Rank
457

Italian Checkers

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6 su 10 - Basato su 351 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 1400 • Num. giocatori: 2-2 • Durata: 30 minuti
Autori:
(Uncredited)
Categorie gioco:
Abstract Strategy
Sotto-categorie:
Abstract Games

Recensioni su Italian Checkers Indice ↑

Articoli che parlano di Italian Checkers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Italian Checkers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Italian Checkers: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Italian Checkers Indice ↑

Video riguardanti Italian Checkers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Italian Checkers: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
74
Voti su BGG:
58
Posizione in classifica BGG:
14216
Media voti su BGG:
5,90
Media bayesiana voti su BGG:
5,51

Voti e commenti per Italian Checkers

7

classico italiano

4

Che noia! Mille volte meglio gli scacchi, anche se sono più difficili ovviamente.

4,9

(In riferimento solo alla Dama italiana, le altre versioni non le ho - quasi - mai giocate)

Non è un gioco facile, occorre calcolare mosse e contromosse ed io non vincevo praticamente mai e non credo perchè manco di capacità quanto perchè l'ho sempre trovato noioso, evitando di dedicarmici: in pratica, puoi fare due cose, avanzare o mangiare, più volte di fila se l'avversario s'è fatto incastrare o a ritroso se hai fatto Dama. L'emozione più grande è quando qualcuno sbaglia ed il pezzo è soffiato (se si gioca con quella regola). Non c'è fantasia, zero fascino, pochissimo brivido e mi sfugge completamente il senso simbolico/filosofico che altri astratti - come la meravigliosa dama cinese - manifestano. Anche il paragone con gli scacchi mi pare poco azzeccato: una pedina copre l'altra (con modalità peraltro parecchio differenti), c'è la promozione, ci sono due giocatori, la scacchiera è quadrata, fine delle somiglianze.

Ora, non mi sento di demolirla completamente, è comunque un gioco strategico e come tale può essere approfondito, ma... non riesco a finire questa frase. Diciamo allora che, leggendo due righe sulla storia di questo gioco, se ne determinano le origini attorno al 1200 d.C., su derivazione per vari passaggi di un gioco del 1500 a.C., l'alquerque.

Nell'alquerque la plancia è 5x5, le pedine sono sempre 24 e puoi scegliere tre direzioni di movimento (orizzontale, verticale, diagonale), piuttosto che l'unica della Dama (diagonale).

Ecco, dando un'occhiata alle regole, il gioco del 1500 a.C. sembra più avvincente (fra l'altro, mi sa che una volta ci ho anche giocato).

Tanto per dire che non è una questione di giochi (e giocatori) antichi o moderni: la gente nei giochi cerca le stesse cose da sempre, perchè certe cose, come il gusto della sfida intellettuale e strategica, sono cose che non sono mai cambiate... ma se vogliamo la sfida strategica (magari con un pizzico di divertimento), allora è meglio avere qualche possibilità di scelta in più, rispetto al "mi faccio mangiare così lui mi rimangia ed io lo rimangio, tanto comunque devo per forza muovere e qualcosa mi devo far mangiare", no?

In termini scolastici il voto sarebbe 5- perchè comunque il gioco ha un suo senso e 4 è poco, ma davvero a 5 non mi sento di arrivare ed ora capisco gl'insegnanti str***i che ho avuto alle superiori.

Gli umani sono nati con una suscettibilità tutta particolare verso quella malattia dell'intelletto più debilitante e persistente d'ogni altra: l'autoinganno. Il migliore di tutti i mondi possibili, come il peggiore, riceve da essa le sue colorazioni più drammatiche. Da quanto abbiamo potuto stabilire, non esiste un'immunità naturale. Si richiede una vigilanza costante.
Cadenza Bene Gesserit

9

Un gioco che ha attraversato letteralmente i secoli, senza la profondità degli scacchi ma adatto come diceva E.A. Poe ai colpi di genio. - [Autore del commento: mrob]

1

Dopo avere imparato gli scacchi, la dama non l'ho più tollerata: banale, superficiale, ripetitiva.

7

Nessun commento - [Autore del commento: Vibrissa]

6

Un classico degli astratti. Poco profondo per i miei gusti

6

Giochino banalotto. valore storico

7

Anche questo è un gioco storico, con mille varianti nei vari paesi.
Pregi: è un gioco di strategia.
Difetti: le meccaniche semplici e la ripetitività nelle partite alla lunga stancano... va meglio se sgranocchiate qualcosa nel frattempo...

9

Preferisco da sempre gli Scacchi al gioco della Dama: ma si tratta di una preferenza dettata dai mie gusti personali.
Se devo essere obiettivo, infatti, riconosco che la semplicità di questo grande gioco riassume in sé una notevolissima profondità.
Titolo, comunque, che sta nell'Olimpo dei giochi.
Perché il mio voto è un 9? Perché Dama è un classico senza tempo.

"England expects that every man will do his duty" (H.Nelson)

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare