Nemo's War - Recensione della seconda edizione

Nemo's War (Second Edition) - Copertina
BGG

Nel 2017 la Victory Point Games perfeziona la sua trasposizione in gioco da tavolo di "Ventimila leghe sotto i mari" di Jules Verne. Pronti all'immersione?

Voto recensore:
8,0

Recensione facente parte del concorso "Gran Fava d'Aronne II - Memorial Mirko Biagi"

Introduzione

In questi giorni di quarantena sono chiuso in casa coi miei genitori che, ahimè, non amano i giochi da tavolo e così mi trovo costretto a dovermi arrangiare in qualche modo.
Direi di giocare ad un bel solitario! Potrei giocare a Venerdì di Friese? No, troppo veloce, ho bisogno di qualcosa che mi occupi ben più di soli quindici minuti in un intero pomeriggio... Magari un wargame come D-Day at Omaha Beach? Problema opposto, più di quattro ore di partita... E poi... Troppo complicato (almeno per me)!
Beh, da amante dei film e romanzi d'avventura allora facciamo un bel Nemo's War. Aggiudicato!

In Nemo's War interpretiamo, per l'appunto, il capitano Nemo che guidando il suo famigerato Nautilus si andrà a esplorare i mari e gli oceani del mondo combattendo contro i vascelli delle nazioni e mostri marini, si potranno trovare tesori e molto altro; il tutto in un paio d'ore massimo.

Componentistica

Riguardo la componentistica posso dire che è davvero di buona fattura, ci sono carte che hanno delle piccole illustrazioni che mi ricordano un po' quelle di Corto Maltese e una breve descrizione per dare ambientazione; tessere personaggio, motivazione e la tessera capitano fatte di un cartoncino bello resistente; sono anche presenti più di duecento segnalini (per le navi, tesori, marcatori, ecc...) fatti altrettanto bene, dei cubetti, dei dadi e una miniatura del Nautilus.

Il gioco

Nemo's War - Motivazione: Guerra!
Nemo's War - Motivazione: Guerra!
Come prima cosa si dovrà scegliere la motivazione del capitano Nemo tra guerra, esplorazione, anti-imperialismo e scienza che influenzeranno alcuni dettagli sui punteggi delle navi, tesori, carte e sulla formazione del mazzo evento.

Una volta setuppato il gioco si comincia piazzando il Nautilus in uno degli oceani principali distinti dal numero di dado, dopodiché si può iniziare a giocare.

Nel corso della partita si dovranno tenere sott'occhio tre cose per arrivare a fine avventura sani e salvi:

  1. il tracciato Notorietà che più salirà e peggio sarà per noi, perché ci potrà portare alla sconfitta;
  2. il tracciato delle Risorse che sono Nemo, Equipaggio e Scafo; basta che una di queste tre risorse si esaurisca e si perde;
  3. ultimo ma non meno importante si deve prestare attenzione agli spazi presenti nei mari e oceani perché nel momento in cui bisogna piazzare una nave nemica in un oceano e gli spazzi sono finiti si perde.

Come prima cosa da fare all'inizio del turno è pescare una carta Evento e risolverla, ce ne sono di tre tipi:

  • Play, che vanno giocate subito e poi messe in una delle due pile degli scarti, Pass o Fail, che influirà sul risultato finale della partita;
  • Keep, che vanno tenute di fronte a sé e giocate quando necessario;
  • Test, le quali hanno un numero scritto e delle risorse che si possono "puntare", si lanceranno due dadi e, sommando l'eventuale bonus delle risorse, se il risultato è più elevato del numero indicato sulla carta il test è passato e ti riprendi la risorsa, mentre se fallisci allora perderai le risorse presenti sul test. Risolto il test si passa alla fase di Piazzamento in cui, dopo aver lanciato i dadi previsti dall'atto in corso, si piazzerà una nave nascosta in ogni oceano indicato dal numero di ogni dado.
Nemo's War - Panoramica
Nemo's War - Panoramica
Dopodiché si arriva al clou del gioco: la fase azioni.
Tenendo il lancio di dadi della fase precedente si guadagnano punti azione facendo la differenza del risultato dei due dadi (nell'atto III in cui lancerai tre dadi si può scegliere quali dadi usare). Nel caso i risultati i dadi fossero uguali si avrà un cosiddetto Turno di Calma in cui non si guadagnano punti azione, si potrà fare un'azione solo se hai tenuto da parte al massimo un punto dal turno precedente, si rimuoveranno cubetti rivolta e si piazzeranno tesori nell'oceano dato dal dado e sul mazzo avventura.

Le azioni disponibili sono otto:

  1. Avventura, in cui si pesca e si risolve la prima carta dal mazzo Avventura che contiene altre carte Test da risolvere;
  2. Attaccare un segnalino nave o nave nascosta (si rivela una nave pescandola a caso dalla riserva) potendo scegliere se fare un attacco Stalk che darà un bonus al tiro di dadi (ma potrai fare un solo attacco per ogni punto azione speso) oppure un attacco Coraggioso col quale potrai attaccare continuamente le navi (senza spendere ulteriori punti azione) ma guadagnando Notorietà per ogni attacco, oppure un attacco coi Siluri; durante gli attacchi è possibile venire danneggiati o mancare il bersaglio. Una volta sconfitta la nave avversaria potrai scegliere se affondare la nave per considerare il suo tonnellaggio (fare punti) o recuperare le navi affondate per usarle per comprare miglioramenti;
  3. Incitare, serve a mettere cubetti Rivolta nell'oceano in cui è presente il Nautilus, si eseguirà un test che, se passato, ti farà ridurre la Notorietà;
  4. Movimento, semplicemente si sposta il Nautilus da un oceano a un altro collegato;
  5. Riposare, si esegue un test che se passato ti farà guadagnare dei punti nella risorsa equipaggio;
  6. Riparare come Riposare solo che ripristina la risorsa scafo;
  7. Riequipaggiare, serve per migliorare il Nautilus (utilizzando le navi recuperate);
  8. Ricerca, serve per cercare tesori nell'oceano in cui è presente il Nautilus.

Nel corso della partita inoltre, in caso di difficoltà o necessità, puoi sacrificare membri dell'equipaggio per darti dei bonus sui tiri o permetterti di ritirare dei dadi.

La partita continua con queste fasi finché: una delle tre risorse termina, la Notorietà raggiunge lo spazio Reietto della motivazione scelta a inizio partita, tutti gli oceani sono pieni di navi e non puoi quindi piazzarne una nuova o infine se risolvi la carta evento finale. Nei primi tre casi per Nemo è una sconfitta, per la pesca della carta Finale invece si verificano i punti in base alla Motivazione e si controlla come si è andati.

Conclusione

Nemo's War - Dettaglio con Nautilus
Nemo's War - Dettaglio con Nautilus
Che dire? Io amo questo gioco, ha un regolamento di trenta pagine ma scritte in modo chiarissimo e piene di illustrazioni che spiegano bene tutto. Magari all'inizio passerai i primissimi turni col regolamento in mano per ricordarti cosa fare, ma poco dopo verrà tutto automatico.

Il gioco è prettamente un solitario, ma secondo il regolamento tra le regole opzionali è possibile giocarlo da 2 a 4 giocatori come cooperativo in cui noi siamo degli ufficiali del Nautilus e un turno alla volta si passa la tessera Capitano per avere delle Responsabilità.

Grazie alle quattro motivazioni si avranno quattro modi diversi di giocare una partita dato che certe navi, tesori e carte evento avranno un valore alto, basso o addirittura negativo in base alla motivazione scelta, quindi la rigiocabilità direi che è abbastanza buona.

Cambiando discorso, si può notare una buona influenza da parte dell'alea causata dalla pesca dei segnalini nave magari troppo potenti e soprattutto dal lancio di dadi. A me è successo non so quante volte che nonostante i potenziamenti al Nautilus che mi davano un bonus all'attacco e i bonus dalle risorse facevo un lancio di dadi pessimo causandomi la perdita delle risorse puntate. E poi i turni di calma, ho fatto alcune partite in cui i primi tre-quattro turni (non scherzo!) sono stati turni di calma e quindi non ho potuto fare nulla se non aggiungere due segnalini nave nascosta alla volta e quindi iniziare a giocare già dovendo correre ai ripari. Ma questi nei sono delle piccolezze in confronto a ciò che il gioco può offrire.

Chi non conosce Ventimila leghe sotto i mari? Direi quasi nessuno, e chi non ha mai sognato almeno una volta di rivivere le grandi avventure del capitano Nemo? Ogni volta che lo intavolo sento il profumo del mare e questo avviene grazie a una forte ambientazione data dalle illustrazioni e dai testi narrativi nelle carte.
Materiali ottimi, gioco che ti prende e non ti molla più, impatto visivo incredibile e il tutto in due ore circa di partita.

Vorrei concludere facendovi presente che Nemo's War è disponibile sia su Tabletopia che su Tabletop Simulator; se non ce l'avete, vi consiglio vivamente di procurarvelo o di giocarlo su una delle due piattaforme online appena citate.

Grazie per la vostra attenzione e buon gioco a tutti!
 

Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

gioco bellissimo. addirittura fosse per me aggiungerei un punto intero a quel 8 di voto.

Aggiungo ai pregi altre 3 cose:

1.nasce evidentemente come solitario e, si sa, i giochi concepiti così girano meglio in questa configurazione di quei titoli che sono principalmente cooperativi a cui questa modalità viene aggiunta a posteriori. e in questo senso il ventaglio di solitari sul mercato è ancora piuttosto ristretto...

2.riprende meccaniche da altri titoli della Victory Point Games, specializzata in wargame; questo titolo ha la particolarità, rispetto ad altri titoli celebrati del suo catalogo (es A Cruel Necessity) di avere un regolamento "a la boardgame", ovvero spiegato in modo articolato con tante belle figure esemplificative, e non "a elenco alfabetico" come gli altri; non banalizzerei questo aspetto per tutta l'utenza non avvezza ai wargame.

3.è ben ambientato. ok, è scritto nella recensione, ma è davvero tanto, TANTO ambientato, non solo per quanto concerne il flavour text ma soprattutto per le meccaniche utilizzate, è proprio la cosa bella di questo titolo.

 

Di converso segnalerei che la dipendenza dall'inglese è piuttosto alta perchè il vocabolario utilizzato non è proprio elementare: normalmente il senso globale si intuisce subito ma certi termini sfuggono, cosa che può un po' compromettere l'immersione nel titolo.

Ho piu di 10 partite all'attivo di questo che è , a mio avviso, un Capolavoro nel genere dei Solitari

Una partita a Nemo War ti cala nella fantastica ambientazione di 20000 Leghe Sotto i Mari, è il classico gioco dove non conta vincere ma vivere una storia.

La difficoltà nel vincere una partita è altissima, fin'ora sono riuscito soltanto 1 volta ad arrivare ad un livello Neutro come livello finale di punteggio; forse puo' sembra frustrante ma c'e cosi tanta variabilità tra una partita e l'altra che non mi da fastidio la cosa.

Piccolo difetto, forse solo la durata un pò corposa, non sono mai sceso sotto le 3 ore.

Il mio voto è un bel 9!

 

perla rara questo gioco!

bravo e grazie per questa bella recensione. sogno la versione ita per poterlo regalare a tutti

Maià bìf e grignà

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Gallinello&numitems=10&text=title&images=medium&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

se uscisse in italiano me lo ricomprerei subito

Non appena il Korvettenkapitan Hartmann rientrerà a Lorient dalla patrol nell'Atlantico (The Hunters-GMT), salpero' con Nemo ed il Nautilus che finora sono rimasti ormeggiati nello scaffale.  Anche dalla tua ottima recensione le premesse confermano quanto ho già letto su questo gioco che ha in comune col titolo GMT una (per rimanere in tema), profonda immersione.

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare