Ghosts!

Giochi collegati:
Ghosts!
Voto recensore:
6,2
Ogni giocatore ha a sua disposizione 8 fantasmini, 4 dei quali con il pallino rosso (fantasmi cattivi) e 4 con il pallino blu (fantasmi buoni) da disporre sulla plancia nelle 8 caselle centrali delle due righe più vicine a lui.

L'identità in campo dei fantasmini dell'avversario è mantenuta celata (i pallini rossi/blu vengono inseriti nella schiena del fantasmino, non visibile all'avversario) fino a che questi non vengono mangiati (ed eliminati).

Nel proprio turno un giocatore deve muovere uno dei suoi fantasmini in una qualunque direzione (avanti, dietro, destra, sinistra, tranne in diagonale). Se nel far questo finisce su una casella occupata da un fantasma dell'avversario, quest'ultimo viene "mangiato" ed eliminato (solo in questo momento si può conoscere l'identità del fantasma avversario).

Il gioco finisce in uno dei tre modi seguenti:
- quando hai mangiato tutti i 4 fantasmi buoni (blu) del tuo avversario;
- quando hai costretto il tuo avversario a mangiare tutti i tuoi 4 fantasmi cattivi (rossi);
- quando uno dei tuoi fantasmi buoni riesce ad "uscire" dalla plancia.

I primi due modi sono auto-esplicativi, il terzo è presto detto: ai quattro angoli della plancia ci sono (due per parte, ovviamente) le caselle di uscita. Quando ci si trova su una delle 2 caselle di uscita dalla parte dell'avversario, è possibile far uscire un proprio pezzo con la mossa successiva. Ovviamente si può far uscire solo un fantasma buono.

Tutto il gioco è basato quindi su una serie bluff...
Non si deve far capire al proprio avversario dove sono i propri fantasmi buoni e cattivi, e si deve cercare di confonderlo con movimenti non troppo banali.
Pro:
Il materiale è particolarmente piacevole da vedersi, pur nella sua semplicità.
Il gioco non è minimamente basato sulla fortuna, ma tutto sulla propria abilità di saper bluffare.
Infine, è di una facilità disarmante e semplice da spiegare.
Contro:
Il difetto principale è che non ha una grande longevità... dopo 4-5 partite contro lo stesso avversario, si rischia di conoscere in anticipo movimenti e tentativi di bluff.
Ma è un gioco da prendere così, leggermente, come "apripista" di una serata ludica a due, magari basata su giochi strategici (o astratti) più impegnativi.