Quest for the Dragonlords

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6,47 su 10 - Basato su 23 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2002 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 120 minuti
Sotto-categorie:
Wargames

Recensioni su Quest for the Dragonlords Indice ↑

Articoli che parlano di Quest for the Dragonlords Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Quest for the Dragonlords Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Quest for the Dragonlords: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Quest for the Dragonlords Indice ↑

Video riguardanti Quest for the Dragonlords Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Quest for the Dragonlords: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
607
Voti su BGG:
287
Posizione in classifica BGG:
10953
Media voti su BGG:
5,58
Media bayesiana voti su BGG:
5,50

Voti e commenti per Quest for the Dragonlords

4

Una vera puttanata, potevano dirlo che era Risiko con gli incantesimi.
Giocato: poco
Grafica/Materiali: 4
Longevità: 1
Divertimento: 0
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

9

Fun.

Isn't that what games are about, anyway? I'm not looking for an elegant game every day. Sometimes I want to just have a lot of fun playing a game.

Theme.

There are many great games that have a theme tacked on to them. In fact, it seems that way with most games these days. However, Quest for the Dragonlords is a game with a theme, and a theme full of fun.

The game resembles a cross between a simplistic RPG, Risk, and a little of Battlemist. There are a few weak points to the game, but with a bit of changes, especially with an expanison and advanced rules promised - the game really shines.

The game is for 2 - 4 players, although I would recommend 4 if at all possible. Each player plays a race: Orcs, Barbarians, Dwarfs, and Elves. Not original races, to be sure - but we love 'em anyway. Each race has a slight advantage: Dwarves mine more gold, Orcs are cheap to produce, Elves can sneak attack, and Barbarians are the best attackers. The differences are minor, but even greater differences are promised in the advanced rules. For now, they suffice. Each race has one type of unit, sculpted out of plastic. The colorful plastic units all over the board are very colorful - and the game looks great when set up.

The game board itself has a beautiful map laide out on it, with several land masses separated by oceans. It looks like your typical "Risk" layout, but the game itself plays a bit differently. The goal of the game is to elimnate each other's kings. Each player has 3 plastic disks with a sticker inside each. One is a decoy, and is worthless. The other two are a wizard and king. If your king dies, you lose! So you want to protect your king at all costs. The board spaces are divided up with mountain ranges cutting off access points in some places, castles and gold mines in others. Castles give a defensive bonus, so it's a good idea to put your king in them. It doesn't matter how large your force is - if you lose the king, you're out, so keep him safe. Conquering gold mine spaces is great, because they provide you with more money to buy more troops and ships.

So your troops maneuver around the board across land and ships. Ships can reach all over the board quickly, so it's hard to build defensive lines. Combat is slightly similar to Risk. Each unit has a defensive number (6, usually), and and attack number (3, normally). When you fight a battle, you roll the defense number die. (A 6 defense is a 6 sided die) You have to roll your attack number or less to get a hit. It's a nice system, actually. When the advanced rules add stats, battles should shape up nicely. With wizards being able to cast spells, battles have a nice variety as is. There are currently 6 different spells - some of them rather powerful. The only other unit that takes part in battles is the powerful dragonlords.

And that is where this game goes where very few other games go. Along the sides of the board, there are quest paths. You can send some of your units on (often dangerous) quests to get magical items, spells, and the coveted Dragonlord units. Quests are very simple, you meet some basic requirements, like having a torch, etc. Sometimes you fight a monster using the same combat system as above. The monsters are really difficult, but the rewards are fantastic! And this is where decision making comes into play. The more men you send on quests, the better chances you have of getting great units, etc. However, you are taking men away from the front lines, and battles. It's a fine balance that is a lot of fun.

The Dragonlords are extremely powerful, with a nasty attack, and the ability to teleport around the board, taking troops with them. Critics say that they are too powerful, and that may be true - but they are really hard to get, and so are a nice reward. Games don't take very long, and you have to guard your forces (king) from all directions and prepare for all kinds of attacks.

Some other huge plusses to the game. The game designers are very accomodating. They take feedback and make changes to future editions of the game. (For example, the game was originally released with gold colored rocks to use as money. Many people didn't like the nuggets, as they thought they were unwieldy, etc. The designers changed them to plastic coins in future editions. I personally like the nuggets, but the majority didn't, so they changed the game.) This shows that the designers aren't dead set against change - so if the game has problems, they will fix them. Also, advanced rules will be coming out soon, they assure me. New units unique to each race will come out (i.e. catapults, etc.) in pewter, so the game may get a bit of a "Warhammer" feel. I also appreciate the designers' answering my questions via email. And when I told them about something I wasn't keen on (I thought a card was too powerful) they suggested changes that I could try.

Advanced rules, new units - you can drool while waiting. Meanwhile, there is a perfectly good game here to play. Immerse yourself in a fantasy battle, while delving into strange and wonderful quests. I highly recommend this game as a fun, fantasy-filled, time!

7

Visto il tono della scatola, il certificato d'autenticità e gli ammenicoli vari, devo dire che la mia aspettativa è rimasta un po' delusa: si tratta di un semplice wargame che, pur di bell'aspetto (a parte le miniature), è abbastanza scontato nei contenuti e nelle meccaniche.
Probabilmente, a lungo andare diventa pure monotono.

Dubitare di tutto o credere a tutto, sono due soluzioni ugualmente comode che ci dispensano entrambe dal riflettere. (H. Poincaré)

10

Un gran bel gioco, con una decente parte strategica (che diventa splendida con le espansioni), ed una parte di avventura carina; insieme rendono il gioco divertente, con qualche limite. Da menzionare il fatto che si tratta di un'autoproduzione - materiali eccellenti per una cosa simile. E sopratutto è strategico... almeno il giocatore decide che fare, non deve aspettare di vedere che esce dai dadi come qualche troppo osannato gioco...

6

Nessun commento

8

Nessun commento

8

Nessun commento

7

Nessun commento

5

Concordo col recensore, troppo aleatorio acquisire maghi, magie o dragonlord, e troppo vincolante ai fini della vittoria. Aspetto della quest inutile e pericoloso. aspetto bellico troppo semplicistico e soprattutto fatto in modo da perdere unità in modo inaspettato e comuqnue senza possibilità di gestione... insomma un titolo che poteva dare di più ma che si risolve essere un risiko con una spetto più roboante eaccattivante ma dalle regole farraginose e dsal sistema stantio e mal studiato. NOn ci siamo proprio. Do comuqnue 5 per il tentaivo di implementare varie fasi a quella bellica, in specie quella economica.

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

6

minia cosi' cosi', e' un gioco che non ho preso perche' ne vedo altri migliori

7

Una gradevole variante sul tema, la possibilità di esplorare oltre che difndere i prpri territori è da elogiare, purtroppo con giocatori poco esperti alcune mosse killer che ne limitano la longevità.

6

mah,forse la nuova edizione è meglio come dicono questa è troppo statica ed equilibrata dopo 3 ore di gioco con 2 amici ci contendevamo ancora le stesse due isole,probabilmente il gioco cambia di equilibri quando uno scopre il primo dragonlord però rischia di essere un pò monotono,l'advanced e le nuove unità invece potrebbero migliorarlo in maniera più che sensibile aggiungendo la strategia che manca in un gioco troppo Risik-klone....

8

Una divertentissima evoluzione di Risiko all'insegna dell'epicità fantasy; blastaggio puro con incantesimi che volano tra uno scontro e l'altro. Carina la sezione 'quest' un po' alla Talisman anche se assolutamente random (del resto proprio come Talisman). Fra i difetti in primis il lieve sbilanciamento dell'abilità 'Sneak Attack' degli elfi che ha necessitato di un' errata ufficiale per rientrare nell'equilibrio delle abilità delle altre razze e in secondo luogo il regolamento (della prima edizione) davvero mal strutturato ed equivoco in diversi punti; ma è un'autoproduzione dopotutto... impossibile non tenerne conto.
In definitiva un gioco che volutamente predilige il divertimento un po' a discapito di strategie di gioco approfondite anche se comunque di certo non assenti.

Non Cogito, Ergo Digito.

6

Nessun commento

TopoMaster, L' Eterno Apprendista
____________________________
That which is not dead can eternal lie, And with strange aeons even death may die." (Lovecraft)

6

Nessun commento

7

Ambientazione davvero bella, plancia carina (migliorata nell'ultima edizione) organizzato davvero bene e con tante tante cose da fare e da ricordarsi. Un difetto? Estremamente lungo.

Partite Giocate: 1

6

buona componentistica e una meccanica facile non lo rendono (cmq) un ottimo titolo!!
I dragonlords sono sgravati e il caso regna sovrano in combattimento!!!

5

Tentativo coraggioso e mal riuscito di unire nello stesso gioco un war game ed un adventure quest game. Risultato: nè carne nè pesce ad un prezzo spropositato.

6

Nessun commento

6

Nel complesso un gioco carino, anche se il connubio tra lo stile Risiko e le quest non sembra del tutto riuscito.

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare