Wargames 2 La Vendetta

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo dei Wargames

Una sola puntata non poteva bastare per esplorare il vasto mondo dei Wargames e dei Wargamers. Per questo motivo abbiamo richiamato "alle armi" i nostri due primi ospiti Nando Ferrari e Paolo Carriolato, ai quali si è aggiunto Giancarlo Ceccoli, presidente della ASGS.

Presentano Salvatore "Sava73" e Marco "Agzaroth".
Regia Cristiano "Elianto". 

Commenti

scusate ma... star wars armada può essere considerato un war game?

e poi, in generale, non ho capito una cosa: se in un gioco ci sono meccaniche war game, ma ambientazione fantasy, siamo davanti a un war game propriamente detto?

 

muffin

se accetti un consiglio da uno che gioca a wargames da qualche decina d'anni - ma non si intende di ludologia - gioca con quello che ti fa più piacere e non pensare alle etichette ;)

Battlefleet Gothic, Full Thrust, Dropfleet Commander, SW Armada... Talon... Battletech... sono ottimi giochi a prescindere dal fatto che qualcuno ti dica a che razza appartengono (secondo loro).

Idem Battlelore, come Warhammer Diskwars, Nomad Gods, Cry Havoc (quello della Standard Games del 1981) ed il suo spinoff Dragon Noir o altri.

Il wargame tradizionale, esagoni e counters e CRT e ZOC, è "uno" dei possibili modi di giocare a quest'hobby, ma non è che continuiamo ad andare sulle FIAT 128, adesso ci sono citycar, suv, le 2 volumi e mezzo - e sono sempre tutte auto ;)

"Do not infer or imagine more to a rule than is stated in it. When in doubt, interpret strictly."
Alan Emrich

ciao Claudio, grazie per il tuo consiglio, che non posso accettare semplicemente perché è una cosa che già faccio :) (dunque ti do perfettamente ragione!)
 

la mia era semplice curiosità, che è nata quando già dal primo podcast sui wargame si diceva che una caratteristica di questi ultimi era il contesto storico; cosa che perlatro mi ha lasciato del tutto insoddisfatto in quanto, proprio perché refrattario a rigide etichette, mi sono chiesto: ferme le meccaniche wargame, se c'è un oscuro signore al posto di hitler, perché non posso parlare di wargame?

sulla base della mia davvero poca esperienza (mi sono appasionato ai gdt - in senso ampio - solo un 7-8 mesi fa) non riesco a rispondermi, e spero quindi che qualcuno più esperto di me ci spenda qualche riflessione

Ciao! 

 

muffin

Non ho sentito il podcast ma ribadisco un amichevole "chissene"... :D

Cos'è un wargame, e solo le simulazioni storiche sono veri wargames... :D

Negli anni ho letto fiumi d'inchiostro (digitale) a riguardo. Il prossimo passo è il tormentone, "ma Twilight Struggle è un vero wargame", per poi finire citando Case Blue ^^

Fidati, non porta a nulla di buono. Capisco la tua curiosità ma, credimi: vuoi mettere Sauron al posto di Hitler? A te piace? Amen. Per qualcuno stai giocando ad un wargame e per un altro no? Amen.

Probabilmente in 10 wargamers ti risponderemmo in 10 modi diversi, tirando in ballo l'importanza del modello simulativo e l'approccio corretto al find-fire-fix-flank-finish nella WW2 a livello tattico e bla bla bla. Col risultato netto di aver tolto tempo alla cosa più importante: GIOCARE ;)

Prova A House Divided. Warriors of God. Tank on Tank (West Front o East Front, scegli tu). Storm over Normandy. Leuthen (quello della VPG). Fading Glory. Band of Brothers Screaming Eagles. Commands & Colours Ancients. Un wargame a blocchi della Columbia (chessò, Julius Caesar, o Crusader Rex). 1754 Conquest.

Poi provane altri a tema fantastico. Chessò - Nuklear Winter '68. Dawn of the Zeds. The Awful Green Things From Outer Space. Ti sembrano simili? Si, no? Ti sembra importante distinguerli? Si, no?

Giudica tu. Il tuo tempo, il tuo portafogli ma anche il tuo arricchimento culturale (perchè no, giocando -bene- s'impara) alla fine sono l'unico vero metro con cui valutare. Dopo un po' di partite e con più esperienza sulle spalle sarai in grado di stabilire da solo cosa sia un wargame "per te", e questo è molto più importante che sentirsi dire che cosa sia "per me".

Just my 2 cents ;)

"Do not infer or imagine more to a rule than is stated in it. When in doubt, interpret strictly."
Alan Emrich

che dire.. grande!

muffin

Bella puntata e ospiti squisiti, spero in una terza serata di approfondimento sui WG, ciao

Rilancio: senza che vada a cercare in internet, mi piacerebbe sapere qualcosa di più sull'appellativo "grognard" che sento spesso nell'ambito WG, ciao

Rilancio: senza che vada a cercare in internet, mi piacerebbe sapere qualcosa di più sull'appellativo "grognard" che sento spesso nell'ambito WG, ciao

Da Wikipedia: Grognard è una parola della lingua francese che può essere tradotto in italiano come "brontolone". Non è necessariamente peggiorativo e a volte è utilizzato come complimento. Storicamente indica un soldato della Guardia imperiale di Napoleone Bonaparte, in particolare i veterani della Grande Armata, ma in seguito fu utilizzato anche per i soldati più fedeli all'imperatore, soprannominati così quando si lagnavano del loro modo di vivere. 

Viene anche utilizzato per indicare i giocatori veterani di wargame dei primi anni settanta del XX secolo.

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Si, quelle info le avevo trovate, mi chiedevo se l'uso in ambito WG fosse legato a qualche aneddoto particolare.

Giocando a un vecchio hex&counter sono sorte un paio di questioni di ordine meramente pratico:

1) c'è qualche maniera particolare per ricordare quali counters si sono già mossi nel proprio turno?

2) nel caso di counters impilabili in stack, c'è un modo per spostarli senza farli cadere e per sapere la forza totale del gruppo (senza dover smontare la pila ogni volta, che nei combattimenti è pure adiacente a quelle avversarie)?

Insomma, attendo con impazienza la puntata n.3 :)

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare