Attila

Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 1981 • Num. giocatori: 2-2 • Durata: 360 minuti
Autori:
(Uncredited)
Categorie gioco:
AncientWargame
Sotto-categorie:
Wargames
Meccaniche:
Hex-and-Counter
Famiglie:
Ancient Rome

Recensioni su AttilaIndice ↑

Articoli che parlano di AttilaIndice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti AttilaIndice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Attila: Scarica documenti, manuali e fileIndice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare AttilaIndice ↑

Video riguardanti AttilaIndice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotograficheIndice ↑

Attila: voti, classifiche e statisticheIndice ↑

Persone con il gioco su BGG:
109
Voti su BGG:
54
Posizione in classifica BGG:
9190
Media voti su BGG:
6,09
Media bayesiana voti su BGG:
5,52

Voti e commenti per Attila

Voto gioco:
7

Mi è piaciuto molto anche se l'ho giocato poco.

Voto gioco:
5

Nessun commento

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

Voto gioco:
6

Un pò troppo semplice per essere un WG stile International team, troppo complesso per essere un boardgame, materiali buoni.

Voto gioco:
6

Nessun commento

Voto gioco:
6

Nessun commento

Voto gioco:
6

Molto semplice e gradevole. Peccato che 9 partite su 10 vincano gli unni. Sarà anche storicamente corretto ma alla lunga stanca.

Voto gioco:
7

Bellissimo dal punto di vista storico, perché permette di vedere come sarebbero cambiate le "migrazioni" (più che "invasioni") delle diverse etnie se i romani avessero cambiato strategia difensiva.

Rispetto ai classici wargame è un po' lento, ma ciò è giustificato dal timing del gioco (ogni turno corrisponde a 6 mesi), per cui i movimenti non rappresentano spostamenti di truppe, ma cambi di "residenza" delle orde barbariche. Bella anche l'idea della diplomazia papale, che stabilisce quali barbari si schierano coi romani, e quali contro. Interessante la tecnica dell'assedio, come alternativa al combattimento, che ri-conferma la "lentezza" del gioco: è un gioco di posizione, non di movimento.

Un po' scadente la scelta di risolvere il combattimento con le carte, personalmente ho trovato più comodo ricostruire una tabella equivalente basata sul lancio di un dado, per evitare il "loop infinito" di giocatori che si chiedono che carte giocherebbe l'avversario: il meccanismo orginale rischia infatti di bloccare il gioco un po' come succede a Tris o Morra Cinese, dove la strategia conta poco, e tanto vale procedere con un lancio casuale.

Ser Tristram da Kelion

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare