Mini Demolition Derby

Giochi collegati:
Demolition Derby
Voto recensore:
0,0
Premessa
Ho avuto il piacere di vedere all'opera Giovanni Longoni in ormai svariate Aree Autoproduzione, Con, feste di Oratorio, in ferie...
Ovunque riesce a far giocare e far divertire gruppi di bambini e famiglie con un successo che è da vedere.
Questa recensione più che per descrivere il gioco in sè, è per comunicare questo autore a qualsiasi organizzatore di Con, Feste, Ludoteche... che vuole avere un Autore che sa far divertire bambini e famiglie. Ha un dono naturale, mostruoso. E' un premio al suo modo di fare semplicissimo, coinvolgente.
Ho visto gli occhi dei bambini sgranati a sentire le descrizioni di Giovanni e le loro risa mentre si distruggevano le macchinine a vicenda.
Questo è Mini Demolition Derby, un'esperienza che va giocata dal vivo, se potete, con il suo autore, a una delle tante Con a cui partecipa.

Descrizione
Una gara di macchinine in cui è permesso tamponare, spingere fuori strada, demolire gli avversari. Mini "Demolition" Derby, ci sarà un motivo, no?
Vince chi sopravvive e arriva per primo alla fine.
Due fasi di gioco, uno per "scremare" il gruppone di 25 macchine e uno in volata sul percorso dritto, disseminato di bombe e muretti, per vedere chi sarà il vincitore.
Semplicissimo, fatto appositamente per i bambini.
Ha una variante con l'aggiunta di normali carte da gioco per aumentare le possibilità di scelta, che lo possono rendere interessante anche per i più grandi.
Le foto dell'autore, se volete vedere il gioco nel dettaglio, son qui:
http://digilander.libero.it/gio.longoni/conventions/2007-05-01_LudicaMen...

Telone disegnato a mano, inconsueto ma pratico: l'ho visto stendere e giocare su tavoli di Con, di casa, di oratorio, sui prati, ovunque.
5 macchinine a testa e via a correre tra muretti, bombe, incidenti a catena.
Tiri i dadi e muovi le macchinine del tuo team: a seconda del risultato ottenuto fanno rotte diverse.
Il bello sta nel vedere quali intricati tamponamenti a catena si vengono a generare sulla base
di poche semplici regole che descrivono come spostare le macchine.
Tamponi, spingi fuori strada, spingi sulle bombe, contro i muretti... più fai danni, più la macchina o macchine tamponate continuano a perdere punti vita, rappresentati dai gettoni di plastica disposti sopra ognuna di esse.
Le colorate e metallose macchinine sono di grandezza adatta a tenere sopra impilati i punti vita.
Arrivate a 0 punti vita, sbram! distrutte, "demolite", come la macchina dei Blues Brothers nell'omonimo film, anzi di più. La macchina è talmente disintegrata che ora, dove prima c'era una delle vostre 5 macchine, continuano a correre e non è nemmeno passata la gru a spostare i pezzi o un inserviente a ripulire la pista...
Ne avete altre quattro 4 di macchine e continuate a correre... sbram!... ops... tre.
Via, via, non c'e' tattica qui, una o due delle vostre 5 che avete a inizio gara a correre come lepri e le altre che restano indietro a far danni, o blocchi o tutta la demolizione che vi sentite dentro.

Molto scenografico alle Con, il tabellone in stoffa è grande, gli oggetti tridimensionali e colorati:
25 macchinine in metallo, gettoni, dadi, muretti, il gioco contiene tutto il necessario a una ventina di euro.
La folla sempre presente ad ogni occasione di bambini estasiati a sentire le descrizioni dei tamponamenti e a vedere il pandemonio che si crea sulla pista, è uno spettacolo che non è incluso nella scatola ma che si crea sempre: se c'è Giovanni è garantito.

Sul sito trovate tutto: regolamento scaricabile, come disegnare la pista se la volete riprodurre voi, le foto di questo gioco alle Con.

10 per il pubblico di bambini e se è presente l' autore.
8 se un genitore-giocatore lo sa spiegare-animare ai bimbi.
6 se deve spiegarlo un normale adulto a un gruppo di bambini.
Non lo consiglio ai Gamers per evidenti motivi di semplicità.
Lo consiglio fortemente agli organizzatori di manifestazioni ludiche, che so leggono anche la Tana, come abbinamento Gioco-Autore.

E' un gioco fatto per i bambini e per fortuna in Italia, alle Con, specialmente quelle gratuite, si vedono sempre più famiglie con bimbi.
Grazie a Giochi fatti per loro, semplicissimi come questi.
E a Persone che sanno ancora divertirsi e che sanno trasmettere divertimento, come Giovanni.
Pro:
Come gioco in sé è una semplicissima corsa al massacro, con buoni materiali, completo di tutto.
Come gioco per bambini, con autore che sembra nato per farli giocare, è un Gioco-Autore imperdibile se volete organizzare una manifestazione ludica con pubblico di bimbi e famiglie.
Contro:
Non è adatto ai "gamers" visto che è troppo semplice e privo degli elementi tipici dei giochi studiati per il pubblico dei "gamers".