Rank
457

Italian Checkers

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6,04 su 10 - Basato su 350 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 1400 • Num. giocatori: 2-2 • Durata: 30 minuti
Autori:
(Uncredited)
Categorie gioco:
Abstract Strategy
Sotto-categorie:
Abstract Games

Recensioni su Italian Checkers Indice ↑

Articoli che parlano di Italian Checkers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Italian Checkers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Italian Checkers: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Italian Checkers Indice ↑

Video riguardanti Italian Checkers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Italian Checkers: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
68
Voti su BGG:
56
Posizione in classifica BGG:
12335
Media voti su BGG:
5,99
Media bayesiana voti su BGG:
5,52

Voti e commenti per Italian Checkers

6

Nessun commento

Quando smetti di giocare non sei adulta. Sei spenta

6

Non mi ha mai appassionato e lo trovo pure piuttosto noioso

4

Nessun commento

homo ludicus

6

Nessun commento

La vita può essere vissuta come un bel gioco se fai di tutto perchè lo sia.

9

Preferisco da sempre gli Scacchi al gioco della Dama: ma si tratta di una preferenza dettata dai mie gusti personali.
Se devo essere obiettivo, infatti, riconosco che la semplicità di questo grande gioco riassume in sé una notevolissima profondità.
Titolo, comunque, che sta nell'Olimpo dei giochi.
Perché il mio voto è un 9? Perché Dama è un classico senza tempo.

"England expects that every man will do his duty" (H.Nelson)

6

Semplice, in inizio x passare poi agli scacchi - addatto anche ai bambini

7

Effettivamente può sembrare il parente povero degli scacchi, comunque anche questo gioco richiede delle buone abilità strategiche (in questo sens io ero piuttosto negato). Dò un voto leggermente inferiore agli scacchi per la minore profondità, comunque ampiamente sopra la sufficienza.

6

Nessun commento

Potere e potenza!
3

Davvero brutto, l'ho sempre odiato fin da bambino, per me è banale, forse a qualcuno piace da morire, ma io preferisco di gran lunga gli scacchi!

5

mai amato sinceramente...forse perchè mai giocato molto da piccolo.
voto basso....preferisco dovendo scegliere gli scacchi.

8

Nessun commento

6

Nessun commento

6

Gioco carino e molto veloce. Annoia se rigiocato troppo spesso.

8

Un gioco senza tempo. Difficile fare un commento.

6

Un classico.

7

Nessun commento

VENDO My Little Scythe 30€, Moorea 10€, Sherlock MS Edizioni 5 euro a caso, Belfort eng 50€, Fugitive ita 18€, A Study in Emerald prima edizione 100€, Escape Room il gioco 28€

5

Al contrario della mia consuetudine di dare almeno la sufficienza ai giochi che hanno fatto la storia (e non sarebbe onesto negare questa qualità nel presente caso), per la dama faccio un'eccezione perché ricordo che anche da ragazzo aveva iniziato ad annoiarmi, cosa che mi capita molto di rado. C'è anche da dire che sono anni che non faccio una partita, e chissà, le cose nel tempo cambiano...

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Baol&numitems=10&text=none&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

6

Nessun commento

7

nessun commento

6

Nessun commento

Forum interno associati Boardgame Society: bgsociety.freeforums.org

7

Come si fa a non dare almeno la sufficienza ad un gioco che ha fatto la "Storia dei Giochi Mondiali"?
Un voto in più per la Sua longevità...

6

Nessun commento

6

Un altro grande classico che tutti conoscono. rispetto al gioco degli scacchi è più semplice ma comunque appassionante in quanto non vi è presente il fattore fortuna e la vittoria o sconfitta dipende solo da te.

laura

3

Nessun commento

6

Nessun commento

6

Nessun commento

6

Nessun commento

6

Nessun commento

6

Nessun commento

7

Nessun commento

9

Nessun commento

8

Nessun commento

Mik-79

8

Un classico intramontabile dei giochi da tavolo, rispetto agli scacchi richiede meno strategia e le scelte sono spesso limitate, ma rimane un classico immacabile per ogni appassionato.

4

Un classico desueto, ormai saturo, in decadenza, sono stati scoperti da tempo gli algoritmi per vincere sin dalla partenza. Non merita la sufficenza.

6

Nessun commento

6

Chi non ha una dama ?

7

Nessun commento

7

Nessun commento

Se credi di essere bravissimo in qualcosa ...c'è sempre un bambino asiatico pronto ad umiliarti!!

5

Nessun commento

7

Troppe variazioni locali di regolamento; ma che classico.

Comunque Vlaada sarà un successo.

4

Nessun commento

5

Valuto 5 questo gioco per la sua importanza storica; giocato oggi risulta abbastanza anacronistico ed antiquato.

8

Longevità 2
Regolamento 2
Divertimento 1
Materiali 2
Originalità 1

10

Nessun commento

6

Nessun commento

6

Nessun commento

7

è sempre un piacere giocarci,forse un po limitato nelle mosse e si perde nella ripetività

7

Nessun commento

"Sei cresciuto, Mezzuomo", gli disse. "Sì, sei cresciuto molto. Sei saggio, e crudele. Hai rubato la dolcezza della mia vendetta, ed ora devo partire con amarezza, debitore della tua misericordia.

7

Nessun commento

"Gli specchi dovrebbero riflettere un momentino prima di riflettere le immagini" J. Cocteau

7

Nessun commento

4

Nessun commento

6

Nessun commento

6

Un filler storico per eccellenza....Per imparare a giocare e imparare a vincere e a perdere senza paura finche non vi stufate... Voto politico

6

Go = 10
Scacchi = 8
Dama = 6
è solo un onesto introduttivo ai giochi astratti.

6

Un classico di tale portataa non merita insufficienze. Semplicissimo e al tempo stesso strategico.

ho recentemente giocato a //boardgamegeek.com/jswidget.php?username=ottobre31&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1) 

6

Nessun commento

L'uomo nella sua arroganza si crede un'opera grande, meritevole di una creazione divina. Più umile, io credo sia più giusto considerarlo discendente degli animali.

9

Nessun commento

6

Un classico degli astratti. Poco profondo per i miei gusti

7

Nessun commento

5

Nessun commento

8

Nessun commento

7

Anche questo è un gioco storico, con mille varianti nei vari paesi.
Pregi: è un gioco di strategia.
Difetti: le meccaniche semplici e la ripetitività nelle partite alla lunga stancano... va meglio se sgranocchiate qualcosa nel frattempo...

6

Giochino banalotto. valore storico

1

Dopo avere imparato gli scacchi, la dama non l'ho più tollerata: banale, superficiale, ripetitiva.

7

A giocarlo con le regole giuste è un gran bel gioco! - [Autore del commento: fladnag]

6

Nessun commento - [Autore del commento: obelix]

3

Devo dare 3 perchè ho dato 4 agli scacchi. E pur non sopportando nemmno quel gioco, devo dire che DAMA è decisamente peggio degli scacchi. Almeno gli scacchi hanno delle variazioni ogni tanto invece questo è monotono e per nulla strategico. Non ci giocherò mai. - [Autore del commento: Psicoanalista]

6

Un classico del genere non merita insufficienze. Semplicissimo e al tempo stesso abbastanza strategico. - [Autore del commento: ottobre31]

7

Nessun commento - [Autore del commento: Vibrissa]

9

Un gioco che ha attraversato letteralmente i secoli, senza la profondità degli scacchi ma adatto come diceva E.A. Poe ai colpi di genio. - [Autore del commento: mrob]

7

[voto 7] - A giocarlo con le regole giuste è un gran bel gioco! - [Autore del commento: fladnag]

4,9

(In riferimento solo alla Dama italiana, le altre versioni non le ho - quasi - mai giocate)

Non è un gioco facile, occorre calcolare mosse e contromosse ed io non vincevo praticamente mai e non credo perchè manco di capacità quanto perchè l'ho sempre trovato noioso, evitando di dedicarmici: in pratica, puoi fare due cose, avanzare o mangiare, più volte di fila se l'avversario s'è fatto incastrare o a ritroso se hai fatto Dama. L'emozione più grande è quando qualcuno sbaglia ed il pezzo è soffiato (se si gioca con quella regola). Non c'è fantasia, zero fascino, pochissimo brivido e mi sfugge completamente il senso simbolico/filosofico che altri astratti - come la meravigliosa dama cinese - manifestano. Anche il paragone con gli scacchi mi pare poco azzeccato: una pedina copre l'altra (con modalità peraltro parecchio differenti), c'è la promozione, ci sono due giocatori, la scacchiera è quadrata, fine delle somiglianze.

Ora, non mi sento di demolirla completamente, è comunque un gioco strategico e come tale può essere approfondito, ma... non riesco a finire questa frase. Diciamo allora che, leggendo due righe sulla storia di questo gioco, se ne determinano le origini attorno al 1200 d.C., su derivazione per vari passaggi di un gioco del 1500 a.C., l'alquerque.

Nell'alquerque la plancia è 5x5, le pedine sono sempre 24 e puoi scegliere tre direzioni di movimento (orizzontale, verticale, diagonale), piuttosto che l'unica della Dama (diagonale).

Ecco, dando un'occhiata alle regole, il gioco del 1500 a.C. sembra più avvincente (fra l'altro, mi sa che una volta ci ho anche giocato).

Tanto per dire che non è una questione di giochi (e giocatori) antichi o moderni: la gente nei giochi cerca le stesse cose da sempre, perchè certe cose, come il gusto della sfida intellettuale e strategica, sono cose che non sono mai cambiate... ma se vogliamo la sfida strategica (magari con un pizzico di divertimento), allora è meglio avere qualche possibilità di scelta in più, rispetto al "mi faccio mangiare così lui mi rimangia ed io lo rimangio, tanto comunque devo per forza muovere e qualcosa mi devo far mangiare", no?

In termini scolastici il voto sarebbe 5- perchè comunque il gioco ha un suo senso e 4 è poco, ma davvero a 5 non mi sento di arrivare ed ora capisco gl'insegnanti str***i che ho avuto alle superiori.

Gli umani sono nati con una suscettibilità tutta particolare verso quella malattia dell'intelletto più debilitante e persistente d'ogni altra: l'autoinganno. Il migliore di tutti i mondi possibili, come il peggiore, riceve da essa le sue colorazioni più drammatiche. Da quanto abbiamo potuto stabilire, non esiste un'immunità naturale. Si richiede una vigilanza costante.
Cadenza Bene Gesserit

4

Che noia! Mille volte meglio gli scacchi, anche se sono più difficili ovviamente.

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare