The Mysteries of Peking

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 5,98 su 10 - Basato su 36 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 1987 • Num. giocatori: 2-6 • Durata: 30 minuti
Autori:
Mary Danby
Categorie gioco:
DeductionMurder/Mystery

Recensioni su The Mysteries of Peking Indice ↑

Articoli che parlano di The Mysteries of Peking Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti The Mysteries of Peking Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download The Mysteries of Peking: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare The Mysteries of Peking Indice ↑

Video riguardanti The Mysteries of Peking Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

The Mysteries of Peking: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
1212
Voti su BGG:
707
Posizione in classifica BGG:
7345
Media voti su BGG:
5,69
Media bayesiana voti su BGG:
5,56

Voti e commenti per The Mysteries of Peking

5

All'epoca sicuramente era un gioco fantastico...ma avevo anche 10 anni!
Nel complesso, considerandolo oggi non mi sento di dargli più di 5, che è comunque più di quanto abbia dato a Monopoli o a Risiko, perchè effettivamente questo gioco aveva qualche chicca in più, e alcune idee divertenti..devo dire che rigiocherei volentieri questo piuttosto che Monopoli o Risiko, anche perchè giochi con queste tematiche e meccaniche non è che ce ne siano molti, mentre "quelli la" di cloni e parenti ne hanno a bizzeffe.

« Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. »
(Isaac Asimov)

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Mcmurphy&numitems=6&header=1&text=title&images=medium&show=recentplays&imagepos=right&inline=1&showplaydate=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

5

Ci ho giocato molto anni fa. Molto originale il sistema di lettura dei messaggi. L'ambientazione e i materiali decisamente gradevoli. Purtroppo perde tutto in longevità: ogni partita è uguale all'altra. Vince semplicemente chi riesce a fare i tiri più alti col dado, così da muoversi in fretta e visitare tutti i testimoni prima degli altri. Dopo 10 15 partite (o anche meno) probabilmente smetterà di divertirvi.

5

Concordo nel dire che era un gioco divertente per bambini, ma anche allora non mi ha mai detto molto... sarà che non sono un fan del giappone. Perà la grafica era simpatica.

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

6

A dire il vero il gioco non è un granché: si tratta solo di lanciare i dadi e visitare i testimoni, però da piccolo l'ho giocato moltissimo ed era fra i miei preferiti. Credo che sia un titolo rivolto principalmente ai bambini e da questo punto di vista non è male. Fichissimi lo specchio, la plastica rossa e il cartoncino della spia per decodificare i messaggi :)

5

Sicuramente meglio del Cluedo. Non è un gran gioco, ma una quasi decente variazione sul tema della deduzione investigativa

"Ebbene, si gioca per vincere ma giocando per vincere si impara a perdere. E io credo che questa sia la cosa importante, perchè se si è imparato a perdere si è imparato a vivere. E' tutto quello che volevo dire."
Alex Randolph

7

Dragon, è un titolo piacevole, che anche io da piccolo ho giocato e rigiocato tantissimo. Ora da giocatore smaliziato posso dire che è un gioco molto semplice, ma ritengo che possa essere parecchio divertente per giocatori più piccoli.
Buoni i materiali e molto simpatiche le trovate dello specchio e dei vari rivelatori "rosso e spia"

5

Giochino investigativo per famiglie semplice e più carino di Cluedo.

The Goblin Creative...

Assimilerò ogni vostra peculiarità ludica e sociologica.
La resistenza è inutile.

6

Il primo gioco da tavolo non si scorda mai! E' il primo boardgame un pò più "complesso" che ho giocato da bambina (dopo il monopoli, ovviamente).
Pur trattandosi di un gioco da "piccoli" nel complesso merita un giudizio positivo. Si tratta di un investigativo in cui bisogna individuare il colpevole per esclusione, con una componentistica ben fatta e dalla grafica divertente. Le interviste al Vecchio Saggio e alla Spia in cui occorreva utilizzare dei pezzi speciali per decifrare i messaggi erano spettacolari!

Molti uomini sono destinati a ragionare male, altri a non ragionare affatto e altri ancora a perseguitare coloro che ragionano. (Voltaire)

5

Acquistato alla fine degli anni '80, ben prima della "German invasion" e pagato 54.000 lire! Se penso che più di 10 anni dopo Carcassonne mi è costato 49.000 e l'ho sfruttato (e sfrutterò) ben di più. Volevo darlo via/venderlo/buttarlo (non ho più spazio nell'armadio!), ma aspetterò che il bambino sia un po' più grande. Magari lui si divertirà ...

5

Nessun commento

6

Nessun commento

6

Nessun commento

5

Giochino semplice semplice che dopo le prime due partite perde quasi tutto il suo fascino. Le componenti sono carine.

7

Nessun commento

6

Un bel gioco che ai suoi tempi mi ha regalato diversi allegri pomeriggi in compagnia. Certo non regge il confronto con i moderni giochi da tavolo, però davvero un bel espediente per attirare neofiti, ancora oggi qualcuno dei miei vecchi amici mi guarda con gli occhioni lucidi dicendo "ricordi le nostre partite a Dragon? Che bei pomeriggi"...a furia di rigiocarlo conoscevo le missioni quasi a memoria!
Un sei se lo merita in pieno se contestualizzato nel periodo in cui è uscito: era uno dei pochi rivali di monopoli e della tombola a paragone dei quali è davvero un super gioco!!! :)

Come hai fatto ad arrivare fin qui?!?
Un passo per volta...

6

Era uno dei miei giochi preferiti da piccolo. Adoravo miss make-up e la vecchia str..za nel tempio di giada.
Ganziali i cartellini cifrati. Per bambini, ma divertente.

4

Nessun commento

//www.pisacon.it/images/Loghi/ProssimaEdizione.png)

8

Nessun commento

Tutto cominciò per colpa di Lord Fiddelbottom... chi l'avrebbe mai detto!
Poi la seduzione di Madame Zsa Zsa ed il rapporto con Colonel Bubble...hanno fatto il resto!

6

“Dragon” rientra perfettamente in quella schiera di giochi del passato che molti ragazzini anni 80 ricordano con nostalgia e che rigiocati oggi non danno più quelle stesse sensazioni e quello stesso divertimento. Molto spesso, più che per demeriti del gioco in sé, il motivo risiede nel fatto che chi li gioca ha almeno 20 anni in più, e questo pesa come un macigno. Nel caso di "Dragon", si tratta di un gioco a metà strada tra Cluedo e Indovina Chi, dove la fortuna la fa da padrona e la strategia è ridotta ai minimi termini, le uniche scelte possibili riguardano l’ordine in cui visitare i personaggi e nel caso quali draghi muovere per bloccare qualche detective avversario. E'un gioco che non dice moltissimo ma che rappresenta più che altro un tuffo nel passato.

PREGI
Grafica carina, divertenti i nomi dei personaggi e i casi descritti.
Veloce nella preparazione e semplice nello svolgimento.
Una partita ogni tanto risulta gradevole…

DIFETTI
…ma due di seguito rischiano di annoiare.
Estremamente semplice e poco profondo.
La Dea Bendata la fa da padrona.

6

Commento basato su parecchie (tra 5 e 20) partite

Una marcia in più rispetto a Cluedo: intanto, il giocatore non può essere il colpevole senza saperlo. Secondo: il target è dichiaratamente basso, e componenti e meccaniche sono in linea con lo stile. Terzo, nonostante l'ingenuità del meccanismo di gioco c'è un minimo di strategia nel bloccare gli avversari e nella scelta dell'ordine di visita - saggio/spia/indiziati.
I metodi per "interrogare" sono di fatto superflui ma sono un simpatico "di più", non dimentichiamoci che è un gioco per bambini.
Ormai c'è di meglio, ma comunque il gioco si merita un sei.

6

Gioco rivolto a un pubblico giovane. Da bambino anche io ne andavo matto.

Longevità: 1
Regolamento: 1
Divertimento: 1
Materiali: 2
Originalità: 1

8

Ovviamente il mio voto è relativo a quanto mi ha fatto divertire da piccolo.
Aveva un non so ché di inquietante quando avevo 10-12 anni e trascorrevo molti pomeriggi cercando di risolvere quei semplici casi.

Divertentissimo il sistema di lettura delle testimonianze.
Molto meglio di Cluedo.

6

Nessun commento

Quando vado in montagna e cammino per i pascoli d'altura guardo le mucche e penso: "Che soddisfazione vedere la mia cena che caga sulla cena di un vegano!"

6

Nessun commento

9

Per me rimane un mostro sacro, chi se ne frega se è datato e fu ideato per i ragazzi. Da premiare le tecniche di investigazione tipo il foglietto rosso, lo specchio, sono accattivanti e danno originalità senza annoiare. L'ho ri-giocato anni fa e mi sono divertito ancora come ai tempi.

For the fondamental truth, self-determination of the cosmos is the suede that mows like a harvest

7

Gioco davvero simpatico! Da ragazzino giocavo con i miei amici ininterrottamente e ci divertivamo un sacco! Trovato e acquistato su ebay per rievocare i bei ricordi e per farci di tanto in tanto qualche partita. Meglio di Cluedo sicuramente anche perchè c'è l'idea graziosa di decifrare i messaggi dei testimoni i quali cambiano le loro testimonianze per ogni singolo caso (simpatiche anche le tematiche) così da non rendere il gioco ripetitivo. Da giocare di tanto in tanto perchè ci si diverte, per i bambini secondo me è ancora uno spasso come gioco.

laura

7

Ci ho giocato molto da bambino, ben prima di sapere come "dovesse" essere fatto un gioco di società. E beh, nessuno oltre i dodici anni potrebbe apprezzare una partita, ma per i più giovani è un gioco onesto, molto semplice e divertente. Alla lunga, leggermente ripetitivo. Il voto non va oltre il 7 perché effettivamente non si tratta che di un indovina chi? rimaneggiato. Un neo: dover scegliere per ogni missione la carta con il (minuscolo) numerino corretto per ogni testimone è un po' noioso per un bambino, e allunga il set-up.

6

ambientazione carina, antico.

Pulla !!

6

Nessun commento

"La saggezza della natura è tale che ella non produce niente di superfluo o inutile."
Niccolò Copernico

7

semplice ma geniale nei contenuti.

A volte si aprono nuove porte e portoni solo tirando un dado e giocando due carte...

5

Mah... Che dire di "i misteri della vecchia Pechino"? Sicuramente si tratta di un gioco che paga fortemente il peso degli anni che ha e che, per questo motivo, risulta obsoleto per coloro che erano bambini negli anni 80. È dannatamente semplice, veloce e molto poco profondo. La fortuna la fa da padrona e scoprire il colpevole è una mera questione di tempo: vince colui al quale il dado sorride di più. Detto questo, il gioco conserva comunque un certo charme, vuoi per l'ambientazione, vuoi per la comicità dei caso proposti, vuoi per le tecniche di investigazione all'avanguardia. Indagare i segreti degli abitanti di pechino muniti di specchio e carte magiche non aveva prezzo e, per i più piccoli, risulta anche oggi un'esperienza impagabile! Geniale a suo tempo, adatta ai bimbi mentre assolutamente senza senso per ipiù grandi: dopotutto si tratta di un mix tra indovina chi? e il gioco dell'oca. Io parlo da inguaribile amante di giochi in scatola e nostalgico degli anni 80, dunque non posso condannarlo così come non me la sento di condannare totalmente un altro classico di quegli anni ossia Brivido. Gli assegno un 6 "politico" e già è tanto. Da segnalare la nuova edizione edita da hasbro qualche anno fa: lente al posto dello specchio, occhialini rossi al posto delle semplici cartine e inchiostro magico per interrogare la spia. Un upgrade carino ma la carne al fuoco è sempre la stessa, poca. Voto: 5 1/2.

6

Meccanica innovativa ... concepito per i bambini ... c'è il dado e pesa molto la fortuna ... ma si guadagna la sufficienza (specchio, decodificatore spia, etc ... rimane particolare come gioco)

6,5

Nessun commento

In diretta dal paese delle streghe!

7

Ottimo gioco, più divertente di CLUEDO e somigliante a I MISTERI DELL'ABBAZIA, più in stile nome della rosa.

50 casi inclusi, che regaleranno serate di divertimento con gli amici!

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare