Rank
253

Jerusalem

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7,16 su 10 - Basato su 84 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2010 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 90 minuti
Autori:
Michele Mura
Categorie gioco:
Medieval
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su Jerusalem Indice ↑

Articoli che parlano di Jerusalem Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Jerusalem Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Jerusalem Indice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Jerusalem in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
[Ge] Jerusalem + carte promo Offro gioco singolo €15.00 No Consegna a mano, Spedizione €10.00 albefla 07/01/2019
Jerusalem - Vendita gioco nuovo Offro gioco singolo €25.00 No Consegna a mano €10.00 AlexTo 26/06/2018
Offro gioco singolo usato jerusalem Offro gioco singolo €17.00 No Consegna a mano, Spedizione Andrea2045 19/08/2017
Jerusalem Offro gioco singolo €15.00 No Consegna a mano, Spedizione vitathebest 24/03/2017

Video riguardanti Jerusalem Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Jerusalem: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
1061
Voti su BGG:
718
Posizione in classifica BGG:
2581
Media voti su BGG:
6,74
Media bayesiana voti su BGG:
5,92

Voti e commenti per Jerusalem

7

Premetto ke nn mi piacciono i gioki di maggioranza
Ma questo gioco mi è piaciuto e poi l'ho provato anke con l'autore.
Una leggera perplessità mi viene sulla rigiocabilità ma nel complesso un buon prodotto (anke nella grafica) italiano.

9

Sarà che già l'ambientazione crociata mi piace, i cubetti sono sempre un must, e la grafica è favolosa, che dargli solo 9 mi sembra poco. Ho provato Jerusaem a Play10 e il gioco è veramente ben bilanciato, l'ho trovato intelligente, profondo e studiato molto bene.
La componentistica se non eccelsa viene sopperita da una meccanica ben oleata e una grafica veramente superlativa!
Forse la Torre di David l'avrei studiata con dei puzzilli sagomati ad hoc, anzichè usare dei seplici tasselli di legno. Ma magari con la versione definitiva verrò zittito positivamente.
Pollice molto alto per un altro capolavoro di Michele Mura!

Il fattore "K" è...Bandito!

9

Ho giocato (e poi prenotato) Jerusalem a Modena e devo dire che mi è assolutamente piaciuto.
Anzi ad essere sincero probabilmente lo ritengo il miglior titolo, da me provato, del genere piazzamento/influenza: una meccanica di gioco simile ad altri giochi ma con delle innovazioni notevoli da parte dell'autore che, nonostante i turni siano ovviamente ripetitivi (vale per tutti questi giochi), lo rendono in verità sempre diverso per ognuno dei 5 turni.
La possibilità di cambiare ruolo ad ogni turno (come in Vasco de Gama) ma comprandolo all'asta è davvero un colpo di genio perchè non necessariamente il ruolo con più valore serve alla tua strategia, infatti ruoli minori permettono davvero di superare i colpi di scena delle carte evento che potrebbero spazzare via tutti i segnalini da una certa area (con l'intuizione appunto di darti la possibilità di spostarne un po' in altre aree comprando il ruolo giusto).
Interessante anche il fatto di assegnare poi le carte di ogni inizio turno facendo scegliere al primo giocatore d'asta quella che preferisce tra le 4 e così via fino all'ultimo giocatore (che però aveva avuto la possibilità di comprarsi gratis il ruolo). Ottima quindi la scalabilità all'interno di ogni manche.
Altre chicche sono: far vincere chi costruisce la torre più alta e non chi ha più soldi/segnalini; dividere il tabellone in quadranti e poi sottoquadranti in modo da permettere a tutti di poter ottenere sempre delle risorse; non far capire facilmente agli avversari la tua tattica (sempre variabile) fino alla fine del turno e comunque chi compra il ruolo migliore deve iniziare per primo che raramente è positivo.
Se si aggiungono queste particolarità alla bellezza del tabellone, il gioco della Red Glove e Michele Mura nasce davvero sotto ottimi auspici per essere un titolo di riferimento per il 2010 in Italia e all'estero (gioco totalmente svincolato dalla lingua). Complimenti sinceri a tutti quelli che ci hanno lavorato!!!
P.S.: unico neo, almeno per chi come me l'ha giocato solo in quattro, il dubbio che in 2 o 3 giocatori possa essere altrettanto bello come il giocarlo in 4 (perfetto)!!!

8

VOTO 8!

darei un 9 ma aspetto che mi arrivi (prenotato a play) per rigiocarlo!

Con una partita sola alle spalle non posso dire altro! bel gioco, bellissime le meccaniche e la grafica!
Complimentoni a Favar!

8

Commento basato su poche (meno di 5) partite

Ottimo titolo di piazzamento e maggioranze.
Molto lineare nelle meccaniche, offre comunque un ampio ventaglio di strategie possibili che lo rendono sempre avvincente fino alla fine.
Bellissima grafica, nè troppo lungo nè mozzo, la fine arriva in crescendo (cosa non sempre facile da rendere) e a fronte di meccaniche "solide" (aste, piazzamento etc) ci sono dei twist carini (la torre, le interazioni fra le aree) che lo rendono davvero interessante.
Difetti?... Forse un pelo freddo, anche se compensa molto con il clima "di battaglia" che si respira al tavolo (no, non vi sentite templari in terra santa, ma l'aria di sfida si respira comunque); le strategie variano a seconda di quello che fanno gli avversari, per cui difficilmente due partite risulteranno simili.

7

Provato a PLAY.

Gioco di maggioranze. Apprezzabile lo sforzo di ambientarlo, anche se i giochi di influenza sono tendenzialmente astratti per natura.
Notevole lo sforzo di equilibrare il gioco (impedendo il fenomeno del runaway leader), che si concretizza in una successione di minigiochi.
Poco elegante ed opaco nella eccessiva stratificazione delle risorse e della conversione dei punti vittoria.

Funziona, e funziona bene.

Manca tuttavia dell'eleganza che hanno i classici di questo tipo di giochi.

8

Davvero un bel gioco, gradevole e competitivo. L'ambientazione è stupenda e si respira perfettamente l'aria della Gerusalemme delle Crociate. Impatto grafico eccellente. Prenotato.

8

Incalzante gioco di piazzamento/maggioranze!
Rivitalizza il genere grazie alla bella meccanica della costruzione della torre e al buon utilizzo dell'accoppiata personaggi ed eventi.
Ottimi i materiali, in particolare il comparto grafico, il tabellone è davvero ben realizzato ed aiuta a calare nell'ambientazione un gioco che altrimenti risulterebbe leggermente astratto.

Partite combattute fino all'ultimo, con un tensione al tavolo sempre maggiore.

Per la longevità mi riservo la valutazione dopo altre partite.

"Qualunque cosa un uomo può immaginare, altri uomini possono rendere reale."

[Jules Verne]

9

..ci ho giocato solamenente un paio di volte ma mi è da subito piaciuto un sacco e infatti sara' uno dei miei prossimi acquisti..la molta interazione tra i giocatori e le carte "evento" rendono le partite molto varie e divertenti..senza contare le bastardate che si possono fare nei confronti degli altri giocatori..tutto molto bello! Bravo Favar!

8

Gioco di maggioranze (ma non solo) veramente ben riuscito.
Relativamente semplice da padroneggiare offre comunque molte scelte al giocatore che ha la possibilità di elaborare una strategia di fondo ma deve sempre adattarla a quanto accade durante la partita. Alcune finezze regolamentari risultano veramente sagaci.
Nullo o quasi il fattore fortuna.
Bellissima la veste grafica, chiara e di grande impatto visivo.
Ben calibrata la durata che sta fra i 60 e i 90 minuti.

//www.pisacon.it/images/Loghi/ProssimaEdizione.png)

8

Veramente un bel gioco!
Nonostante l'impronta decisamente europea delle meccaniche (alea molto, molto ridotta) l'interazione fra i giocatori è altissima,costante e decisiva (buon auspicio per la longevità del titolo), le sfide spesso si risolvono all'ultimo turno e il crescendo conclusivo è decisamente coinvolgente.
Elegante e curatissima la veste grafica e ricca la componentistica.
Partite sempre di durata contenuta ma decisamente intense ed avvincenti.

7

Un ritorno ai giochi di maggioranze ad area che ultimamente sembravano fuori moda, lo considero in qualche misura "la risposta italiana ad El Grande".

Molti i fattori positivi: grafica gradevole, meccaniche pulite e lineari, durata ragionevole.

Detto questo, e considerando che i giochi di maggioranza ad area non sono per nulla il mio genere, non porta particolari innovazioni al genere, che globalmente soffre a mio avviso di kingmaking, o quantomeno di kill-making (se un giocatore decide di boicottarti, non puoi vincere, punto).

Per gli amanti del genere, un acquisto indispensabile, per tutti gli altri suggerisco di provarlo prima perché il gioco per essere giocato bene richiede una bastardaggine totale.

7

Buono l'impianto di base, un po' arido forse. Le solite due o tre "martellate" all'italiana (ad esempio, come è risolto il problema al "bordo" cioè come risolvere le risorse rimanenti alla fine del gioco). Non elegante.

Nel complesso mi è piaciuto, ma... lo definirei "un gioco nel mucchio". 6,5 approssimo a sette per simpatia verso i colori nazionali.

Uso dell'apostrofo: po', un altro, un'altra, qual è. Uso dell'accento sui monosillabi, solo in caso sia distintivo: su "so", "qui" e "fa", l'accento non va.

7

Ottimo gioco di maggioranze, profondo e senza lacune nel regolamento. Un must per gli amanti di questo genere!!! Buona la componentistica.Le meccaniche, anche se non nuove, risultano ben strutturate a vantaggio di una buona longevita'.Un ottimo titolo nostrano !
NOTA NEGATIVA: ma perche' una scatola cosi grande quando ne bastava la meta'? UN GIOCO E' GRANDE PER IL SUO CONTENUTO E NON PER IL VOLUME DELLA SUA SCATOLA !!! meditate gente,meditate....

6

Molto bello graficamente e anche da giocare non è un brutto titolo. Come detto da altri, ci sono un paio di 'eccezioni' più o meno forzate alle regole generali (chi è in testa non può utilizzare il barone sull'area grande del quartiere del re oppure il fatto che la torre costi di più al primo che la costruisce) che stonano un po'.
Inoltre ho qualche dubbio sulla longevità

8

Giudizio basato su sei partite complete (più una a Play 2010 con l'autore).

Premessa: il voto dovrebbe essere indicativamente un 4+, perché non sono MAI riuscito a vincere una partita e perché di solito arrivo irrimediabilmente ultimo. Ma ho come idea che NON sia un problema del gioco... :(

Giudizio vero: un valido gioco di piazzamento e maggioranze che sin dalla prima partita sembra molto equilibrato. Piacevole la struttura in cinque round che, stringi stringi, sembrano 5 mini-partite, con vincitori e vinti che vengono dichiarati nella fase di costruzione.

Ci sono un paio di eccezioni che vanno sempre tenute a mente e i meccanismi di base sono davvero molto asciutti. Nel globale tutto sembra davvero molto equilibrato e rifinito, regolato col bilancino di precisione. Tra i lati positivi devo assolutamente citare la grafica, veramente bella e, seppur sfarzosa, anche abbastanza funzionale, nonché la durata: dopo qualche partita si riesce a stare sui 90-100 minuti senza eccessivi problemi.

Un paio di aspetti che non mi hanno del tutto conquistato sono la difficoltà a recuperare quando un paio di round sono andati male (alla fine si rischia di arrancare per metà partita senza eccessive speranze) e il peso non indifferente che i tre eventi casuali hanno sul gioco: ok, bisogna tenerli in considerazione da subito, ma quando colpiscono "bene" c'è poco da fare se non subire.

Per tutta una serie di motivi l'ho sempre giocato in 4, per cui non posso esprimermi sulla scalabilità.

Sebbene non brilli per originalità, Jerusalem è un gran gioco di piazzamento e maggioranze, veramente molto severo e combattuto su ogni "cubetto". Può essere un "brucia-cervello" e consiglio di evitarlo in caso siate circondati da "pensatori", ma in ogni caso è davvero un'ottima aggiunta alla vostra ludoteca in caso vi piacciano i giochi con un certo spessore e non abbiate paura di affrontare un boardgame piuttosto punitivo. Promosso a pieni voti.

--
Stef - Stefano Castelli

6

Gioco basato essenzialmente sulle maggioranze, che premiano i giocatori che hanno piazzato di più nelle rispettive zone: chi punta di più acquisisce le risorse, che da la zona: le risorse sono necessarie per la costruzione della propria torre, per stabilire l'ordine del successivo round o utili per scambiarle con altre risorse (tramite carte che si possono acquisire durante il gioco).
Di per se il gioco è quasi esente dalla componente "fortuna" lasciando spazio principalmente al ragionamento: il meccanismo funziona bene ed è ben bilanciato.
Non voletemi male vi prego, ma nonostante sia strutturato bene e ci sia da ragionare il gioco è troppo "freddo" (non mi fa provare emozioni e di conseguenza non mi coinvolge nel giocare) a causa proprio del suo sistema di gioco.
Inoltre, colui che conosce meglio il meccanismo riesce, nella maggior parte dei casi (qualcuno può capirlo già dalla prima partita), ad avere la meglio nei confronti degli altri.
Siccome Jerusalem è basato su un meccanismo, se quest'ultimo viene decifrato (sfruttato al massimo), il gioco perde il suo appeal (a meno che non ne siate estimatori).
Lo consiglio agli estimatori dei giochi alla tedesca, per tutti gli altri consiglio solo di provarlo più volte, poi se proprio vi è piaciuto tanto prendetelo, altrimenti giocatelo con chi ce l'ha.

8

mi è piaciuto molto come gioco soprattutto l'aspetto dell'interazione con gli altri giocatori.Per una maggiore rigiocabilità sia in termini di carte azione/eventi,sia in termini di carte personaggi (solo 4). Aspetto fiducioso le espansioni.

6

Rivedo il mio giudizio dopo aver giocato altre 2 partite al torneo di Firenze Gioca: questo gioco di maggioranze ha il difetto di premiare solo il primo giocatore dei vari settori, lasciando gli altri a bocca asciutta. il meccanismo è a mio avviso un po' troppo "crudele" e rischia di rovinare in un turno partite giocate comunque bene (non è bello restare senza niente in un settore dove si perde per 7 cubetti contro 8, per dire...). modificando questa regola forse sarebbe valido... così invece mi vedo costretto a dargli solo una stiracchiata sufficienza...

commento precedente:
"Più che valido gioco di maggioranze, perfetto per un 7,5 che ovviamente non si può dare...
gli tolgo mezzo voto perché non mi piace il criterio di vittoria che si basa sul numero di piani della torre costruiti e che affligge un po' troppo chi sta in testa, che è costretto a pagare un punto torre in più ciascun piano e che difficilmente riesce ad uscire da questo perfido meccanismo (a meno che in un turno non scelga di proposito di non fare molti punti torre e di farsi superare dagli altri, che sarebbe una tattica un po' masochista...)"

7

Gioco di posizionamento molto ben congegnato, che ricorda El Grande, rispetto al quale, sotto certi aspetti, è anche più equilibrato. E' interessante, ma soffre un po' di astrattezza e della mancanza di originalità di alcune meccaniche.

7

Un buon gioco di maggioranze che ha molto in comune con El Grande (ma tutti i giochi di questo tipo devono fare i conti col mostro sacro di Kramer). Dimenticati l'orticello, Jerusalem è un titolo "cattivo" con molta interazione, e sia l'ordine di piazzamento che i privilegi dei personaggi sono ben pensati: piazzo per primo e ho la prima scelta sulle zone che mi interessano, o lo faccio per ultimo decidendo quali maggioranze andarmi a prendere? L'alea (delle carte evento e azione) rende il gioco meno prevedibile e il piazzamento meno "freddo".
Infine, è ottima sia la meccanica di costruzione dei piani della torre, che compatta il gruppo obbligando chi è più avanti a spendere di più, che la sua giustificazione a livello di ambientazione
(pagherò di più perché sono il primo fare una cosa del genere).

Mi è piaciuta meno l'impossibilità per chi è in testa di bloccare il palazzo del Re col proprio Barone: questa eccezione è l'unico neo in un complesso di regole molto elegante. Peccato, perché è un caso particolare che va ricordato continuamente durante il gioco (ma immagino che ciò sia stato introdotto per questioni di bilanciamento).

Infine, qualche considerazione personale che non influisce sul mio voto. Primo: ho particolarmente apprezzato la qualità grafica delle carte personaggio e dell'iconografia utilizzata, ma mi è piaciuta meno quella di alcune zone del tabellone con i palazzi (come il Patriarcato e la torre di David) che sembrano fotografie photoshoppate. Secondo: ho trovato le dimensioni del tabellone un po' sproporzionate rispetto all'uso che se ne fa. Terzo: sospetto che il gioco funzioni al meglio in quattro giocatori, non di meno. Quarto: vorrei approfondire il discorso longevità, per cui mi rifarò vivo dopo una decina di partite.

In ogni caso la valutazione è positiva e sono soddisfatto di averlo nella mia collezione.

7

Gioco simpatico, specie per l'ambientazione: quando si parla di Templari l'interesse inevitabilmente sale. Buona anche la grafica, la componente strategica del gioco e l'interazione tra i giocatori. La meccanica di gioco soffre un po' di staticità: chi riesce ad acquisire una posizione dominante nel Patriarcato in genere vince.

6

sufficiente nel divertimento e nell'originalità, comunque promosso con un bel 6--

[FI] Vendo: Zanzibar (indip), Samara con 2 esp. (indip), Pochi Acri di neve (ita), Antike Duellum (eng trad.ita), Mi tierra: New era (indip)

5

5,5 per la precisione.
Sarà che non mi piacciono i giochi di maggioranze, ma nell'insieme ho trovato il gioco poco innovativo.

8

Titolo non proprio nuovo ma non avendolo provato in precedenza ho colto l’occasione di farlo ad Essen. Bella la grafica e buoni i materiali di questo gioco di maggioranze e controllo delle aree del tabellone ai fini di accumulare punti torre per erigere la più alta torre di Gerusalemme. Le meccaniche sono semplici ma non per questo banali ed ogni turno l’asta per le carte ruolo (che danno anche l’ordine di gioco e differenti vantaggi) è il momento fondamentale per decidere cosa fare. Tutto ben congeniato e bella l’idea delle differenti aree suddivise fra principali (con benefici maggiori) e secondarie (presumibilmente oggetto di un confronto meno serrato ma con minori vantaggi). La tipologia di gioco non è fra le mie preferite perché soggetta a Kingmaking e grandi bastardate ma il titolo è piacevole e scorre bene con spunti interessanti anche se non troppo innovativi. Da riprovare ma un buon titolo di sicuro.
Giudizio finale: BUONO (per chi ama i giochi di maggioranze e piazzamento).

8

Quoto il commento di Pennuto77, ho giocato una partita a Lucca Comics e ho molto apprezzato questo titolo.

"Il carattere delle persone non si rivela mai così chiaramente come nel gioco." L. Tolstoj

Per tutti gli appassionati giocatori di Firenze e dintorni, date un'occhiata al sito http://www.giocozona.org

8

Il gioco mi ha pienamente soddisfatto (fatta una partita intera in 4) l'interazione tra i giocatori è massima e sul tavolo la tensione si taglia con il coltello! Gran lavoro dell'autore per il bilanciamento, si vince davvero a stento, il primo non riesce mai a sfuggire ... Di certo ho voglia di rigiocarlo.

8

Nessun commento

7

Nessun commento

7

Gioco di maggioranze molto semplice che si presta ad essere rigiocato (non solo per gamers)!
A mio parere, le maccaniche non sono elegantissime, siccome alcune regole sono pensate ad hoc per tamponare piccoli difetti in corsa!
Galletto

7

Un bel gioco se giocato in 3 o 4 giocatori, in 2 perde un pò, anche perchè devono essere tolte delle carte e si gioca con due quartieri in meno.
Comunque se si preferiscono giochi alla El Grande, Vasco de Gama, ecc. è da provare.

5

Anche se trovo sempre interessanti i giochi di maggioranza, lo trovo poco innovativo, sempre le stesse dinamiche ripetute, e sopratutto è normale finire i componenti di giochi dopo la prima partita? poco playtestato.

9

Un gran bel gioco, ben bilanciato con molta interazione tra i giocatori. Il mio giudizio è basato su partite a 4 giocatori.

9

E' un gioco che mi crea adrenalina e non riesco a smaltirla per tutta la durata della partita.
Penso sia una caratteristica dei giochi maggioranze, ma questo titolo in particolare fa di tutto per stimolarmela in abbondanza, perchè fino alla fine del turno non sai cosa, e se potrai racimolare punti torre, uomini, soldi. Ti domandi se hai speso bene le tue risorse, se magari era invece il caso di concentrarle in altro modo. Mettiamoci anche la possibilità di spostare un uomo a fine turno (se si ha la maggioranza nella torre di David), per creare una nuova maggioranza.
Aggiungiamo poi la fase di asta per aggiudicarsi i vari personaggi, ciascuno con caratteristiche diverse che decreterranno l'ordine del turno. Le carte evento ad ogni turno.
Si evince da tutto ciò che questo titolo non è nè per le persone deboli di cuore, nè per chi non gradisce l'interazione.
Detto questo, la cosa che mi ha colpito sin dalla prima volta che l'ho giocato è che malgrado questa serie di caratteristiche che ho elencato, risulta essere molto bilanciato e studiato nei minimi particolari come pochi giochi.
Tutte cose che sanciscono per me l'eccellenza di un gioco.
Un plauso quindi all'autore e chi l'ha prodotto.
Se non si fosse capito, nel mio piccolo, io lo consiglio.

6

troppa attesa che tocchi a te... noia!

8

Nessun commento

8

Nessun commento

7

Nessun commento

Potere e potenza!
6

voto basso per il semplice fatto che, a mio avviso, penalizza i giocatori indietro!!
recuperare punti avendo a disposizione pochi uomini (cubetti) è quasi impossibile!
avrei modificato alcune cose nel regolamento...non avendolo fatto io però.....!!!

di per se cmq il gioco non è malvagio, sempre che piacciano i giochi di maggioranza!

6

Il gioco non è male, ma non mi sembra abbia lo spunto in più che mi aspettavo, in più non ha una particolarità innovativa o una freschezza che mi attragga.
Il sistema di costruzione della torre mi è piaciuto molto, per quanto i punti avanzati secondo me non dovrebbero influenzare in alcun modo la partita.
ottimi materiali, regolamento e grafica.
consigliato solo a chi ama i giochi di maggioranze. è un 6.5

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Khoril&numitems=5&header=1&text=none&images=medium&show=random&imagesonly=1&imagepos=left&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

8

Nessun commento

8

Adoro i giochi di maggioranze, quindi...
Elegante, semplice, cattivo e purtroppo un poco fortunoso.
Se vi piacciono i giochi di maggioranza però... da dipendenza...

8

Nessun commento

6

Innanzitutto dico che ho massimo rispetto per le produzioni italiane (ce ne fossero!) ed apprezzo moltissimo ci sia gente creda nelle idee e lanci progetti, come questo, ambiziosi.
Purtroppo però le parole non bastano e bisogna anche avere la capacità di concretizzare il tutto.
Il gioco è un tipico esempio di tipologia a piazzamento, dove ad ogni turno si piazzano tot omini (che si guadagnano a sua volta piazzandoli nel turno precedente o comprandoli) e si acquisiscono "punti" torre, necessari per la costruzione della stessa e quindi della vittoria.
Partendo dal fondo, originale che si costruisca una torre, ma la magia viene meno quando si pensa che non è che un modo diverso per il conteggio punti.
Infatti fra il creare 41 spazi da 0 a 40 e fra l'acquisire un tassello ogni 2,3,4,5,6,7,8 punti (totale 35) la differenza è solo di forma.
Va bene la regola di bilanciamento per cui ad ogni scalino il più in vantaggio paga lo scotto di 1 punto in meno, ma un gioco adeguatamente bilanciato non ha appunto bisogno di questo.
Stessa critica va rivolta alla "aggiunta" del set speciale di regole per la fine del 5° turno (con cui il possedere soldi, cavalieri, o carte garantisce punti aggiuntivi), anche questo pensato in ottica di bilanciamento (per evitare che tutti si fossilizzino sulla parte di tabellone in cui si guadagnano punti torre), ma appare fuori posto e rovina in mio parere lo stile. Sarebbe stato più elegante creare un set di carte "bonus", fra i quali figurasse, appunto, l'acquisizione di punti in caso di raggiungimento tali obiettivi a fine partita (il che dava anche più pepe al gioco).
Molto negativo che in un gioco di piazzamento finiscano i "cubetti" da piazzare.
Per il resto il gioco è veloce (il che è un pregio), piuttosto complesso (e questo aumenta con il numero di giocatori, tant'è che in meno di 4 io eviterei di giocarci) e tutto sommato piacevole.
Facile fare anche un paio di partite di seguito.
La mia opinione resta però manchi "qualcosa" e il tutto poteva esser maggiormente rifinito (sia in termini di regole, che anche componentistica e tabellone).
Sarebbe un 6,5

8

Nessun commento

5

Proprio non mi è piaciuto..chi è indietro tenderà a rimanerci per mooolto tempo (magari tutta la partita),le carte "evento" possono caziare una buona strategia senza che ci si possa fare niente,regole poco eleganti.
Non è possibile che la riserva di cubetti sia teoricamente infinita (e che in realtà finisca alla prima partita).
Un punto in più per amor patrio.

7

Nessun commento

8

Nessun commento

8

Nessun commento

8

gioco quasi perfetto, da segnalare la mancanza totale di "buchi" nel regolamento.

7

Nessun commento

8

Giocone, bella grafica, meccaniche divertenti, interazione elevata e tritamento dei maroni degli avversari ad alti livelli. :o)

Partite giocate: > 30

5

bella grafica, buoni materiali, ma per il resto non decolla

7

Nessun commento

6

Gioco di maggioranze che non spicca. C'è di meglio nel suo genere.

[glow=red]VENDO:[/glow]Kickstarter Arcadia Quest Inferno+Pets+Pg+Pg Masmorra_Ashes+2Esp - Uppsala - Club degli spendaccioni - ecc.
7

nessun commento

8

Sono rimasta molto soddisfatto... gioco divertente... consigliato

5

Gioco banale, poco profondo e poco appagante.
Un classico gioco di maggioranza, con un sistema d'asta mal riuscito.
Insufficiente.

9

Grafica eccellente, regolamento semplice nonche' ben fatto, gioco che procede senza intoppi di sorta, interazione sufficientemente alta.. Basta questo per dire che Jerusalem e' un gioco veramente ben fatto. Di solito a fine partita anche 4 buoni amici avranno da ridirsi qualcosa :-)
OTTIMO VERAMENTE

7

Nessun commento

7

Buon gioco di maggioranze, con un meccanismo ad aste per accaparrarsi le 4 carte personaggio iniziali, ottima la grafica e i materiali peccato che l'ambientazione non si senta tantissimo. Complesso ma non troppo, Jerusalem è un gioco di piazzamento che va provato almeno una volta dagli amanti del genere! STRATEGICO!

6

Carino ma decisamente sotto ad altri giochi simili, El Grande gli sta sopra di un bel po' nonostante l'età... .

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=melkios&numitems=10&header=1&text=title&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&imagewidget=1)

7

Piccola sorpresa. Questo gioco di piazzamento lavoratori è risultato molto più strategico del previsto e mi ha fatto un'ottima impressione. L'incidenza dell'alea è ben dosata e aumenta in maniera interessante l'incertezza. Il dazio da pagare per chi sta conducendo è salato ma ho l'impressione che chi comincia a macinare omini prenda troppo vantaggio e risulti alla fine imprendibile. Un buon titolo da riprovare.

ho recentemente giocato a //boardgamegeek.com/jswidget.php?username=ottobre31&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1) 

7

Nessun commento

Cristian
TdG Latina

7

Bel gioco di maggioranze con un regolamento abbastanza semplice e con un meccanismo intuitivo ed elegante. Purtroppo per essere goduto appieno è necessario essere esattamente in 4 giocatori. Graficamente piacevole e divertente, dura il giusto ma la vittoria è comunque gratificante. La varietà delle partite è ben apportata dalle carte evento. Forse la fase d’asta non è completamente riuscita e la difficoltà a spostare i propri scudieri dà un’idea di eccessiva staticità.
voto 7.5

7

Nessun commento

7

Giocato per il momento solo una volta ma mi ha fatto un'ottima impressione. Denso e bilanciato. Molto strategico.

6

Nessun commento

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=nuvolablu&numitems=5&header=1&text=none&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

6

Nessun commento

8

Bel gioco di piazzamento e maggioranze. Buona componentistica e buon profilo Tattico-strategico. Elevata interazione e buona longevità. Un gioco da giocare e rigiocare per apprezzarne le dinamiche. Voto: 8 pieno

7

Jerusalem è semplice da spiegare, abbastanza profondo e interattivo, inoltre si può trovare facilmente ad un prezzo davvero basso. Se vi piacciono i giochi di maggioranze e controllo del territorio è da provare, ho solo qualche dubbio sulla longevità in quanto forse il titolo non offre tanta variabilità, comunque si merita un 7,5 pieno.

Possiamo soltanto decidere cosa fare con il tempo che ci viene concesso.

8

Preso a 5 €. Non ancora aperto. ma solo per queso merita 8,......

4

Nessun commento

7

Gran bel gioco di piazzamento...è poi è stato creato da un Pisano.
Facile da imparare, e semplice da giocare (ma non facile).

...non avro' altro dIO, all'infuori di me!

3

Nessun commento

Ia mayyitan ma qadirun yatabaqa sarmadi
Fa itha yaji ash-shutahath al-mautu qad
yantahi

CTHULHU FHTAGN

8

Preso a soli 5 euro a Lucca credo sia il migliore per qualità prezzo ...bel gioco di piazzamento e occupazione , anche se è' un po' freddo e non permette molta interazione , in sostanza si tratta di occupare un area con il maggior numero di scudieri e ottenerne i privilegi e benefici per poter ottenere punti torre da sfruttare per la costruzione della torre più alta , l'obbiettivo sembra semplice ma risulta complesso riuscire a realizzarlo perché e' molto equilibrato potendo seguire diverse strategie in base alle aree che ci si prefigge di occupare...forse il divertimento dopo qualche partita viene meno essendoci poca interazione ma è' un bel gestionale storico e merita anche per il bellissimo tabellone forse uno dei migliori graficamente che possiedo. 8 pieno

Concordo pienamente con l'utente "sanbec". Nonostante la grafica fantastica, il regolamento è troppo contorto. Si vede prima sono state scritte le regole e poi ci sono state aggiunte per bilanciarlo qui e lì. Ad esempio per i costi dei piani delle torri: "si paga il valore del piano +1 (1' piano 2, 2' piano 3, 3' piano 4), ma se si è il primo giocatore a costruire quel piano si paga uno un più"; questo rende tutto troppo macchinoso.
Peccato perchè l'idea di partenza non è male, ma il regolamento è veramente troppo macchinoso.

5

Lontano dai giochi di maggioranze a cui probabilmente è ispirato

Poche partite all'attivo e nessuna voglia di riproporlo, c'è di meglio nel genere

 

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=odlos&numitems=10&header=1&text=title&images=small&show=top10&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=odlos&numitems=10&header=1&text=title&images=small&show=recentplays&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare