Crash! The Bankrupt Game

Giochi collegati:
Crash! the Bankrupt game
Voto recensore:
6,3
Crash! è un titolo veloce,astuto ed altamente infame. E' un gioco ad eliminazione, dove occorre fortuna ma soprattutto strategia, sangue freddo, cinismo e moderazione.
Lo scopo del gioco è semplicemente quello di far dichiarare "bancarotta" agli avversari, privandoli di tutte le carte in mano e sul piano di gioco, e restando l'unico superstite intorno al tavolo.
All'inizio si mescola il mazzo e si distribuiscono 4 carte ad ogni giocatore, sorteggiando chi sarà ad iniziare. Il gioco prosegue a turni in senso orario. Il turno di ogni giocatore si compone di cinque fasi:

1) Pescare una carta dal mazzo.

2) Acquisire una "Proprietà": se il giocatore di turno possiede tra le mani carte "Proprietà" può metterne in gioco una davanti a sé (una sola per turno e se non supera il limite di carte di quel tipo che può avere di fronte).

3) Giocare carte Evento dalla propria mano(fino ad un massimo di 7 per turno).

4) Se lo si desidera, scambiare una (e non più di una) proprietà in gioco ponendola nella pila degli scarti e ripescare dal mazzo un numero di carte pari a quelle indicate sui bordi superiori della carta utilizzata.

5) Se si hanno più di 4 carte in mano a fine turno, scartare quelle in eccesso.

Le fasi 2, 3 e 4 possono essere giocate in qualunque ordine o saltate completamente.
L'effetto delle carte "Evento" è scritto sulla carta stessa (si giocano quasi sempre su un avversario), mentre le carte Proprietà sono utili per non restare a secco di carte ed avere più possibilità di manovra nel proprio turno (come già detto, possono essere scartate per ripescare più carte dal mazzo). Il numero in alto (a destra e sinistra) sulle carte Proprietà indica sia quante se ne pescano dal mazzo in caso di scarto della carta, sia il controvalore che un giocatore può ammortizzare qualora non abbia sufficienti carte in mano da scartare sotto richiesta di un avversario (esempio: un avversario mi costringere a scartare due carte dalla mano, ma non ne ho nessuna. A quel punto scarto l'Offshore che ha 2 di controvalore ed ho saldato il debito. Attenzione: se avessi avuto una carta in mano e per pagarne un'altra utilizzavo l'Offshore, non avrei avuto diritto ad una carta di resto!). Il numero in basso (a destra e sinistra) sulle carte Proprietà indica quante carte di quel tipo (colore) posso avere in tavola nello stesso momento.

Il gioco è tutto qui. Bisogna però utilizzare astuzia e strategia, dacché spesso si cede alla tentazione di giocare troppe carte dalla mano, restando praticamente a secco e divenendo facili prede per il giocatore successivo. Siate parsimoniosi ed attenti; cercate di calcolare freddamente il momento giusto per sferrare la stoccata definitiva ad un avversario.
Il gioco è davvero infame e non è assolutamente né banale né eccessivamente dipendente dal fattore fortuna. Il momento più bello è senza dubbio quello in cui si riduce un avversario in mutande costringendolo ad alzarsi ed affermare mestamente: "Bancarotta".
Pro:
Gioco divertente e veloce. Le partite possono durare anche pochissimo e la vittoria consegna sempre grande soddisfazione. Buon grado di strategia, insegna a riflettere ed attendere le occasioni giuste senza strafare.
Facilissimo da imparare, carte spiegate molto bene e con illustrazioni divertenti. Nel suo campo davvero un ottimo titolo.
Contro:
Sinceramente non ne riesco a trovare. Forse non sarà un gioco di eccelsa strategia, ma nel suo campo deve essere giudicato per quello che è: veloce e divertente. Probabilmente non ha le meccaniche più originali del mondo, ma sicuramente non stanca, neanche a lungo andare. L'unico neo: perché solo tre carte riassuntive se si può giocare sino a 6?
Mah...