Aladdin's Dragons

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7,06 su 10 - Basato su 46 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2000 • Num. giocatori: 3-5 • Durata: 90 minuti

Recensioni su Aladdin's Dragons Indice ↑

Articoli che parlano di Aladdin's Dragons Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Aladdin's Dragons Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Aladdin's Dragons Indice ↑

Video riguardanti Aladdin's Dragons Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Aladdin's Dragons: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
3544
Voti su BGG:
2886
Posizione in classifica BGG:
764
Media voti su BGG:
6,94
Media bayesiana voti su BGG:
6,56

Voti e commenti per Aladdin's Dragons

9

Non capisco assolutamente i voti sempre così bassi per questo gioco: ottimi componenti, regolamento chiarissimo, ottima ambientazione, meccanismo di gioco solido e fluido, assoluta mancanza del fattore fortuna, gioco non troppo lungo e facilissimo da spiegare anche a giocatori occasionali... mi verrebbe di paragonarlo a Puertorico poi penso: Beh a Puertorico in circa 20 partite non ha quasi mai vinto il nuovo arrivato (solo 2 o 3 volte), in Aladdin in 30 partite circa una decina di volte ha vinto il pivello di turno... Ciò può essere dovuto al fatto che le regole di Puertorico non si assimilano in sola 1 partita (anche per la quantità di cose da imparare a memoria come gli edifici), mentre queste dopo solo un paio di turni (saltati senza aver soldi da pagare per gli artefatti visto l'offerta troppo alta nella stanza del palazzo) si imparano. In definitiva un gioco di guerra psicologica bello ed interessante, equilibrato e pieno di suspance. Da tenere d'occhio la strategia della tenda (che alla lunga paga) e quella del cammello visto le frequenti situazioni di parità.

L'importante non è vincere ma sapere quello che sta facendo il tuo nemico!

8

Veramente un bel gioco anche se poco considerato.
Giocato: molto
Grafica/Materiali: 3
Longevità: 3
Divertimento: 3
Originalità: 1
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

7

Si tratta di un gioco il cui meccanismo principale sono le aste nascoste. Il 70% del tempo di gioco lo si impiega piazzando gettoni coperti sulla mappa, cercando di raggiungere la maggioranza nelle varie aree e acquisire ciò che l'area ha da offrire. Tuttavia, giocando con la versione "Magica" descritta nel regolamento, il gioco acquista maggiore profondità e diventa un pò più articolato. Gli Artefatti acquistati hanno dei poteri magici, per cui bisogna scegliere su quale puntare e soprattutto quale usare (dato che in turno se ne può usare solo uno). Le carte Incantesimo danno ulteriori vantaggi, ma alcune sono più forti di altre, per cui consiglio di giocarlo con la variante delle carte scoperte: all'inizio di ogni turno si scoprono le due carte a disposizione nella Tenda di Aladino.
Dopo diverse partite può risultare ripetitivo.

8

Gioco d'aste veramente divertente. Peccato che il meccanismo ricorra frequentemente nei giochi tedeschi.

Ritratto di SdP
9

Splendido bilanciamento tra aste e strategia.

"Giro, vedo gente, mi muovo... conosco... faccio cose" (Ecce Bombo)

6

Il voto è basatao sul ricordo non tanto recente di quando l'ho provato.
1 partita.

The Eagle Goblin

7

carino, ma non entusiasmante

Kingsburg feels like Caylus with dice rolls and goblin bashing. This will grant him some wariness from gamers who can’t stand the luck of the dice, from others tired of spending cubes to build a district, and of course from goblins.

7

Geniale la combinazione di azioni mai scollegate le une dalle altre, mai. Effettuare un'asta non vuol dire solo utilizzare un certo valore dei chip, ma anche il numero dei chip. Davvero intelligente e tattico. Ma un po troppo lungo e con la variante magie un po troppo casuale per il tipo di gioco.
e regole non sono ne troppe ne complesse, ma il risultato è davvero ottimo. Forse non particolarmente longevo. Buoni materiali.

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

6

Nessun commento

7

Nessun commento

7

Bel gioco ad "aste segrete", nella sua versione "senza magie" l'ho trovato particolarmente gradevole e veloce da imparare. Purtroppo esiste solo in tedesco e la scomodita' di andare ogni volta a guardare cosa fa questo o quell'incantesimo sulle istruzioni in italiano mi ha rovinato un po' la gioia del gioco con magie, un po' piu' complicata e, secondo me, con qualche punto ambiguo nelle istruzioni. Comunque, dopo diverse partite (ieri sera l'ultima), confermo che si tratta di un bel gioco, anche abbastanza longevo.

6

Nessun commento

7

Un gioco interessante, fondamentalmente di aste in cui è possibile pure bluffare. Non amo molto gli incantesimi (comunque si può giocare anche senza) che rendono il gioco più imprevedibile.

l'importante è vincere!

Partite recenti:

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=renard&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

8

Gioco di bluff e aste nascoste. Puo' essere un poco caotico (specie nella versione "magica") ma molto divertente.

7

Un buon gioco di aste al buio. Uno dei primi giochi di Breese che non delude mai. Buoni anche i componenti, peccato che al momento si trovi soltanto l'edizione tedesca e non quella inglese.

8

Bellissimo gioco, tante scelte da fare con i seguaci a disposizione.
Giocato 3 volte, da l'impressione che chi è in coda con meno artefatti e magie abbia sempre meno speranze di rimontare...

Everybody is special. Everybody. Everybody is a hero, a lover, a fool, a villain. Everybody. … Everybody has their story to tell
(V for Vendetta)

8

Nessun commento

4

non mi e' piaciuto direi sotto nessun punto di vista, non lo rigiocherei

7

Nessun commento

7

Nessun commento

7

Molto bella la componentistica e la meccanica di gioco.
Le carte incantesimo danno quel tocco di imprevedibilita' che rende piu' longevo il gioco.
Il mio voto e' 7.5

Paolor meglio conosciuto come P.Ruffo.

7

Non molto vario sicuramente, ma la segretezza delle scommesse tiene comunque alto l'interesse e il divertimento.
La pecca più grande è certamente il regolamento, che è piuttosto vago su alcuni punti anche importanti.

A lot of games become boring or simplistic once you’ve mostly "solved" them - a game that opens itself up to more strategy with repeated play is a rare treasure.

8

Molto bello,7,5.

8

bel gioco di aste alla cieca con varie opzioni di scelte da fare :) e con le carte dei poteri x dare anke un pò di imprevisto in + :)

frankiEdany
ehi, goblins...sono FRANKIE ...Dany si è fregata la mia E !!!

7

Un buon gioco dalle meccaniche solide e collaudate. C'è pianificazione e profondità strategica, inoltre la partita è sempre tesa e riserva continue sorprese. Ha forse il difetto di sbilanciarsi un pò se si parte molto bene o molto male, e la fortuna o gli errori possono avvantaggiare alcuni a discapito di altri. Carino

6

Gioco facile da spiegare e da apprendere. Il meccanismo delle aste implica una certa strategia per capire le mosse degli avversari, specialmente nella versione "magica" (l'altra non l'ho sperimentata, ma non mi ispira tanto). Il problema, a mio avviso, è che fra gli incantesimi, in pochi ti risolvono la situazione e quando lo fanno rivoluzionano forse troppo il gioco (facendo pendere una certa dose di fortuna nel beccare la magia giusta). Alla fine, senza magie particolari, le variabili per vincere sono poche (il punteggio finale è determinato solo da chi ha più artefatti, e già una volta su tre mi è successo che si finisse tutti in perfetta parità), e questo ne determina sicuramente la longevità.
Longevità: 0,5
Regolamento: 2
Divertimento: 1
Materiali: 1,5
Originalità: 1

7

Onesto gioco di aste cieche, alla lunga forse un po' monotono, comunque sempre più che valido

7

veramente un bel gioco. La versione base è molto semplice ed adatta a tutti ( tra l'altro le regole si spiegano in 5 minuti ); la versione magica è più varia ed imprevedile. Molto belli i materiali. Giocato in 3 il gioco perde un pò. Se ci fossero i mezzi voti sarebbe un 7,5 pieno.

cerca sempre di ottenere ciò che ami, altrimenti sarai costretto ad amare ciò che ottieni.

6

Nessun commento

6

Nessun commento

Grand Openings

7

Una meccanica di gioco praticamente perfetta: nessun spazio lasciato al caso, logica determinante, bella la grafica. Condivido però la critica del recensore, a fine partita lascia l'amaro in bocca manca indubbiamente di mordente.

7

Nessun commento

A volte si aprono nuove porte e portoni solo tirando un dado e giocando due carte...

6

Nessun commento

<< Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e... ludoscienza! >> [Il sommo Poeta]"

E.C.A.S.C.O. online: www.ecasco.it

7

Bel gioco di Breese, incentrato sulle aste. C'è una buona componente di bluff ed il regolamento del gioco è anche abbastanza semplice. Peccato che sia fuori produzione

6

Nessun commento

6

Nessun commento

7

Nessun commento

"La saggezza della natura è tale che ella non produce niente di superfluo o inutile."
Niccolò Copernico

7

Gioco tra il discreto e il buono. Basato su aste cieche ma grazie alle carte magia si hanno anche continui colpi di scena e ribaltamenti.

8

Bellissimo!

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare