Rank
218

Elasund: The First City

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7,28 su 10 - Basato su 57 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2005 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 90 minuti
Autori:
Klaus Teuber

Recensioni su Elasund: The First City Indice ↑

Articoli che parlano di Elasund: The First City Indice ↑

  • Guide Strategiche
    L’ultimo gioco del papà di Coloni di Catan è più profondo e impegnativo di quanto non sembri a prima vista. Serve però almeno un giocatore che “insegni” agli altri come attaccare, difendersi e gestire le risorse se non volete un giochino...
    Autore:
    linx

Eventi riguardanti Elasund: The First City Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Elasund: The First City: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Elasund: The First City Indice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Elasund: The First City in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
Vendo Lotto 1 di 4 Offro lotto di giochi indivisibile €100.00 No Consegna a mano, Spedizione €10.00 ciccio_145 13/12/2017
Vendo Elasund Offro gioco singolo €20.00 No Consegna a mano Dox 21/01/2017

Video riguardanti Elasund: The First City Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Elasund: The First City: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
3648
Voti su BGG:
2967
Posizione in classifica BGG:
1076
Media voti su BGG:
6,67
Media bayesiana voti su BGG:
6,37

Voti e commenti per Elasund: The First City

7

Ovviamente concordo con Genma1 nel dire che questo è un gioco bastardo, molto bastardo. Ma comunque rimane gradevole come ambientazione e come meccanica di gioco, anche se di base ci sono i Coloni di Catan.

Da rigiocare sicuramente (a patto che non ve la prendiate a male quando vi tolgono gli edifici ;-)).

Ritratto di SdP
0

Un Coloni di Catan cattivo mi mancava. Nonostante somigli al gioco originale, e' completamente diverso nella impostazione e mostra questa vena di cattiveria indispensabile per vincere che manca da tempo a tutti i giochi tedeschi, cosi' asettici e talvolta noiosi come un solitario.

"Giro, vedo gente, mi muovo... conosco... faccio cose" (Ecce Bombo)

7

Un gioco molto particolare nel suo genere. A prima vista sembrerebbe un gioco per famiglie, poi ci si accorge che non è possibile fare scelte sensate se non "screziando" gli avversari. Se vi piacciono i giochi tremendamente cattivi il mio 7 potrebbe valere 8... se invece preferite avere un pò meno interazione e maggiore possibilità di pianificazione a lungo termine, la vostra partita a meno che non vinciate sarà il miglior modo di rovinarvi la serata. Segnalo il bellissimo effetto estetico del gioco e la sua quasi indipendenza dal linguaggio eccettuando i reference, comunque facilmente interpretabili se si conoscono le regole.

The (Real) Panda Goblin!
A Roma, la serata ludica è
//nuke.goblins.net/spaw/images/lib3/ilGoblinSulComo_banner.jpg)

7

Nessun commento

9

molto molto bello anche se un po cervellotico , , bello distruggere gli edifici avversari ma che mal di testa .

7

Nessun commento

8

ci gioco da poco, ma lo trovo interessante, nulla a che vedere con i coloni di catan.

8

Nessun commento

7

Ottima la qualità e la solidità dei materiali. Il gioco è carino, le azioni possibili sono varie e ben bilanciate, il problema è sempre la fortuna, i dadi sono fondamentali, puoi farti tutte le strategie che vuoi ma se non escono i tuoi numeri rischi di passare interi turni a fare da spettatore. Lo stile è naturalmente quello dei coloni ma penso che eliminando i dadi magari sostituendoli con movimenti predefiniti a scelta del giocatore diventerebbe ancora tutto più intrigante perchè nel complesso le varie costruzioni, i piazzamenti e la possibilità di distruggere gli edifici avversari rendono il gioco meritevole di essere provato.

7

Dopo poche partite non ho un giudizio deciso,
ma di sicuro è un bel titolo emancipato dal modo di giocare Catan-esco (?)
E' molto divertente rubare i permessi e distruggere gli edifici avversari, anche se ci vuole un po' prima di comprendere bene l'utilizzo delle carte potere. Componentistica eccellente.

8

Come dice il recensore, nell'esprimere un'opinione su Elasund è difficile ricordarsi che l'autore, Klaus Teuber, è lo stesso dei Coloni di Catan, poiché in questo gioco l'interazione con gli avversari è molto diretta, forte e continua. La paternità torna subito all mente tuttavia quando ci si rende conto che, come prima cosa nel proprio turno, bisogna lanciare i dadi per spostare la nave determinando così chi produrrà risorse e quali. Anche in questo caso, quindi, la fortuna gioca un ruolo importante, anche se a mio parere meno determinante che nei Coloni.

Con le numerose opzioni a disposizione, la meccanica dei permessi di costruzione e delle demolizioni, la costruzione della chiesa e la possibilità di giocare sulle mura della città, il gioco resta piuttosto vario di partita in partita e si presta a scelte e strategie differenti. In particolare, l'impiego dei permessi di costruzione per gli edifici più impegnativi porta a mosse e contromosse in stile scacchistico, che aumentano ulteriormente la competitività e l'interazione, così come la chiesa può risultare un fattore decisivo per rimettere in gioco le sorti di una partita che, in generale, si mantiene sempre bilanciata, a meno di errori di impostazione dei giocatori che nella maggior parte dei casi sono recuperabili.

Non sono dell'opinione che risulti troppo cervellotico, se non si forza il paragone istintivo con i Coloni di Catan, infatti questo titolo va inquadrato a mio parere in tutt'altra categoria, meno indicata per gli inesperti e gli occasionali, e più adatta ai giocatori assidui. Anche la durata, che di certo è sottostimata nei 60 minuti, non è poi così esagerata e ritengo possa attestarsi in media sui 90 minuti, a meno che al tavolo non vi sia qualche "pensatore" che rallenti il gioco, poiché in effetti di cose da valutare e ponderare ce ne sono in abbondanza. Quanto alle strategie, è vero che le azioni degli avversari possono costringere a cambiare i propri piani, ma non sono dell'opinione questo sia devastante per l'aspetto strategico, come invece può accadere in altri giochi (come ad esempio Alhambra giocato in più di quattro persone), preferisco considerarla un'imprevedibilità che non disdegno rispetto ai giochi completamente deterministici che trovo alla fine più noiosi.

In conclusione, è secondo me un ottimo gioco che mescola fortuna e strategia con ottime componenti e meccaniche collaudate. Sicuramente da provare e, per quanto mi riguarda, degno di entrare nella lista dei possibili acquisti.

The (real) Goblin King You don't stop playing games because you grew older... you grow older because you stopped playing games!

3

sinceramente questa e' l'ennesima variazione di catan...
e' solo fino a 4 (uscira' l'espansione ? e certo...le attuali tecnologie non permettono la realizzazione di un gioco gia' fino a 6 ;-) )
meno divertente del solito ,
si litiga spesso , anzi sembra una costante forzata del gioco,
una lunga pianificazione e' impossibile ,
complicato per forza per farlo sembrare diverso da tutti gli altri... fare un gioco nuovo no ?
SOLO per sfegatati di catan...

8

Questo gioco mi ha sopreso: inadatto da giocare con giocatori light (anche se si spiega facilmente) rende al meglio (ma con una durata da 90 minuti come dice il re) con giocatori esperti che si minacciano in continuazione con astuti piazzamenti di gettoni costruzione.
Avevo paura di chi giudicava il gioco bastardo perchè ciò in genere vuol dire che vengo completamente brasato dagli altri che si coalizzano contro di me; ho trovato invece che il (contestato) sistema del lancio dadi tipico dei prodotti di Teuber limita in qualche modo la possibilità di essere attaccato in maniera eccessivamente frustrante e lo rende un ottimo gioco.
Il gioco è anche ottimamente bilanciato in modo da non penalizzare troppo chi sta dietro, ma solo chi gioca male (che se la prende come al solito con i dadi).

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

8

Nessun commento

8

Davvero un gran bel gioco: molto tattico, possibilità di danneggiare gli avversari in vari modi e la vittoria arriva sul filo del rasoio. Molto interessante!

Sono un mezzo demone cacciatore di giochi

7

Nessun commento

8

Gioco molto interessante. I materiali sono di ottima fattura, il regolamento è abbastanza chiaro e breve e finalmente vedo un gioco in cui anche la scatola è stata pensata e realizzata con criterio. Infatti tutti i materiali hanno un loro allogiamento che consente di trasportare il gioco senza che alla riapertura della scatola si abbia l'impressione di aver gettato una bomba nel box. Le mecaniche semplici ed intuitive lasciano ai giocatori, soprattutto quelli meno esperti, il tempo per dedicarsi a tattiche aggressive nei confronti degli avversari. La cosa più bella, secondo me, resta la possibilità di ostacolare in modo netto e deciso un determinato avversario. Va anche detto però che questo aspetto può diventare un limite, come nel mio caso, quando un giocatore, di solito quello che ha maggiori possibilità di vittoria, viene osteggiato dall'inizio della partita.
Il fatto che sia perfettamente giocabile in 2 come in 4 è un ulteriore punto a favore.
In definitiva potrebbe essere un 8,5 ma non un 9 per cui devo arrotondare per difetto.

8

Astuto gioco che riprende in parte il meccanismo dei Coloni di Catan. Regole semplici, ma capire come e dove piazzare le tessere relative alle costruzioni non è banale. Poi richiede capacità di adattamento della propria strategia in quanto questa dipende molto dalle scelte avversarie. Materiali splendidi e grafica eccellente. E' presente anche la fortuna in modo però da non dare fastidio. Si gioca una partita fino alla fine in quanto fino al termine si è in gara e si può pensare di vincere. Da giocare con giocatori esperti in giochi, in quanto il neofita può intuire il gioco, ma forse non riesce a giocare bene data la quantità di cose che si possono fare e quindi forse il tutto avvantaggia il giocatore più esperto e smaliziato. Non ho trovato dopo una discreta serie di partite motivi di screzio con i giocatori nell'effetuare le varie distruzioni degli edifici altrui (una volta capita a me ma poi io di conseguenza lo faccio ad altri). Gioco fluido, durata giusta (90/120 min). Direi un ottimo gioco che ricomprerei senza indugi.

7

Più cattivo di Catan, più divertente, l'unica cosa in comune è il meccanismo dei dadi.
Giocato: abbastanza
Grafica/Materiali: 3
Longevità: 3
Divertimento: 3
Originalità: 2
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

8

Nessun commento

7

Una bella innovazione sul tema 'Coloni di Catan', I meccanismi già conosciuti qui non hanno trovato un seguito se non il gudagnare- perdere punti vittoria durante la partita. C'è molta competizione fra i giocatori per prendersi il diritto alla costruzione di un edificio e (cosa particolare per un gioco tedesco) parecchie occasioni per danneggiare un avversario distruggendo le sue costruzioni o rubandogli risorse grazie ai pirati. Il difetto però è la lunghezza del gioco che va ben oltre quanto dichiarato sulla scatola. Se fosse bpiù breve gli darei un voto in più.

7

Nessun commento

8

La componentistica è bellissima, il gioco è strategico, divertente, originale e bastardo! Cosa chiedere di più?

8

Nessun commento

8

Bello e divertente, ti tiene occupatissimo a ragionare sulla prossima mossa. Impossibile annoiarsi, grazie anche all'imprevedibilità di alcune situazioni e alla grande dinamicità: chi in un momento sta vincendo potrebbe ritrovarsi ultimo tre turni dopo. Da avere.
Certo se si fosse potuto giocare in più di 4...

A lot of games become boring or simplistic once you’ve mostly "solved" them - a game that opens itself up to more strategy with repeated play is a rare treasure.

7

Teuber ha fatto un altro centro.Senza creare nulla di rivoluzionario
ha portato diverse cosette interessanti nel Catanworld,come la possibilità di far punti in più modi e l'utilizzo dei gettoni per costruire
gli edifici.
Piacerà sicuramente a tutti gli amanti del Germangame,per me un 7,5.
Se giocato in due,però il voto scende a 7,in quanto per un solo gioca_
tore è più difficile danneggiare chi è in vantaggio(magari anche grazie
alla fortuna).

6

Ispirato vagamente ai coloni, questo giochino non è male, anche se decisamente troppo vincolato alla fortuna.

Uso dell'apostrofo: po', un altro, un'altra, qual è. Uso dell'accento sui monosillabi, solo in caso sia distintivo: su "so", "qui" e "fa", l'accento non va.

5

Per quanto sia decisamente più gradevole rispetto al "fratello maggiore", Elasund è una rottura a piazzamento manovrato dal dado. Riassumibile in tal senso a poco serve pianificare al millimetro sapendo che la probabilità è l'unico alleato possibile. Forse con un pò di fortuna riuscirete produrre denaro o carte potere mettendo gli edifici nei posti giusti a cui aggiungere atteggiamento ostile verso i giocatori, se non altro la pietà non è contemplata: bisogna distruggere ed espandersi. In questo senso è atipico per il suo genere ma rimane sempre un tira dado e incrocia le dita. E senza denaro guardi gli altri. Boh.

6

In una realtà di giochi tedeschi dove le cattiveria fra giocatori sono di proposito escluse, Elasund va contro corrente mettendo questo aspetto al centro del sistema di gioco. Francamente ci voleva un gioco di questo tipo dove però è determinante giocarlo con persone che si calino in questo spirito di gioco senza portare rancore agli altri. Buoni i materiali, pregevole la grafica. Consigliato se cercate un gioco dalle cattiverie obbligatorie.

The Goblin Creative...

Assimilerò ogni vostra peculiarità ludica e sociologica.
La resistenza è inutile.

7

Divertente, ma forse governato un poò troppo dalla fortuna. Può risultare frustrante per alcuni (tra cui io) vedersi distruggere un proprio palazzo...sarebbe un 6.5

"...vince chi fa più punti vittoria..."

6

troppo squilibrato con i mulini su 5,6 8 e 9. Chi se li aggiudica ha già vinto metà partita. non adatto per giocatori che preferiscono costruire una propria strategia piuttosto che distruggere quelle altrui.

8

gioco con un pò di fortuna presente ma ciò non gli guasta.piacevole da giocare ma un pò bastardo.

frankiEdany
ehi, goblins...sono FRANKIE ...Dany si è fregata la mia E !!!

8

Longevità: 2 : ci sono molti modi per vincere, chi punta molto sui punti commercio e cercherà di costruire il più possibile sulla costa, chi invece cercherà gli edifici grossi, chi le chiese. Insomma ogni partita fa storia a se.

Regolamento: 1.5 : Il regolamento in inglese è chiaro, quello scaricato in italiano un pò meno.

Divertimento : 1 : Può risultare frustrante faticare per racimolare 7, 8 dobloni necessari per costruire il tuo edificio ed il turno dopo vederlo raso al suolo, oppure vedersi rubare la carta utile per piazzare la mossa decisiva, solo perchè dai dadi è uscito il 7 (attacco pirata).

Materiali : 2.5 : Ottimi i materiali usati, belle le illustrazioni.

Originalità : 1 : Si parla pur sempre di Catan.

. nel vuoto del vaso sta il senso dell'uso .

8

Ottimo titolo, decisamente non banale e molto interattivo.
Bello! ...e cattivo :-)

Quando Chuck Norris vince una mano a poker, l'appende grondante sangue al retrovisore del suo pick-up.

Se perdere insegna a vivere, Pier è un maestro di vita.

8

Nessun commento

7

Nessun commento

Sois grand avant d'etre gras (Paul Eluard)
//www.triware.it/ebay/richard/100stazioni.png)

7

Gettoni costruzioni e diversi modi per far punti. Sono le novità più interessanti. Il gioco ricorda catan per il sistema dei dadi che peraltro risulta ugualmente fastidioso, ma ciò che colpisce di più è la relativa noia che ci si può dare a vicenda e senza soluzione di continuità. Forse il migliore dei catan, proprio perché è il più lontano dal catan system. Rimane cmq frustrante sia per l'eccessiva competizione sia per la presenza di quei dadi malefici.

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

7

Gioco piacevole.

7

Nessun commento

Grand Openings

7

Nessun commento

6

cattivo, vita mia morte tua ai giocatori permalosi puo dare fastidio

6

Interessante variante sul meccanismo dei dadi di Catan. Aggressivo, competitivo, con molta interazione diretta.

Rivenduto perché non giocato per 4 anni.

8

Della serie di Catan è quello che preferisco...forse perchè mi piacciono i giochi in cui la strategia è fondamentale, la fortuna c'è ma non è determinante e l'interazione è alta e continua. Non ci sono lunghi tempi morti e nonostante sia frutto di Teuber, il gioco è profondamente "cattivo" pur non contemplando guerre e battaglie. Diverse sono le possibili strategie per arrivare alla vittoria. Ma questo lo si vedrà soltanto dopo svariate partite. Uno dei giochi più giocati e non mi annoia mai.

7

Nessun commento

7

Nessun commento

7

Nessun commento

Associazione Ludica Romana
Il Presidente
--------------------------------
nuke.ludicaromana.it

7

Un gioco molto carino perché semplice ma non banale. La componente 'dadi' aggiunge il giusto quantitativo di alea. Decisamente meglio del 'fratello' sempre derivato da Catan: 'Candamir - il primo colono di Catan'. Notevole interazione tra i giocatori che ostacola le strategie pianificate. Credo che la strada delle monete d'oro sia quella più redditizia, quindi la strategia dei bastioni ed infine edificazione edifici. Un bel gioco che scala bene a seconda del numero di giocatori.

ho recentemente giocato a //boardgamegeek.com/jswidget.php?username=ottobre31&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1) 

6

carino, ma è randomico elevato all'ennesima

7

Un gioco molto carino perché semplice ma non banale. La componente 'dadi' aggiunge il giusto quantitativo di alea. Decisamente meglio dell'altro derivato di Catan: 'Candamir - il primo colono di Catan'. Notevole interazione tra i giocatori che ostacola le strategie pianificate. Credo che la strategia delle monete d'oro sia quella più redditizia, quindi bastioni e infine edificazione edifici. Un bel gioco che scala bene a seconda del numero di giocatori. - [Autore del commento: ottobre31]

0

Un gioco molto carino perché semplice ma non banale. La componente 'dadi' aggiunge il giusto quantitativo di fattore k.
Decisamente meglio di Candamir-il primo colono di Catan, anche questo nasce dalla serie di Catan. Notevole l'interazione tra i giocatori che ostacola le strategie già pianificate.
Strategicamente penso sia importante puntare sulle monete d'oro, poi sui bastioni e infine sulla costruzione degli edifici.
Un bel gioco che scala bene a seconda del numero di giocatori.

ho recentemente giocato a //boardgamegeek.com/jswidget.php?username=ottobre31&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1) 

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare