Recensioni su Age of Industry Indice ↑

Articoli che parlano di Age of Industry Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Age of Industry Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Age of Industry Indice ↑

Video riguardanti Age of Industry Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Age of Industry: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
3035
Voti su BGG:
2616
Posizione in classifica BGG:
390
Media voti su BGG:
7,47
Media bayesiana voti su BGG:
6,93

Voti e commenti per Age of Industry

6

Commento basato su una sola partita
Mah, non l'ho trovato entusiasmante... bella l'idea della doppia mappa con tanto di meccaniche diverse (i paesi), ma il gioco sembra solo una variante di Brass, tra l'altro senza passaggio canali/ferrovie. La grafica si mantiene sempre su livelli scarsini come da tradizione Wallace, ma ad anni di distanza da Brass non si capisce perchè nel frattempo al noto game designer non abbiano affiancato un grafico capace.
Morale della favola, preferisco l'originale, che tra l'altro in germania si trova a prezzi davvero accessibili.

Tutti i GIOVEDI', birra&giochi a Roma Ovest: //tinyurl.com/h36zvft)

6

Commento messo dopo una sola (e probabilmente ultima) partita fatta ad AoI e più di 50, tra gioco sul tavolo ed online, fatte a Brass. Penso che Brass sia un gioco che si è guadagnato uno spazio di primo rilievo nei gestionali (personalmente lo valuto da 9).
Se Brass è cioccolato sopraffino Age of Industry è un dozzinale surrogato.

Sinceramente non riesco a trovare alcun aspetto migliorativo in AoI. I presupposti dovrebbero essere:
1)Semplificare alcuni aspetti del gioco troppo complicati in Brass
2) rendere il gioco meno dipendente dalla pesca delle carte
3) consentire di espandere il gioco con nuove mappe

Per il punto (1) sinceramente non vedo perchè lo sviluppo dei giochi debba sempre andare inontro ad una "semplificazione", chi cerca giochi più leggeri ha scelta ampia su cui puntare. AoI non è una semploificazione, ma una "banalizzazione".
Per esempio la differenziazione degli edifici, probabilmente l'aspetto più caratterizzante ed originale di Brass, tra edifici che forniscono income ed edifici che forniscono punti, viene totalmente appiattita in AoI. Diventa un gioco tattico, dove bisogna ottimizzare le scelte al momento, piuttosto che un gioco strategico da impostare su più turni. Lo stesso dicasi per la presenza dei due periodi (canali e ferrovie) di Brass rispetto a AoI.
Questo senza dire che la mia prima partita a AoI è stata un incubo...perchè devi quasi disimparare Brass per poterci giocare (porti che richiedono risorse per essere costruiti, ferrovie che non richiedono carte da scartare...il gioco per chi ha imparato Brass è un tormento, altro che semplificazione!)

Il punto (2) è il problema che si riscontra dopo le prime partite a Brass, dove uno vuole impostare una strategia che ha prefissato, piuttosto che leggere bene la mano di carte. Diciamo che è una delle cose che si impara a gestire per ultimo, in un gioco che ha una curva di apprendimento sicuramente lunga,...ma si impara a gestire, quindi è un falso problema

Il punto (3) è quello che ha spinto il buon Wallace e la Treefrog a pubblicare AoI....venderele mappe espansione:)
Scherzi a parte, per i giochi di connessione, o simil-ferroviari, ad un certo punto nasce sempre l'esigenza di cambiare la mappa, anche se le 50 partite fatte per ora non mi hanno stufato. Ebbene, chi ha giocato a Brass sul portale online avrà avuto modo di provare la mappa del Nord della Francia, sviluppata amatorialmente e bene.
Una direzione verso cui poteva evolvere il gioco che avrei di gran lunga preferito, senza stravolgere il gioco. Certo avrebbe richiesto la stampa di nuove carte per ogni mappa, soluzione non certo "economica".....anche se per concretizzare l'"economico" aspetto di vedere quanto la Treefrog metterà in vendita le mappe di AoI.

In definitiva una scelto che non mi ha convinto, e mi ha convinto pochissimo la scelta della giuria dell'IGA di premiare adirittura questo gioco con un premio ambito, ma che negli ultimi anni sta perdendo un po' di valore.

8

Un ottima variazione sul tema di Brass, con la possibilità di numerose espansioni e varianti

7

Gran bel gioco che lascia sempre la voglia di rigiocarci, il regolamento è chiaro e i materiali buoni...le monete in plastica sono però veramente inadeguate.
Sarebbe un 7.5

8

Fatte alcune partite e confrontato con Brass. Ne è l'edizione leggermente semplificata , giocabile da 2 a 5 su più mappe. Vantaggi non trascurabili. Si trova a buon prezzo.

8

Nessun commento

7

Nessun commento

6

Nessun commento

7

E' un giochino il cui unico scopo è di riempire una mezz'ora di tempo con leggerezza e divertimento. Molto semplice, con componenti carini e ad elevata quantità di fortuna.

Se scopri di stare scivolando nella follia, tuffati.
(proverbio Malkavian)

5

meccaniche: ferroviario economico. può soffrire di A/P nella scelta delle carte da giocare
regolamento: abbastanza chiaro da destare solo qualche dubbio
interazione: presente, assolutamente non è un solitario!
scalabilità: buona da 3 a 5, potrebbe essere migliore in 2
durata: rispetta i tempi dichiarati, si dilunga un po nelle prime partite e se ci sono pensatori nel gruppo.
componenti: discreti, buono il tabellone doppia faccia, le schede giocatore sono foglietti molto leggeri, orrende le monete!
ambientazione: abbastanza ambientato
fattore fortuna: presente solo nella pesca delle carte, ma gestibile dal momento che le prime due carte sono scoperte
originalità: prende spunto da brass e cerca in qualche modo di facilitarlo (e forse ci riesce), e di migliorarlo (ma non ci riesce!)
dipendenza dalla lingua: nessuna
longevità: alta grazie alla doppia mappa contenuta nella scatola base, e alle espansioni che offrono sempre sfide diverse (come power grid)
conclusioni personali: un gioco che soffre il confronto con brass..si è cercato di renderlo più accessibile ma a mio parere peggiorando le meccaniche che hanno reso brass un capolavoro. in ogni caso consiglio a chi è piaciuto brass di provarlo nella sua varietà delle mappe.

8

La prima impressione è ottima: merita un 8 pieno, suscettibile persino di aumento dopo qualche partita in più. Il regolamento è sufficientemente chiaro e bene esemplificato, con una sola piccola pecca nel riepilogo finale dell'azione costruire industrie, che contraddice in parte la regola dell'overbuilding contenuta nel relativo paragrafo.

8

Per me un ottimo sviluppo dell'idea di base di Brass, ma con un modo di giocare diverso e su mappe nuove e in continua evoluzione.

LUDICI si nasce....Ma F.I.T.A. si diventa. B-M-F forever. Mitico Aledrugo che pur di non far vincere EvD si prostra, si sodomizza e fa diventare RE STEC....che dire tanto temuto e tanto Onore. Grazie di esistere Aledrugo.

8

Nessun commento

Ia mayyitan ma qadirun yatabaqa sarmadi
Fa itha yaji ash-shutahath al-mautu qad
yantahi

CTHULHU FHTAGN

7

Nessun commento

In diretta dal paese delle streghe!

9

.

8

Io vado fuori dal coro e dico che il gioco è molto bello.

Ovviamente non raggiunge il fratello maggiore (che è un capolavoro assoluto) ma è più giocabile, con regole meno complesse e durata più sostenuta. Inoltre le dislocazioni più forzate delle risorse donano una profondità strategica molto interessante e le diverse mappe variano notevolmente gli approcci alle partite donando longevità. Ovvio perde il paragone con Brass ma rimane un bel gioco (o una bella variante).

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare