L'anno che è venuto: quel che resta del 2019

Umbe7

Un elenco ragionato - poco, ma ragionato - di quel che rimane dell'anno che sta per terminare. Attenzione: contiene tracce di Agzaroth e killa_priest.

Editoriale
Giochi

Age of Steam
Il capolavoro di Wallace è stato ripubblicato dalla Eagle–Gryphon Games non senza polemiche, tra questioni di diritti, errori di stampa e materiali imperfetti – tutte questioni che passano in secondo piano di fronte al formato del cazzo della scatola.

Barrage
Una campagna kickstarter infuocata, atteggiamenti discutibili da parte dei produttori, infinite polemiche di contorno. Peccato che alla fine ci si possa giocare, perché altrimenti staremmo parlando del nuovo HeroQuest25.

Castles of Burgundy, The
La nuova, attesissima edizione del classico di Stefan Feld – uno dei giochi più amati di sempre – riesce nella difficile impresa di peggiorarne la grafica.

Dune
Il capolavoro del 1979 è stato rieditato con un notevole coraggio imprenditoriale: si sono infatti lasciate inalterate tutte le cose che non andavano. Perché boomer si nasce.

Essen Spiel
L'edizione più grande, più affollata, più tutto di sempre è passata un po' sottotono, lasciando in eredità molti giochi di grande impatto, ma nessun titolo in grado di svettare sul migliaio di concorrenti presentati. Ma poco male, tanto chi cazzo se ne frega più delle meccaniche?

Food Chain Magnate: the Ketchup Mechanism & Other Ideas
I due della Splotter Spellen portano in fiera duecento copie dell'espansione di un gioco che ne ha vendute più di cinquemila. Le esauriscono al primo giorno e passano il resto del tempo a cazzeggiare. Se non è genio questo...

Great Wall, The
La campagna Kickstarter del nuovo molosso della Awaken Realms è partita in tromba, per poi arenarsi e cominciare a perdere backer uno dopo l'altro una volta uscito il regolamento. Sempre più esosi 'sti giocatori, oh.

Horrified
Ogni volta che la Ravensburger si mette a fare un gioco tematico con miniature, cooperativo e un tema interessante come i mostri della Universal studios, in Germania un giocatore perde un cubetto vita.

Imperial Settlers: Empires of the North
I designer dell'Europa dell'est dovrebbero capire che non è rieditando continuamente i propri giochi che si diventa ricchi. A meno che il gioco non sia Nome in codice, s'intende.

Journeys in Middle–Earth
Il nuovo gioco ispirato a Il signore degli Anelli si caratterizza per la presenza invasiva dell'app e un'esperienza di gioco che in molti hanno trovato deludente. Ma se non altro costa meno di una cotta in mithril.

King's Dilemma, The
Il gioco in cui dovrete impersonare X facendo Y in partita, ma puntando a Z per la campagna e sforzandovi di non fare le scelte che vorreste fare davvero per fare quelle che non avreste mai voluto fare. Che poi è anche divertente, se avete l'espansione Personalità multiple.

L.L.A.M.A.
Ovvero come nominare un gioco per lo Spiel des Jahres solo per costringere Knizia a vestirsi da alpaca.

Maracaibo
Il gioco che doveva consacrare Pfister e invece ha rilanciato Lu Colombo.

Nemesis
Sicuramente una delle migliori uscite dell'anno, è un gioco talmente buono da oscurare i suoi difetti: l'eliminazione del giocatore, il prezzo alto, la sponsorizzazione di Sava.

On Mars
Se ne parla come del miglior gioco di Vital Lacerda. Mi fido.

Pax Transhumanity
Questo titolo è firmato da Matt Eklund, il figlio di Phil. Ché la mela non cade mai lontano dall'albero, non ci sono più le mezze stagioni e si stava meglio quando Glen More si trovava a venti euro.

QuiZZone
La rubrica più apprezzata di Radio Goblin è diventata una splendida realtà, con ospiti prestigiosi e goblin che se le danno di santa ragione. Come in una qualsiasi discussione in chat, peraltro.

Resident Evil 2
Dopo il mezzo disastro di Dark Souls – dove il mezzo, sia chiaro, riguarda solo i giocatori – la Steamforged ci riprova sfruttando la licenza di uno dei videogiochi più famosi di ogni tempo. Ma finché non toccano Commandos 2 per me possono fare quel cazzo che gli pare.

Star Wars: Outer Rim
La nuova uscita della Fantasy Flight Games ha talmente tanti difetti che in confronto Episodio IX è un capolavoro.

Tapestry
Spacciato come il gioco definitivo di civilizzazione leggera, il gioco della Stonemaier Games si è fatto notare solo per la smaccata iper-produzione dei componenti, peraltro pressoché inutili, e il prezzo lievitato di conseguenza. Segno che sì, rappresenta totalmente la civiltà odierna.

Uplay
L'editore italiano, imbastendo la sua prima campagna U200, ha pensato bene di ripubblicare Robinson Crusoe con una sacca di promo ed espansioncine. Ma niente, gli acquirenti la carta sbagliata l'han trovata lo stesso in pochi secondi.

Villainous, Disney
A detta di chiunque ci abbia giocato, si tratta di un gioco estremamente deludente che punta solo a spremere fino all'ultima goccia questi insolenti bifolchi canori.

Wingspan
Il discusso gioco della Stonemaier Games sta facendo incetta di premi ovunque, dal Kennerspiel des Jahres a infinite edizioni dei giochi dell'anno vari, ed è tra i più giocati dell'anno. Tocca farsene una ragione.

XX War, The
Un gioco in cui gli uomini sono quasi estinti e lo scopo è costruire l'harem più grande per ripopolare la terra, con tanto di donnine discinte a nastro. Oh, lamentatevi con le case editrici se con la ics di meglio non si trova.

Yínzi: The Shining Ming Dynasty
La Spielworxx continua con la sua politica di stampare pochissime copie per esaurirle in fiera, creare hype e poi editare una seconda edizione deluxe, vendendola a peso d'oro. Se si ricordassero di fare anche giochi validi, probabilmente il trucchetto riuscirebbe pure.

Zombicide: Invader
Ennesima uscita dell'infinita saga della Cmon. Ormai si attende solo il cross-over con Azul.

Commenti

Alla N manca un magnifico dietro il nome del gioco.

Comunque sempre bravo il nostro signor darcy!!!

Sendo, dunque, uno principe necessitato sapere bene usare la bestia, debbe di quelle pigliare la golpe e il lione; perché il lione non si defende da’ lacci, la golpe non si defende da’ lupi.

Dove si compra il riepilogum? Asd

La configurazione tattica eccellente, dal punto di vista strategico, consiste nell’essere privi di configurazione tattica.
Quando si è senza forma, neanche gli agenti segreti sono in grado di spiarci, né gli uomini più intelligenti di tramare progetti.

ma il vero capolavoro è l'immagine di copertina

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Solo una parola, Meraviglioso 

Siate scrittori della vostra vita, non semplici lettori

Da scompisciarsi il pezzo su "The King's Dilemma" e la citazione da Robin Hood! Bravo.

Stupende foto e copertina, un contorno perfetto all articolo 

Il Quizzone? Amo radio goblin, ma mi dispiace, questo lo salto sempre a piedi pari.

Villainous delude tutti ma nessuno lo scrive... finalmente qualcuno che ha coraggio e aggiungo che potevano almeno fare delle miniature decenti! Queste stilizzate fanno... buon anno a tutti!

Luca Locompetitivo

che pezzo ragazzi! Finale col botto e auguri a tutti!

- m@ -
La perfezione nel design si ottiene non quando non c'è nient'altro da aggiungere, bensì quando non c'è più niente da togliere (A Saint-Exupéry)

S - Signor_Darcy

La mano sinistra di Agzaroth, lo chiamano. 

Il verde Dante del tavolo ludico. 

Un eroe contemporaneo a cui noi tutti i dobbiamo là nostra libertà. 

 

fortissimo , mi sono spaccato in due dalle risate quando  ho letto  di Splotter .

non finiscono mai di stupire quei 2

Luigi La Guardia

Bellissimo articolo molto divertente, ci voleva proprio a fine anno.

E qualcuno di questi titoli e' finito anche a casa nostra....

Geniale! :D :D

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare