

Sicuramente un gran bel titolo, forse un po' troppo vecchio per gli standard di oggi, un po' troppo legnoso e lungo per chi vuole imparare e finire in massimo due ore una partita, ma che regala atmosfera e strategia molto belle per chi gli darà una possibilità. A volte non funziona benissimo il sistema delle tre ere, pertanto consiglio di giocarlo più di una volta per imparare ad apprezzarlo fino in fondo. Ma oggigiorno, invasi da questa saturazione nel mercato dei giochi da tavolo, molta gente non ha tempo di riprovare un titolo che dura mediamente tre ore e mezza.

5

AoC non è un brutto gioco, ma di certo gli manca molto per essere un buon wargame. Il problema principale del gioco è che per quasi la totalità della partita si deve combattere contro il gioco, conquistando territori neutrali, e solo in minima parte si combatte contro gli altri giocatori. Io personalmente avrei eliminato i combattimenti contro i territori neutrali, magari conquistandoli solo giocando una combinazione di carte con i simboli territorio corretto, senza inutili lanci di dadi. Durante la prima era ogni giocatore espande il proprio regno conquistando territori neutrali e giocando sostanzialmente in "solitario" contro il gioco. La partita sarebbe enormemente più corta e bilanciata introducendo un Setup iniziale in cui ogni giocatore partisse con 4/5 territori già conquistati e si iniziasse direttamente dall'inizio della seconda era. Altro problema non da poco è il manuale. Non ho mai visto in vita mia un manuale scritto così male. Concetti e argomenti incompleti, frammentati, scritti un po' qua e un po' là. Difficilissimo da consultare durante la partita. Le schede riassuntive inoltre, che dovrebbero riassumere le fasi del gioco e le azioni, sono incomplete, perchè omettono concetti fondamentali per il gioco, e pertanto sono inutili. Ci sono infine alcune meccaniche di gioco migliorabili. Una su tutte la gestione di Conan. A mio avviso questo dovrebbe muoversi per conto suo, seguendo la missione ed, eventualmente, intervenire a favore o contro un giocatore solo in cambio di tesori o monete. Aspetto ancora, e in vano, l'espansione che migliori la meccanica di gioco, che ha delle potenzialità ma non le esprime.

6,5

Voto preliminare dopo una sola partita

9

Un bel gioco anche perchè ha molte varianti e la vittoria è sempre incerta fino alla terza era. Secondo me si può giocare anche in due (rende meglio in 4), lo sconsiglio invece per tre persone perchè è poco equilibrato. Come strategico guerresco è tra i miei preferiti e i materiali sono ottimi, complimenti agli autori hanno confezionato l'ennesimo capolavoro. Il regolamento invece è scritto male ed è molto dispersivo. Longevità, 2 Regolamento, 1 Divertimento, 2 Materiali, 2 Originalità, 2

9

Spettacolo per 4 giocatori.

Voto: 9
Materiali: 2 molto buoni
Regolamento: 1 scritto veramente male, per fortuna dopo un paio di partite si capisce come si gioca.
Originalità: 2 è il war game che preferisco
Longevità: 2 hai 4 fazioni da scegliere tutte bilanciate e divertenti da giocare
Divertimento: 2 fantastico molto più bello della guerra dell'anello. Bilanciato in due e in quattro, mentre in tre se hai al tavolo un giocatore stupido guerrafondaio, si rischia di rovinare la partita.

8

Nessun commento

8

Ottimo wargame leggero che sfrutta l'ambientazione di Conan il Barbaro.
materiali superlativi: mappa, miniature, carte, segnalini tutti di ottima fattura.
da il meglio in tre o quattro giocatori secondo me. la meccanica principale è quella riguardante l'utilizzo di dadi presi uno alla volta da un pool comune.
partite sempre molto emozionanti. per me voto 8.

7

Dei giochi che ho provato, direi il migliore del trio italiano.

Per ora un 7,5.. in attesa di provarlo nuovamente.

8

No Comment

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare