Dracula's Revenge

Giochi collegati:
Dracula's Revenge
Voto recensore:
0,0
Molte persone sono affascinate dai vampiri e da Dracula in particolare. Devo confessare che non sono un grande fan del vampiro “moderno”, ma trovo affascinante la storia originale di Dracula, anche se un po’ melanconica. Allo stesso tempo mi piacciono i giochi come Hero Quest e quando seppi che “La vendetta di Dracula” era uno Space Hulk “gotico” ne fui abbastanza colpito. Quando ricevetti la scatola fui sorpreso da quanto fosse pesante e piccola (circa le stesse dimensioni di un gioco per computer). Quando la aprii e vidi tutti quei componenti fui un po' preoccupato pensando che il gioco non sarebbe più rientrato nella scatola. I materiali sembravano essere di ottima qualità, anche se non avevo mai sentito parlare di quella casa produttrice prima d'ora, così fui interessato a provarlo (Ok, sono interessato a provare qualsiasi gioco, ma un gioco di pseudo-miniature mi eccita sempre un po' di più).

Ho apprezzato il gioco abbastanza, anche se purtroppo è solo da due giocatori (può comunque essere adattato, ma non funziona così bene). I pezzi erano di prima qualità mentre le regole lunghe ed interessante, anche se non così chiare in alcuni punti. Pensai che il gioco scorresse troppo rapidamente e con un alta dose di fortuna, ma fu invece tranquillo ed efficiente e, cosa più importante, fu abbastanza divertente. Non è necessariamente il primo gioco di miniture in scatola che prenderei dallo scaffale (attualmente sarebbe Heroscape), ma è l'unico horror del suo genere. Rende bene il tema e quindi interesserà sicuramente molti appassionati.

Il tema del gioco è battaglia tra Dracula e le sue creature contro Van Helsing (quello del libro, non del film con H.Jackman) ed i suoi alleati. I giocatori scelgono se rappresentare i vampiri o i cacciatori e preparano poi uno degli scenari del manuale. Il tabellone è formato da diverse tessere intercambiabili che creano una specie di edificio segnato da una griglia quadrettata. Ogni giocatore prende i personaggi della propria squadra riportati dallo scenario, ricevendo un segnalino con il disegno del personaggio da un lato e le caratteristiche dall'altro e la carta relativa con le stesse caratteristiche. Ogni personaggio è rappresentato da un bonus di attacco in mischia (+0, 1, 2, o 3), un bonus di attacco a distanza (nessuno o +1, 2 o 3), un bonus di difesa (+0, 1, 2, o 3), punti azione (6 o 9) e un'abilità speciale (crocifisso, balestra o mesmerizzare). Le icone rappresentanti ciascuna abilità sono riportate anche sulle carte per facilitare la consultazione durante il gioco. I giocatori dispongono i personaggi in base allo scenario e il gioco comincia, terminando un certo numero di turni dopo o finché una delle due parti non viene completamente eliminata: a seconda di ciò che dice lo scenario. I personaggi includono cacciatori con paletto, balestrieri, preti e Van Helsing da un lato e donne-lupo, nosferatu, vampire e Dracula dall'altro.

Ogni turno è composto da 3 fasi e comincia con ogni giocatore che tira in segreto un dado “reazione” (un normale dado da 6) e lo tiene nascosto dietro lo schermo apposito. A questo dado viene aggiunto 6 e rappresenta l'ammontare totale dei punti reazione che si possiedono in un turno. Il numero di punti reazione usati viene invece indicato con 2 dadi da 6 tenuti davanti allo schermo. I giocatori creano quindi una “linea temporale della azioni”. Il procedimento prevede che ciascun giocatore piazzi, a turno, una delle proprie carte personaggio sul tavolo formando una riga o passi. Se entrambi passano allora il gioco comincia, altrimenti continua fino a che tutte le carte non vengono giocate. Cominciando dall'ultima carta piazzata i giocatori girano le carte sulla linea temporale attivando di volta in volta il personaggio relativo.

Il giocatore che controlla il personaggio attivo può spendere i punti azione su di esso (6 sugli umani e 9 sui vampiri) per fargli compiere diverse azioni. Queste includono:
- Movimento: si effettua ortogonalmente e costa 1 punto ogni casella.
- Girarsi senza muovere: 1 punto.
- Dissolversi in nebbia o tornare materiale (solo vampiri): 4 punti
- Aprire o chiudere le porte: 1 punto
- Attacco in mischia: 1 punto
- Attacco a distanza: 2 punti

I giocatori possono aggiungere alcuni dei propri punti reazione ai punti azione totali del personaggio, segnando la spesa con i dadi davanti alla schermo (non possono ovviamente eccedere il totale dei propri punti azione). I punti reazione possono inoltre essere spesi per far agire il personaggio al di fuori del suo turno (sia durante le mosse dei propri compagni sia degli avversari). Questo consente ai giocatori di reagire al movimento di un avversario sparandogli, ecc. I giocatori non possono reagire due volte di seguito, ma a parte questo le regole non pongono altre restrizioni alla reazione. Per poter effettuare l'attacco si deve essere in grado di colpire l'avversario: il combattimento in mischia deve essere fatto da una delle 3 caselle direttamente adiacenti al personaggio, mentre l'attacco a distanza ha un raggio di 6. Quest'ultimo tipo di attacco dev'essere fatto in un cono di caselle formato dalla linea di vista del personaggio e non può essere effettuato contro qualcuno direttamente adiacente a chi spara. L'attaccante tira un dado e aggiunge il bonus appropriato, lo stesso fa il difensore. Se il totale dell'attaccante è più alto il difensore muore e lui e la sua carta sono rimossi dal gioco. Se il totale del difensore è più alto non succede niente, eccetto che egli riceve un movimento gratutito per girarsi in modo da fronteggiare l'avversario.

Esistono alcune abilità speciali nel gioco che influenzano i personaggi:
- Nebbia: in alcuni scenari i vampiri possono dissolversi in nebbia. Il personaggio è rimosso dal tabellone e rimpiazzato da un segnalino nebbia. I vampiri in questa forma non possono né attaccare né essere attaccati, ma possono muovere attraverso le porte o gli altri personaggi.
- Nutrirsi: quando un vampiro uccide un cacciatore in un combattimento in mischia può nutrirsi di quel personaggio e diventare un vampiro di grado più alto, se possibile. (Donna-lupo à Nosferatu à Vampira)
- Mesmerizzazione: alcuni vampiri possono mesmerizzare i propri avversari, che equivale ad un attacco a distanza. Il procedimento di risoluzione è il solito, eccetto se il difensore possiede un crocifisso che gli vale +1 al bonus difensivo. Se l'attacco ha successo il cacciatore è rimpiazzato da un “servitore” che è ora sotto il controllo dei vampiri.
- Crocifisso: a parte il bonus contro la mesmerizzazione il crocifisso aggiunge +1 a tutti gli attacchi in mischia e consente al personaggio che lo brandisce la possibilità di “salvare” un servitore attaccandolo in mischia: se ha successo il servitore viene rimosso e viene ripristinato il cacciatore relativo.

Dopo che il personaggio ha effettuato le sue azioni i giocatori continuano ad aggiungere carte alla linea del tempo fino a che non muove un altro personaggio o tutte le carte sono state giocate. Quando un personaggio ha usato i suoi punti azione non può più muovere per quel turno (eccetto che con i punti reazione). Dopo che tutti i personaggi hanno mosso i giocatori il loro dado reazione e il gioco continua fino a che una parte non elimina l'altra o fino a che l'obbiettivo dello scenario non è stato raggiunto. Il giocatore che lo realizza è il vincitore!

Alcuni commenti sul gioco...

1) Materiali: ho avuto un brutto presentimento la prima volta che ho visto la scatola con quell'immagine di Dracula rappresentato subito dopo essersi nutrito di qualcuno. Era abbastanza cruenta e mi ha fatto pensare a quanto potesse esserlo anche il gioco stesso. Invece la grafica del gioco, benché gotica di natura, è incredibilmente meno cruenta della scatola, collocandosi allo stesso piano di altri giochi come Zombies! La grafica del tabellone è abbastanza piatta ma non ce n'è bisogno di molta, visto che hanno inserito uno sfondo uniforme su cui tutti i personaggi si muovono. Le carte e i segnalini dei personaggi (che sono infilati su piedistalli di plastica) sono fatti di un cartone veramente resistente: qualità incredibilmente alta. I disegni sulle carte sono belli e sono contento che abbiano differenziato i personaggi dello stesso tipo (cacciatore con paletto 1, cacciatore con paletto 2, ecc.) ma mi sarebbe piaciuto che ci fossero altri tratti distintivi come il colore della maglietta o altro. Comunque le carte sono veramente belle, considerando che ho dovuto staccarle tutte dai supporti. Le tessere del tabellone sono abbastanza spesse, più o meno quanto un CD, e s'incastrano abbastanza bene. Come ho anticipato all'inizio mi sono chiesto come potesse starci tutto in una scatola così piccola, considerando quanto i componenti fossero incastrati alla perfezione quando l'avevo aperta la prima volta. Invece, una volta staccati tutti i supporti, tutto si infila, stretto, ma senza forzare. Sono quindi soddisfatto della dimensione della scatola rispetto al numero di pezzi componenti contenuti, nonostante non sia sicuro terrò la disgustosa (per me almeno) copertina in vista nella mia collezione.

2) Regole: le regole, includendo gli scenari, coprono un manuale di 32 pagine, del formato di un libretto da CD, con illustrazioni, esempi e un sacco di testo di contorno. Non sono stato molto soddisfatto dell'organizzazione delle regole. Le regole sono divise in sezioni che non si richiamo l'una con le altre; ho dovuto quindi imparare il gioco a pezzi continuando a sfogliare il manuale da una parte all'altra. La linea temporale delle carte azione, in particolare, non era intuitiva (non ho incontrato una meccanica del genere in molti giochi, se non in nessuno) e mi ci sono volute un paio di partite per capirla pienamente. Il gioco è, comunque, semplice da insegnare visto che tutte le caratteristiche sono stampate sia sui segnalini sia sulle carte.

3) Scenari: Sono stato un po' contrariato nello scoprire che c'erano solo 5 scenari inclusi nel manuale, ma molti si possono trovare alla pagina internet, www.draculasrevenge.com, inclusi quelli inviati dagli utenti che sono ben accetti. Nel manuale viene dato a ciascun personaggio un costo e alcune linee guida su come creare i propri scenari cosa di cui i giocatori creativi saranno particolarmente felici. Diversi scenari sembrano favorire una parte piuttosto che un'altra e se il giocatore gioca in un certo modo può facilmente vincere. Per esempio, nel primo scenario, i vampiri possono vincere scappando dopo 4 turni. Se corrono e si nascondo negli angoli protetti del labirinto possono vincere facilmente. Lo scenario specifica comunque che essi sono i guardiani della fortezza di Dracula e si suppone quindi che debbano logicamente attaccare i cacciatori i cacciatori coinvolgendoli in scontri all'ultimo sangue fino alla fine. Questo è il modo in cui l'ho giocato io ed è andato bene, ma vedo come un giocatore “fiscale” sulle regole possa volgere la cosa a proprio vantaggio.

4) Fortuna: Certamente non c'è poca fortuna nel gioco. Anche con un Dracula avente +3 di bonus difensivo non è impossibile che un misero cacciatore con paletto possa eliminare il Signore dei vampiri in persona con un tiro fortunato. A me questo non importa, perché gli scenari sono veloci, scorrevoli e non troppo complessi. Ci sono poche abilità speciali e l'idea un colpo = morto funziona molto bene. I giocatori a cui non piace che sia la fortuna ad influenzare la loro vittoria avranno molto da ridire. La fortuna conta anche nel tiro dei dadi reazione, ma siccome ciascuno aggiunge 6 al tiro non vedo questo come un grosso problema (come invece è stato in altri giochi come Tenjo). Le regole offrono alcune varianti per rendere il gioco più strategico, ma non ne ho trovata nessuna veramente necessaria.

5) Giocatori: il gioco è progettato per 2, anche se le regole dicono che 3 o più sono possibili suddividendosi il controllo delle miniature della varia parti e degenerando in qualcosa del tipo gotico-per-tutti. A me questo non,piace proprio, lo considererò quindi un titolo da 2 sul mio scaffale per quando un amico vuole giocare un gioco di miniature “dark”.

6) Miniature e Fattore divertimento: ad alcuni non piacce questo tipo di giochi, ma finché c'è una griglia di quadrati, regole semplici e una bella grafica a me non dispiace. Non sono obbligato a dipingere, leggere tomi di regole, discutere con un rosicone riguardo all’esatta distanza a cui hanno mosso il personaggio. La semplicità di questo gioco potrebbe far scappare alcuni, ma la morte rapida rende il gioco veloce e, comunque, è durato a sufficienza per farmi divertire.

Il gioco non è perfetto e i puristi degli strategici non lo apprezzeranno. Allo stesso tempo è un gioco di miniature su Dracula con alcune meccaniche uniche e coinvolgenti. I fan dell'horror probabilmente lo ameranno come chiunque altro apprezzi lo stile di Space Hulk o Hero Quest. Le regole sono state un po' disorganiche da leggere , ma hanno funzionato bene e velocemente e lo hanno reso divertente! E' interessante vedere una casa che produce principalmente GdR creare un gioco da tavolo, ma la storia di fondo e altri ricami a tema nel gioco vengono veramente valorizzati sia nelle regole sia durante la partita. Se ti piacciono i giochi corti, di combattimento tattico con una grossa dose di fortuna allora La vendetta di Dracula fa per te.

[Traduzione: Jones]
Pro:
Anche se non è un vero gioco di strategia è comunque un godibile gioco di miniature che verrà apprezzato da chi ama le tematiche horror e lo stile di Space Hulk e Hero Quest.
I materiali sono di alta qualità e tutti i componenti s'incastrano alla perfezione nella scatola.
Contro:
Le regole sono un po' troppo lunghe e non scritte troppo bene. Ci sono solo 5 scenari che non sono abbastanza.
In ultimo la fortuna può influenzare pesantemente il corso della partita, specialmente nel combattimento.