Diretta da Essen - Seconda giornata del vostro Sargon

Manifestazioni


Per la Rubrica Speciale "Goblin a Essen" diamo voce al grande Re Sargon, che ci accompagnerà per alcuni articoli raccontandoci la sua personalissima Essen 2013.









Per la Rubrica Speciale "Goblin a Essen" diamo voce al grande Re Sargon, che ci accompagnerà per alcuni articoli raccontandoci la sua personalissima Essen 2013.









Oggi ho cercato di giocare a quei giochi introvabile che tanto vi piacciono per poter dire io ce l'ho e voi no. Vado alla Jason Brando ed hanno finito perfino le copie demo. Riesco a prendere poco o nulla.

Passo alla Ingramoon per Los Incognito, ma l'addetta alla dimostrazione non era in vena di far capire il gioco e quindi siamo andati a braccio su un tavolo sospeso che ci ha fatto venire il mal di mare. Dadi che se non accarezzi e stringi al cuore non rollano giusto ed io per 3 turni non riesco a far nulla. Non dico cosa penso del gioco... Carina l'idea, buono perché rimediata in un gioco raro, ma non lo prendo.

Wildcatters è un bel gioco, ma si passa molto tempo a pensare che se ci hanno messo 9 anni per evitarlo, devono aver verificato che tutto quello che si fa, i costi e le meccaniche funzionano. Mi convince però poco la gestione delle carte continente che escono random e non sempre (per me mai) danno compensazione. Io ammetto che oggi non ho avuto fortuna però un gioco del genere deve averne poca... Molto interessante se ci hanno messo 9 anni...

Steven Sport è un gioco molto interessante, wargame per 2 che ha una gestione delle azioni meravigliosa. Però si sente la matrice violentemente scacchistica del posizionamento. Un dettaglio molto importante era la standista... ma non si può dire...

Craftsmen è un piazzamento lavoratori che onestamente mi è piaciuto  molto. Incastratissimo in ogni mossa, con propedeuticità furente e attenzione sia al timing della mossa che alla mossa stessa. Per 25 euro è uno dei giochi di qualità che vale la pena prendere. Temo sia un po' ripetitivo, ma prima di giocare bene a questo lavoro ci vorranno tante partite.

La fiera soggiorno conferma l'impressione di vaga dispersione che impone perdita di tempo e confusione. Sono italiano e mi lamento per professione però prima c'erano più padiglioni ben definiti e per tema. Oggi invece i padiglioni sono solo 3 e c'è indubbia commistione quindi i visitatori sono meno divisi e più concentrati. 

Novità vera è lo spiedo di patate fritte domani faccio foto per testimoniare come l'aspetto rivaluti un classico, più o meno come Incognito rimediato, ma sempre quello. E a me, me piace...