Commissioner Victor: anteprima Essen 2016

Anteprime
Giochi

Il posto vuoto lasciato dal dipinto è un’infamante accusa per il commissario. La solitudine di quella teca una macchia indelebile sul suo curriculum finora immacolato.
Eppure il dipinto è sparito davanti ai suoi occhi increduli ed in preda alla disperazione gli veniamo in mente noi. Noi abili investigatori, noi giocatori dal monocolo sveglio, noi che proveremo ad aiutarlo a risolvere un’indagine che richiederà ingegno, scaltrezza e deduzione.
Sarà ben riposta la fiducia del commissario? Lo sapremo solo giocando a questo nuovo titolo della Tailor Games: Commissioner Victor, in uscita ad Essen e di cui stiamo per mostrarvi le prov.. pardon.. le carte in tavola.

Scopo del gioco:
Identificare il colpevole del furto del quadro sarà l’obiettivo di ogni giocatore.
Come riuscirci? Semplicemente creando delle combinazioni di 3 o più sospetti, sulla griglia, che abbiano almeno una delle caratteristiche del proprio “sospetto principale”, che sarà quello rappresentato sull’ultima tessera che rimarrà nella mano del giocatore a fine partita. Per ogni sospetto infatti sono evidenziate tre componenti fisiche che lo contraddistinguono: capelli, occhiali, barba e sono queste da mettere in relazioni per creare i filotti che daranno punti a fine partita.

2 - 4 giocatori

15 / 30 minuti di gioco

Essen Spiele 2016: Booth 2-C110

Il posto vuoto lasciato dal dipinto è un’infamante accusa per il commissario. La solitudine di quella teca una macchia indelebile sul suo curriculum finora immacolato.
Eppure il dipinto è sparito davanti ai suoi occhi increduli ed in preda alla disperazione gli veniamo in mente noi. Noi abili investigatori, noi giocatori dal monocolo sveglio, noi che proveremo ad aiutarlo a risolvere un’indagine che richiederà ingegno, scaltrezza e deduzione.
Sarà ben riposta la fiducia del commissario? Lo sapremo solo giocando a questo nuovo titolo della Tailor Games: Commissioner Victor, in uscita ad Essen e di cui stiamo per mostrarvi le prov.. pardon.. le carte in tavola.

IL GIOCO

Scopo del gioco
Identificare il colpevole del furto del quadro sarà l’obiettivo di ogni giocatore.
Come riuscirci? Semplicemente creando delle combinazioni di 3 o più sospetti, sulla griglia, che abbiano almeno una delle caratteristiche del propriosospetto principale”, che sarà quello rappresentato sull’ultima tessera che rimarrà nella mano del giocatore a fine partita. Per ogni sospetto infatti sono evidenziate tre componenti fisiche che lo contraddistinguono: capelli, occhiali, barba e sono queste da mettere in relazioni per creare i filotti che daranno punti a fine partita.

Setup
Per iniziare si mescolano tutte  le tessere dei sospetti, lasciandone fuori alcune a seconda del numero di giocatori (in modo che non verranno utilizzate sempre tutte in ogni partita), andando a comporre un mazzo di pesca (a faccia in giù) in fondo al quale verranno inserite poi le tessere “Commissioner Victor” in numero pari a quello dei giocatori al tavolo.
Quindi si pesca e piazza la prima tessera sospetto ed infine ognuno pesca le proprie 3 tessere di partenza (sempre dallo stesso mazzo).
Distribuiti gli “innocence marker” ad ogni giocatore (2 in 2 giocatori, 1 in 3-4 giocatori), la partita ha inizio.

Come si gioca
Al proprio turno (e proseguendo poi in senso orario) ogni giocatore dovrà eseguire 4 azioni in fila (più 1 opzionale):

  • Riprendere i propri Innocence counters (obbligatoria): Il giocatore riprende dalla griglia i counters giocati nel turno precedente (non disponibile nel primissimo round della partita, per ovvi motivi). Nel caso fosse stata pescata la tessera “Commissioner Victor” dal mazzo, nel turno precedente del giocatore, non sarà più possibile riprendere i markers fino a fine partita.
  • Aggiungere una tessera alla griglia (obbligatoria): Il giocatore aggiunge, dalla propria mano, una delle 3 tessere a disposizione e la piazza nella griglia (coerentemente alle regole che identificano la plancia come un’ipotetica griglia 5x5 di tessere sospetto). La tessera dovrà essere adiacente ad un’altra già presente.
  • Spostare una tessera già presente (opzionale): Questa regola non è obbligatoria. Può essere eeguita prima o dopo aver aggiunto una tessera sulla griglia e consiste nello spostare una tessera sospetto in qualsiasi altro punto, purchè sempre nell’area 5x5 di tessere e sia adiacente ad un’altra tessera presente. Non si possono spostare tessere con “Innocence markers” sopra, nè quelle circondate da altre tessere sospetto ai 4 lati.
  • Piazzare uno o due Innocence counters (obbligatoria): Il giocatore sceglie dove piazzare uno o tutti i counters a disposizione, scegliendo tra i sospetti presenti sulla griglia. Questi counters hanno il potere di prevenire l’eventuale spostamento del sospetto sulla griglia da parte degli altri giocatori che seguono, per quel turno di gioco.
  • Pescare una nuova tessera (obbligatoria): Il giocatore pesca una tessera dal mazzo dei sospetti per rimpinguare la propria mano.

La partita termina quando non ci saranno più tessere da pescare e la griglia sarà quindi completamente composta da tessere sospetto. A quel punto ogni giocatore avrà in mano l’ultima tessera con quello che ha identificato come colpevole (il proprio "Sospetto principale") e che servirà per il calcolo del punteggio finale.
Si andranno a valutare quindi, giocatore per giocatore, quante corrispondenze ci saranno sulla griglia relativamente al "sospetto principale" scelto da ognuno:

  • 1 punto per ogni riga/colonna con 3 sospetti che condividono 1 caratteristica fisica col proprio “sospetto principale”;
  • 3 punti per ogni riga/colonna con 4 sospetti che condividono 1 caratteristica fisica col proprio “sospetto principale”;
  • 5 punti per ogni riga/colonna con tutti e 5 i sospetti che condividono 1 caratteristica fisica col proprio “sospetto principale”.

In aggiunta: 1 punto per ogni gettone “Innocence” posizionato su sospetti che non hanno alcuna caratteristica in comune col “sospetto principale” scelto.

Fatto questo calcolo per ogni giocatore ed il proprio presunto colpevole, chi ha totalizzato più “Procedural points” è il vincitore.

Easter egg
Come se non bastasse, all’interno della scatola è presente anche un secondo gioco, per soli 2 giocatori, ancora più rapido di quello descritto finora e che utilizza la stessa componentistica più alcuni markers, comunque presenti. Il titolo è “Identity” e la sua scoperta la lasciamo a chi avrà voglia di farsi convincere da questa anteprima e passare allo stand per una prova su strada!

CONSIDERAZIONI

L’anno scorso fu Witkacy, puzzle game con la meccanica del patchwork ed una tematica di fondo originale e profonda, quest’anno la mia scelta per la possibile gemma low cost è sicuramente questo Commissioner Victor, ancora una volta edito dagli amici polacchi che stavolta abbandonano il loro glorioso passato per trascinarci in un museo d’arte, alle prese con novelli Arsenio Lupin, al fine di aiutare le forze dell’ordine a recuperare il dipinto rubato (che sa tanto di “antico vaso” ma vabbè).
Messa da parte l’ambientazione, decisamente pretestuosa in questo astrattissimo gioco di piazzamento tessere, quel che resta è un gioco a metà tra Carcassonne e Forza 4, dalla durata di un velocissimo filler, per 2-4 persone, dal simpatico impatto estetico e qualche idea carina piazzata tra meccaniche note e ben collaudate nel mondo dei giochi da tavolo.
Da verificare la tenuta in 4 giocatori, con le tessere che “rischiano” uno stravolgimento continuo tra il proprio turno e il successivo, così come il peso del caso vista la pesca di una tessera per volta, à la Carcassonne, ma il token “innocence” ed il suo originale twist nel conteggio finale introducono più di uno spunto valido per sperare in una strategia a lungo termine adeguata.
Se non si fosse capito, per me è un must-buy di questa Essen!

Prezzo fiera: 10 euro. (preordinabile qui: http://sklep.tailorgames.pl/en_US/c/Esssen-2016-pre-order/63 )