Elasund: The First City of Catan

Giochi collegati:
Elasund: The First City
Voto recensore:
7,3
E' il secondo gioco della serie 'Abenteuer Catan' (Adventure Catan) iniziata con 'Candamir: il primo colono'. Il tema è basato sul romanzo di Rebecca Gablé 'Die Siedler von Catan', a sua volta ispirato dal gioco I Coloni di Catan. In Elasund, i giocatori competono e collaborano per costruire la prima città di Catan.

Il tabellone rappresenta le fondamenta di Elasund, circondata dal mare e dalle mura della città, e con gli scavi per la chiesa al centro. Ogni giocatore riceve 10 cubetti Punti Vittoria, 5 gettoni Permesso di Costruzione, 4 edifici, 1 reference, 9 tessere Mura della Città, 3 carte Oro e 1 carta Influenza. I giocatori piazzano subito le 2 tessere edificio iniziali nei punti già predisposti sul tabellone. Durante il gioco costruiscono insieme una città cercando di erigere il maggior numero di edifici nella zona compresa tra il mare e le mura. Ogni giocatore può costruire i suoi 4 edifici, che nessun altro può costruire, e gli edifici neutri che sono alla portata di tutti.

Un edificio può essere costruito quando il costo di produzione in Oro è stato pagato e 1, 2 o 3 gettoni Permesso di Costruzione sono stati piazzati sulla superficie da costruire. Il numero di gettoni necessario varia in funzione della grandezza dell'edificio. I permessi di costruzione per un edificio possono essere piazzati da più giocatori, in questo caso avrà il permesso di costruire soltanto il giocatore che ha piazzato i gettoni con il valore globale più alto. Inoltre, gli edifici distruggono gli edifici più piccoli che si trovano anche parzialmente sulla stessa area. Con le carte Influenza si possono spostare i permessi di costruzione o rimuovere un edificio avversario. Chi costruisce un edificio neutro può piazzarvi sopra un proprio cubo Punto Vittoria. Chi invece edifica una sezione delle mura riceve come ricompensa una carta Influenza oppure può piazzare un cubo Punto Vittoria, a seconda della sezione di muro piazzata (sono in ordine prestabilito).

La Chiesa occupa uno spazio la cui estensione è di 9 tessere e la cui posizione esatta dipende da dove verrà piazzata la prima tessera, pescata a caso dal primo giocatore che decide di effettuare questa azione. L'azione di piazzare una tessera Chiesa permette di piazzare un cubo Punto Vittoria ed ha come ulteriore conseguenza la distruzione di un eventuale edificio sottostante.

Le caselle Commercio sono contrassegnate da uno o due punti commercio e permettono a chi vi costruisce sopra di avanzare la propria pedina conteggio sul relativo tracciato. Il raggiungimento di determinate posizioni sul tracciato permette di piazzarvi un punto vittoria.

Il turno di un giocatore è così composto:
- produzione, secondo il lancio del dado
- realizzazione di una o due costruzioni
- piazzamento di un permesso di costruzione (sulla fila indicata dal dado) o raccolta di due carte Oro
- Azione bonus

L'Azione bonus è facoltativa ed è a scelta tra 4 alternative (a pagamento):
- spostare un permesso di costruzione
- sostituire un permesso di costruzione con uno di valore maggiore
- piazzare un permesso di costruzione su una fila a propria scelta
- prendere 2 Ori

Vince chi per primo piazza i suoi 10 cubi Punto Vittoria sul tabellone.

Il gioco si distacca dalle meccaniche classiche dei Coloni di Catan, ma ne mantiene alcune caratteristiche quali la produzione guidata dal dado e il costo di alcune azioni in risorse(in realtà molto più astratte, si tratta di carte Oro e di carte Influenza di diversi colori). Le meccaniche sono articolate e ci sono numerosi modi di fare punti vittoria. E' insolito associare un gioco di Teuber a meccaniche così fortemente competitive, quasi non si può fare un'azione senza che qualche avversario ne risenta in modo pesante(vedi la distruzione degli edifici più piccoli derivata dal piazzamento di quelli più grandi). Per questo motivo è difficile pensare ad una strategia a lungo termine, si è fortemente condizionati dalle mosse degli avversari.
Pro:
Ci sono diversi modi per fare punti, il gioco è ben articolato e non banale.
Contro:
Sembra difficile non litigare alla fine della partita, visti i numerosi screzi cui si è sottoposti durante tutto il tempo.
E' difficile pianificare una strategia a lungo termine, si è troppo condizionati dalle scelte degli avversari.
Può risultare molto impegnativo, forse troppo a discapito del divertimento.
Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale