Little Town: città in miniatura

Little Town: copertina
BoardGameGeek

Un gestionale piccolo di nome e di fatto.

Giochi collegati: 
Little Town
Voto recensore:
7,5

Little Town è un gestionale di piazzamento tessere e lavoratori dalla durata contenuta (trenta minuti) da due a quattro giocatori. Scopo del gioco è adoperare i propri lavoratori per costruire e utilizzare edifici, ricevendo e scambiando risorse e punti vittoria.

Il gioco in breve

Al centro si piazza il tabellone, che è fronte/retro in due versioni diverse: la zona superiore rappresenta il territorio della città in costruzione, mentre sotto ci sono il tracciato dei punti vittoria e le tessere edificio. La città è divisa in caselle: alcune raffigurano i paesaggi (foresta, montagna, lago) che forniscono risorse, ma la maggior parte è vuota e serve per piazzare gli edifici.

Le tessere edificio sono di due tipi: cinque campi che forniscono grano (l’unica risorsa che non è subito disponibile) e ventiquattro (ma se ne useranno solo la metà) edifici speciali con effetti diversi. Ogni tessera riporta il costo di costruzione, il bonus che fornisce quando viene utilizzata e i punti che farà guadagnare a fine partita.

Poi ci sono le carte obiettivo, che si rivelano appena si raggiunge il requisito indicato e forniscono punti, quattro tipi di risorse (pietra, legno, pesce e grano) e le monete.

Il turno

Little Town: tabellone
Little Town: tabellone
I giocatori ricevono i segnalini lavoratore sagomati, la stellina segnapunti, le casette del proprio colore, tre monete e le carte obiettivo in numero diverso in base alla quantità degli avversari al tavolo.

La partita dura quattro round durante i quali ognuno piazza un lavoratore per compiere un’azione tra costruire, ricevere risorse o utilizzare edifici. Quando si sono terminati i lavoratori, bisogna sfamarli con un pesce o un grano ciascuno e ogni cibo mancante toglie punti vittoria. Quindi il round termina e si passa al successivo.

Le azioni:

  • per costruire si piazza un lavoratore sullo spazio in comune sotto il conta-turni, si pagano le risorse indicate sulla tessera e la si posiziona in una casella vuota con una casetta per reclamarne la proprietà, quindi si ricevono immediatamente i punti vittoria;
  • ricevere risorse: si piazza un lavoratore su una casella vuota accumulando, senza alcun limite, le risorse dalle otto caselle circostanti in base alla loro tipologia: la foresta fornisce legno, la montagna pietra, il lago pesce e il campo grano;
  • utilizzare edifici: se sulle caselle intorno al lavoratore sono presenti edifici, questi possono essere utilizzati gratuitamente, se propri, o pagando una moneta se di proprietà di un avversario; essi forniscono risorse, monete, punti vittoria oppure permettono di scambiare risorse.

Edifici e paesaggi sono utilizzabili più volte nello stesso turno, ovviamente da caselle diverse.

Esistono anche due azioni aggiuntive gratuite che si possono fare in qualunque momento del proprio turno: scambiare tre monete per avere una risorsa qualsiasi oppure risolvere gli obiettivi. Nel caso in cui l’obiettivo sia impossibile da realizzare, come ad esempio costruire un edificio che è già stato realizzato da un avversario, il giocatore può cambiare la carta con un'altra.

A fine partita si ricevono punti vittoria per le monete rimaste per aver costruito alcuni edifici speciali.

Considerazioni

Il gioco è molto divertente e scala bene da due a quattro. Nonostante sia semplice da spiegare e proponibile a tutti, ha al contempo una buona profondità strategica nello scegliere gli edifici giusti e dove piazzarli, oltre a tattica data dall’ottimizzazione del piazzamento lavoratori sulla mappa.

La rigiocabilità è garantita dal numero di tessere edificio e carte obiettivo presenti.

I materiali sono resistenti e di buona fattura, come i lavoratori sagomati che sono veramente graziosi, ma la stellina segna-punti può risultare un po’ scomoda da impilare.

La scatola ha un formato contenuto che la rende facilmente trasportabile senza risultare disagevole per il posizionamento dei materiali all’interno.

La grafica è chiara ed auto-esplicativa.

Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

Gran gioco. Piccolo ma molto profondo.

L'ho adorato.

Piccola precisazione: gli obiettivi si possono cambiare a inizio partita se le condizioni per soddisfarli non sono presenti nel setup. Non è possibile farlo durante la partita a causa di interventi degli avversari.

Confermo: uno di quei coltellini svizzeri ludici, come piace a me: può essere giocato in maniera "leggera" che "pensata", diverte lo stesso :-)

In diretta dal paese delle streghe!

ho visto la recensione di T Vasel che dice che potrebbe esserci la strategia dominante per cui chi fa edificio che produce soldi vince: qualcuno può confermare o smentire?

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare