Flandern 1302

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6,65 su 10 - Basato su 25 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2004 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 60 minuti
Categorie gioco:
Medieval
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su Flandern 1302 Indice ↑

Articoli che parlano di Flandern 1302 Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Flandern 1302 Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Flandern 1302: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Flandern 1302 Indice ↑

Video riguardanti Flandern 1302 Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Flandern 1302: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
939
Voti su BGG:
482
Posizione in classifica BGG:
4530
Media voti su BGG:
5,94
Media bayesiana voti su BGG:
5,65

Voti e commenti per Flandern 1302

Ritratto di SdP
9

Io ho trovato il gioco completo ed impegnativo. richiede una strategia abbastanza complessa ed una amministrazione delle carte senza commettere errori.
Un bel gioco, forse uno dei migliori tra le nuove uscite di Essen.

"Giro, vedo gente, mi muovo... conosco... faccio cose" (Ecce Bombo)

6

Noiosetto gioco di piazzamento, pesantemente condizionato dalla fortuna nella pesca delle carte...

Kingsburg feels like Caylus with dice rolls and goblin bashing. This will grant him some wariness from gamers who can’t stand the luck of the dice, from others tired of spending cubes to build a district, and of course from goblins.

8

Mah, io non metterei tra i difetti il fatto che bisogna giocarci più partite per apprezzarlo appieno. Casomai quel fattore si chiama rigiocabilità, che è tutt'altro che un difetto!
Il gioco mi è piaciuto molto, a partire dai componenti che sonofunzionali e belli graficamete .
Le carte speciali saranno anche potenti, ma tutti hanno la possibilità di pescarle, quindi la sfiga/fortuna direi che in un certo qual modo si bilancia.
L'unica cosa che non digerisco è il giocatore neutrale, mi sembra sempre di giocare con il morto.....
In definitiva un buon gioco.

7

Il gioco è divertente e ben calibrato. L'ambientazione, purtroppo, è poco influente ma le meccaniche sono davvero intressanti e la partita rimane aperta fino alla fine. La grafica è un po' smorta come spesso accade per i giochi della queen (ma ci sono quelli a cui piace!). Il fattore fortuna è quasi inesistente e alla fine per la vittoria finale contanto strategia e pianificazione.

commento basato su poche (meno di 5) partite

6

mi ha incuriosito la prima volta....ma poi? Ci sono giochi che avrannno sempre la precedenza su questo.

"...vince chi fa più punti vittoria..."

7

Nessun commento

Il pessiminsta è colui che trova sempre delle difficolta nelle opportunità.L'ottimista è colui che trova sempre delle opportunità nelle difficoltà.

7

Nessun commento

5

Nessun commento

EX EX Presidente dell'
Associazione Ludica
CarriDisarmati

6

Nessun commento

6

Nessun commento

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

7

a me piace....peccato che non piace a quelli con cui gioco :(

frankiEdany
ehi, goblins...sono FRANKIE ...Dany si è fregata la mia E !!!

6

Nessun commento

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=odlos&numitems=10&header=1&text=title&images=small&show=recentplays&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

7

Nessun commento

7

Nel suo complesso un buon gioco di maggioranze e controllo del territorio. Fatture fortuna estremamente limitato e ottima interazione tra i giocatori sia in 3 che in 4. Le pecche sono sicuramente la sua grafica poco accattivante ed un ambientazione un po' forzata che allontanano la maggior parte dei giocatori.
Decisamente buona anche la rigiocabilità in quanto è uno di quei giochi in cui strategie e tattiche decisive si apprendono solo dopo diverse partite.

L'importante non è vincere: è far perdere gli altri!

7

Ho fatto poche partite e devo dire che il gioco è semplice nella struttura del turno,ma complicatissimo e difficile da gestire; le regole sul manuale sono scritte male e lasciano luogo a troppe interpretazioni che ho chiarito con le faq sparse in giro...ad esempio le carte influsso non sono spiegate bene.
Cmq credo che se lo si capisce rimane un gran bel gioco strategico(per ora il mio voto è 7).

Monopoli?Risiko?Hotel? No grazie,preferisco vivere 8)

6

Nessun commento

Mi prenoto per un qualsiasi tavolo!

7

Nessun commento

"La saggezza della natura è tale che ella non produce niente di superfluo o inutile."
Niccolò Copernico

7

Nessun commento

7

Nessun commento

7

E' un gioco assolutamente imprevedibile e mai scontato...Si rivela difficilmente gestibile ma molto stimolante. La meccanica è avvincente, la componentistica più che discreta e rende molto meglio a 4. E' ingiocabile a 2. Si apprezza di più dopo qualche partita. Il livello di interazione sembra basso all'inizio, ma poi con il tempo si capisce che si possono fare molte bastardate agli altri giocatori...Il mio voto è un 7 pieno...sono contento di averlo preso ( ed anche a buon prezzo sulla tana)...

Gioco di piazzamento e controllo del territorio particolarmente complesso da gestire dovendo tenere sott'occhio più aree di gioco separate nelle quali interagire con gli altri giocatori. I turni sono molto rapidi e non si dovrebbero creare particolari situazioni di stallo. L'incidenza della fortuna non parrebbe alterare troppo gli equilibri della partita. Il regolamento si chiarisce bene iniziando a giocare, giacché, appena letto, non riesce bene a mettere in evidenza l'importanza di certe azioni e strategie.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare