Mission: Red Planet

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6,98 su 10 - Basato su 33 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2005 • Num. giocatori: 3-5 • Durata: 60 minuti
Sotto-categorie:
Strategy Games
Famiglie:
MarsSteampunk

Recensioni su Mission: Red Planet Indice ↑

Articoli che parlano di Mission: Red Planet Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Mission: Red Planet Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Mission: Red Planet Indice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Mission: Red Planet in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
Missione: Pianeta Rosso Offro gioco singolo €32.00 No Consegna a mano, Spedizione radiance 15/07/2018
Arkham Horror Offro gioco singolo €32.00 No Consegna a mano, Spedizione radiance 15/07/2018

Video riguardanti Mission: Red Planet Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Mission: Red Planet: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
3556
Voti su BGG:
3957
Posizione in classifica BGG:
796
Media voti su BGG:
6,94
Media bayesiana voti su BGG:
6,60

Voti e commenti per Mission: Red Planet

6

Un incrocio tra Citadels e El Grande. Non male ma non epocale. Scala malissimo.
Giocato: abbastanza
Grafica/Materiali: 4
Longevità: 1
Divertimento: 2
Originalità: 1
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

4

Il caos di Faidutti tante volte funziona bene, ma questa volta proprio no! Ho giocato tempo fa la versione definitiva e seppur apprezzandone l'ambientazione il gioco mi ha lasciato l'amaro in bocca. Non vedo il motivo di cercare una strategia vincente se il razzo dove ci sono i tuoi ometti possa venire deviato tanto facilmente dagli avversari. Un gioco di maggioranza per funzionare bene non può avere così tanto caos, caos che a me non dispace a priori.

7

Gioco caotico ma divertente. Buona l'interazione tra i giocatori. Con l'aumentare del numero dei giocatori è quasi impossibile fare strategie a causa degli innumerevoli eventi che possono accadere,ma se preso con lo spirito giusto è molto divertente.

Se scopri di stare scivolando nella follia, tuffati.
(proverbio Malkavian)

7

Nessun commento

8

Longevità 1: Giocato sempre con le stesse persone, nonostante il sistema di tabelone randomico ti proponga sempre partite differenti, può risultare noioso.

Regolamento 2: Scritto bene, facilmente comprensibile.

Divertimento 2: E questo è soggettivo.

Materiali 2: Semplicemente spettacolari, sia le carte che i disegni che i tassellini.

Originalità 1: Purtroppo il sistema è visto e rivisto, anche se con questa mescolanza particolare, da sì un tocco di caos, ma che non devasta le partite.

The angel that deserves to die

7

Giocato un paio di volte,l'ho trovato buono,molto bella l'ambientazione.

7

Componenti sopra la media, meccaniche eleganti che mescolano elementi già noti come scelta dei personaggi, piazzamento e maggioranze, ma con un sapiente bilanciamento tra punti dati dal controllo dei territori e punti dati dagli obiettivi segreti.

The Eagle Goblin

7

Bel gioco in cui vengono mescolate sapientemente le meccaniche dei ruoli proprie di Citadel e le classiche strategie di piazzamento e controllo del territorio....il tutto in meno di un'ora di gioco. Davvero un buon titolo.

7

Gioco carino, molto facile da spiegare e con una durata che in genere non supera l'ora di gioco (in tutto ci sono 10 turni).
E' un incrocio tra Citadels ed un gioco di piazzamento, anche se rispetto a Citadel, l'ho trovato più bastardello (è più facile ostacolare gli avversari sia con le azioni dei personaggi che con le carte discovery).
Forse alcune carte bonus, sono troppo potenti rispetto ad altre, però grazie alla sua semplicità risulta molto gradevole da giocare!
Buoni i materiali, bellissimi i disegni (che ricordano lo splendido anime "Steamboy" di Katsuhiro Otomo), peccato per il prezzo che ritengo troppo alto...
Da provare!

7

Nessun commento

"Flagelliamoci perché non abbiamo ascoltato Zot.
L'oracolo aveva ragione su tutto, dal principio."

LupoSolitario

7

Tabelloni e scomparti nella scatola pessimi.

8

Ho apprezzato molto questo titolo, veloce, buona meccanica e gradevolissimo alla vista.
I componenti sono di ottima fattura e la grafica è azzeccatissima.
Il gioco scorre liscio e con pochissimi tempi morti, è adatto a tutti i tipi di giocatori e si spiega facilmente.

Le strategie che si possono adottare sono molte ma il più delle volte si deve cambiare spesso durante la partita e questo porta i giocatori più rodati ad un calo dell' interesse.
In sostanza il gioco funziona e posso solo bacchettarlo per via del caos che può venirsi a creare e alla scalabilità (in 3 è penoso)
Il mio voto sarebbe un 7 e 1/2 ma il mezzo voto in più va alla grafica che è ispiratissima e molto convincente.
Consigliato a tutti.

7

Ha ripagato pienamente l'averlo acquistato a scatola chiusa senza averlo mai giocato, attirata dalla grafica della bella scatola in rivestimento lucido. Si e' rivelato infatti un gioco con dinamiche ben studiate, longevo, dalla grafica divertente e buona componentistica: scegliendo il personaggio da utilizzare in ogni turno si tenta di ottimizzare l'invio delle proprie unita' sul pianeta rosso per prendere il controllo delle zone dalle materie migliori e realizzare il proprio obiettivo.

Molti uomini sono destinati a ragionare male, altri a non ragionare affatto e altri ancora a perseguitare coloro che ragionano. (Voltaire)

8

Nessun commento

6

Il gioco è abbastanza simpatico, buoni materiali, grafica e ambientazione gradevoli. Il gioco comunque non mi ha entusiasmato, in generale tutti i majority mi annoiano. Verso la fine soprattutto regna un po' di caos sul tabellone, e si sta più tempo a contare i pezzi che ad applicare vere strategie. Fin troppe variabili che consentono agli altri giocatori di interferire più sul fattore randomico che altro.

7

nessun commento

7

Per il momento una sola partita fatta in 3 (che ho letto non il massimo dai più) che mi ha lasciato soddisfatto. Non avevo grandi aspettative, forse perchè non amo i giochi di maggioranza.
Mi dà l'idea però che il fulcro del gioco è tutto nella scelta delle carte per buttare su marte più gente possibile fermando gli altri. Ho quasi sempre ignorato dove andavano ad atterrare le navette: era molto più interessante la loro capienza e riuscire a piazzare il miglior numero di astronauti.
Giocando in tre riesci anche a fare un pò di conti con le carte che gli altri hanno già usato e non hanno più a disposizione per guastarti i piani, cosa che in numero maggiore vedo più difficilmente controllabile.
Trovo invece fin troppo determinante una buona pescata di carte evento: fra pescare un bonus realizzabile e una carta da piazzare sul tabellone c'è una differenza enorme. Il risultato della partita probabilmente.

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

7

Nessun commento

7

Un buon gioco, è sicuramente il primo commento che mi viene in mente per definirlo!!
La grafica molto particolare e curata è sicuramente il primo impatto visivo d'effetto e, che piaccia o no l'ambientazione steampunk, non si può fare a meno di apprezzarla.
Il meccanismo di gioco con la scelta dei ruoli richiama molti altri giochi tra cui, vedendo gli autori, Citadels, anche se la gestione è un po' diversa.

La meccanica scorre liscia ed i personaggi sono tutti utili e ben bilanciati. Fondamentale è imparare, come nei giochi dello stesso genere, la tempistica del loro uso, soprattutto rispetto al calcolo punti e al ritmo di gioco che accelera parecchio sul finale.
Ovviamente in tutto questo l'interazione tra i giocatori è fondamentale (anzi, si potrebbe dire che è il motore primario del gioco) come ovviamente lo è la lettura accurata delle mosse avversarie.

Detto tutto questo perché solo 7 allora? Perché nonostante la perfetta oliatura del tutto mi sembra che il gioco manchi un pochino di mordente e, soprattutto, di originalità. Inoltre, proprio a causa della forte interazione, soffre incredibilmente di King-making ed è il motivo che lo porta ad essere evitato da molti giocatori più strategici e pianificatori che "rosicano" troppo nel vedere andar in fumo la propria partita per una mossa a ca##o degli avversari!!

L'importante non è vincere: è far perdere gli altri!

7

Il pezzo forte è sicuramente l'ambientazione steampunk. In generale un buon gioco, abbastanza semplice e con bei materiali (i razzi sono fantastici).

For the fondamental truth, self-determination of the cosmos is the suede that mows like a harvest

7

Nessun commento - [Autore del commento: chromaline]

7

Nessun commento

8

Nessun commento

Stiamo crescendo....
Vendo

7

7.5.
Concordo sulla scatola e sull'incrocio tra Citadels ed El Grande.
Ma con mooltissima cattiveria in più e un bel po di strategia in meno.
Il tutto condito dall'alea.
Veloce ed ottimo per i principianti.

8

Giocato con i compagni giusti e con un pizzico di cattiveria è molto divertente. La fortuna a volte può influenzare molto. Comunque un buon gioco per una serata senza pensieri.

7

[voto 7] - Nessun commento - [Autore del commento: chromaline]

6,5

gioco di maggioranze dall'interazione elevatissima, inclusa una buona dose di alea..

maggiore è il numero di giocatori meno controllabile diventa il gioco, minore il numero di giocatori più il gioco perde di significato...

carino per una partita spensierata, ma sicuramente non un must have

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare