Clash of Eagles

Giochi collegati:
Clash of Eagles
Voto recensore:
6,3
Clash of Eagles è un classico gioco di dogfight, alla Blue Max per intenderci, che ricrea gli scontri tra aerei durante la Seconda Guerra Mondiale nei cieli di Gran Bretagna e Francia, tra l’estate e l’autunno del 1940.

Ad ogni partita i giocatori si dividono in due squadre: aerei degli Alleati da una parte e aerei dell’Asse dall’altra. Ogni giocatore assumerà il controllo di un aereo con lo scopo di abbattere quanti più aerei nemici possibili. Ogni tipo di aereo è dotato di una scheda che riporta le precise manovre che ne determinano movimento, virata e velocità, valori di accelerazione e decelerazione, che influenzano la velocità e quindi le manovre che si possono scegliere. Sono anche riportati i riquadri dei danni delle varie parti dell’aereo (motore/i, ala destra e sinistra, fusoliera e coda), danni del pilota e fattore fuoco con relativa sagoma della gittata espressa in esagoni.

Il gioco si svolge in turni dove occorre per prima cosa stabilire segretamente la manovra che si vuole effettuare, dopodiché tutti i giocatori scoprono le proprie intenzioni e muovono simultaneamente i vari aerei sulla mappa. Successivamente, ogni aereo che ha la possibilità di colpire un altro aereo può aprire il fuoco. Il danno viene calcolato con un tiro di dado sulla tabella del tiro, che viene influenzato da fattori del tipo: valore di fuoco dell’aereo che spara in base alla distanza, orientamento dell’aereo bersaglio rispetto a chi fa fuoco, e se il bersaglio è stato inseguito o ha subito un attacco anche nel turno precedente dall’aereo che sta facendo fuoco. Man mano che un aereo viene colpito si anneriscono gli spazi dei danni riportati sulla scheda dell’aereo e quando una determinata locazione (motore, ala, coda, fusoliera) viene annerita completamente, l’aereo precipita, con l’eccezione per i bimotori che se anche perdono un motore possono ancora restare in volo a velocità ridotta.

Il gioco è molto divertente, le manovre da eseguire sono abbastanza semplici anche se non immediate per tutti, per via dei movimenti che devono essere focalizzati in mente prima di effettuarli sulla mappa di gioco nel turno seguente. Avere un bersaglio nel mirino fa salire l’adrenalina alle stelle fino a che anche l’ultimo colpo non è stato sparato. La locazione dei danni è sufficientemente veloce, compresi i colpi critici che si ottengono quando il fattore fuoco è molto alto e si assesta un buon tiro di dado.

Giocare a Clash of Eagles in tanti è veramente esaltante, ed è per questo che una partita la si intavola sempre volentieri. Se poi si applicano le regole opzionali per l’esperienza, per i giocatori più assidui sarà fonte di maggiore divertimento.
Pro:
Per mettere in tavola una partita e spiegare le regole occorrono tre minuti, e un minuto per scegliere il proprio aereo. La resistenza ai danni degli aerei fa sì che non sia molto semplice essere abbattuti, e questo è da considerarsi un pregio poiché permette a tutti di giocare una buona parte della partita prima di uscire di scena: essere abbattuti dopo solo cinque turni non è affatto divertente.
Contro:
Il maggior difetto di questo gioco è il manuale, che è molto vago su alcuni aspetti del combattimento e questo porta abbastanza spesso a situazioni in cui si è dubbiosi sulla procedura da adottare. Se ciò può non essere un problema per i giocatori più esperti, di certo lo diventa per i giocatori alle prime armi. Fortunatamente, dal sito ufficiale nella sezione Download è possibile scaricare la 2° versione del regolamento che fornisce delucidazioni su molte cose. Volendo approfondire l’argomento, penso che non sarebbe stato male se ogni aereo avesse avuto un proprio valore di battaglia per equilibrare meglio le fazioni: senza di esso, infatti, i giocatori tendono a puntare la loro scelta solo sui migliori aerei che sono una minoranza rispetto alla rosa in dotazione.