Capitol

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6,45 su 10 - Basato su 41 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2001 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 60 minuti
Categorie gioco:
AncientCity Building
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su Capitol Indice ↑

Articoli che parlano di Capitol Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Capitol Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Capitol Indice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Capitol in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
Capitol Offro gioco singolo €20.00 Consegna a mano angell88 19/05/2017
capitol Offro gioco singolo €10.00 No Consegna a mano, Spedizione €10.00 hunchbenny 05/03/2017

Video riguardanti Capitol Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Capitol: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
1674
Voti su BGG:
1399
Posizione in classifica BGG:
1202
Media voti su BGG:
6,84
Media bayesiana voti su BGG:
6,29

Voti e commenti per Capitol

4

Mi allineo con il buon Sargon, niente di che e per nulla originale. Inoltre il sistema con cui si tiene nota dei punti è a dir poco abberrante.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

6

Gioco da cui mi aspettavo molto di più. I palazzi, se molto alti, vanno cadendo per il tabellone e soprattutto come fatto notare da altri non mi è piaciuto per niente il sistema di punteggio.

l'importante è vincere!

Partite recenti:

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=renard&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

8

Anche se convengo che le striscioline contapunti sono scomode (forse l'autore ha calcato la mano con l'originalita'...), personalmente reputo Capitol un buon gioco, ben equilibrato, non troppo difficile, ma sufficientemente tattico e non eccessivamente lungo.
Azzardo: anche longevo!

Quando Chuck Norris vince una mano a poker, l'appende grondante sangue al retrovisore del suo pick-up.

Se perdere insegna a vivere, Pier è un maestro di vita.

5

Il sistema di conta-punti è originale e carino e con un po' di attenzione (anche per i palazzi) tutto sta al suo posto.
Ciò non toglie che il titolo mi abbia parecchio deluso rivelandosi una specie di gioco di posizionamento di palazzi poco coinvolgente, in cui l'asta non ha tutta questa importanza che gli si vuole dare e soprattutto si hanno troppi pochi edifici da mettere per rendere il gioco veramente competitivo ed interessante.
Anche l'idea della gestione della azioni con le carte mi è piaciuta poco: rivedrei il tutto implementando una meccanica di gioco con scelta dei ruoli alla "Puerto Rico".

L'importante non è vincere: è far perdere gli altri!

5

Si attesta al 5 Non arriva propio al pelo alla sufficenza
Non lo ucciderei così tanto ma io non ci farò una seconda partita
Il problema grosso è che veramente te ne puoi frgeare del turno degli altri e andartene via dal tavolo
L'asta è poi abbastanza mediocre....

Until swords part... Athafil Oakleaf - Principe degli elfi Ambasciatore Elfico "Potrei sapere come si fa ad uscire di qui?" "Dipende in gran parte da dove tu vuoi andare"  FFFF ha ragione...

7

per niente male a mio avviso. ovvio, è colovini, uno difficilmente si aspetta "Puerto Rico" però è un bel gioco

7

Capitol e' un gioco piacevole, curato sia nei materiali che nella grafica, con meccaniche piuttosto semplici e per questo apprezzabile anche dai non gamers. La fortuna e' presente e, in effetti, puo' influenzare un po' il gioco ma, alla lunga, l'aspetto piu' importante e la strategia del giocatore.

Piuttosto variopinto ed eterogeneo (aste, piazzamento, scelta della carte). La fase piu' tattica e' quella relativa al piazzamento dei piani/tetti, dove Capitol ha un forte debito con Medina, pur non raggiungengo mai la netta superiorita' e l'eleganza del capolovora di Stefan Dorra.

Veramente terribile il sistema di conteggio dei punti ma, in conclusione, ritengo Capitol un titolo leggero, economico e valido.

7

Concordo con il recensore del gioco,soprattutto alla luce di una nuova partita molto più soddisfacente. L'accostamento immediato ed inevitabile è presto fatto con Medina. Capitol sembra la "brutta copia" del meraviglioso gioco di Stefan Dorra (se non erro pubblicato lo stesso anno); gli è troppo simile a partire dalla sua veste grafica. Si diversifica da Medina nel conflitto tra i giocatori per il controllo dei quartieri di Roma ed un conteggio di punti molto altalenanti da round a round di gioco. Aggiunge un’asta e la pesca delle carte che sono un po' influenzate dalla fortuna, fattore che, se lo distanzia dalla sua alternativa arabica, è, a mio giudizio, l'unico difetto del gioco proprio perché lo declassa dall’essere un gioco di solo ragionamento. Graficamente Capitol mi piace molto a partire dal bel tabellone con la panoramica del centro della Capitale dell’impero e per il gran numero di componenti in legno. Siccome adoro i giochi di piazzamento non posso dire che il prodotto della Schmidt Spiele non mi abbia divertito. Per chiunque non avesse provato altri giochi simili credo possa essere un buon punto di partenza data la semplicità del regolamento. Per quanto mi riguarda almeno, cosa non irrilevante, mi è stato possibile trovarlo ad un prezzo veramente stracciato rispetto alle allucinanti cifre che fanno bella mostra di se sulle scatole di Medina (anche qui ci sono delle eccezioni). In definitiva, lo consiglio solo ad un buon prezzo, oppure, a chi voglia ampliare la sua collezione di Gdt con meccanica di questo tipo.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

4

Nessun commento

4

Nessun commento

6

Nessun commento

8

Bello, anche se semplice e forse più astratto di quello che dovrebbe essere.

7

Gioco di costruzione e influenza (maggioranza) sul territorio.
Meccanismo funzionante, ma forse un poco arido.

7

Nessun commento

6

Nessun commento

Kingsburg feels like Caylus with dice rolls and goblin bashing. This will grant him some wariness from gamers who can’t stand the luck of the dice, from others tired of spending cubes to build a district, and of course from goblins.

8

Stupendo il meccanismo di gestione delle carte/risorse che hai in mano. Consigliato!

"...vince chi fa più punti vittoria..."

8

Nessun commento

7

Nessun commento

8

Bellissimo a parte l'aberrante grafica del tabellone. Inutile da giocare se si è in due o in tre.

6

Poco originale ma solido. L'unica domanda è: Si può progettare un segnapunti così soggetto ad imprecisioni?

6

Pur essendo un comune gioco astratto di piazzamento, è interessante e lacia la voglia di rigiocare subito una seconda partita, dato che nella prima gli errori sono inevitabili.
Sarebbe un 6,5.

The Eagle Goblin

7

Nessun commento

7

Nessun commento

6

Nessun commento

Willy

7

Nessun commento

7

Nessun commento

6

Gioco che mi ha convinto poco......il materiale non è male (anche se il sistema di tracciamento del punteggio e quanto di più scomodo abbia mai visto) e le meccaniche sonon quelle abbastanza inflazionate del piazzamento e controllo.......però ha a mio avviso il grave difetto di dipendere moltissimo (troppo per un gioco simile) dalla pesca delle carte e quindi dal caso. Deludente.

6

Nessun commento

Bye
Joseph.

6

Giocato una sola volta e non appassionato.
Concordo con le critiche al segnapunti: più volte durante la partita abbiamo rischiato di muoverlo e perdere traccia della situazione.

Everybody is special. Everybody. Everybody is a hero, a lover, a fool, a villain. Everybody. … Everybody has their story to tell
(V for Vendetta)

6

Nessun commento

7

Nessun commento

5

abbastanza deludente... sarebbe da 5,5 ma gli tolgo mezzo voto per quello stupidissimo "regolo segnapunti"... un classico percorso sul bordo del tabellone non era più semplice?

8

Piccolo gioiellino, con 3 regole stupide e parecchio divertimento, mi ha da subito affascinato, fattore C. limitato ma presente.

6

Nessun commento

6

Senza lode e senza macchia. Giocato un apio di volte, non ho mai avuto voglia di riprovarlo. Non dico altro.

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare