[Prova su Strada] Quadropolis

Come promesso, cominciamo questa breve serie di prime impressioni sui giochi più interessanti tra quelli provati durante il Festival Internazionale del Gioco di Cannes.
Come avevamo già anticipato nel nostro report, il gioco che maggiormente ci ha entusiasmato è stato Quadropolis, titolo di François Gandon edito da Days of Wonder e da poco giunto sugli scaffali anche in italiano grazie ad Asterion Press.

Anteprime
Giochi
Giochi collegati:
Quadropolis

IL GIOCO
Quadropolis è un gioco di Piazzamento tessere e City building, con una componente di gestione risorse. Titolo per 2-4 giocatori della durata massima di 60 minuti, prevede una modalità base ed una per esperti. Noi abbiamo provato quella base in cui il gioco si snoda lungo 4 turni, ognuno composto da 4 round. All'inizio di ogni turno sul tabellone centrale vengono disposte casualmente le 25 tessere del turno in corso,  dopodiché, stabilito il primo giocatore e procedendo in senso orario, ogni giocatore posiziona uno dei suoi 4 ingegneri (numerati da 1 a 4) attorno al tabellone centrale in  modo che punti verso una qualunque riga o colonna e prende quindi la tessera posizionata in corrispondenza del numero riportato sulla tessera ingegnere. Nello spazio lasciato libero viene posizionata la pedina dell'urbanista e il giocatore successivo è vincolato nel  piazzamento del proprio ingegnere, siccome la tessera ingegnere piazzata non può essere posizionata né sopra una tessera ingegnere già in gioco, né piazzata in modo che punti verso l'urbanista. 
Dopo aver preso una tessera edificio dal tabellone, questa può essere scartata, oppure posizionata in uno spazio libero della propria città nella riga o colonna corrispondente al numero dell'ingegnere con cui è stata ottenuta. Se la tessera scelta è un'abitazione, la si potrà anche impilare su altre abitazioni già presenti purché il numero dell'ingegnere sia pari al piano su cui la si vorrà costruire. Se sulla tessera sono raffigurate delle risorse (barili di energia o abitanti), queste vengono immediatamente ottenute dal giocatore che può posizionarle liberamente sugli edifici della propria città che le richiedono. Alla fine della partita un edificio che non è attivato dalla risorsa necessaria, dovrà essere scartato e non fornirà punti vittoria e ogni risorsa non utilizzata equivarrà ad un punto negativo.

GLI EDIFICI
Nel gioco base esistono 6 tipi diversi di edifici i quali forniscono punti vittoria a seconda di come sono stati piazzati nel nostro quartiere a fine partita. Le abitazioni forniscono punti in base all'altezza di ogni palazzo, i parchi sono più remunerativi se sono adiacenti alle abitazioni, le fabbriche danno punti se sono adiacenti ai negozi o ai porti, i porti danno punti se sono posizionati in linea retta tra loro, i negozi danno punti indipendentemente da dove sono piazzati, ma in base ai lavoratori posizionati sulla tessera, i servizi pubblici danno punti se sono posizionati su spazi di colore diverso del nostro quartiere. Ogni parco può inoltre assorbire una risorsa energetica inutilizzata che non verrà conteggiata come punto negativo a fine partita

IL GIOCO AVANZATO
La modalità avanzata aggiunge nuovi elementi alla sfida: la plancia del giocatore è più grande e non si dispone più di un set di ingegneri personale ma viene creato un pool di tessere ingegnere comune a tutti i giocatori tra cui scegliere, formato da set di tessere di valore da 1 a 5 pari al numero di giocatori, inoltre il valore riportato sulla tessera ingegnere non corrisponde più alla riga o alla colonna in cui posizionare la tessera edificio, ma a precisi spazi della nostra plancia, aspetto che  aggiunge sicuramente molta profondità strategica. 
In questa modalità vengono poi inserite nuove tipologie di edifici: gli uffici, che danno punti vittoria in base all'altezza e all'adiacenza e i monumenti che possono fornire punti o farne perdere a seconda delle tessere adiacenti.

PRIME IMPRESSIONI 
Come abbiamo scritto in apertura, Quadropolis è stato il gioco che più di tutti ci ha colpito durante la fiera. Il gioco, nella modalità base, ha regole molto semplici e, pur ricordando altri giochi di city building (Suburbia, ma ancor più Between two cities), inserisce elementi di novità che lo rendono un gioco veramente interessante e con un alto livello di sfida. Già nella versione base il gioco offre una buona profondità che sicuramente aumenta nella versione per esperti (che non vediamo l'ora di poter provare). Nel gioco è presente una forte interazione indiretta, e al contempo, la plancia comune a tutti può creare situazioni che contribuiscono alla paralisi da analisi da parte di quei giocatori che vogliono avere tutto sotto controllo. Siamo curiosi di provare il gioco a due in cui, in fase di set up, vengono rimosse alcune tessere, lasciando già dei buchi nella plancia centrale. Nota di merito va alla qualità dei materiali, le illustrazioni sono molto belle, il cartone delle tessere spesso le risorse in plastica trasparente regalano un colpo d'occhio veramente eccezionale. 
Quadropolis non tarderà ad entrare nella nostra collezione (abbiamo rimandato l'acquisto immediatamente dopo la prova per avere l'edizione targata Asterion, pur se il gioco è completamente indipendente dalla lingua) ed il nostro consiglio è di non farvelo scappare.

 

Commenti

Dico "Sì".

E se poi ti diverti?!

Ciak seconda: Dico "No".
Le plance giocatore sono fogli di carta.
Il tutto a 44,90.

E se poi ti diverti?!

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare