Essen 2018: report di Pupina - Sabato

Anche oggi i goblin cagliaritani girano per la fiera dedicandosi un po' meno agli acquisti e riuscendo a giocare qualche titolo in più  

Report
Giochi

Biosphere

Il primo gioco che decidiamo di provare quest'oggi è Biosphere.

Non conosciamo il gioco né ne abbiamo sentito parlare, ma l'ambientazione alla Specie dominanti ci ispira, quindi decidiamo di concedergli una possibilità. In effetti il flavour è proprio quello del capolavoro della GMT, distinguendosi però per una struttura più asciutta e meno aleatoria.

In questo gioco gestionale, in cui si fa uso di maggioranze e di controllo territorio, dobbiamo cercare di raggiungere almeno cinque tra gli obiettivi disponibili diversi di partita in partita.

Tra specializzazioni in movimento, evoluzione, riproduzione e adattamenti ai diversi ambienti e ai cibi disponibili, le nostre specie animali si vanno a riprodurre e a espandersi naturalmente negli ambienti in cui sono più presenti attraverso un intelligente sistema di generazione, basato su una ruota ed a un utilizzo dei dadi alternativo.

Il gioco convince tutti al tavolo e ce lo portiamo anche a casa, visto che è il primo gioco che ci piace seriamente quest'anno. 

Voto Pupina 8
Voto Need2Revolt 8,5

***

Señor Pepper

"Muchas gracias Señor!"

Troviamo questo tavolo libero mentre girovaghiamo e decidiamo di sederci.

Esteticamente molto carino, con le miniature giganti di jalapeno [peperoni piccanti, NdR], è in realtà l'ennesimo gioco di destrezza alla Jungle speed, in cui occorre essere i più veloci ad acchiappare il peperoncino del colore giusto, a seconda degli elementi presenti nelle carte girate simultaneamente.

Non ne sentivamo il bisogno; quindi anche no, grazie.

Voto Pupina: 5,5
Voto Need2Revolt 6,5

***

Gravity superstar

Convinti dall'anteprima letta in Tana e dai vari pareri positivi sentiti in giro, cerchiamo e guadagniamo un tavolo a questo simpatico gioco della Sit down

In questo gioco siamo degli astronauti che girovagano per lo spazio alla ricerca di stelle da collezionare. Al proprio turno si sceglie una delle carte dal proprio set e si effettua l'azione corrispondente (movimento di uno/due, attraversamento della piattaforma, movimento in alto ed a destra/sinistra e rotazione), per poi lasciar cadere il proprio omino fino alla prima piattaforma disponibile mantenendo il suo orientamento.

Nel movimento si guadagnano tutte le stelle disponibili ed eventualmente anche dei gettoni, che valgono punti a fine partita o che possono essere utilizzati per effettuare un'azione aggiuntiva; è anche possibile cadere su un omino avversario: in questo caso gli si ruba una stellina o un gettone e l'omino colpito deve tornare alla base attuale, che cambia ogni volta che qualcuno viene schiacciato. Per riutilizzare le carte già giocate è necessario spendere un turno oppure attendere di aver terminato le carte in mano.

Il gioco termina quando rimangono otto stelline sul tabellone o, con altre regole avanzate, quando un giocatore raggiunge un certo ammontare di punti; ogni stellina e ogni gettone valgono un punto, ma si guadagna anche un punto bonus per ogni coppia di stelle dello stesso colore.

Il gioco è bellissimo esteticamente e davvero ottimo nel suo segmento - infatti ne portiamo via una copia per la tana di Cagliari. 

Voto Pupina: 8
Voto Need2Revolt: 6

***

Tudor

Tudor Essen 2018
Spinti dalle classifiche della fiera, ci sediamo a provare questo titolo che nessuno aveva degnato di nota fino a questo momento.

Si tratta di un piazzamento lavoratori con un ascesa su una sorta di piramide del potere. L'avanzamento e le altre azioni avvengono prenotandosi a una delle corti, i cui effetti verranno attivati solo in presenza di un capo.

Molto interessante il sistema di avanzamento, per cui occorre procurarsi le carte dello stesso colore della casella in cui si vuol procedere oppure sfruttare il potere degli anelli. Quando si raggiunge l'apice si guadagnano dei punti, ma si può venir scalzati da un altro giocatore.

Altre azioni riguardano lo spostamento degli anelli e la presa di carte. Attraverso dei bonus è possibile effettuare delle azioni aggiuntive, o infrangere qualcuna delle regole di base.

Il gioco convince me e Need2Revolt solo parzialmente, visto che troviamo originale l'idea dell'avanzamento, ma non ci fa gridare al miracolo. Il resto dei giocatori al tavolo, invece, lo ha bocciato categoricamente. 

Voto Pupina: 6,5
Voto Need2Revolt 6,5

***

The Iron nanny!

Vabbè. Tavolo libero, ci sediamo.

Un robot che fa da baby sitter cerca di riportare noi bambini urlanti a letto e, quando ci riesce, noi lanciamo il pannolino pieno di cacca sul tabellone.

Il nostro scopo è invece quello di raggiungere le caramelle procedendo in una mappa inizialmente nascosta, sfruttando due tra le tre azioni disponibili (giramento di una tessera, rivelazione di una tessera, movimento).

Non commento neppure, dai. 

Voto Pupina: 3
Voto Need2Revolt: 3,5

***

Gunkimono

Questo gioco non brilla per essere visivamente stupendo, ma fa il suo dovere prevedendo addirittura una katana in legno per il primo giocatore!

Si tratta di un piazzamento tessere in cui bisogna cercare di fare punti piazzando una delle tre tessere che si hanno in mano al proprio turno. Ogni tessera è composta da due elementi di diverso colore ed è possibile scegliere se fare punti per aree colorate o per onore; in quest'ultimo caso si avanza sul tracciato del colore scelto di tanti passi quanti quelli rappresentanti sulla tessera che si è piazzata, finché non si sblocca una delle torri.

Quando una delle torri viene sbloccata deve essere immediatamente piazzata sul tabellone e regala dei punti al suo proprietario fino alla fine del gioco, a seconda della dimensione dell'area colorata in cui è situata.

Gioco dalle regole semplici e immediate, che permette anche parecchie bastardate.

Voto Pupina: 6,5
Voto Need2Revolt: 7

Commenti

Biosphere yum yum :)

Sembra il mio genere....

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare